venerdì 8 aprile 2011

Dai Municipi si prevede una valanga di pareri negativi al PRIP

Nella giornata di ieri abbiamo partecipato alla conferenza stampa indetta da quattro presidenti di Municipio: Antonella De Giusti (XVII), Andrea Catarci (XI), Susi Fantino (IX) e Fabio Bellini (XVI).

I tema era l'espressione del parere sul PRIP da parte dei Municipi, con l'illustrazione di una posizione condivisa da quelli presenti.

Ebbene tale posizione è che il PRIP così come è stato redatto ed adottato dalla Giunta Comunale sia da rigettare in toto. Dall'analisi dei Municipi risulta infatti che il PRIP non può essere neanche emendato perchè concepito male e in molte parti addirittura 'truffaldino'.
La loro richiesta è quindi che il Piano venga ritirato e ne venga presentato uno nuovo che contenga alcune modifiche sostanziali che i Municipi accompagneranno al loro parere negativo.

La Presidente De Giusti ha ringraziato le associazioni per la loro collaborazione e ha ribadito la sua contrarietà al PRIP che non "prevede alcuna norma di attuazione e nessuna modalità di rimozione dei cartelloni presenti".

Il Presidente Bellini ha accusato la delibera 37 di essere l'origine dell'attuale caos. "Secondo me - ha spiegato il Presidente del XVI - Bordoni con il PRIP vuole fare solo un'operazione di facciata per nascondere il fallimento e la malafede della delibera 37".

La Presidente Fantino ha chiesto che il nuovo piano sia centrato sulla qualità e non solo sulla quantità, insistendo sulle norme di attuazione di questo o dei futuri piani.

Il Presidente Catarci boccia totalmente il PRIP che definisce "una fotografia tecnica dell'attuale". Secondo il Presidente del XI il testo non è migliorabile e anzi provare a modificarlo renderebbe complici i Municipi dello scempio della città. Inoltre tenerli fuori da ogni decisione è una amnesia voluta da Bordoni per avere mano libera nel rapporto con le ditte cartellonare.

Questa posizione dovrebbe essere stata condivisa anche con gli altri Municipi guidati da giunte di centro-sinistra, per cui è probabile che tutti questi (sono 11 in totale) esprimeranno un parere contrario.

Ad oggi abbiamo avuto notizia del parere contrario espresso dai Municipi IV e XVII, mentre il XX ha fornito parere favorevole con richieste di modifica.

63 commenti:

  1. Ok questa è la cronaca, ma il comitato che dice? Che pensa di fare?
    Ha delle proposte alternative?
    Come va il suo stretto rapporto di proficua collaborazione con Bordoni, Paciello e compagnia?
    Che risultati ha portato fino ad oggi?
    Quanti cartelloni segnalati dal comitato sono stati rimossi?

    RispondiElimina
  2. C'e` sempre qualcuno che deve polemizzare a tutti i costi.....
    chissa` poi perche`.....
    Il Comitato presentera` al tavolo di partecipazione le sue osservazioni sul PRIP e le richieste di modifica, alcune non contrattabili.
    Se il Comune le recepira` bene, se no il tavolo di partecipazione muore.

    RispondiElimina
  3. Io non voglio assolutamente polemizzare.
    Chiedo da diverso tempo di sapere che risultati oggettivi e tangibili ha portato il rapporto di collaborazione privilegiato che avete con il comune.
    Ancora aspetto una risposta chiara e precisa.
    Potrei sapere le osservazioni del comitato sul PRIP e quando ci sarà questo tavolo di partecipazione?
    Infine chiedo di nuovo (senza polemica): quanti e quali impianti segnalati dal comitato ad oggi sono stati rimossi?
    Grazie.

    RispondiElimina
  4. Il Comitato sta continuando il lavoro di studio del PRIP predisponendo le modifiche da richiedere.

    A differenza dei Municipi noi dovremmo "partecipare" (nel senso della del. CC n.57/2006) alla predisposizione del testo finale del PRIP per cui non avrebbe senso, a parere di chi scrive, assumere una posizione di totale chiusura.

    Naturalmente non saremo disposti alla collaborazione a tutti i costi, nonostante vi sia ormai una vulgata che vede il Comitato totalmente prono all'amministrazione comunale.

    Riguardo invece la collaborazione con gli uffici, siamo anche noi consapevoli che al momento essa non ha prodotto risultati rilevanti. Siamo in attesa di incontrare di nuovo gli uffici per avere il riscontro delle segnalazioni fatte ed individuare i nuovi ambiti di intervento.

    Giova qui ribadire che a differenza di altri noi abbiamo deciso di cimentarci con il confronto verso un'amministrazione che anche noi reputiamo co-responsabile dello scempio della cartellonistica romana. E siamo noi i primi ad essere frustrati per gli scarsi risultati ottenuti finora.
    Siamo altresì consapevoli che una parte della guerra richiede tempi molti lunghi e per questo cerchiamo di durare, anche beccandoci gli improperi dei tanti "passanti" che insultano gratuitamente.

    RispondiElimina
  5. caro ale77 perchè non ti iscrivi al comitato e partecipi attivamente?

    RispondiElimina
  6. Grazie Roberto per la risposta.
    Mi auguro, e lo dico sinceramente, che il confronto con i responsabili della distruzione totale del panorama romano possa portare prima o poi a qualcosa.
    Come ciò sia possibile proprio non me lo so spiegare considerato che nonostante tutto il tempo passato dall'inizio della collaborazione non si sia tolto un solo cartellone (ma anzi ne spuntano di nuovi ogni giorno).
    Anonimo non mi iscrivo al comitato perchè non condivido il suo modo di operare e me lo conferma il fatto che non ha portato ad una sola rimozione.
    Dopo tutte le promesse fatte se questi sono i risultati mi dispiace ma non mi va di farmi prendere in giro.
    I miei non sono improperi di un passante o insulti gratuiti sono solo considerazioni di un cittadino frustrato e stufo.

    RispondiElimina
  7. @Ale77 - Libero ovviamente di non aderire. Permettimi però di chiederti: hai qualche valida alternativa? No perché se ce ne fosse sarei tra i primi a considerarla. Tieni conto che ad ogni impianto che incontro mi chiedo come potrebbe reagire ad un attacco di frullino ... roba da farsi vedere da qualcuno .... e bravo anche.

    E permettimi di chiarirti che neanche a noi va di farci prendere in giro. Sarà perché ci siamo imbarcati nella raccolta firme e continuiamo a sentire la responsabilità dei tantissimi che si sono in qualche molto affidati a noi che non ce la sentiamo di piantare tutto concludendo che non c'è nulla da fare.

    Di cittadini frustrati e stufi, come saprai, ce n'è moltissimi. Dal nostro punto di vista però, e non volercene, rimangono dei "passanti", detto peraltro senza alcuna intenzione offensiva.

    RispondiElimina
  8. Ecco, si conferma quello che scrissi tempo fa: è una operazione di facciata, che cerca di salvare e congelare lo status quo. E appoggio completamente le osservazioni di Ale77: risultati? Irrisori se non inesistenti. E lo dico TRISTEMENTE.

    Ancora, ripeto, con gente come Bordoni e paciello (osservate il suo curriculum e fatevi due pensieri in merito... e non voglio essere più chiaro) e data la OGGETTIVA situazione attuale, in ROMA, e il loro conferimento di ZERO CREDITO ad una affidabilità propositiva di cambiamento, è ILLUSORIO anche solo pensare di trattare per un fantomatico PRIP, sbugiardato oramai anche da un infante.

    Certo, tanto di cappello al comitato che si batte e a chi come me ha fatto firmare e ha firmato per la delibera, ma tanta TRISTEZZA per i risultati NON raggiunti. E di tempo ne è passato, eccome.

    Nel mentre questi continuano a devastare Roma, senza che NESSUNO renda conto, oscuri, rimuova, dica qualcosa. Un'anarchia assoluta a favore del lucro, spesso evidente e neanche nascosto, di squali che mangiano alle spalle di una cittadinanza STUFA e STANCA di vivere, nel 2011, nella capitale, in un degrado INCONCEPIBILE con una qualità di vita sempre peggiore, con anche standard di sicurezza stradale africani (con tutto il rispetto per quelle popolazioni martoriate).

    Qui si continua a dire, aspettiamo, vediamo che fanno, partecipiamo, diciamo la nostra, qualcosa cambierà, accoglieranno le richieste: ma per piacere. FATEVI SENTIRE!!! Altrimenti, qui, onestamente, la credibilità di chi ha firmato e fatto firmare perde valore e, ancor più, quella di chi ha organizzato il tutto. Ah, e c'è ovviamente chi ride, su, in alto. Eccome.

    RispondiElimina
  9. Come valida alternativa vedrei l'abbandono di questa "collaborazione" e scusami le virgolette.
    Sarebbe un gesto che almeno prenderebbe le distanze da questa che fino ad ora è solo una presa in giro.
    Non dico che ti piace farti prendere in giro ma purtroppo è quello che stanno facendo (opinione personalissima).
    Tiratevi fuori da questo tavolo fino a quando non si comincia a levare qualche cartellone poi dopo si può ricominciare a parlare.
    Staccate questo cordone ombelicale che non ha portato a NULLA nonostante sia passato molto ma molto tempo. Aver raccolto le firme non significa rimanere attaccati a chi ha permesso questo schifo anzi è ora di prendere definitivamente le distanze e questo non significa ammettere che non c'è nulla da fare, significa far capire che siamo veramente incazzati e che ci siamo rotti le palle di farci prendere in giro.

    RispondiElimina
  10. Bene, supponiamo di staccare il cordone ombelicale. E poi? Che si fa? Si aspetta che passi il tempo fino alle prossime elezioni? (con il timore per di più che chiunque sia al potere lo scempio prosegua). E nel frattempo scarichiamo un po' di bile dai blog e magari ci sfoghiamo su qualche impianto?

    E' un'ipotesi legittima ma personalmente non mi attira.

    Rimozioni? Vogliamo capirlo o no che in assenza di un piano regolatore la stragrande maggioranza degli impianti che vediamo sono probabilmente regolari???
    Uso l'avverbio "probabilmente" perché la normativa è così intricata da aver creato tutta una serie di escamotage in cui le ditte cartellonare sguazzano.

    Posso assicurare che anche noi del Comitato siamo veramente incazzati (chi più chi meno) e ci siamo rotti le palle di farci prendere in giro. Ma anziché buttare in aria il tavolo continuiamo a cercare il varco in cui insinuarci per cercare di dare una sfoltita veloce alla giunga attuale. Sempre consapevoli però che senza un Piano regolatore (che sia quello proposto dal Comune o un altro) non si andrà da nessuna parte.

    En passant, questa sera regaliamo altre tre o quattro ore alla causa riunendoci per lavorare al PRIP. Con l'aggravante che alcuni di noi devono sentirsi dire: "ma nun c'hai proprio niente de mejo da fa'?".

    Un'ultima considerazione: se dovesse passare il PRIP così com'è sarebbe un vero disastro. E non credo di esagerare se dico che la partecipazione del Comitato potrebbe essere l'ultima spiaggia per cercare almeno di ridurre i danni.

    RispondiElimina
  11. ma siete troppo forti....urlate: FATEVI SENTIRE! ma che pensate che questi, collusi con la malavita, stanno a sentire 4 persone anche se dotate di 10.000 firme? ognuno conta uno, volete cambiare le cose? bè datevi da fare anche voi, iscrivetevi al comitato e unitevi alla lotta , più siamo e più possibilità ci sono di contare qualcosa, se il motto che urlate è armiamoci e partite, allora la vedo dura tenetevi i cartelloni e il mal di fegato

    RispondiElimina
  12. Quando dici:

    "Vogliamo capirlo o no che in assenza di un piano regolatore la stragrande maggioranza degli impianti che vediamo sono probabilmente regolari???"

    Affermi cose non corrette e rischi di dare informazioni sbagliate a chi legge.
    C'è il codice della strada da rispettare, ne sono la prova impianti abusivi multati dai vigili urbani che chissà perchè rimangono al loro posto.
    Sono regolari anche quelli?
    Ma stai scherzando?
    Mi chiedi cosa si può fare? Intanto come ti ho detto sopra la si finisce di dialogare con i distruttori di roma poi si potrebbe andare ad oscurare qualche impianto con delle buste di plastica nere, visto che non siete riusciti a farne oscurare uno dico uno(di quelli sanzionati).
    Qualche azione un tantino più incisiva di questa collaborazione, azioni da fare alla luce del sole s'intende.
    Il comitato non è l'ultima spiaggia ci sono anche altre realtà che lavorano e non se ne vantano dicendo che stasera lavoreranno quattro ore e magari portano anche a qualche risultato in più, considerato che non è poi cosi difficile fare meglio(scusa il sarcasmo).
    Io se lavorate contro questo scempio vi ammiro anche se non ne condivido i modi e non vi dirò mai "ma nun c'hai proprio niente de mejo da fa'?" quindi non lamentarti con me ma con chi te lo dice ma mandalo a quel paese.

    RispondiElimina
  13. Beh, sai, dopo così tanto tempo, con risultati ZERO, qualche sospetto si comincia ad averlo, non credi?

    RispondiElimina
  14. Caro Ale77, temo ti sfugga il ginepraio di deroghe al codice della strada. E pare che spesso anche i vigili urbani ci si perdano in quel dedalo.

    Il lavoro che intendevo è quello strategico, in vista di una possibile soluzione definitiva al problema. E sul quel fronte, per come sono messi i rapporti tra Municipi (a prescindere dagli schieramenti) e Comune, temo proprio che il lavoro di partecipazione del Comitato non abbia alternative.
    Da quel punto di vista non capisco cosa tu possa intendere con "qualche risultato in più".

    Bada che la mia non era né una lamentazione né un vanto. Era solo per dimostrare che di tempo ed energie alla causa ne dedichiamo. Che poi per qualcuno non usiamo i modi più efficaci, liberissimo di pensarlo.
    Ci si aspetta solo un po' di rispetto; lo stesso che noi portiamo a chiunque si impegni alla causa, nei modi che ognuno crede più efficaci.

    RispondiElimina
  15. Roberto come scritto sopra hai tutto il mio rispetto.
    Il Codice dell Strada è una legge dello Stato e non può essere derogata qualsiasi norma a proprio piacimento.
    Non si può derogare che da oggi a Roma non è più vietato parcheggiare sulle strisce pedonali.
    Ora mi dici che nel caso dei cartelloni sanzionati spesso si sono sbagliati i vigili?
    Ma da che parte stai?
    Il codice della strada va usato contro i cartellonari e non dire a chi legge che visto che hanno derogato tutto è tutto regolare.
    Non è vero e si fa informazione SBAGLIATA!

    RispondiElimina
  16. allora non avete ancora capito chi c'è alla guida di questo paese, per questi le leggi sono un fastidio da aggirare con qualsiasi mezzo

    RispondiElimina
  17. Guarda che le deroghe sono previste nello stesso Codice della Strada. Estraggo dall'art. 23 comma 6: "...Nell'interno dei centri abitati, nel rispetto di quanto previsto dal comma 1, i comuni hanno la facolta' di concedere deroghe alle norme relative alle distanze minime per il posizionamento dei cartelli e degli altri mezzi pubblicitari ...".

    Se ti dico che è un ginepraio di norme e deroghe e che gli stessi vigili si sono dovuti far fare una specie di prontuario per capirci qualcosa puoi credermi o meno.
    Così come puoi credere o meno che sto dalla stessa parte tua anche se dico che a volte sono gli stessi vigili che non riescono a capirci molto.
    E' per questo che la materia va modificata e semplificata; e il PRIP, insieme alla delibera d'iniziativa popolare, rappresentano la prima occasione per andare in tal senso.

    Chiudo facendoti notare che non ho la pretesa di fare "informazione" con i miei commenti. In tema di diritto mi muovo con circospezione e per questo mi guardo bene dallo scriverne nei post. Nei commenti però mi permetto di suggerire spunti a quelli, come te, a cui evidentemente mancano alcuni essenziali aspetti del problema.

    Comunque anche nei commenti certo di fare attenzione a quello che scrivo. E non ho mai scritto: "...che visto che hanno derogato tutto è tutto regolare.". Nel al mio commento delle 13:39 ho scritto che "...la stragrande maggioranza degli impianti che vediamo sono probabilmente regolari". Non escludo che si possa dimostrare il contrario ma posso assicurarti che non può essere fatto nei commenti ad un post.
    Quando vorrai cimentarti di persona sarai sempre il benvenuto.

    RispondiElimina
  18. Non bisogna mollare!! Bisogna stargli attaccati alle caviglie, se non altro per continuare con una pressione (anche se minima) che continui fino alle prossime elezioni. Fra pochi mesi, l'argomento cartelloni diverrà uno dei temi caldi della campagna elettorale ed io, bordoni, non voglio mai più vederlo e sentirlo quale amministratore pubblico.

    RispondiElimina
  19. Premesso che sarò uno di quelli che stasera parteciperà alla riunione, sottolineando che è giusto elaborare un documento con alcune richieste INDEROGABILI, VORREI RICORDARE CHE LE NORME SONO UN GINEPRAIO ma esistono e non sempre possono essere interpretate a secondo dei propri comodi!
    L'Art. 5 comme 4 del regolamento concede al Comune di " avvalersi in deroga al CdS,della facoltà di autorizzare impianti sulle pertinenze di esercizio di larghezza SUPERIORE A 4 METRI comprese tra carreggiate contigue...in tali situazioni gli impianti saranno collocati in posizione parallela all'asse stradale CON DISTANZA DAL LIMITE DELLA CARREGGIATA NON INFERIORE A MT. 1,80"
    Proprio per questo motivo pochi giorni fa i vigili del 17° municipio hanno sanzionato i 2 cartelloni (uno dell'APA..le cui foto sono apparse anche su questo blog)in Piazzale degli Eroi e uno sulla Via Laurentina, facendo riferimento all'art. 23 del CdS in relazione all'art. 51 del Regolamento esecutivo dello stesso (Codice della strada).
    NON DIFFONDIAMO QUINDI NOTIZIE FALSE.
    Che poi i cartelloni non vengano rimossi o oscurati è un altro discorso..PER QUESTO MOTIVO ABBIAMO FATTO LA MANIFESTAZIONE E PER QUESTO MOTIVO IERI LA STAMPA E' STATA INVITATA AD ESSERE PIU' PRESENTE NEL DENUNCIARE LA REITERATA VIOLAZIONE DI ATTI D'UFFICIO DELL'8° DIPARTIMENTO.
    Il Comitato ha fornito a Paciello la documentazione scritta e fotografica degli ABUSI (GLI 8X3...I CARTELLONI AFFIANCATI..I CARTELLONI CON LA STESSA IDENTICA TARGHETTA).
    Sono stati rimossi?
    Per collaborare bisogna essere in 2.
    Dal 29 luglio ad oggi cosa abbiamo ottenuto realmente?
    Caro Roberto..se si arrivasse ad una rottura totale (come io sinceramente mi auguro visto che mi ritengo offeso come cittadino e come persona che ha regalato così tanto tempo a questa battaglia)questo non significherebbe la fine della battaglia...A più tardi.

    RispondiElimina
  20. Ahhhhhh ancora co sto paciello.... Ancora che gli andate appresso. Non aggiungo altro, va. Quando vi renderete conto che nulla si può fare fino a quando "qualcosa" in alto si muove (cioè non ora, decisamente), quello che si ottiene è un pugno di mosche. E, infatti, così è: risultati? ZERO.

    Abbandono del tavolo. E che si sappia. La credibilità oramai è vicina allo ZERO.

    RispondiElimina
  21. Io credo che siamo quasi alla resa dei conti, il Comune ci ha chiesto un parere, noi diremo loro che il piano regolatore, così com'è, con le ditte che possono fare i piani di localizzazione e nessun accenno a chi dovrà fare le rimozioni ed entro quando, è a dir poco INAMMISSIBILE.

    Se lasceranno tutto così com'è, ovviamente la collaborazione finisce e scatta la CLASS ACTION.

    RispondiElimina
  22. esternamente posso dire che se voi volete raggiungere un accordo equo con il comune potete riuscirci...mentre se volete un bando di gara, con tanto di perdita di posti di lavoro perchè qualcuno è un megalomane non si farà nulla !
    Anzi potete continuare a scrivere mafia e camorra e magari chiedere pup dapertutto. E aggiungete che in tutto il mondo fanno cosi.

    RispondiElimina
  23. ah dimenticavo....sbaglio o qualcuno sta già facendo il tifo per non trovare accordo ?

    Il posto più buio è ai piedi della candela!

    RispondiElimina
  24. Ciccio, mai stato a Barcellona? Mai stato a Parigi? Mai stato a Londra? Mai stato a Berlino? Mai stato ad Amsterdam? Mai stato a Stoccolma? Mai stato in una capitale europea? Eh? Dubito. Solo a Roma QUESTO SCHIFO.

    Aspetto con ansia che un magistrato onesto si svegli dal letargo e scoperchi LA MAFIA che regna dietro questo degrado assoluto.

    RispondiElimina
  25. volevo precisare che non mi riferivo a nessuno...se qualcuno si riconosce in quello che ho detto fatti suoi. Si ok per barcellona, parigi e tutte le altre ! Non ci crederete ma non mi giunge nuova !

    personalmente spero che si trovi un accordo che accontenti tutti.....ovviamente esclusi quelli che non vogliono l'accordo !!!!

    RispondiElimina
  26. Roberto quando tu mi chiedi cosa intendo con "qualche risultato in più", ti sei rispondo tu dicendomi che appunto i vostri risultati sono pari allo zero quindi ottenere qualcosa di più non è poi cosi difficile.
    Ricordo poi che non c'è solo il comitato "ultima spiaggia" che affronta questa battaglia ma anche l'associazione VAS Verdi Ambiente e Società a cui io giro le mie segnalazioni (ad oggi circa cinquanta), che vengono poi inoltrate a chi di dovere.
    Diverse di queste denunce hanno portato alla contravvenzione dell'impianto ed invito tutti a ad inviare le loro segnalazioni a:
    vas.roma@alice.it
    Infine quando mi dici che evidentemente mi mancano alcuni essenziali aspetti del problema posso dire che visti i risultati raggiunti non credo che anche tu gli aspetti del problema li abbia proprio capiti tutti.

    RispondiElimina
  27. fico! siamo quattro gatti e stiamo pure a fare le signorine precisetti, ma unirsi visto che vogliamo tutti la stessa cosa no è?

    RispondiElimina
  28. Allora Ale77, io penso che chiunque voglia contribuire alla soluzione del problema cartelloni è benemerito ed è giusto che lo faccia nel modo che ritiene più efficacie; tu invece ti ergi a giudice degli altri e pontifichi con una fastidiosa leggerezza.

    I "risultati pari a zero" te li sei inventati tu (io non ho mai scritto questo), visto che le contravvenzioni riusciamo a farle fare anche noi (ma non stiamo lì a sbandierarle, non sono certo il nostro obiettivo strategico) e sul fatto che ottenere qualcosa in più "non è poi così difficile" c'è la situazione là fuori a smentirti clamorosamente.

    Evidentemente non vuoi capire cosa intendo quando parlo di "ultima spiaggia". Provo a spiegartelo un'ultima volta. Al parere dei Municipi sul PRIP seguirà una fase di partecipazione in cui le associazioni potranno presentare le loro richieste di modifica al PRIP stesso. Tieni conto che a quel tavolo non saremo proprio in molti (noi ci saremo) e probabilmente quella sarà l'ultima occasione per eventuali modifiche al Piano prima del passaggio in consiglio Comunale.

    Quindi, ribadisco, "risultati zero" puoi andare a dirli a qualcun'altro.
    Noi stiamo lavorando per una soluzione al problema affrontando in maniera diversi gli aspetti strategici, relativi al Piano, e quelli immediati, cioè cercare di incidere in qualche modo e velocemente sulla situazione attuale. Ti invito a riflettere sulla differenza tra i due piani.

    La tua ultima frase è irritante e ti qualifica in maniera sgradevole.
    Sono stato io stesso a scriverti che non ho ancora capito tutti gli aspetti del problema, e per questo mi guardo bene da mettere giù pareri definitivi su quello che è lecito e quello che non lo è.
    Al contrario tu hai una bella sfrontatezza a scrivere che faccio disinformazione, che c'è il CdS da rispettare quando ancora non avevi preso atto dell'esistenza di deroghe previste dal CdS stesso.
    In bocca al lupo. Passo e chiudo.

    RispondiElimina
  29. Che non sono previste deroghe non l'ho mai detto, semmai ho detto che non si può derogare tutto.
    Quando ti ho chiesto i risultati potevi dirmi che qualche contravvenzione l'avete ottenuta, e magari il numero, ed invece non mi sembra tu l'abbia fatto quindi ho dedotto che sono pari a zero.
    Mi fa simpatia poi quando mi scrivi "cercare di incidere in qualche modo e velocemente sulla situazione attuale".
    Qui ti ha risposto fitz: è dal 29 luglio che ci provate...
    Per gli aspetti futuri invece ti faccio un bel in bocca al lupo ma considera che non sei riuscito a far togliere UNO dico UN cartellone quindi pensa come ti aspettano a quel tavolo e soprattutto chi ci è seduto insieme a te.
    Come qualcuno a scritto sopra i curriculum parlano chiaro.
    Io non faccio il giudice e non pontifico cercavo solo un dialogo aperto per far capire la reale situazione dei risultati di collaborazione che va avanti da quasi un anno.
    Che ne dici lo facciamo un bilancio bello chiaro una volta per tutte?
    Quindi scusami ma risultati pari a zero posso dirlo magari anche a qualcun altro ma sicuramente anche a te con l'aggravante che però tu hai un rapporto di collaborazione "straordinaria" con chi gestisce il comparto pubblicitario a Roma.
    Che dici c'è un pò di differenza?
    All'anonimo che ci invita ad unirci tutti ed a non fare i precisetti oltre a questi bei consigli (accettabilissimi) chiedo che ne pensa di questa "collaborazione straordinaria".
    Passo ma non chiudo.

    RispondiElimina
  30. Appoggio completamente le considerazioni di Ale77, dopo così tanti mesi, dopo aver fatto firmare e firmato la delibera, ci troviamo con un pugno di mosche. Ah, sì, qualche "modifica" (magari tra 9 mesi) al cosiddetto piano regolatore verrà fatta, come contentino, state tranquilli, accettando magari qualcosina, ma l'impianto INDEGNO rimarrà tale, creato su misura per questi ignobili cartellonari, per soddisfare tutti i palati... Qui tutto è fermo, sterilizzato, e dall'altra parte ridono... Sì, abbiamo un rapporto di collaborazione straordinario: ma mi si faccia il piacere.

    Senza offesa ma con molta tristezza. E non vorrei pensare che qui si vive nel mondo incantato di Alice, eh... La credibilità oramai è prossima allo zero.

    RispondiElimina
  31. ok, noi abbiamo credibilità zero, abbiamo ottenuto risultati zero, mi sta bene allora per favore adesso ci dite quale sarebbe la soluzione secondo voi perchè continuare a dire che tutto fa schifo e tutti sbagliano senza dare soluzioni è poco serio.
    ad Ale77 rispondo che la collaborazione straordinaria è 1 cosa, l'unica che siamo riusciti ad ottenere con questa gente, è poco ma è meglio di niente stiamo lavorando per capire se può portare frutti, in caso contrario ti assicuro saremo i primi ad ammettere che quella è la strada sbagliata

    RispondiElimina
  32. Bisognerebbe cercare di essere più equilibrati nei commenti.
    Io ad esempio, pur continuando a dare la mia disponibilità per tutte le iniziative del Comitato, DISSENTO dal taglio che si è scelto di dare alla "collaborazione" con l'8° dipartimento( che ritengo abbia concesso la "collaborazione" per un preciso calcolo politico ma senza nessuna reale volontà di cambiamento), ma non per questo ritengo inutile il mostruoso lavoro svolto in oltre un anno(e che ben pochi conoscono veramente..)
    Vorrei ricordare ad Ale77 che in autunno sono state effettuate migliaia di rimozioni (spesso fasulle..lo so bene..ma NON SEMPRE FASULLE) e sono convinto che siano state il frutto della nostra battaglia (DI TUTTI, non solo del "comitato" ma ANCHE del comitato, ovviamente non hanno certo risolto il problema...ma SONO UN FATTO e non un'opinione).
    Le denunce dobbiamo farle tutti..dopo un anno ormai sappiamo come e a chi vanno indirizzate.
    Propongo quindi di continuare la battaglia con una VISIONE STRATEGICA (LE MODIFICHE AL PRIP e la vera partecipazione popolare alla stesura dei piani di localizzazione MOBILITANDOCI FORTEMENTE PER IMPEDIRE che venga concessa la facoltà AI BANDITI CARTELLONARI di presentarli essi stessi e per cancellare la norma che attualmente prevederebbe la possibilità per il dirigente dell'ufficio affissioni di redigere autonomamente Piani di localizz. per aree fino a 10 ettari).
    TATTICAMENTE continui il pressing su stampa e municipi (qualsiasi sia la maggioranza)anche per affrontare l'attuale disastrosa situazione.
    Ci vuole costanza, impegno, tempo (che spesso non c'è..caro Ale77, hai presente famiglia e lavoro??)e una comunicazione efficiente e rapida,
    CERCANDO DI FARLA FINITA DAVVERO CON QUESTE GARE A CHI CE L'HA PIU' LUNGO.
    Dissentire si, diffamare no.

    RispondiElimina
  33. Resistenza Attiva10 aprile 2011 20:15

    Quando uno non se la può prendere con i grandi, perchè questi non se lo filano proprio, se la prende con i suoi simili.
    Succede anche nei canili, dove i cani in gabbia non riuscendo ad azzannare chi è fuori della gabbia si azzannano tra loro.
    E' bello vedere che un bravo fotografo come Ale 77, collaboratore "free lance" di numerosi blog tonelliani e non, dopo mesi è tornato a commentare su questo blog. Un pò meno bello è vedere che lo faccia limitandosi a critiche sterili. Avrei apprezzato meglio critiche più costruttive e meno disfattiste e offensive nei confronti di chi combatte la sua stessa battaglia, anche se con modi diversi. Ma c'è un filone di pensiero, tra gli anticartellonari, secondo il quale la battaglia o si fa come dicono loro o si è tacciati di alto tradimento. Non è proprio così. In ogni guerra c'è chi va a piedi, chi a cavallo, chi in aereo e così via. Ma il nemico è sempre l'obiettivo comune e non va cercato fra le stesse fila.
    Concludo dicendo che non ho proprio capito come pensi REALMENTE E FATTIVAMENTE di affrontare il problema in modo duraturo, o se pensi di continuare a presentare segnalazioni e denunce tramite qualcun altro per il resto dei tempi a venire. Su questo punto ti chiedo di essere più chiaro. Facci sapere almeno quale mezzo secondo te (PRIP, Magistratura, manifestazioni, frullino), credi sia più realisticamente utile ad affrontare il problema. Io credo nelle regole di un buon piano regolatore. Che non è quello che ci hanno presentato.

    RispondiElimina
  34. Io la soluzione non c'è l'ho e sono il primo a dire che in tutto questo tempo non ho ottenuto niente e sicuramente sono quello che c'è l'ha più corto di tutti per citare fitz.
    Forse come dice resistenza attiva sono solo un bravo fotografo però spero di non essere giudicato come un cane in gabbia che azzanna i suoi simili. Se sono tornato a commentare su questo blog è stato perchè dopo 9 mesi di collaborazione ero molto curioso di sapere che risultati erano stati ottenuti.
    Scusami poi se sono disfattista ma esco di casa ed ogni giorno mi trovo un 4x3 nuovo davanti reagisco cosi.
    L'unico merito che mi prendo è che se si è ricominciato a parlare su questo blog e si è riacceso un minimo di confronto forse è grazie alle mie polemiche su questo post.
    Spero con tutto il cuore che questo confronto porti qualcosa di buono, perchè, non se l'ho scritto precedentemente, la causa è comune e alla fine vogliamo tutti la stessa cosa.
    Io tanto cose non le conosco e sicuramente sbaglio a permettermi di criticare, forse più che come critiche sterili prendetele come uno sfogo.
    Sono il primo a scusarmi se ho sbagliato qualcosa e se ho diffamato qualcuno, non credo di essere arrivato a questo punto, comunque i miei commenti li scrivo di getto e succede che mi faccio prendere troppo la mano.
    Ripeto io cerco solo un confronto, magari duro ma sicuramente sincero e produttivo.
    Su come penso di affrontare il problema credevo di essermi spiegato: basta dialogare con chi ci prende in giro e quindi magistratura, class action, manifestazioni al campidoglio e quant'altro.
    Naturalmente se si ottiene un buon prip sono ben contento ma la vedo dura con questi interlocutori (strafelice di essere smentito).

    RispondiElimina
  35. LE COSE INIZIERANO A CAMBIARE SOLO CON I PRIMI ARRESTI E LE MISURE CAUTELARI...I tempi nel penale sono lunghi...ma poi SI ARRIVA AL DUNQUE

    RispondiElimina
  36. Resistenza Attiva11 aprile 2011 07:41

    Accetto con piacere l'ultimo commento di Ale 77

    RispondiElimina
  37. Scusate, forse un po' fuori tema, ma se è vero (non ho motivo di dubitarne) che le deroghe al codice della strada sono tante e complicate e se è vero che i vigili si sono fatti un prontuario per venirne a capo, allora la mia modesta proposta è di cominciare a elencare queste deroghe anche su questo blog, un po' com'era su cartellopoli.
    In questo modo, chiunque, me compreso, potrà più efficacemenete contribuire ad inondare gli uffici comunali con segnalazioni pertinenti in merito a cartelloni (certamente) illegali.
    Attendo cordiale riscontro.
    Lobelius

    RispondiElimina
  38. 2) Il procedimento di partecipazione che viene erroneamente indicato come "collaborazione" da Ale77, non e` un accordo informale fra il Comitato ed il Comune, non e` frutto di un rapporto di confidenza o di favore, MA E` UN ATTO FORMALE E SOSTANZIALE PREVISTO DALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE 57/2006 ED E` LA PRIMA VOLTA CHE VIENE COSI` COMPIUTAMENTE UTILIZZATO. E questo, se permetti, caro ale77, e` un grandissimo risultato del Comitato: mai in questo settore, ma nemmeno in quello dell'urbanistica, questo procedimento di partecipazione era stato accolto dal Comune. Invito Ale77 a leggere il regolamento di cui alla delibera C.C. 57/2006 per comprendere come questo regolamento preveda -come e` preciso diritto dei cittadini- una diretta partecipazione dei cittadini alle redazione dei piani di trasformazione del territorio come e` appunto il PRIP. Se il Comune dovesse disattendere questa partecipazione, rischierebbe un devastante ricorso al TAR. Il Comune ha attivato questa partecipazione, quindi, non per farci un favore, ma perche` era prevista dallo statuto comunale e noi l'abbiamo richiesta con forza e determinazione mentre altri, sempre perche` e` piu' comodo stare dietro alla tastiera e non impegnarsi mai realmente, non hanno nemmeno fatto la formale richiesta -una semplice letterina- di partecipazione ex Delibera 57/2006.
    3) Ale77 sostiene che questa partecipazione ovvero come lui sostiene 'collaborazione' non produce alcun risultato, non serve a nulla.
    Ebbene, ammettiamo per assurdo che sia cosi' (MA NON LO E` AFFATTO), quali sono le alternative CONCRETE, (non le chiacchiere inutili) ?
    Te le dico in ordine:
    -il ricorso al TAR contro l'approvazione del PRIP; bene chi lo fa? lo fai tu caro Ale77? Paghi tu le spese del ricorso?
    -la class action: sono io che l'ho proposta per primo e non Tonelli ne' Bosi, sia chiaro, e lo possono testimoniare tutti i componenti del Comitato. Allora, per fare la class action per la rimozione dei cartelloni bisogna sapere quali effettivamente sono abusivi e da rimuovere; tu lo sai Ale77 quali sono 'sti cartelloni? c'hai l'elenco completo e preciso? E tu sai i tempi, i modi, i costi della class action? Be`, io che l'ho proposta per primo e l'ho gia` avviata per altre questioni lo so, e siccome anche questa e` un'azione giudiziaria va usata come ultima ratio.Tu la firmeresti caro Ale77, esponendoti personalmente e partecipando alle spese??
    -esposti denunce alla Procura della Repubblica: da anni Bosi ed altri meritoriamente (sia detto in maniera chiara e sottolineato) si espongono in prima persona e firmano e depositano denunce su denunce. Tu hai avuto notizia di qualche condanna?? O almeno di qualche processo in corso??
    E questo non perche` la magistratura non faccia il suo dovere, ma perche` i reati che si possono contestare sono di relativa gravita` ed i magistrati sono obbligati a dare priorita` al contrasto di reati molto piu` gravi e pericolosi per la collettivita`, quindi mettono, gioco forza, in secondo piano quelli relativi all'abusivismo, anche quando sono ipotizzati l'abuso d'atti d'ufficio o l'omissione nei confronti della p.a. Sono convito che prima o poi le denunce fatte otterranno risultati, ma nel frattempo i cartellonari gongolano.
    SEGUE AL POST SUCCESSIVO
    Lorenzo Santovincenzo

    RispondiElimina
  39. 4) Vanno bene le manifestazioni, gli articoli di stampa ecc. ecc., ma se non sono seguiti da proposte di provvedimenti ed azioni concrete, sono fini a se` stesse. Insomma protestare va benissimo ma devi anche proporre altrimenti non serve a nulla.
    Ed il Comitato lo ha fatto, piu` che bene: ti rammento una cosa che forse ti e` sfuggita, ovvero che la delibera di iniziativa popolare (ora tanto vituperata) prevedeva che il Comune provvedesse a redigere ed approvare il PRIP (strumento di governo del settore FONDAMENTALE E CHE MANCAVA DA 15 ANNI, e` questa mancanza di regole certe e chiare che ha permesso il degrado attuale!!) entro sei mesi dall'approvazione della delibera.
    Ora:
    -se il PRIP e` finalmente in redazione ed adozione il merito e` anche del Comitato Promotore che con la delibera di iniziativa popolare lo ha espressamente richiesto, mettendo di fronte alle sue responsabilita`: la delibera "inchioda" il Comune su questo punto.
    Sarebbe assolutamente contraddittorio per il Comitato dire ora che non lo vuole piu`;
    -tutti quelli che hanno firmato la delibera e l'hanno promossa ed appoggiata, sapevano e sanno che il PRIP e` la sola cosa che puo` fermare l'invasione dei cartelloni.
    Il suo contenuto, ovvero le norme che lo stesso contiene, sono un altro paio di maniche ed infatti se la funzione del PRIP dovesse essere stravolta, e` evidente che il nostro parere FORMALE reso nel procedimento di partecipazione, sara` negativo.
    Riassumendo:
    -se la questione della cartellonistica abusiva e` assurta all'attenzione dell'opinione pubblica (manifestazioni, prese di posizione politiche, articoli sui giornali) e` anche merito del Comitato Promotore che non si e` limitato a protestare ma ha, appunto, proposto e portato alla soglia dell'approvazione la delibera di iniziativa popolare, atto concreto ed efficace;
    -se il PRIP e` ora in redazione ed adozione il merito e` anche del Comitato Promotore che ne ha sollecitato, anche con la delibera, la sua approvazione (sul contenuto del PRIP e` ancora tutto da vedere):
    -se il Comune di Roma inizia, e sottolineo inizia, ad avere una linea piu` incisiva e repressiva nei confronti dei cartellonari, il merito e` anche del comitato che da oltre un anno e mezzo sta, giorno per giorno, portando avanti le sue iniziative.
    Per cui rispondo -copiando quel famoso allenatore- a chi rimprovera al Comitato poco attivismo e pochi risultati: zero tituli.
    Lorenzo Santovincenzo

    RispondiElimina
  40. Evidentemente è questo il trattamento che viene riservato a chi si permette di criticare o commentare l'operato del comitato.
    Viene considerato nell'ordine: un diffamatore, un cane in gabbia, un chiacchierone inutile ed infine si tira fuori pure quello sfigato di Mourinho.
    Che dire?
    Non mi rimane che fare i complimenti a Lorenzo Santovincenzo per gli splendidi risultati da lui elencati raggiunti fino ad ora, e meno male che ero io che gareggiavo a chi ce l'ha più lungo...
    "Se Comune il Comune di Roma inizia, e sottolineo inizia, ad avere una linea piu` incisiva e repressiva nei confronti dei cartellonari" evidentemente io vivo in una città diversa dalla tua, dimmi dove vivi tu che mi ci trasferisco.
    Passo e mi sa che chiudo, vado ad ammirare la mia bacheca vuota e lascio Lorenzo Santovincenzo a lucidare tutti i suoi trofei.

    RispondiElimina
  41. Le cose sono due: credere all'azione politica come strumento di pressione per influenzare le scelte del Comune, oppure no.

    Io ci credo, Ale77 no, mi pare.

    Ma non esageriamo con i risultati, Lorenzo. Ne possiamo parlare tra qualche settimana ma ora no, i cartelloni stanno là e aumentano pure ogni giorno, ricollocazioni o no.

    RispondiElimina
  42. Criticare e commentare e` un conto ed e` il benvenuto chi lo fa.
    Scrivere a vanvera senza sapere di che si scrive e di che si parla e` un'altro paio di maniche.
    Ale77 (che continua a non firmarsi) prima informati,partecipa e studia le carte, e poi fai tutte le critiche che vuoi, ma con costrutto e concretezza. Vedrai allora che le tue osservazioni verranno accettate e considerate.

    @Les: il Comitato non sta facendo solo un'azione politica (nel senso di azione instituzionale non legata ai pariti) ma di piu` sta facendo una vera e propria azione amministrativa con due procedimenti realmente concreti e formali:
    -la delibera di inizativa popolare (che non e` affatto morta);
    -il procedimento di partecipazione ai sensi regolamento Delibera CC 57/2006.
    I risultati non si evidenzieranno palesemente fra qualche settimana, ne` fra qualche mese, ma forse fra un anno e piu`: i cartelloni da rimuovere, anche solo applicando il PRIP, saranno moltissimi e quindi a me di non impiegare esercito, protezione civile e forse NATO, ci vorranno mesi e mesi perche` la situazione venga ricondotta ad una legale "normalita`".
    Il Comitato continua ad insistere affinche` il Comune dia segnali di aggredire il fenomeno dell'abusivismo con la determinazione necessaria: siamo ancora lontani da questo impegno ma qualche piccolo passo e` stato fatto.
    Pensare che in poche settimane o mesi la situazione cambi e` utopistico: dobbiamo insistere nelle nostre iniziative.
    Lorenzo Santovincenzo

    RispondiElimina
  43. Primo, io mi firmo eccome.
    Ale77 non è un firma?
    Les, Resistenza Attiva, fitzcarraldo non sono firme?
    Che devo mettere il codice fiscale?
    Secondo, io scrivo a vanvera quanto te.
    Scendiamo dal piedistallo per favore, che io la mia ignoranza e buona fede l'ho ammessa nei commenti precedenti.

    RispondiElimina
  44. Per la precisione.

    "Il procedimento di partecipazione che viene erroneamente indicato come "collaborazione" da Ale77".

    "Le associazioni stanno ‘pattugliando’ il territorio. Andiamo a caccia di manifesti abusivi e li segnaliamo direttamente al Comune» dice Lorenzo Santovincenzo, portavoce del Comitato che ha presentato una delibera popolare contro i cartelloni abusivi. La novità, sta proprio nella nuova COLLABORAZIONE con il Campidoglio, che ha finalmente accolto con favore la proposta delle «sentinelle del decoro".
    In questa intervista a Lorenzo Santovincenzo al Corriere.it del 05 marzo 2011 si parla di COLLABORAZIONE.
    La parola COLLABORAZIONE viene usata tre volte nell'articolo.
    Forse era il caso di fare una rettifica.

    Fonte:
    http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/11_marzo_3/ronde-cartelloni-abusivi-190148184055.shtml

    RispondiElimina
  45. Torno ad appoggiare la genuinità e bontà dei commenti di Ale77. E chiedo a Lorenzo di scemare la sua prosopopea. E torno anche a ripetere: risulatati? ZERO.

    Il Comune è costretto a "scendere a patti", mi si dice... Certo, ma quali patti? Cosa ha accettato? Cosa è stato fatto sino a ora di CONCRETO? Nulla.

    Si arriverà a qualche "concessione", così, per tutelarsi verso un'auspicabile azione giudiziaria, dicendo "ma si, abbiamo coinvolto i rappresentanti del comitato, abbiamo seguito l'iter, il PRIP è sancito anche da loro..." MA QUANDO? E IN CHE TERMINI? Vedrete cosa uscirà fuori, tranquilli...

    Sinceramente, e lo vede anche un bambino, questo PRIP è fatto a uso e consumo dei cartellonari, ritagliato su misura. Basta poi vedere i poteri del responsabile affissioni... E i piani di collocazione... Dico, un giretto a Parigi? Londra, Berlino, no, eh?

    Il problema è che la realtà romana è invereconda. oltre 300 ditte con annessi e connessi da sfamare, pressioni politiche, provenienza di chi sta al governo e delle relazioni dirette e indirette con il mondo della pubblicità, personaggi in posti chiave sotto particolare attenzione... Un mondo che, se scoperchiato, rivelerebbe interessanti panorami, sui quali un magistrato, serio, onesto, avrebbe di che divertirsi.

    Ma tanto, che ce frega, teniamoci 'sto schifo e andiamo appresso a Bordoni e Paciello, va. Che qualcosa riusciamo a ottenere, e tutti siamo contenti. TRISTEZZA.

    Io, personalmente, RESPINGO IN TOTO QUESTO PRIP COSI' COME FORMULATO. Dopo aver firmato e fatto firmare la delibera, mi ritrovo con quella proposta divulgata. E con un tavolo che arranca e pure tanto. E con il risultati inesistenti. Non sono disposto a soprassedere ulteriormente dopo tutto questo tempo, altro che "rapporto di straordinaria collaborazione", ma dove???

    E mi avvicino alle posizioni di Catarci, nonostante cerchi un dibattito apartitico.

    RispondiElimina
  46. Ultimo post per ale77 dopodiche` per me basta perche` il tempo e` prezioso.

    1-se ale77 e` una firma espressa ed esplicita io solo brad pitt.....all'anagrafe sarai registrato come ale77??

    2-Qua chi ha bisogno di un bel bagno di umilita` sei proprio tu che arrivi fresco fresco a sostenere che il Comitato non ha ottenuto nulla, non fa nulla, e` inutile ecc. ecc. senza sostenere questa critica con un minimo di costrutto o argomentazione.
    Non ti sei letto nemmeno il testo della nostra delibera, non sai come funziona e cosa e` il procedimento di partecipazione, non sai i tempi e le modalita` delle contravvenzioni e delle rimozioni e vieni a criticare a noi???
    E sarei io che ci lavoro da un anno e mezzo su questa questione che scrivo a vanvera???
    Da questo punto di vista e` meglio Bosi che c'ha un caratteraccio ma almeno la materia se l'e` studiata eccome (anche se a volte prende qualche cantonata) e ci mette la faccia, la firma e tutto il resto.
    E su uno reagisce alle ingiuste critiche t'offendi pure.
    Senti, nel Comitato c'e` gente che l'altra sera (non io perche` ero assente) ha fatto notte per elaborare le osservazioni sul PRIP, il sabato prima tralasciando famiglie ed impegni, ha organizzato una manifestazione e che spende il suo tempo in incontri con municipi, uffici comunali e quant'altro.
    Ad esempio, Fitzcarraldo (che si fa il mazzo da quando la delibera e` nata raccogliendo le firme) si e` guadagnato il diritto di criticare e magari anche di dircene quattro, lavorando indefessamente da un anno; impara da lui e conquistati il rispetto e la considerazione che lui si e` conquistato.
    Poi potrai criticare quanto ti pare.

    Per l'altro anonimo dell'ultimo post (la firma no eh?! e` proprio un vizio), ecco un altro tutta protesta ma nessuna proposta.
    Domanda: noi del Comitato siamo dei poveri mentecatti collusi, ma Tu, anonimo che fai oltre che digitare la tastiera??
    Nulla ovviamente......

    Lorenzo

    RispondiElimina
  47. Ma dimmi un pò se riesci a trovare il tempo a giorni pari è partecipazione e a giorni dispari è collaborazione?
    Che ne sai tu cosa ho letto io poi? Fai presto a dire che io non so nulla e tu sai tutto.
    Poi dimmi ancora sempre se hai il tempo come mai chi è del comitato si può firmare con nick (Resistenza Attiva, Fitzcarraldo, Les) mentre io devo dare il numero della carta d'identità?
    Oppure loro sono registrati all'anagrafe con quei nomi?
    Ma dai su un pò di autocritica e non ti arrabbiare troppo.
    Brad Pitt

    RispondiElimina
  48. Da quello che scrivi si capisce che ti sei letto ben poco, anzi nulla.
    I componenti del Comitato Promotore hanno nomi e facce note, e quindi sono identificabilissimi, tu invece no.
    I giochetti con le parole denotano la pochezza delle tue argomentazioni.
    Il giornalista scrive colloborazione, io invece ho sempre parlato di partecipazione, che e` di piu` e meglio della semplice collaborazione.
    Tu intendi,invece, insinuare che la collaborazione sia in realta` una collusione con il Comune, ovvero che il Comitato con questa collaborazione stia dalla parte del Comune.
    Allora scrivila 'sta cosa, se ne sei sicuro, argomentala e firmala con nome e cognome.
    E scrivi pure in cosa si concretizzerebbe questa collusione e che vantaggi ne verrebbero ai componenti del Comitato.
    Scrivilo e firmalo!
    Lorenzo

    RispondiElimina
  49. --- MOZIONE D'ORDINE ---

    Bene, se permettete direi che lo scazzo può considerarsi concluso con, speriamo, la reciproca soddisfazione dei contendenti.

    Ora torniamo al nemico comune senza sprecare ulteriori risorse in termini di tempo ed indignazione.

    RispondiElimina
  50. E no Robero qui non si possono scrivere ste cose come se niente fosse.
    Qui si sta proprio svalvolando.
    Io avrei insinuato ad una collusione, ma quando mai?
    Ma stiamo scherzando?
    Guarda che la parola collusione in questa conversazione l'hai usata solo tu dopo quasi 50 commenti.
    Io non mi permetto nemmeno di pensarla questa cosa perchè come ho scritto sopra ho rispetto per voi.
    Meno male che i commenti rimangono scritti.
    Ognuno può leggerli e farsi la sua idea su come sono andate le cose in questa conversazione.
    Io sono identificabilissimo scrivo su diversi blog antidegrado e qualcuno del comitato mi ha pure incontrato.
    Ma tu davvero pensi che io mi sto nascondendo? Semplicemente non mi va di mettere nome e cognome come non va a Resistenza Attiva, Fitzcarraldo, Les e Roberto.
    Allo stesso tempo mi firmo con un nick per registrare quello che dico, altrimenti scriverei come anonimo che è ben diverso.
    Che dici fila il ragionamento?
    E' un problema cosi grave per te?
    Tu vieni a parlare a me di giochetti con le parole?
    Ma chi è che si è attaccato prima alla parola COLLABORAZIONE?
    Se io leggo una tua intervista in cui tu parli COLLABORAZIONE e non la fai rettificare se il giornalista si è sbagliato poi non te la prendere con me se penso che stai COLLABORANDO con il comune.
    Eppure se non ricordo alle rettifiche degli articoli ci tenevi parecchio.
    Te la stai prendendo troppo, sfrutta l'occasione per fare un pò di sana autocritica e smettila di attaccarmi in questo modo.
    Io ammetto le mie lacune ma se vuoi portare avanti questa battaglia solo con chi è dentro alla materia allora mi sa che siete davvero pochi.

    RispondiElimina
  51. Permettetemi di insistere. Le discussioni via email o a mezzo commenti sono sempre foriere di fraintendimenti e rischi di insulto reciproco.

    Cominciamo ad avere una vasta antologia sull'argomento, purtroppo.

    Se c'è un reale interesse alla cosa ci si vede e si discute de visu. Altrimenti accontentatevi di aver così chiaramente squadernato le rispettive opinioni qui sopra.
    Roberto Tomassi

    RispondiElimina
  52. E cosi` salta fuori un altro Tonelliano doc....
    Sono mesi che cercano di deligittimarci, in tutte le maniere, prima coi bandi, poi non facciamo nulla, poi "collaboriamo" con nemico....
    si, meglio finirla qui, e` inutile....
    Lorenzo

    RispondiElimina
  53. Tonelliano doc?
    Ma che è un vino?

    "Un Cabernet colore rosso rubino con sfumature granate, profumo gentile e delicato con sentori di frutta di bosco e note mentolate e leggermente vanigliato. Ideale con i formaggi stagionati".

    Mi sa che soffri di manie di persecuzione.
    Fidati che col tuo comportamento ti deligittimi da solo, io non servo proprio.
    E' tutto scritto ed ognuno trarra le sue conclusioni.

    RispondiElimina
  54. Io penso sia ora di FARLA FINITA con questa tragicomica sequela di post.
    In realtà DOMINA il senso di frustrazione e di rabbia per il "muro di gomma" con cui ci stiamo scontrando da così tanto tempo.
    E' DECISAMENTE DISUMANO che un cittadino comune debba ritrovarsi a impiegare ore, giorni, mesi a studiare norme assurde, organizzare manifestazioni, passare interi pomeriggi al PC per scambiare messaggi con le altre persone coinvolte, passare intere serate a discutere e mediare per preparare documenti che poi non vengono presi in considerazione NE' DALL'8° DIPARTIMENTO NE' DA UNA STAMPA diciamo così "DISTRATTA".
    e' DEL TUTTO EVIDENTE che l'8° dipartimento finora ci HA PRESO PER IL CULO!
    ARRIVA SEMPRE UN MOMENTO DI ROTTURA in cui non si può continuare a massacrarsi di lavoro (sottraendolo alla famiglia e al lavoro vero..)e non ottenere NULLA!
    QUINDI MI STA BENE CHE SI ELABORI UN DOCUMENTO CON LE PROPOSTE DEL "COMITATO" sul PRIP ma io ESIGO..si ESIGO!!! rispetto e considerazione per la serietà e l'intensità del nostro impegno.
    L'obiettivo strategico di un PRIP rispettoso della bellezza di Roma, dei vincoli paesaggistici, che ci adegui alle capitali europee NON DEVE FAR DIMENTICARE l'ATTUALE SVENTRAMENTO inaccettabile e mostruoso del paesaggio urbano.
    LA NOSTRA PAZIENZA E' STATA ANCHE TROPPA!
    Io non sono piu' disposto a rubare tempo alle persone più care per farmi continuare a sfottere da Paciello e dai banditi cartellonari!!
    E VOI?

    RispondiElimina
  55. Concordo con Fitz.
    La sensazione è che qui si sta facendo "il gioco del gatto col topo", a breve dobbiamo avere dei risultati e delle risposte concrete dal Comune, da cui risulti una reale volontà a mettere fine a questo scempio, ma sono molti i dubbi.

    Mafie e corruzioni dietro i cartelloni

    RispondiElimina
  56. Ohhhhhh FINALMENTE lo cominciate a capire con chi veramente avete a che fare dall'altra parte... ERA ORA...

    RispondiElimina
  57. Ah ... beh ... allora ... mo passiamo per una banda di Alice nel paese delle meraviglie!

    Eh sì che pensavamo che ce lo avrebbero fatto scrivere a noi il PRIP. Ed eravamo pure convinti che ci toglievano tutti gli impianti che volevamo ...
    Però, che delusione ora che abbiamo cominciato a capire con chi veramente abbiamo a che fare!!!

    Ma quanti saputoni oggi ...

    RispondiElimina
  58. Io che non delegittimo nessuno, perché sono del Comitato, ricordo che i bandi sono il fine ultimo - a mio avviso - per sanare l'anomalia UNICA AL MONDO delle 334 DITTE AUTORIZZATE AD INSTALLARE CARTELLONI.

    Ecco la road map:

    REVISIONE PIANO REGOLATORE - DELIBERA POPOLARE -PIANI DI LOCALIZZAZIONE - BANDI DI GARA PER MACROZONE (NON PER SINGOLE STRADE O QUARTIERI)

    RispondiElimina
  59. Concordo con Les.
    La road map e` proprio quella che lui indica.
    Non abbiamo finito nemmeno la prima tappa: hai voglia a pedalare!!
    Lorenzo

    RispondiElimina
  60. Insomma , se i tempi sono questi, nel corso della nostra esistenza non vedremo cambiare proprio nulla di questo schifo...per quanto ancora dovremo sopportare bordoni a piede libero e che rilascia interviste in tv, dopo aver DISTRUTTO ROMA ??!!

    RispondiElimina
  61. Faccio una domanda:

    Questo sito sarebbe disponibile a pubblicare foto di cartelloni illegali con la scritta ABUSIVO sopra?

    RispondiElimina
  62. Finora non abbiamo mai avuto problemi a pubblicare tutto ciò che rappresenti la situazione odierna, incluse molte cose pervenuteci dall'esterno.

    A differenza di altri non abbiamo mai invitato ad azioni di danneggiamento degli impianti, essendoci incaponiti a percorrere metodi legali per affrontare il problema.
    Ciò detto, non saremo certo noi a dispiacerci se qualcuno decide di passare alle vie di fatto e si sfoga sugli impianti.

    RispondiElimina
  63. Grazie per la precisazione :)

    RispondiElimina