venerdì 2 marzo 2012

I cartelloni sono come il maiale: non si butta niente! Ecco riapparire l'impianto 'Compro Oro' di Piazza Meucci

Ringraziamo il lettore Paolo che ha svolto un vero lavoro di investigatore. Dopo aver letto i nostri post sul cartellone prima rimosso, poi riapparso, poi nuovamente rimosso da piazza Meucci lo ha scovato in un'altra zona di Roma. E ci ha inviato questa accorata segnalazione che riguarda anche una scuola. Volentieri pubblichiamo il suo articolo

Ed eccolo "resuscitato il cartello" Compro Oro della Externa angolo via Magliana Nuova/via Lombardi, illegale quanto quello di piazza Meucci e del suo gemello in via Pacinotti.

Il cartello girovago: da piazza Meucci a via della Magliana Nuova

Questa la sua "targhetta"!

Procedura inserimento in banca dati?????

La scuola Quartataro lì accanto è ridotta così. Questo il desolante panorama che i nostri ragazzi e bambini sono costretti a subire ogni santissimo giorno dalle loro classi e cortile.





Naturalmente l'elenco visivo dei cartelloni, tra i quali difficilmente se ne scorge uno legale, è molto più ampio.
Quale legittimità ha un'amministrazione che chiude tutti e due gli occhi davanti a questa VERGOGNA?
Quale autorità ha un sindaco che continua a rimpastare le sue giunte, senza che il responsabile numero uno della violenza cartellonara venga minimamente messo in discussione?
Quale controllo ha il sig. Gianni del suo apparato che "omette" di dare seguito con demolizioni ed oscuramenti ad abusi tanto diffusi quanto palesi?

5 commenti:

  1. Un sindachetto che definire inqualificabile è come nascondere gran parte della verità. Prima se ne va meglio è per tutti.

    RispondiElimina
  2. fare figli per farli vivere in un porcile, proprio come i maiali di allevamento, pronti ad essere sgozzati. le giovani coppie che si trasferiscono in altre città, per lo più all'estero, hanno un incremento delle prime nascite dell'80%

    RispondiElimina
  3. Fitzcarraldo2 marzo 2012 15:39

    Il commento dell'ultimo Anonimo è veramente ILLUMINANTE. Non so se l'interessato se ne renda pienamente conto.Come può una giovane coppia sensibile e intelligente pensare di procreare in questa landa putrida?
    Roma e l'Italia sono un Paese Morto che cammina sghignazzando verso il precipizio.
    Le ultime cronache sull'ennesimo scandalo dei Vigili di Roma MOSTRANO,SE ANCORA C'ERA QUALCHE DUBBIO,LA PERVASIVITA' SOFFOCANTE DELLA CULTURA MAFIOSA CHE E' IL BRODO DI CULTURA IN CUI AFFOGA QUESTO DISGRAZIATO PAESE.
    La vergogna dello scempio infinito dei cartelloni contro cui lottiamo senza tregua da due anni è solo una faccia della piovra criminale che con i suoi innumerevoli tentacoli strangola l'economia sana.
    Le mie convinzioni democratiche ormai vacillano pericolosamente e sempre più spesso mi auguro che Roma e l'Italia vengano commissariate e governate con PUGNO DI FERRO per 50 anni almeno dall'Europa civile. SI PUO' ASSISTERE SENZA UN MOTO DI DISGUSTO E DI RABBIA ALL'OLTRAGGIO QUOTIDIANO IN TUTTE LE PIAZZE DEL CENTRO STORICO ASSEDIATE DA AMBULANTI,MACCHINE IN TRIPLA FILA, CAMION BAR, ACCATTONI E GUITTI a cui "ò sistema" assegna minuziosamente ogni angolo per sfruttare rapacemente l'unica vera risorsa di Roma, la storia e le opere d'arte?
    Si può assistere senza avere voglia di impugnare un bastone e menare fendenti all'impazzata allo scempio quotidiano in Via dei Fori Imperiali e Fontana di Trevi?
    La cronaca ormai mostra senza pietà la VERITA': Roma è la capitale delle Mafie di tutto il mondo...l'aveva detto qualcuno no? AVANTI, C'E' POSTO PER TUTTI.

    RispondiElimina
  4. Paolo ha ragione: quel punto della Magliana è letteralmente invaso, recintato dai cartelloni che violano il Codice della Strada e deturpano il paesaggio. La scuola di cui parla è sotto assedio e quando arrivi alla salita di Via Mondolfo, pare di stare in Terzo Mondo: cartelloni sui campi, lato carreggiata, e vegetazione sporca e abbandonata.

    La Polizia del XV gruppo, avrebbe dovuto sanzionare tutti quegli impianti ma secondo voi lo ha fatto? Ho seri dubbi in proposito.

    RispondiElimina
  5. no, sono troppo impegnati in altre attività...

    RispondiElimina