giovedì 15 dicembre 2011

Noi paghiamo sempre più tasse e questi invece continuano ad evaderle alla grande

Sempre in tema di manifesti abusivi, ecco un altro esempio di cittadini "più uguali degli altri".
Di seguito foto e testo della nuova puntata della benemerita campagna dei Radicali Roma contro le affissioni abusive dei partiti.


(AGENPARL) - Roma, 14 dic - "Continuano in questi giorni, massicce e impunite, le affissioni abusive dei principali partiti ed esponenti politici locali e nazionali. Oggi imperversano il consigliere comunale Tredicine, vicecapogruppo Pdl in Campidoglio, con la sua "stella di Natale " abusiva; il Pd che pubbliccizza abusivamente l'incontro "Per l'alternativa a Roma" con il capogruppo Marroni e perfino il paladino antiabusivismo De Luca. L'occupazione degli spazi comunali di affissione senza pagare la tassa dovuta è uno schiaffo alla legalità e ai cittadini che pagano le tasse, oltre che un danno erariale enorme causato da soggetti che ricevono centinaia di milioni di euro di finanziamento pubblico. Per questo stamattina abbiamo presentato una denuncia al Comando Regionale della Guardia di Finanza fornendo la documentazione fotografica delle affissioni abusive nelle strade della città e le copie del registro degli ordini dell'Ufficio Affissioni del comune che dimostrano che nessuno dei principali partiti ha acquistato spazi negli ultimi due anni". E' quanto si legge in una nota di Riccardo Magi, segretario dei Radicali Roma.

Qui la pagina facebook.

11 commenti:

  1. Da uno che si chiama "Tredicine" ci si aspetterebbe un certo riserbo sul suo cognome, per motivi ben noti. E invece eccotelo là che continua a spiaccicarlo sui muri della città con l'aggravante del suo sorriso ebete!
    Degrado da bancarelle, degrado da manifesti ... c'è mai stata nella storia di Roma una famiglia che ha fatto tanto male alla città?
    Bisognerà forse aggiornare il cognome utilizzato nel detto "quello che non hanno fatto i barbari lo hanno fatto ...".

    RispondiElimina
  2. DAJE COR MUTANDA TREDICINE...

    RispondiElimina
  3. Una cosa INQUALIFICABILE. In nessuna altra capitale europea viene permesso ciò che tredicine ha fatto, sta facendo e farà alla città, con i suoi putridi camion bar, bancarelle, callarostari, invasione di manifesti. BASTA non se ne può più! Roma deve diventare una città EUROPEA, vergognatevi!!!!

    RispondiElimina
  4. Nel mentre alemanno sentito dalla procura di Milano per fatti di ndrangheta...

    http://roma.repubblica.it/cronaca/2011/12/15/news/alemanno_interrogato_a_milano_rapporti_con_la_ndrangheta-26630200/

    Madonna mia che gente...

    RispondiElimina
  5. Eh sì, il nome di De Luca (Athos) su un manifesto abusivo suona davvero strano.
    Peccato per il sempre ottimo onorevole De Luca ...

    RispondiElimina
  6. Io li adoro, 'sti radicali. Sono anni che unici nel panorama politico (si, si, unici, nemmeno Di Piero è esente da questo schifo) denunciano continuamente le affissioni pseudo-politiche abusive.
    Ricordiamoci pero' che è solo di recente che queste affissioni avvengono tutto l'anno. Prima almeno le si tollerava solo durante le elezioni per evitare di "evitare tensioni". BUFFONATE! SOLO GLI IMBECILLI TOLLERANO UNO SCANDALO DEL GENERE, PERPETRATO A NOSTRO DANNO.

    Sindaco + assessore al commercio, vedete de' spari'

    RispondiElimina
  7. A da venì baffone !

    RispondiElimina
  8. Che Tredicine sia forse il maggiore imbrattatore singolo come politico romano, è fuor di dubbio.

    Che il suo essere vice capogruppo della maggioranza in Campidoglio, renda il suo modo di "far politica" ancora più imbarazzante, è sicuro al 100%.

    Ma il fatto che gli "altri", l'opposizione, il più grande partito di (centro) sinistra, siano diventati, proprio negli anni dell'invasione cartellonara, i più grandi utilizzatori di manifesti abusivi, superando il record storico del centrodestra, fa veramente impressione ed è scoraggiante.

    Sono due, tre anni che il Partito Democratico ha intensificato la commissione di manifesti illegali, quelli che non pagano la tassa di affissione sulle plance e quelli sui muri dei palazzi e i recinti dei cantieri.

    Per chi presta bene attenzione, quelli del PD sono i manifesti più ricorrenti, nelle facciate abusive della propaganda romana.

    Secondo, un pò staccato, il PDL, terzi a pari merito UdC-Terzo Polo e Sinistra, Ecologia e Libertà.

    Seguono tutti gli altri, dall'Italia dei Valori al Popolo di Roma (movimento legato al sindaco Alemanno), passando per le frange estremiste e i centri sociali che si comportano né più né meno come i grandi partiti "liberali" (e questa, forse, è la colpa maggiore: dare un alibi a movimenti fascisti e stalinisti di poter imbrattare i muri, "tanto lo fanno pure Berlusconi e Bersani").

    RispondiElimina
  9. si però voglio un attimino uscire dal coro, non è che Tredicine mette manifesti....li mettono tutti ! Anni fa mi ricordo una litigata tra un blogger e un consigliere comunale proprio sui manifesti che imbrattavano l'esquilino. Volarono insulti pesanti e alla fine il blogger non parlò più dei manifesti di quel politico (lo potete chiedere anche a lui...personalmente non mi ricordo neanche il nome del politico mi pare girasse intorno ai gabbiani).
    Il commento di les prende in pieno l'attuale situazione di abusi (e anche la presenza di de luca non mi sorprende...perchè lo fanno tutti ).

    RispondiElimina
  10. http://www.degradoesquilino.com/2009/06/ragionando-su-colle-oppio.html/comment-page-1#comments

    RispondiElimina