mercoledì 23 novembre 2011

Al via la moratoria chiesta dal nostro Comitato. E domani in Consiglio Comunale si discute la Delibera Popolare

Questo 23 novembre lascia un segno nella battaglia contro lo scandalo cartelloni. Le notizie delle ultime ore ve le riassumiamo così:

A) Il Sindaco Alemanno in una giornata ha recepito il suggerimento del Comitato Basta Cartelloni e ha varato un'ordinanza che blocca ogni ricollocazione.

B) Il Consiglio Comunale domani, giovedì 24 novembre, nella seduta che inizierà alle ore 16.00 discuterà la Delibera di Iniziativa Popolare.

Dunque siamo tutti chiamati a partecipare al Consiglio Comunale di domani. Cercate di esserci perchè sarà un pomeriggio di vitale importanza per la città di Roma.

Ecco alcune riflessioni del Comitato Basta Cartelloni sulla giornata odierna:

Nella situazione attuale il piano di rimozioni che sta attuando l'amministrazione non è sufficiente a fermare il dilagare dell'abusivismo ed irregolarità del settore, le cui cause rimangono negli sciagurati provvedimenti presi dal Comune (delibera 37/2009) ai quali ora si cerca di porre rimedio.
Nei tempi di approvazione del PRIP e dei Piani di Localizzazione (senza questi ultimi che sono la vera attuazione del PRIP, lo stesso sarebbe solo lettera morta) è assolutamente necessario varare una normativa di supporto (regime transitorio) che preveda:
1) la revoca delle deroghe al Codice della Strada che hanno permesso collocazioni come quella di Via Tuscolana (incidente mortale);
2) il blocco o moratoria di qualsiasi ricollocazione o nuova collocazione;
3) la diminuzione della superficie di esposizione pubblicitaria complessiva, iniziando a revocare quelle autorizzazioni e concessioni che sarebbero comunque cancellate dal PRIP;
4) delle misure per accrescere la lotta all'abusivismo ed all'irregolarità che deve essere affidata non solo a provvedimenti estemporanei quali il piano di rimozione avviato in queste ore, ma a procedure di controllo e di sanzione degli abusi più rapide ed incisive di quelle attuali (le rimozioni arrivano a volte dopo un anno e più dalla segnalazione o prima sanzione e nel frattempo le imprese lucrano sulla pubblicità esposta sui cartelloni abusivi), ed anche nei confronti delle imprese (maggiori controlli e radiazione dall'albo in caso di reiterate violazioni).

Il Sindaco Alemanno ha fatto una dichiarazione pubblica d'intenti, ora lo aspettiamo alla prova dei fatti, ma l'emissione dell'ordinanza che blocca ogni ricollocazione, spostamento o altra attività sugli impianti e che recepisce le indicazioni del Comitato, ci sembra un primo concreto e positivo segnale della volontà del Sindaco Alemanno di aggredire il fenomeno e risolvere la questione del settore affissioni.
Finalmente il Sindaco ci mette cuore, faccia e responsabilita`, come da tempo auspicavamo.
Attendiamo altre iniziative e impegni da parte dell'amministrazione comunale e che potrebbero arrivare subito: domani in Consiglio Comunale viene finalmente posta in votazione, dopo tanti rinvii, la delibera di iniziativa popolare che già contiene nel suo testo altre proposte incisive ed efficaci.

11 commenti:

  1. Si vedrà se conta più la volontà e le esigenze dei cittadini o gli affari della politica.
    Una cosa è sicura, Roma non può continuare a stare in questo stato di abbandono, saccheggiata, deturpata, controllata dalla malavita e con i cittadini senza punti di riferimento. Lo Stato, almeno la parte buona, deve farsi sentire e assolutamente riappropriarsi del territorio.
    I cittadini, come dimostrato coi fatti finora, vogliono una svolta, e voi politici ?

    RispondiElimina
  2. ATTENZIONE:
    OCCORRE QUINDI AVVISARE TUTTE LE REALTA? CHE SI SAREBBERO INCONTRATE DOMANI IN XI MUNICIPIO PER DISCUTERE DELLA MAFIA DEI CARTELLONI DI RITROVARSI IN CONSIGLIO COMUNALE!!

    RispondiElimina
  3. TRA I PUNTI NE MANCA UNO VITALE :

    *) RIMOZIONE IMMEDIATA A CARICO DELLA DITTA ISTALLATRICE DI TUTTI I CARTELLONI ISTALLATI IN VIOLAZIONE DEL CODICE DELLA STRADA, DEL CODICE BENI CULTURALI, DELLE VARIE NORMATIVE ESISTENTI.

    NON POTETE SALTARLO, E' IL PRIMO-PRIMOSSIMO PROVVEDIMENTO DA ADOTTARE!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  4. Ci stiamo provando.

    RispondiElimina
  5. mi sono visto tutti i video e leto le dichiarazioni e sono giunto a queste conclusioni:
    1. il sindaco (almeno fino a ieri) non sa neanche di cosa stiamo parlando, visto che glie l'ha dovuto speigare qualcuno in maniere estemporanea, solo ieri forse ha è riuscito a fare 2 + 2;
    2. da parte del sig, Bordoni e del vicecomandante della municipale, che ritengono ineccepibile il meccanismo delle ricollocazioni, non c'è la minima consapevolezza della gravità del problema, pensano che con un po' di rimozioin, un PRIP che cambia la situazione di una virgola, tutto sarà a posto.
    Il PRIP prevede una diminuzione della suoerficie espositiva del 27% rispetto a oggi, ma il problema non è togliere qualche cartello, è toglierne il 95% se vogliamo una città normale, no cartelli di pubblica utilità, no indicatori di parcheggio, i cartelloni sono una piaga e ocme tale va debellata come hanno fatto a San Paolo, non cercare di far rientrare l'esistente nelle regole. Il PRIP non risolve niente. Legittima una situazione di devastazione.

    RispondiElimina
  6. ULTIM'ORA:

    i due cartelloni in corso di istallazione a V. Marmorata di fronte all'edificio razionalista delle Poste sono stati prontamente rimossi ed i buchi fatti nel marciapiedi sono stati ritappati in maniera "artigianale", tentando di nascondere il meglio possibile il tentato stupro.
    Questo la dice lunga su quanto fossero in regola i due cartelloni che-IN PIENO GIORNO- queste "imprese serissime" stavano impiantando DI FRONTE AD UN GIOIELLO DELL'ARCHITETTURA ITALIANA IN PIENO I MUNICIPIO- CENTRO STORICO.
    RENDIAMOCI CONTO, PER FAVORE!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  7. MAGNIFICO VIDEO DI REPUBBLICA TV SULLO SCANDALO CARTELLOPOLI A ROMA. DAVVERO MAGNIFICO: DA DIFFONDERE IL PIU' POSSIBILE.

    SI PUO' VEDERE SU REPUBBLICA TV O SU RIPRENDIAMOCIROMA.BLOGSPOT. COM

    DAVVERO MAGNIFICO E PRECISO!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  8. Oggi si capisce quanto la Mafia cartellonara è presente in Comune e da chi è difesa.

    IL COMPARTO DEI CARTELLONI PUBBLICITARI MUOVE OGNI ANNO MILIONI DI EURO DI EVASIONE FISCALE E RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO.

    RispondiElimina
  9. L'amministrazione è intrisa di personagi che favoriscono le mafie cartellonare e non solo.

    Fuori dai coglioni !!

    RispondiElimina
  10. ALEMANNO - TAFAZZI CON IL VIDEO DI IERI SI E'INCASTRATO DA SOLO.
    VEDIAMO CHE COMBINA.
    AHO SE CE LA FA TANTO DI CAPPELLO.
    MA ME SA CHE NJAA A FA.

    RispondiElimina
  11. Mc Daemon...
    qualcuno si è mosso per impedire l'ennesimo scempio..
    La legione vigila..
    gli holebusters sono pronti..
    Grazie per la segnalazione

    RispondiElimina