giovedì 19 gennaio 2012

Riceviamo e pubblichiamo - Il collega Cassone

Abbiamo ricevuto una comunicazione dall'On. Antonino Torre con preghiera di pubblicazione e volentieri la riportiamo di seguito.


"Il collega Cassone, che come tutti gli uomini del Sindaco ha un accesso favorito ai mezzi di comunicazione, in merito all’incontro con il  Sindaco Alemanno e le associazioni in lotta contro il “cartellone selvaggio”, da me promosso e richiesto, ha lasciato intendere in un suo comunicato stampa varie cose inesatte.
In primis, l’incontro si è svolto fra il Sindaco e le associazioni e lui, solo verso la fine è stato convocato da Alemanno.  Presente, invece, fin dall’inizio c’era l’Assessore Bordoni.
Le associazioni non hanno affatto elogiato l’operato del Cassone e della sua commissione, ma hanno pesantemente contestato l’impostazione data al famigerato PRIP, finalizzata a “cambiare tutto per non cambiare niente” .
Il Sindaco Alemanno, convinto dalle argomentazioni presentate con spirito collaborativo dai rappresentanti delle associazioni, ha disposto (ecco perché è stato convocato Cassone) di rivedere tutto il PRIP, magari in Commissione sentendo le argomentazioni delle associazioni (in precedenza erano stati ascoltati solo i “cartellonari”), prima di sottoporlo all’approvazione del Consiglio comunale.
Molto confortante è stata, invece, la presenza del Comandante Di Maggio che ha richiesto al Sindaco nuove risorse per intensificare la lotta contro l’illegalità esistente nella particolare materia. E’ grazie a lui se qualcosa si è mosso e tutto l’affare è stato sottoposto al vaglio della magistratura."

23 commenti:

  1. Che dire, vedere restituita un po' di verità un poco mi ha commosso...

    Sta uscendo una selva di anticartellonari dell'ultima ora (e non parlo dell'On. Torre, ovviamente). Tema caldo elettorale, eh?

    RispondiElimina
  2. In realtà non ne vedo tanti di anticartellonari: infatti non serve rimuovere un impianto con l'approvazione di Cassone, lo vedono pure i ciechi.
    Piuttosto sarebbero da rimuovere Cassone e Bordoni dai loro ruoli, e mettere 2 tecnici, allora forse qcosa cambierebbe, ma siamo in politica, ci sono i compromessi, e a loro piacciono, eccome se piacciono questi compromessi...

    MAFIE E CORRUZIONI DIETRO I CARTELLONI

    RispondiElimina
  3. mi aspetto delle scuse formali e pubbliche da quell'individuo che gestisce un certo blog

    RispondiElimina
  4. chiaro e preciso. Grazie Generale.

    RispondiElimina
  5. SPERO CHE IL GENERALE INVII QUESTA IMPORTANTISSIMA RETTIFICA ANCHE AI GIORNALI CHE HANNO PUBBLICATO LA ALLUCINANTE "NOTA" DI CASSONE.

    RispondiElimina
  6. Bordoni dimissioni. Commissariamento di tutto il settore.

    RispondiElimina
  7. CASSONE, hai tradito la fiducia di chi ti ha dato l'incarico, vendendo un Piano regolatore a chi specule sulla città, cosa vuoi comunicare, gli zeri della fattura ? VERGOGNATI !!
    Chi ti dato quel ruolo, dovrebbe fare un passo indietro e rimandarti ad attaccare manifesti abusivi sulla Nomentana...

    RispondiElimina
  8. Grazie al consigliere Torre per il suo impegno e la sua trasparenza. E' raro trovare persone, soprattutto nel mondo della politica, che non temono di farsi nemici tra i propri compagni di partito e che parlano chiaro a voce e nei comunicati. Credo che lo scritto del generale Torre sia la migliore risposta alle strumentalizzazioni di Cassone e Bordoni

    RispondiElimina
  9. Lo scritto del generale Torre è la migliore risposta alle accuse vergognose, rivolte all'Associazione Basta Cartelloni apparse ieri per l'ennesima volta sul blog Cartellopoli.
    Senza conoscere i fatti perchè non presente (e ovviamente neanche gli antefatti) il blogmaster ha perso per l'ennesima volta l'occasione di tacere affermando, tra l'altro che noi "diamo legittimazione a chi ha coadiuvato la mafia per anni" e che "armiamo la mano di chi sta assassinando la città".
    E' ormai insopportabile continuare a subire attacchi pretestuosi e violenti da questo personaggio che dal suo pulpito continua a insultare, offendere e calunniare chi sta duramente provando davvero a cambiare lo stato delle cose.

    RispondiElimina
  10. Certo sarebbe meglio se fossimo tutti d'accordo pero' e' altrettanto vero che vari membri di questa giunta non meritano nessuna fiducia. Si sono dimostrati finora cinici e in malafede. Per quanto mi dispiacciano le critiche tra noi alleati, la vera e profonda rabbia che noi proviamo per lo stupro perpetrato su Roma deve avere il suo spazio di espressione, tanto quanto la critica piu' moderata.
    In America si chiama "good cop - bad cop" : lo sbirro buono e quello cattivo che, lavorando insieme fanno pressione in modi diversi sul soggetto da condizionare, nel nostro caso la giunta piu' inadeguata che c'e' mai stata in questa citta'.

    RispondiElimina
  11. si pero' quando lo sbirro cattivo anziche' attaccare il malfattore se la prende con lo sbirro buono, c'e' qualcosa che non va.......

    RispondiElimina
  12. Anonimo forse ti sbagli
    noi non siamo sbirri buoni..buoni un paio di palle!!!!
    Siamo gente che sta lottando con tutte le forze contro gli stupratori di Roma mettendoci la faccia,la fantasia, il tempo..tantissimo tempo, discutendo e confrontandosi anche duramente ma sempre rispettando il compagno di battaglia e non aggredendolo e calunniandolo se espone idee o proposte diverse.
    Se davvero ti dovessi raccontare i nostri ultimi 5 mesi penseresti che siamo pazzi e non avresti tutti i torti.
    Proprio per rispetto della passione e delle energie profuse in questa battaglia adesso ci siamo veramente stancati ( ma i termini da usare sarebbero altri..) di subire questi attacchi così velenosi spacciati per legittime critiche.

    RispondiElimina
  13. fitz mi hai frainteso, voi siete ok ma nell'altro blog sono malati.......

    RispondiElimina
  14. Il generale Torre è l'esempio della politica vicina ai cittadini. Vicina non perchè li sente (non li ascolta), li riceve, promette... Vicina perchè vive i problemi dei cittadini, si comporta come un cittadino e ancora prima si sente ancora un cittadino, e non un "politico" (non voglio sembrare un qualunquista: la politica dovrebbe essere una cosa seria, nobile) di quelli stile Cassone e Bordoni. E si arrabbia come qualsiasi cittadino che incontrasse un Cassone o un Bordoni e ci parlasse una sola volta. E ha la faccia tosta, con la sua barbetta futurista, di dire che apprezziamo il suo piano. Vergognati Cassone, sei anche bugiardo. Cassone mi ha detto che non combatterà mai contro le affissioni abusive dei partiti perchè è parte del modo di fare politica. Grande senso civico per un presidente di commissione. Poi porta gli estremisti di Casa Pound a fare una sceneggiata indecorosa e antidemocratica dentro il Consiglio Comunale. Grande senso delle istituzioni. Poi inserisce emendamenti che distruggono quanto c'è di buono nel piano regolatore degli impianti pensando che siamo tutti imbecilli. E con l'amico Bordoni inseriscono deroghe ulteriori al codice della strada, nonostante i morti e i feriti degli ultimi mesi. E chissenefrega! Come fanno se no a mettere i cartelloni se si rispetta il codice della strada? Questo è stato detto e scritto da Bordoni, Cassone e Paciello. Uno è andato, a quando gli altri due? Vergogna.

    RispondiElimina
  15. Generale Torre santo subito!

    RispondiElimina
  16. Generale, tenga duro! siamo in molti con lei! E' la speranza, insieme a pochi altri, per coloro che credono nelle istituzioni e pensano che nel consiglio comunale occorra resistere! Ci sono consiglieri che al massimo del proprio coraggio escono dall'aula per non votare un provvedimento che non condividono. Occorre il coraggio, cari consiglieri, di manifestare il dissenso rispetto a provvedimenti che vanno contro la città, anche votando contro o, meglio ancora, non facendoli arrivare nemmeno al voto in consiglio.

    RispondiElimina
  17. TORRE!TORRE!TORRE!

    RispondiElimina
  18. Mi domando perchè cassone e bordoni inseriscono emendamenti più o meno "spintanei" che vanno contro i romani e roma? perchè? a chi devono qualche cosa? a chi presenteranno un conto domani (solo politico, per carità!)? perchè devono aumentare le deroghe al codice della strada? perchè devo rischiare di più quando vado in giro perchè bordoni e cassone devono fare un piacere a qualcuno? qualcuno ha una risposta?

    RispondiElimina
  19. l'illegalità ormai trionfa a roma. non ci sono solo i cartelloni: ci sono i tavolini selvaggi, i camioncini di tredicine, le bancarelle abusive, la vendita abusiva di alcolici di sera, e altre attività illegali o gestite illegalmente. Ognuno nel settore fa come gli pare. Sarà la liberalizzazione? no, è l'illegalità e l'incapacità e la mancanza di volontà politica. Come mai tutte queste attività fanno capo al commercio? Come mai la commissione commercio e l'assessore non intervengono? come mai cassone e bordoni non intervengono? e il sindaco che scrive ordinanze contro gli interventi di ripristino della legalità e sospende le esecuzioni di sanzioni? Basta! andate a casa!

    RispondiElimina
  20. generale torre, sa che la commissione di garanzia (garanzia di che e di chi?) del comune di roma ha preparato una proposta di revisione delle tariffe dei taxi che prevede un sostanzioso aumento della tariffa (da 0,92 euro al chilometro a 1,72 euro al chilometro) se si superano i 50 km/h per oltre 60 secondi DENTRO LA CITTA'? Traduco: il comune anzichè multare l'automobilista taxista che viola il codice della strada e infrange il limite di velocità lo premia raddoppiando la tariffa. Cercate sul Corriere della sera-Roma della fine di dicembre, c'è il link al documento. Generale, è un'altra battaglia di legalità da fare insieme.

    RispondiElimina
  21. Il generale Torre (per come stanno le cose chiamarlo onorevole suonerebbe riduttivo, visto i troppi loschi figuri che si fregiano di quel titolo) svetta da gigante sui tanti pigmei del suo schieramento e dell'opposizione.

    La buona notizia è che probabilmente l'aria sta cambiando, e alle prossime elezioni persone come il generale riceveranno probabilmente un plebiscito, mentre pigmei come cassone verranno rispediti nel loro squallido particulare.
    Ma davvero cassone considera i manifesti abusivi un modo accettabile di fare politica? Ma lo sa cassone che "politica" deriva da "polis"? E come casso pretendi di fare politica, ossia occuparti della polis, incartando impunemente la città e così degradandola e sfigurandola?

    cassone = sopra la barba il niente

    RispondiElimina
  22. SIGNORI, HO UNA NOTIZIA:
    Forse I cartelloni cominaciano a sparire.
    IN PARTICOLARE STAMANI NON ERANO PIU' PRESENTI ALCUNI SCHIFI IMMONDI (FAMOSI) DI VIALE TRASTEVERE: I 2 DEL "CIRCUITO CULTURALE£ (bella cultura!) CHE TRONEGGIAVANO DAVANTI AL NUOVO REGINA MARGHERITA (Via E. Morosini) E QUELLO FURI MISURA DELL'APA CHE IMPALLAVA LA VISTA DELLA "MANIFATTURA TABACHI" A PIAZZA MASTAI. CHE STA SUCCEDENDO ?!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  23. GrilloParlante20 gennaio 2012 10:38

    Evidentemente gli elicotteri del comandante Di Maggio, con tanto di accompagnamento della cavalcata delle valchirie, sono scesi in Trastevere. E quando arriva Di Maggio per i cartelloni so' cazzi!

    In tutta questa storia due soli veri uomini si sono distinti dal lato delle istituzioni, e sono Torre e Di Maggio. Tutto il resto è un ammasso informe di ominicchi senza valore.

    RispondiElimina