martedì 20 dicembre 2011

Questo palo non ci è nuovo! Dove l'avevamo già visto???

Durante la scorsa estate una delle tante ditte pubblicitarie che hanno mano libera a Roma, decise di piantare in tutta la città decine e decine di cartelloni. Alcuni di questi erano così pericolosi da non poter essere tollerati neanche un minuto. La nostra Associazione li denunciò subito mentre il nostro blog pubblicò numerosi post. Uno di questi riguardava un cartellone la cui plancia si trovava sulla sede stradale, in via della Pineta Sacchetti.

L'impianto pericolossimo su via della Pineta Sacchetti

Pochi giorni dopo, i Vigili del XIX° gruppo ci avvisarono di averlo multato e la stessa ditta lo rimosse.

Ma siccome a Roma una volta che hai piantato un cartellone, fosse pure in mezzo al Colosseo, acquisisci un non ben identificato diritto a ricollocarlo, ecco cosa abbiamo scoperto in questi giorni in via Alberto Bolognetti, di fronte il civico 37.

Questo palo non ci è nuovo
Lo stesso palo, piantato con 'grande maestria', pronto ad ospitare lo stesso cartellone. Non siete sicuri sia davvero lo stesso palo?? Guardate la targhetta identificativa che meraviglia!!! Che simbolo di lavoro curato e di una gestione davvero ordinata della pubblicità a Roma

!!!!!!!!!!!!!!!!!!

E questa era la targhetta dell'impianto rimosso da via della Pineta Sacchetti. Esattamente lo stesso codice.




Ogni altro commento............lo lasciamo a voi!

12 commenti:

  1. Non si azzardassero a montare la plancia...
    Faremo rispettare l'ordinanza che VIETA ricollocazioni fino al 31/01/12.
    Da qualche parte leggo di "ditte e società serie e professionali" e mi viene una fortissima curiosità: ME LE ELENCATE PER FAVORE?
    A me sembrano uno stormo di piranhas impazziti,TUTTE.

    RispondiElimina
  2. Ma che ti vuoi elencare... Chiedi a paciello e a bordoni, veri maestri....

    Mi viene il vomito a guardare come è ridotta Roma.

    RispondiElimina
  3. Chi è che dovrebbe far rispettare la moratoria di Alemanno.....i Vigili ?!?

    RispondiElimina
  4. BORDONI SI PREPARA A BUTTARE AL CESSO ALTRI SOLDI DI TUTTI I CONTRIBUENTI:

    OSTIA, AVVIATI LAVORI RIMOZIONE 120 IMPIANTI PUIBBLICITARI IRREGOLARI
    Saranno oltre 120 gli impianti pubblicitari irregolari che verranno rimossi nei prossimi giorni nel Municipio XIII. I lavori avviati questa mattina dall'assessore alle Attivita' Produttive e Litorale di Roma Capitale, Davide Bordoni, si concentreranno nel quatrante di Ostia dove verranno effettuate più di 40 rimozioni in piazzale della Posta, viale della Marina, piazza Corsi, piazza Conte Duca, via Ammiraglio del Bono, piazza Ronca, via Mar dei Coralli, piazza Sirio, via Desiderato Pietri. Con oltre 70 rimozioni verra' inoltre bonificata l'area Malafede Cristoforo Colombo. (omniroma.it)

    RispondiElimina
  5. Questo individuo, questo bordoni, dovrebbe solo DIMETTERSI o essere dimissionato dal suo sindachetto.

    Nessuna giustificazione per l'operato sin qui sotto gli occhi di tutti. Vergogna.

    RispondiElimina
  6. Che gli frega, tanto mica paga lui.

    LE DITTE DEVONO PAGARE !!!

    Poi andassero a cercare lui di notte per farsi restituire i soldi.

    MAFIE E CORRUZIONI DIETRO I CARTELLONI

    RispondiElimina
  7. c'è poco da commentare, prima questa banda se ne va e prima inizierà la ricostruzione della città....e sarà dura....

    RispondiElimina
  8. Non si butta via niente, soprattutto se lurido!

    RispondiElimina
  9. Bordoni colpisce ancora?

    http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/11_dicembre_20/occupazione-suolo-pubblico-polemiche-garrone-1902597615175.shtml

    RispondiElimina
  10. dopo "Barilla, dove c'è casa"... "Bordoni, dove c'è degrado"

    RispondiElimina
  11. E quello sullo spartitraffico a fronte, sempre della stessa società sapete dove è finito? ve lo dico io, sul lato opposto. Rimultato dai vigili del XIX a quanto mi han detto telefonicamente. Ora io mi domando: ma un impianto il cui codice numerico risulta multato un paio di volte nel giro di pochi mesi non dimostra all'amministrazione che colui che lo pianta non conosce affatto il codice della strada e il regolamento comunale? Quante volte devo piantare lo stesso cartello in divieto e quante multe devo prendere prima che il Dipartimento mi dichiari incapace di intendere la legge e di fare il mestiere di venditore di spazi pubblicitari?

    RispondiElimina
  12. Franco XVIII°6 gennaio 2012 21:49

    ATTENZIONE: La Screen City srl CALPESTANDO L'ORDINANZA DEL SINDACO DEL 24 NOVEMBRE HA MONTATO IL CARTELLONE SUL PALO IN QUESTI ULTIMI GIORNI.
    Vi ho inviato le foto stamattina.
    Avvertite il comandante Di Maggio sperando che gli faccia un culo così a questi banditelli da strapazzo

    RispondiElimina