lunedì 5 dicembre 2011

La resistenza civica e l'ordinanza del Sindaco falliscono! A v.le Buozzi altri cartelloni. Oscurato il Ninfeo di Valle Giulia

Questa è una storia che merita un racconto dettagliato. E che purtroppo vede sconfitto ancora una volta chi tenta di difendere Roma dall'abuso dei prepotenti.

Lo scorso 28 ottobre, avevamo pubblicato le foto degli ennesimi buchi comparsi in viale Bruno Buozzi e avevamo lanciato l'allarme: se verrà piantato un cartellone in questo luogo, la vista del magnifico Ninfeo di Valle Giulia verrà coperta. Una strada già stuprata, non potrà sopportare nuovi cartelloni!

La foto del nostro post del 28 ott. 2011 con i buchi indicati dalle frecce

Alcuni cittadini holebusters pochi giorni dopo erano evidentemente intervenuti, tappando i buchi, e noi avevamo rilevato il loro atto di resistenza civica.

I buchi chiusi dai cittadini esasperati

Ma purtroppo l'allarme lanciato dal nostro blog e l'intervento dei cittadini non è servito a fermare l'arrivo di BEN DUE NUOVI CARTELLONI. SI AVETE CAPITO BENE: NE HANNO PIANTATI DUE, NONOSTANTE L'ORDINANZA DEL SINDACO VIETASSE LE RICOLLOCAZIONI

La magnifica facciata di Valle Giulia nascosta dai mostri

Come si vede dalla foto qui sopra l'impianto è vecchio, già utilizzato in altra zona di Roma. Dunque si tratta chiaramente di una ricollocazione. Secondo il racconto di alcuni abitanti della zona, il cartellone è apparso in queste ultime ore e dunque dopo l'ordinanza del Sindaco del 23 novembre che vieta le ricollocazioni. Le ditte si sono fatte beffa ancora una volta di quanto disposto dalla giunta comunale. Ne risponderanno?

Questo tratto di viale Bruno Buozzi è ormai martoriato da un numero enorme di impianti. Una strada elegante, dove passeggiare era un piacere per i panorami meravigliosi, è diventata una delle vie più cartellonate di Roma.


Resterà ancora una volta un caso impunito? Basta Cartelloni andrà a fondo di questa storia. Sindaco Alemanno, vice comandante Di Maggio........vi rendete conto che non avete il minimo controllo del territorio?????

16 commenti:

  1. Una giunta di incompetenti. Manco li cani.

    A CASA E AL PIÙ PRESTO.

    RispondiElimina
  2. Che bastardi!
    MA CHE GRAN BASTARDI! Questa la pagano ...

    RispondiElimina
  3. ORMAI E' EVIDENTE A TUTTI CHE NON HANNO IL BENCHE' MINIMO CONTROLLO DEL TERRITORIO!!

    HANNO PRODOTTO UN MECCANISMO INFERNALE CHE HA PORTATO A QUESTO: LA TOTALE INGESTIBILITA' DEL SETTORE.
    BRAVO BORDONI, OBIETTIVO CENTRATO!

    ROMA TI RICORDRRA' PER SEMPRE.

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  4. Che grandissimi maiali sti cartellonari di merda. Questa la devono pagare.... facciamo cantare le lame. Qualcuno ha un SUV da agganciare questa merda e tirarla giù con una corda?

    RispondiElimina
  5. E' veramente una vergogna. Mai vista una strada ridotta in quel modo. Perfino a Roma, in mezzo al degrado più assoluto fa ribrezzo percorrere quel tratto di viale Buozzi. E questi continuano.....

    RispondiElimina
  6. MA IL VERO SCANDALO E' LA TOTALE ASSENZA DI QUALUNQUE ISTITUZIONE !! E CE NE SONO A BIZZEFFE...ma sono tutti troppo impegnati a riempirsi la bocca nelle cerimonie ufficiali...la merda a cui è ormai ridotto il quotidiano non la vedono...

    Viviamo in Assurdistan

    RispondiElimina
  7. Toh ... un lettore di cigni neri, si direbbe ...

    In effetti sul tema dei cartelloni come su tanti altri che riguardano Roma (bancarelle, tavolini, pinocchietti, ecc.) c'è un grande assente: il Ministero dei Beni Culturali con tutte le sue soprintendenze. Sono loro che dovrebbero tutelare il decoro della nostra città ed in loro assenza nessun'altra istituzione può farsi carico della cosa.

    Chi riesce a spiegarlo al ministro Ornaghi?

    RispondiElimina
  8. C'è ancora qalche istituzione in questo Paese o sono andati tutti in Svizzera a depositare i soldi che gli ha dato Guarguaglini ?

    Classe dirigente di merda, ci fate vergognare di essere italiani. Finirete al muro

    RispondiElimina
  9. @Roberto,
    mi permetto di osservare che ci sarebbero diversi altri interlocutori istituzionali che dovrebbero "scendere in campo ", ad es. il Ministero dei Trasporti per quanto riguarda la sicurezza della circolazione stradale (non c'è più da meravigliarsi della srage infinita sulle strade di Roma, visto come stiamo messi...) , il Prefetto per quanto riguarda l'ordine pubblico, la Magistratura che fino ad ora non si è vista ed avrebbe un sacco ( ma proprio un sacco) di lavoro da fare...

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  10. senza speranza5 dicembre 2011 15:07

    La decadenza inarrestabile della nostra povera Patria deriva anche dalla dissoluzione del concetto di "responsabilità".
    Il dipendente pubblico non percepisce sè stesso come "civil servant" ma nella stragrande maggioranza dei casi tira a campà in attesa della pensione (hai voglia ad aspettare..) a si fa i fatti suoi, così vive da ignavo tranquillo.
    Non c'è più nessuna "autorità".
    La micidiale miscela post-sessantottesca del "vietato vietare" si è amalgamata con la secolare cultura del "franza o spagna purchè se magna" ed ecco i desolanti risultati.
    Onore commosso alla vostra indomabile resistenza ma i "cittadini" non vedono l'incommensurabile disastro?
    A volte mi sembra un film dell'orrore ad occhi aperti.

    RispondiElimina
  11. O'professor e Vesuviano5 dicembre 2011 15:33

    Alemanno è nu guap e'cartone !!!
    Alemanno è nu guap e' cartone!!!

    RispondiElimina
  12. L'ennesimo risultato fallimentare di un uomo, anzi di un assessore, che nella vita dovrebbe cambiare lavoro: per esempio, lanciatore di coriandoli!


    http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/12/04/porta-portese-mercatototalmente-abusivo-verso-chiusura/175177/

    RispondiElimina
  13. Bel risultato le rimozioni propagandistiche del Comune.

    Cartelloni rimossi a caso, senza un criterio certo, ne tolgono uno sullo spartitraffico, ne lasciano tre.

    Le ditte stanno correndo ai ripari: staccano i pannelli dei cartelloni di notte, per non lasciare traccia, ma per fare veloce lasciano i pali di sostegno. Oppure spostano i cartelloni posizionati di traverso sullo spartitraffico, mettendoli paralleli al centro, anche se questi violano comunque la distanza minima dal bordo stradale.

    Così è successo a Viale Marconi e sta succedendo in tutta Roma. Rimozioni a caso, pagate con i soldi dei cittadini.

    RispondiElimina
  14. GIUNTA DI BUFFONI, BORDONI A VENDERE SALAMELLA!!

    RispondiElimina
  15. Sono passato poco fa da Viale Bruno Buozzi...mamma mia girano certi teppisti!!!
    Che gentaglia...sabotare il lavoro di quegli onesti cartellonari!!

    RispondiElimina
  16. Cittadino dei Parioli schifato6 dicembre 2011 20:15

    Anche io sono passato stamattina in viale Bruno Buozzi...
    Vorrei esprimere UN ENORME GRAZIE A QUEI CORAGGIOSI CHE CERCANO DI RESISTERE A QUESTI MALEDETTI!
    La vista degli striscioni incollati sui cartelloni mi ha veramente fatto bene al cuore!!

    RispondiElimina