giovedì 30 giugno 2011

Il Comitato segnala: ancora cartelli pericolosi



Questo impianto è dotato di targhetta autorizzativa della NBD. C'è scritto "Via casal del Marmo angolo Via Boccea". E sono stati di parola... sembra si siano serviti di un geometra per installare proprio all'angolo delle due vie, che più angolo non si può. In merito a questo c'è la prima violazione :
le distanze minime per il posizionamento dei cartelli pubblicitari entro il centro abitato, limitatamente alle strade di quartiere (E) ed alle strade locali (F) debbono essere, ma solo per impianti di dimensione non superiore a metri 1,20 x 1,80, di 25 metri prima e 10 metri dopo le intersezioni lungo le strade urbane di quartiere.
Poi c'è il discorso del marciapiede e del passaggio dei pedoni, e quì scatta la seconda violazione:  è consentita l’istallazione di mezzi pubblicitari sui marciapiedi purchè vengano posizionati ad almeno 1,5 mt dal ciglio della strada e lascino un passaggio per i pedoni sempre e comunque  di almeno 2 mt.
Come si può vedere nella seconda foto, nelle vicinanze c'è una fermata dell'autobus e quindi di pedoni ne passano parecchi. Ma la sfortuna sembra proprio accanirsi verso di questi, in quanto, oltre allo slalom fra i vari pali (sembra ci si alleni la nazionale di sci da quelle parti), se proprio li eviti tutti e non ti investono se scendi dal marciapiede (siamo in piena curva), rischi di beccarti un cartellino della Immobildream in un occhio. E ci immagginiamo cosa succede ai disabili o alle mamme con i passeggini.
Insomma, è proprio un percorso di guerra!  E noi l'abbiamo segnalato!

11 commenti:

  1. Nessun rispetto per i pedoni.
    Nessun rispetto per nessuno.
    Nessun rispetto per Roma.

    Questi delinquenti non meritano alcuna pietà.

    In galera!!! e ce penso io...

    RispondiElimina
  2. Segare, segare ...
    Abbattimento immediato!

    RispondiElimina
  3. Quella è zona Casalotti... Ricordo il post "50% abusivi".
    L'altro 50% sembra sia irregolare.
    Che fa l'8° Dipartimento? Si lecca le dita????

    Il pesce puzza dalla testa!!

    RispondiElimina
  4. bordoni sta comprando casa da quelle parti...

    RispondiElimina
  5. la solita merda il Comune di Roma è colluso con le organizzazioni criminale.

    RispondiElimina
  6. La tragica realtà di una città meravigliosa SVENDUTA ai comitati d'affari, violentata da piranhas senza scrupoli contenti di sguazzare nella merda del loro illecito profitto.
    Sono sempre più convinto che non può continuare così..PRIMA O POI RIUSCIREMO AD AGGREGARE UN MOVIMENTO DI RIVOLTA CIVILE CONTRO LA PREPOTENZA DEL BRUTTO E DELL'ILLEGALE.
    Anche io non avrei problemi a segarli.
    Di fronte ad uno stupro così sfacciato e impunito..anzi coccolato e vezzeggiato, se i romani cominciassero ad abbattere in massa questa merda sarei tra i primi ad unirmi.

    RispondiElimina
  7. Proposta per persone che attraversano difficoltà economiche:
    a. trovatevi un impianto come quello mostrato dalle foto e dopo un adeguato training autogeno picchiatevi la testa con una certa decisione, rovinando a terra e avendo cura di battere almeno una delle ginocchia (meglio entrambe);
    b. a quel punto chiamate un'ambulanza e fatevi trasportare in un pronto soccorso dove provvederete a farvi fare un referto completo di tutti i danni fisici subiti e subito dopo sporgerete denuncia al locale posto di polizia, segnalando che l'incidente è avvenuto a causa di un impianto installato nel posto sbagliato;
    c. contattate quindi un avvocato pratico di infortuni e con i suoi servigi fatevi mantenere quanto più potete dalla ditta titolare dell'impianto; dovrebbe infatti essere sufficiente dimostrare con una certa convinzione il prolungarsi dei danni alla testa ed al/alle ginocchio/a.

    Insomma, non sarà un modo per arricchirsi ma potrebbe esserlo per sbarcare decentemente il lunario in tempi difficili, facendolo per di più alle spalle di qualcuno dei delinquenti che sta sfregiando la città di Roma.

    Come dire, à la guerre comme à la guerre

    RispondiElimina
  8. Sarebbe bello un giorno poter leggere "E noi l'abbiamo SEGATO!" a conclusione dei post, invece che "E noi l'abbiamo segnalato!".

    RispondiElimina
  9. Roma città nemica dei disabili e dei pedoni grazie a Gianni Alemanno e Davide Bordoni!

    RispondiElimina
  10. Resistenza Attiva1 luglio 2011 16:33

    Vedo che in nessun commento si pone l'accento sui cartelli e cartellini attaccati ai pali. Poi quelli immobiliari sono come le metastasi...li trovi ovunque.
    Chi ha messo quelli sulla foto è un genio criminale al pari di colui che ha messo il cartellone... anzi anche peggio perchè ostacola definitivamente il passaggio dei pedoni in un luogo già ristretto. Regge il paragone di chi parcheggia in terza fila dopo che già con la seconda fila non si passa più.

    RispondiElimina
  11. @ Roberto
    sarebbe bello... ma nun se pò fà :-)

    RispondiElimina