lunedì 7 novembre 2011

Ragazzi che botta !!! - 4 (da confermare)

Dietro segnalazione di un lettore (l'assiduo wanderobo) ci siamo recati sulla Cristoforo Colombo, prima del Palalottomatica, per verificare l'ennesimo incidente stradale che ha visto coinvolto un impianto pubblicitario.

Non abbiamo trovato alcun impianto danneggiato ma le foto che seguono sembrerebbero documentare la presenza in loco di un impianto pubblicitario, simile agli altri presenti sullo spartitraffico, che è stato disordinatamente rimosso molto di recente (si notino le zolle smosse di fresco ed i segni degli pneumatici sul manto erboso).





Se le nostre supposizioni sono giuste, c'è da scommettere che l'impianto coinvolto nell'incidente si presentasse come quello della foto precedente, a pochi centimetri di distanza dalla carreggiata, in posizione quindi estremamente pericolosa ed in violazione del Codice della Strada.

Controllando poi le cimase degli impianti installati su questo spartitraffico, si deduce che essi siano di proprietà di una ditta già da tempo radiata dall'elenco delle ditte pubblicitarie.


CI VUOLE QUALCHE ALTRO MOTIVO PER RIMUOVERE TUTTI GLI IMPIANTI DI QUESTO TIPO?

Stiamo perdendo il conto dei post dedicati agli incidenti stradali.


Aggiornamento: prendendo spunto dal suggerimento di un lettore, che ringraziamo, abbiamo provato a mettere a confronto una delle immagini riprese oggi con quanto mostra Google StreetView. 
Di seguito le due immagini affiancate. Tenendo presente che nel prendere la foto di sinistra la persona era in prossimità delle buche, si direbbe proprio che l'impianto mostrato a destra ora non c'è più.

14 commenti:

  1. confermo il post! quanta fretta nel rimuovere il cartellone, come mai?

    RispondiElimina
  2. Bordoni dimissioni!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Eh sì, si nota sempre maggiore fretta a rimuovere prove imbarazzanti.

    Per la manifestazione di sabato scorso si era pensato di fare qualche scherzetto all'impianto della Zeta che era presente in P.za Venezia (ebbene sì, fino alla notte di venerdì scorso c'era un impianto 1x1 proprio di fronte al Milite Ignoto, tra P.za Venezia e P.za S. Marco).

    Guarda caso la mattina di sabato l'impianto non c'era più, rimosso notte tempo alla chetichella.

    Questi sono però dei segnali da cogliere al volo. Segnaliamo tutti gli abusi minacciando azioni legali.
    Il cerchio si sta sempre più stringendo intorno al nostro beneamato (si fa per dire) assessore.
    Vediamo quanto altro tempo ci metterà il Sindaco a capire che è ora di mollarlo, per non farsi tirare ancora più a fondo da lui.

    RispondiElimina
  4. Provate a contare quanti ce ne sono di questi impianti luminosi fra l'imbocco della Pontina e la piazza dell'obelisco... l'estate scorsa quando tornavo dal mare mi sembrava di entrare a Las Vegas!!!

    RispondiElimina
  5. Che fretta nel rimuovere questo cartellone! Evidentemente senza sequestro giudiziario si può nascondere tutto più facilmente. E poi chi avrà rimosso l'impianto? La Studio Zeta, radiata dall'albo e dunque con divieto ad operare in città? Sembra che la Studio Zeta invece sia operativa al massimo, tanto che questa mattina è stata vista in altra zona di Roma mentre sostituiva manifesti su alcuni cartelloni.

    RispondiElimina
  6. Intanto CENSITI OGGI DUE NUOVI MAXICARTELLONI SULLA GIA' MARTORIATA CIRCONVALLAZIONE CORNELIA POCO PRIMA DELL'ICROCIO CON L'AURELIA DIREZIONE PINETA SACCHETTI (SUL MARCIAPEDI!!!)DEL TIPO ALLA "Screen City". Tra l'altro- a parte essere enormi- sono stati montati "OBLIQUI" rispetto alla carreggiata, con conseguente maggior pericolo ed in molteplice violazione del Codice della Strada.

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  7. Da cartellopoli.net:

    Veniamo a sapere che la scorsa notte in via Panaro è caduto questo cartellone sul marciapiede sperando non in testa a qualcuno.

    C'E' ANCHE LA FOTO DELL'IMPIANTO ROVINATIO A TERRA (peccato sbordoni non passasse in quel momento...)

    RispondiElimina
  8. se manca uno dei cartelli luminosi della SZ all'eur è facile notarlo: sono a distanza regolare. inoltre esiste sempre faccialibro:
    http://g.co/maps/hs68d
    eppoi vigileremo quando (certamente) lo rimetteranno.

    RispondiElimina
  9. C'è ancora il tubo del cavo elettrico per terra. Per forza è della Studio Zeta. Il fatto che abbiano rimosso subito non costitutisce di per se un occultamento di prova? Questi stanno cmmettendo REATI PENALI a bizzeffe.

    RispondiElimina
  10. Ho appena sentito Bordoni e mi ha detto che siete sempre i soliti che pensano male.
    Sono iniziate le rimozioni degli impianti della Studio Zeta perchè radiata e quello era il primo, per questo non c'è più.

    Scherzo è, anche se non mi stupirei di una dichiarazione del genere...

    RispondiElimina
  11. non diamo idee al quel luciferino di Bordoni ...
    è capace di dichiarare qualsiasi cosa pur di far credere che tutto va ben madama la marchesa

    RispondiElimina
  12. Ma questo bordoni è ancora assessore????

    RispondiElimina
  13. Bordoni è il sindaco

    RispondiElimina
  14. Ci sono anche le croci come un cimitero...un botto al mese, TUTTO IN BARBA ALLA SICUREZZA STRADALE.

    BORDONI E ALEMANNO DELINQUENTI INCALLITI!!!

    RispondiElimina