giovedì 2 giugno 2011

Un post d'urgenza!

Siamo stati informati dall'amico Bruno di quello che possiamo considerare l'ennesimo capolavoro delle ditte cartellonare a Roma.
Siamo all'Esquilino, in Piazza di San Martino ai Monti. Quella che segue è una descrizione rintracciata sul web della Torre dei Graziani a Roma:

"La Torre dei Graziani, situata all'angolo tra via G.Lanza e via dei Quattro Cantoni e di fronte alla Torre dei Capocci, fu edificata dalla famiglia dei Cerroni tra il XII e il XIII secolo con materiale laterizio sottratto alle vicine Terme di Traiano. In seguito divenne proprietà dei Graziani che vi abitarono fino al Quattrocento. La torre, inglobata nel complesso della Casa Generalizia dell'Istituto delle Figlie di Maria Santissima dell'Orto, presenta una pianta rettangolare: la parte inferiore, più grande, è separata da una risega dalla parte superiore.".

Ebbene nella giornata di ieri proprio di fronte a cotanto monumento la ditta APA ha pensato bene d'installare un bel cartellone pubblicitario di circa due metri. Le foto che seguono mostrano lo scempio che lorsignori hanno perpetrato indisturbati.




Il nostro amico ha tentato di avvertire qualcuno, facendo un giro di telefonate tra 060606, polizia municipale, carabinieri e polizia, ma nessuno ha potuto o voluto dargli retta.
Il buon Bruno ha anche pensato di parlare con la ditta APA, i quali oltre che spiegargli che l'impianto era del tutto in regola, hanno anche cercato di convincerlo che tutto sommato in quel posto non stava così male, con quella bella verniciatura grigio scuro!?!

Tecnicamente possiamo definire questo genere d'interventi delle "porcate". E queste cose a noi proprio non vanno giù. Partono ora le prime segnalazioni per ottenere la rimozione dell'impianto e la giusta sanzione per la ditta responsabile di questo scempio.

Aggiornamento 4-giugno
L'impianto presenta ben cinque targhette identificative, relative alle più disparate vie e piazze di Roma, ma nulla che abbia a che fare con Piazza San Martino ai Monti.



Insomma, la porcata si sta delineando in maniera sempre più chiara.
Questa storia non finisce qui.

20 commenti:

  1. Legio Aurelia Invicta2 giugno 2011 23:48

    Suonano le buccine...
    la Legione si muove.
    I barbari sono avvisati..pensino bene e presto a togliere questo orribile insulto a Roma o ci penseremo noi

    POSSIS NIHIL URBE ROMA VISERE MAIUS

    RispondiElimina
  2. Alle arroganze rispondiamo con le denunce alla Procura, al menefreghismo dei Vigili c'è sempre l'omissione d'atto di ufficio.

    Mafie e corruzioni dietro i cartelloni

    RispondiElimina
  3. Forse l'APA dovrebbe ripensarci e togliere subito 'sta schifezza da lì.
    Anzi, è sicuramente meglio che lo facciano loro, perché in un modo o nell'altro quell'impianto da lì va via.

    RispondiElimina
  4. Di questo capolavoro sono stati informati via email:
    il Sindaco (anche se il suo indirizzo continua a rifiutare i messaggi), l'assessore Bordoni, il dirigente dell'ufficio affissioni.
    Appena verificata la presenza del codice identificativo dell'impianto partirà la segnalazione alle autorità competenti (si fa per dire).

    RispondiElimina
  5. Nella foto di google street view (aggiornato al 2008) si vede un cartello SPQR per pubbliche affissioni, formato 100x140, accanto alla torre.

    Adesso, al suo posto, un 3x2 per affissioni private, DAVANTI alla torre.

    Di male in peggio.

    VERGOGNA UFFICIO AFFISSIONI!

    RispondiElimina
  6. Carissimi sono Bruno, quello che ha assistito impotente al montaggio del cartellone. Una situazione surreale e fantozziana se non da film horror alla Carpenter, quei film dove il protagonista cerca di correre, nuotare o fare qualsiasi azione ma si ritrova sempre nello stesso punto di partenza.
    Voglio adesso verificare la presenza o meno della targhetta ma vi inviterei anche a considerare il danno indiretto che abbiamo ricevuto: la pavimentazione IRRIMEDIABILMENTE danneggiata, chi pagherà i lavori di recupero? Noi con le nostre tasse?
    A presto,
    Bruno

    RispondiElimina
  7. premesso sempre che si tratta di uno schifo immondo, ma il Teatro dell'Opera di Roma non rientra nelle pubbliche affissioni?

    RispondiElimina
  8. QUESTI VANNO ARRESTATI PORCO MONDO!!!

    MA I RESPONSABILI DELL'UFFICIO AFFISSIONI (e dell'APA) GIRANO ANCORA A PIEDE LIBERO????!!!!!

    RispondiElimina
  9. Abbiamo effettuato oggi pomeriggio una ricognizione.
    Gli abitanti e i negozianti della zona ci hanno raccontato cose LUNARI: il cartellone è stato installato il primo giugno in pieno giorno all'ora di pranzo..era presente una dirigente dell'APA che ha avuto il coraggio di affermare "e chi lo dice che questa torre è un monumento?".
    Sul cartellone sono presenti 5 targhette di plastica con indicazioni tipo "Viale Jonio" e "Via S. Nicola da Tolentino" (MA VI RENDETE CONTO??)
    UN ABUSO SFACCIATO CHE NON RESTERA' IMPUNITO!
    Cari amici..a la guerre comme a la guerre!
    Questi imprenditori d'accatto meritano solo denunce e indagini della magistratura
    Seguono foto domani!

    RispondiElimina
  10. La dirigente dell'APA che ha affermato testualmente "e chi lo dice che questo è un monumento". E' una delle pochissime torri medievali ancora conservate a Roma. Nella zona oltre a questa c'è la Torre dei Conti e la Torre delle Milizie, in città non ve ne sono (riconoscibili) più di 4 o 5. Mi viene in mente solo Tor Sanguigna.

    Ma cosa aspettano a radiare APA? Parliamo di un'azienda che ha messo un cartellone addosso a un monumento. Un cartellone abusivo. Cosa aspettano a radiarla? Quel cartellone andrà sicuramente via come dice giustamente Roberto, su questo si mettano l'anima in pace. Ma noi vogliamo sapere chi pagherà! E perché il Comune non ritira la concessione a questi? Hanno messo un cartellone addosso a un monumento, cosa aspettano a ritirare loro la concessione? Ma cosa aspettano?

    RispondiElimina
  11. Mi auguro che presto esca fuori una bella inchiesta tipo quelle del calcioscommesse. Comunque solo se i cittadini si incazzano potrà cambiare qualcosa.

    RispondiElimina
  12. Ma perchè secondo te in Comune c'è qualcuno interessato ai monumenti?
    E' solo un grande comitato d'affari il cui motto è "VALORIZZAZIONE COMMERCIALE" e che spolperà fino all'ultimo brandello la carne viva della città fino all'ultimo giorno del mandato di Ale-Danno.
    Piazza di Siena massacrata dalla discoteca con i SUV che spadroneggiano, i camion bar di Tredicine, i cartelloni addosso ai monumenti,il commercio abusivo dei falsi gestito dalla camorra, il business dei centri commerciali con lo sventramento dei resti della magnifica campagna romana..IL DRAMMA E' L'ASSUEFAZIONE E LA RASSEGNAZIONE DI QUASI TUTTI I CITTADINI IMPAURITI DA UN FUTURO INCERTO PER SE' E SOPRATTUTTO I PROPRI FIGLI.
    I FRUTTI AVVELENATI DELLA GLOBALIZZAZIONE FEROCE..ecco i risultati..
    IN OGNI CASO QUESTA APA ANDREBBE RADIATA A CALCI IN CULO..ma tanto non lo faranno..lo sapete chi è l'avvocato dell'APA, no?

    RispondiElimina
  13. APA HA PURE ISTALLATO UNA DELLE LORO SCHIFEZZE A v.LE TRASTEVERE/P.ZZA MASTAi AD IMPALLARE ESATTAMENTE LA VISTA DELLA PIAZZA: PRIMA SI GODEVA DELLA VISTA DELLA FONTANA E DEL PALAZZO DELLA MANIFATTURA TABACCHI. e molti altri ne hanno messi in luoghi pregiati, rovinandoli.
    QUESTI SONO SOLO CRIMINALI E COME TALI VANNO AFFRONTATI.
    ZELLA DELLA SOCIETA' CIVILE, VERGOGNA DI ROMA!
    Mc Daemon

    RispondiElimina
  14. ALMENO ORA ABBIAMO LA CONFERMA CHE LE TARGHETTE "AUTORIZZATIVE" (maddecchè!!!) SE LE FABBRICANO I CARTELLONARI IN CASA A PROPRIO PIACIMENTO. QUI LO SCANDALO SI DELINEA IN MANIERA SEMPRE PIU' CHIARA (E SEMPRE PIU' INVEROSIMILE).

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  15. Cohors Praetoria4 giugno 2011 15:51

    E NOI LI AFFRONTEREMO Mc Daemon(abbiamo già iniziato a farlo..vedrai)..
    speriamo che ci siate tutti..anche te

    POSSIS NIHIL URBE ROMA VISERE MAIUS

    RispondiElimina
  16. Resistenza Attiva4 giugno 2011 16:02

    Per me sono stati quelli dell'APA, messsi in guardia dalle telefonate e dall'accoglienza il giorno dell'istallazione, a far trovare sul catafalco immondo 5 targhette, tanto per prenderci per il culo (così sperano...).

    "Vanno in cerca di targhette?? noi gliene facciamo trovare 5"

    E' una provocazione a tutto il movimento, ma anche un invito che accogliamo volentieri.
    Il conflitto non resterà circoscritto.
    Se ne vedranno delle belle..: - )))

    RispondiElimina
  17. 5 TARGHETTE SU UN IMPIANTO (COMUNQUE ABUSIVO)... MATERIALE MOLTO INTERESSANTE PER LA PROCURA DELA REPUBBLICA...E' UNA TELENOVELA!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  18. monticiano lesto de mano4 giugno 2011 16:33

    APA ricordateve che li Monticiani nun se fanno pijà per culo..dite alla signora bionda che faceva la spiritosa (bisogna vedere se è un monumento..) che sta monnezza cià vita breve.
    E nun ce provate più.

    RispondiElimina
  19. X Pasquino, chi è l'avvocato dell'APA?

    RispondiElimina
  20. APA NEMICI DI ROMA...COME TUTTI L'ARTRI ZOZZONI, CHE SE CREDENO FURBI ...MA SO' SOLO COJONI (il tempo è galantuomo).

    RispondiElimina