martedì 6 marzo 2012

Questa è una provocazione! In via Leone XIII° riappare un cartellone a due settimane dalla bonifica

ORA BASTA! Basta prepotenza, arroganza, vigliaccheria! Basta gettare soldi pubblici in un momento di crisi drammatica dell'Italia. La gravità di questo episodio si commenta da sola.

A meno di due settimane dalla totale pulizia, a spese dei contribuenti, dello spartitraffico di via Leone XIII°, è stato piantato di nuovo un cartellone! Brutto, malfermo, scrostato. Il segno del degrado civile e morale che sta raggiungendo questa città.

Ecco il brutto impianto, installato presumibilmente la notte tra sabato e domenica
Ha pure una targhetta identificativa piuttosto sfacciata

Questa strada, uno dei simboli della lotta per la legalità, era stata oggetto di un nostro articolato dossier consegnato al vice-comandante della Polizia Municipale Di Maggio. Il 19 febbraio scorso era stata totalmente liberata dagli impianti sullo spartitraffico, considerati pericolosi dopo alcuni gravi incidenti che si erano verificati proprio per la loro presenza.

Non abbiamo fatto a tempo a festeggiare che ecco riapparire questo cartellone. Ma le sue fattezze non ci sono nuove. Eccolo infatti, fotograto nel gennaio scorso, posizionato in maniera del tutto irregolare, sempre su via Leone XIII°.

Notare la cimasa della ditta Sapi evidenziata dalle frecce rosse

E questa è la cimasa del cartellone appena piantato!

Dunque, questo è un ulteriore indizio, che il deposito giudiziario di Acilia, dove vengono portati i cartelloni rimossi, è un colabrodo: gli impianti escono con grande facilità. E' per questo che avevamo consigliato al Comandante Di Maggio di 'marchiare' in qualche modo i cartelloni rimossi. Perchè venissero riconosciuti con facilità.

Questa storia non finisce qui! Parola di Basta Cartelloni!

Il tratto di spartitraffico come si presentava fino a poche ore fa

Ps. Un pubblico ringraziamento al lettore Manusardi per la preziosa collaborazione

15 commenti:

  1. Avete detto bene: "degrado civile e morale".
    Credo che gli interessi dietro questo settore sia veramente troppo grandi per immaginarsi che gli attuali amministratori cittadini facciano qualcosa in più di qualche rimozione simbolica e localizzata. Oltretutto vanificata, come da voi qui testimoniato, nell'arco di poche settimane...

    RispondiElimina
  2. Legio Aurelia Invicta7 marzo 2012 08:04

    I cartellonari e i loro protettori politici sappiano che stanno pisciando fuori dal vaso.
    Vi giuriamo che in un modo o nell'altro questo cartellone, simbolo della loro protervia mafiosa, ha le ore contate.
    Bisogna al più presto rivolgersi alla procura della Repubblica con una circostanziata denuncia.Non è possibile che questo schifoso balletto continui facendosi beffe della legge e dei cittadini che pagano le tasse e che vedono ogni giorno tagliare i servizi pubblici.
    Cosa cazzo fa "l'opposizione" di fronte a questo quadro desolante di illegalità, arroganza, prepotenza e sperpero di denaro pubblico?
    DOVE VENGONO CUSTODITI I CARTELLONI RIMOSSI?
    QUALI SONO LE PROCEDURE AMMINISTRATIVE CHE SEGUONO ALLA LORO RIMOZIONE?
    E' EVIDENTISSIMO CHE QUESTO E' UN VECCHIO CARTELLONE GIA' RIMOSSO QUINDI CHI L'HA RIDATO ALLA DITTA CHE L'HA REINSTALLATO?

    RispondiElimina
  3. E' ritornato pure quello al centro di piazza irnerio che era stato rimosso qualche settimana fa.

    RispondiElimina
  4. Ancora i cartelloni di Mc donalds!!!

    RispondiElimina
  5. Ma avete notato quanto fosse pericoloso il cartellone che pubblicizzava Mc donalds sulla Leone XIII°? Era piantanto neanche al centro dello spartitraffico ma in mezzo al guard-rail, cioè contro ogni legge e buon senso. Finalmente lo levano e......la stessa ditta ripiazza lo stesso impianto di nuovo su uno spartitraffico?? Ma siamo davvero alle comiche! E' disgustoso che in questa citta chi rispetti le leggi sia considerato un cretino perchè lo spazio se lo prendono i prepotenti e gli arroganti. Ma non finisce qui!

    RispondiElimina
  6. Vi rendete conto che l'indagine sui cartelloni è stata affidata ai vigili urbani??? E' come nominare Totò Riina all'antimafia!!

    RispondiElimina
  7. VISTA LA VIOLENZA CON CUI QUESTI MALVIVENTI ED I LORO PROTETTORI OPERANO IN DANNO A TUTTI NOI ED A ROMA, VANNO COMBATTUTI SOLO CON LA MASSIMA VIOLENZA. Nessuno vuole più piangere morti a causa di questi criminali, date le già precarie condizioni di sicurezza generale del traffico veicolare a Roma.

    RispondiElimina
  8. MOLTO SIGNIFICATIVO ANCHE IL CONTRIBUTO ODIERNO DI CARTELLOPOLI. VEDERE PER CREDERE. Ormai siamo all'incredibile oltre l'incredibile dell'incredibile...

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  9. I nostri antichi antenati si stanno rivoltando nelle loro prestigiose tombe.
    Quella che un tempo è stata la capitale del mondo, che ha permesso che dalla Scozia all'Iran si parlasse la stessa lingua e si usasse la stessa moneta, oggi viene violentata da beceri individui di infima fatta.
    Ed i cittadini attuali di quella che fu la caput mundi non sanno fare altro che belare più o meno forte, prostrandosi nei fatti al prepotente di turno.
    Degno pastore di cotanto gregge è il pugliese Gianni Alemanno, ingegnere per modo di dire (laurea breve presa alla tenera età di 44 anni), che sarà ricordato come quello che teneva ferma la città mentre i nuovi barbari la violentavano.

    Nessuna legione disposta a tirare fuori gli attributi e abbattere il novello indegno simulacro?

    RispondiElimina
  10. Cioè, MA VI RENDETE CONTO? Ma che razza di tutela abbiamo noi cittadini in questa giungla e schifo di città? PUNIZIONE ESEMPLARE PER QUESTA IMMONDA DITTA, o devo pensare, guarda caso... Che chi deve occuparsi di autorizzazioni e rimozioni, come dire, sia ancora vincolato ai vecchi "indirizzi"....

    Magistratura, a che punto sono le indagini????

    Mai vista devastazione più immonda di questa che abbiamo avuto nel corso di tutti questi anni con il sindachetto alemanno e il suo sodale bordoni.

    RispondiElimina
  11. lo pseudo-sindaco di Roma si è ormai calato definitivamente le brache, lasciando che la città sia spolpata quotidianamente dai peggiori pirana. c'è da scommetterci che starà passando tutto il tempo a cercare un buco sicuro dove nascondersi quando si arriverà al redde rationem. con tutti i casini che ha combinato non ci sarà da stupirsi se qualcuno arriverà a volerlo esposto al pubblico ludibrio.

    RispondiElimina
  12. Fitzcarraldo7 marzo 2012 14:19

    Legio parata est!
    Facciamo vedere a questi bastardi che i Romani si sono davvero rotti il cazzo della loro prepotenza.
    Basta perdere tempo prezioso mentre questi banditi pensano di dettare legge!

    RispondiElimina
  13. In un paese di mafiosi e di corrotti, ultimo caso la Lega che urlava Roma ladrona e l'hanno beccata con le mani nel sacco, questo fenomeno dei cartelloni abusivi fa parte di un curriculum, che certo non ci inorgoglisce, fatto di ruberie, raggiri, racket, estorsioni, spaccio...è anche ovvio che fenomeni di delinquenza così diffusi ed intensivi, non possono che essere coperti da una politica compiacente.

    L'Italia sta correndo il grave pericolo di venire affondata, da squadre di malviventi che hanno occupato posti di potere, divorando letteralmente il territorio, e legittimando forme di abusivismo e illegalità, dalla costruzione di centri comerciali, all'anarchia delle società di gioco d'azzardo, finendo anche agli impianti pubblicitari.

    Il confine della legalità non si vede più perchè è stato cancellato,
    così come le distinzioni tra destra e sinistra. La distinzione è ora
    tra chi rispetta le regole e chi non le rispetta, con enorme prevalenza di questi ultimi, purtroppo.

    MAFIE E CORRUZIONI DIETRO I CARTELLONI

    RispondiElimina
  14. NOOOOOOOOO !!!! L'IMPIANTO RITORNATO NON è QUELLO CHE PUBBLICIZZA MCDONALD!!! ERA QUELLO POSTO PRIMA DEL SEMAFORO DI PIAZZETTA DEL BEL RESPIRO MENTRE QUELLO CON GLI HAMBURGERS SI TROVA NELLA DISCESA VERSO PIAZZA PIO XI ...... ORA CONFERMO CHE QUELLO VERSO LA DISCESA è SEMPRE RIMASTO AL SUO POSTO (ANCHE OGGI) MENTRE QUELLO CHE è TORNATO ERA QUELLO AL SEMAFORO CHE ERA STATO RIMOSSO 2 SETTIMANE FA...LA SAPI HA SEMPLICEMENTE RIMESSO AL SUO POSTO ILLEGALE IL SECONDO CARTELLONE CH ERA Lì DA ANNI....2 ERANO PRIMA DELLA BONIFICA E 2 SONO DI NUOVO ORA......manusardi

    RispondiElimina
  15. Ringraziamo Manusardi della puntualizzazione, da dove si evince che nonostante le rimozioni, tutto torna come prima.

    TUTTO CAMBIA AFFINCHE' NULLA CAMBI

    C'è solo un piccolo particolare: NOI NON CI STIAMO A QUESTA FARSA DELLE RIMOZIONI !!!! E' ORA CHE PAGHINO LE DITTE E I POLITICI CHE HANNO PERMESSO QUESTO CASINO, vero BORDONI !?!

    RispondiElimina