giovedì 5 maggio 2011

L'invasione dei vasoni/cartelloni continua!!!

Siamo stati informati che i vasoni/cartelloni continuano ad invadere la città; gli ultimi sono stati avvistati a Campo de' Fiori, mentre permangono quelli in Largo Chigi e Piazza di Spagna.

Pur continuando a mancare ogni genere di riscontro da parte delle istituzioni, anche oggi abbiamo inviato un messaggio a Sindaco, assessori alla cultura e al commercio, Polizia Municipale, Ufficio Affissioni, Ministero dei Beni Culturali, Soprintendenza e Sovrintendenza.


Signori,

nel perdurare la mancanza di un qualsiasi riscontro da parte di tutti i destinatari di questi messaggi, siamo stati informati di nuove installazioni di questi vasoni/cartelloni. Ce n'è stato segnalato perfino uno a Campo de' Fiori, mentre continua a fare bella mostra di sé quello in Piazza di Spagna.


Torniamo a chiederVi conto di un'iniziativa che a giudizio universale appare non solo indecorosa ma il cui unico risultato non può che essere una drammatica accelerazione del processo di svendita della città di Roma.


Vi sono persone che ritengono un dovere civico provvedere in proprio a mettere fine ad un tale scempio.


Starebbe a delle istituzioni responsabili far sì che dei semplici cittadini non debbano arrivare a
rischiare in proprio per sopperire a queste evidenti mancanze di rispetto per la città di Roma.

Anche a nome dei circa 10.000 cittadini che hanno firmato la delibera d'iniziativa popolare, Vi informiamo che manterremo la massima attenzione su questa iniziativa.


Distinti saluti,

Comitato Promotore della delibera d'iniziativa popolare per la modifica del Regolamento sulle affissioni


Questa storia non finisce qui.

3 commenti:

  1. Legio Aurelia Invicta5 maggio 2011 15:18

    Oscuriamoli tutti!
    Abbiamo sempre apprezzato la vostra correttezza e voglia di legalità.
    Non così chi è responsabile dell'8° dipartimento e dell'Ufficio affissioni.
    Vi hanno solo preso in giro, illudendovi che vi fosse una reale volontà di confronto sul problema dello spaventoso grumo di putrida illegalità che controlla e soffoca Roma.
    Hanno dato in pasto alla plebe la testa di tre vigili per la vergogna di Fontana di Trevi ma tutti sanno qual'è la situazione di totale controllo della malavita organizzata sul Centro storico di Roma (e non solo).
    Noi continueremo le azioni di resistenza civile, sempre pronti a collaborare con voi se deciderete di alzare il tiro e finalmente PROMUOVERE LA CLASS ACTION!

    RispondiElimina
  2. Questa robaccia fa veramente prudere le mani ...

    E dire che è roba marchiata Clear Channel, considerata una delle ditte più serie del settore.

    Sputtanarsi per così poco è davvero poco comprensibile.

    RispondiElimina
  3. In questi giorni mi trovo in Francia per lavoro e lo spettacolo sulle strade delle grandi città è totalmente diverso dalla vergogna di Roma. NEL CENTRO DI PARIGI AVRO' CONTATO NON PIU' DI 20 IMPIANTI. RIPETO IN TUTTO IL CENTRO DELLA CITTA'. Non una palina con orologio, nessun mega cartellone, figuriamoci i vasoni! Qui le multinazionali come Clear Channel, come Decaux, se ne guardano bene dal provarci. Sanno che verrebbero RADIATI DALL'ELENCO DEGLI APPALTATORI DEL COMUNE. A Roma, in preda all'illegalità, tutto è permesso. I vasoni spuntano in ogni angolo della città. Fa tristezza e rabbia. E Alemanno non dovrà stupirsi se i cittadini poi si spingeranno ad azioni di disobbedienza civile!
    Filippo

    RispondiElimina