martedì 27 dicembre 2011

'I Romani si ribellano alla giungla dei cartelloni pubblicitari'. Il Guardian dedica una pagina alla nostra battaglia

Il prestigioso 'The Guardian', uno dei principali quotidiani del Regno Unito non è rimasto indifferente alla violenza perpetrata a Roma. E ha dedicato un bell'articolo alla battaglia che i cittadini stanno conducendo da due anni.

Ecco il link dove potrete leggere il pezzo del corrispondete dall'Italia, Tom Kington. Una storia che farà presto il giro del mondo. Perchè quello che accade a Roma, la città eterna, la capitale del più grande impero della storia, non è relegato alle pagine dei quotidiani locali.

E possiamo annunciarvi che presto altri giornali e altre tv straniere seguiranno da vicino questa battaglia, provocando uno tsunami mediatico senza precedenti. Ci spiace essere arrivati a tanto: guastare l'immagine internazionale della nostra città non fa bene a nessuno. Ma i  primi responsabili di questo disastro, il sindaco Alemanno e il suo assessore Bordoni, dovranno assumersene tutte le colpe.


Cliccando qui la parte dell'articolo che riguarda nello specifico il tema cartelloni, tradotta in italiano. Non abbiamo invece tradotto, la seconda parte, quella che parla dei parcheggi interrati e degli alberi.

23 commenti:

  1. Sputtanati in tutto il MONDO !!

    Vorrei vedere se in Inghilterra girano ceffi del calibro di Bordoni e Tredicine, li avrebbero già carcerati sotto 20 metri di letame; invece da noi no, sono delle star, vanno ai comizi e rilascaino interviste come se nulla fosse, come se i cittadini sognano questo scempio.

    Di fronte alla figura che ci fanno fare questi mentecatti, mi vergogno di essere Italiano, ancora non capiosco come gente del genere amministri tranquillamente la Capitale d'Italia, facendo scempio del paesaggio, delle strade, rendendo la città ridicola ai turisti, che vedono i gladiatori de noantri, il tassista che gli frega il portafoglio, il ristorante che gli serve la monnezza, e ora le strade e i monumenti tappezzati di cartelloni.

    Finirete presto dietro le sbarre.

    RispondiElimina
  2. ALEMANNOOO??? BORDONIIII??? BUON 2012...hihihihihih....

    RispondiElimina
  3. pure a Natale 'sti cartelloni!!!!!: a' Bordoni c'ha proprio rotto li coj....ni!!!!!

    RispondiElimina
  4. e gli danno pure del neo-fascista, al sindaco ihihihihi, auguri AleDanno!!!!!

    RispondiElimina
  5. Se c'era Lui, Alemanno Bordoni e Paciello li avrebbe messi a svuotare le paludi pontine 20 ore al giorno, e chi si ferma son mazzate !

    RispondiElimina
  6. i nostri giornalai riprenderanno la notizia o faranno finta di niente,come al solito, per non disturbare troppo gli affari di questi politicanti da strapazzo?

    RispondiElimina
  7. Legio Aurelia Invicta27 dicembre 2011 16:17

    Anonimo delle 15.02
    questo è solo l'inizio.
    Da tempo immemore l'abbiamo promesso: CARTELLONARI ALEA IACTA EST!
    Da Londinium a Lutetia Parisiorum si diffonde inarrestabile l'odore di marcio che esala dall'Aula di Giulio Cesare..ma come un vento vigoroso di tramontana l'esigenza di bellezza e di giustizia di chi non ha dimenticato cosa vuol dire veramente ESSERE ROMANO spazzerà via questa corte di mentecatti che osano offendere con la loro presenza il genius loci dell'Urbe!

    POSSIS NIHIL URBE ROMA VISERE MAIUS

    RispondiElimina
  8. Avete scritto bene nel vostro articolo: non è possibile che quello che accade a Roma sia letto solo sulle pagine locali! E' una capitale e dunque rappresenta l'intero paese. Così come a New York, la cura Giuliani era diventata una notizia internazionale, di cui si parlava in tutto il mondo. Dunque ben venga questo quotidiano inglese per raccontare lo sfascio dei cartelloni!

    RispondiElimina
  9. Considero the Guardian una delle migliori pubblicazioni internazionali in lingua anglosassone. Raramente dedicano articoli al nostro paese - e solitamente solo per importanti accadimenti di tipo politico/economico. Non ricordo di avere mai letto un articolo dedicato a una specifica situazione di tipo locale come quella dei cartelloni, né tantomeno a un amministratore cittadino, sebbene di primo piano come il nostro Sindaco. Evidentemente lo scandalo è addirittura più grande di quanto ci immaginiamo...

    RispondiElimina
  10. Cazzo(scusate il francesismo, ma quando ce vò, ce vò!!) Questa sì che è una notizia!!

    Adesso, come ha scritto qualcuno sopra, voglio anch'io vedere se i nostri giornalai riprenderanno (ricopieranno) il pezzo o faranno finta di niente...

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  11. Purtroppo scommetto che i nostri giornali faranno finta di niente. Essi sono parte del problema.

    RispondiElimina
  12. C'è solo da vergognarsi. Mi chiedo quando il sindachetto finalmente si deciderà a dimissionare questo bordoni. E a cercare di mettere una pezza allo sfacelo creato, nell'ultima parte del mandato fallimentare che la gente di Roma, purtroppo, gli ha REGALATO.

    RispondiElimina
  13. Vi prego, facciamo qualcosa contro questa giungla di cartelloni abusivi che umilia e mortifica l nostra città. Sono un romano che vive a Parigi ed ogni volta che torno in citta' trovo una situazione sempre piu' vergognosa.
    Roma e' completamente sommersa, asfissiata, non so se chi vive qui se ne renda davvero contro. E' una situazione inaccettabile, bisogna reagire dichiarare un'emergenza nazionale, rivolgersi alle piu' alte cariche dello Stato.
    Roma - una delle citta' piu' antiche e belle al mondo, patrimonio dell'umanita' - rischia di essere seppellita per sempre da questo scempio.
    Mi rivolgo a tutti i romani, affinche' si sveglino e tirino fuori un po' di orgoglio e d'amor proprio.
    Uniamoci tutti quanti per dire BASTA ai cartelloni abusivi.

    Paolo Levi

    RispondiElimina
  14. Facciamo qualcosa?
    Benvenuto sig. Paolo Levi ma c'è chi sta facendo "qualcosa" da 2 anni,lottando prima di tutto contro la cecità e la rassegnazione e la complicità degli ignavi. Il problema non sono solo le 400 ditte che piazzano i loro catafalchi, il problema non è solo una classe politica di infimo livello..il problema è soprattutto, a mio parere,la DISSOLUZIONE del senso del BENE COMUNE per cui si accetta come cosa normale di vivere in una città assediata dalla criminalità organizzata che ha costruito sul degrado un vero e proprio impero (cartelloni, camion-bar, bancarelle, eserciti di disperati sfruttati per vendere sottoprodotti della Camorra,furgoncini che vendono fiori senza alcun permesso o licenza, lavavetri e accattoni etc...)
    Sapesse quante volte abbiamo dovuto ascoltare la litania bolsa "ma non sono questi i veri problemi".A tutto ciò aggiunga una cosiddetta "opposizione" diciamo disattenta: le basti pensare che il giorno in cui fu bocciata la Delibera erano assenti 3 consiglieri dell'opposizione e l'on. Rutelli, pur presente, non votò.

    RispondiElimina
  15. Ringrazio Paolo per il suo appello. Giustamente tu vivi a Parigi e non puoi seguire da vicino l'immane battaglia che i cittadini stanno portando avanti da due anni contro i cartelloni selvaggi. Abbiamo raggiunto già alcuni traguardi e altri li raggiungeremo. La nostra associazione è nata con questo scopo e non ci daremo per vinti fino a che Roma non sarà riportata alla normalità.
    Ciascuno può dare il proprio contributo. Se vuoi, da Parigi, puoi scattare delle fotografie o scrivere un testo su come viene impiegato il ricavo della pubblicità nella capitale francese(ad esempio per il Velib). Pubblicheremo il tuo testo con piacere.
    E vedrai che presto anche i cittadini francesi verranno informati da vicino della nostra battaglia. Per ora non posso dirti altro, ma ne vedrete delle belle anche in Francia!

    RispondiElimina
  16. Dal sito Repubblica Cronaca di Roma di oggi:

    I cartelloni oscurano gli scorci di Roma
    Anche il Guardian bacchetta il sindaco

    La giungla dei manifesti pubblicitari romani arriva anche in Inghilterra. Un articolo del quotidiano d'oltremanica descrive lo scempio "delle migliaia di impianti"
    di VALERIA FORGNONE

    RispondiElimina
  17. come volevasi dimostrare. sul Corriere neanche l'ombra di un articolo, su Repubblica un trafiletto sfigato. Il Messaggero non pervenuto, come sempre. amen.

    RispondiElimina
  18. Repubblica da anche la possibilità di commentare, forse converrebbe rilanciare l'articolo di repubblica sul blog
    stefano

    RispondiElimina
  19. Il Messaggero ha avuto pochi giorni fa la possibilità di pubblicare un articolo "esplosivo" sullo scandalo criminale dei cartelloni ma l'ha rifiutata.
    Non aggiungo altro.

    RispondiElimina
  20. http://roma.repubblica.it/cronaca/2011/12/28/news/i_cartelloni_oscurano_gli_scorci_di_roma_anche_il_guardian_bacchetta_il_sindaco-27287993/#commenta


    forza, a commentare!

    RispondiElimina
  21. Articolo completo anche sul Corriere della Sera. L'unico che manca a denunciare lo schifo messo in risalto persino dal Guardian è Il Messaggero....

    RispondiElimina
  22. http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/11_dicembre_28/guardian-cartelloni-abusivi-de-leo-1902677489541.shtml

    Commentare anche lì, please.

    RispondiElimina
  23. ATTENZIONE LEGGETE QUELLO CHE DICE IL MESSAGGERO ONLINE riferendosi all'articolo del guardian:
    "noi l'abbiamo sempre detto che ci sono troppi cartelloni...."

    RispondiElimina