giovedì 22 dicembre 2011

"Abbattiamolo"! Nuovo blitz di Legambiente contro il più grande cartellone a Roma

Dopo aver oscurato il 'mostro di via Salaria' (qui il servizio della Basta Cartelloni TV), stamane Legambiente ha simbolicamente scalato il più grande impianto pubblicitario di Roma: 160 metri quadri che campeggiano da anni in piazza del Lavoro, all'Eur.

La lunga permanenza del cartellone gigante è dimostrata da ben tre targhette identificative. Due di queste risalgono a molti anni fa.


Per chi volesse 'ammirare' il mega impianto e guardare la protesta pacifica dei volontari di Legambiente, il nostro lettore Lorenzo ci ha inviato questo filmato.

Ecco la triste classifica dei cartelloni-monstre preparata da Legambiente, grazie alle informazioni fornite da comitati, associazioni e blog che si battono contro l'invasione di impianti abusivi:

1) Piazza del Lavoro (160 metri quadrati)
2) Viale dell'Oceano Pacifico (120 metri quadrati)
3) Via C. Colombo e via Pontina (80 metri quadrati)
4) Via del Cappellaccio (72 metri quadrati)
5) Viadotto della Magliana (54 metri quadrati)
6) Viale di Val Fiorita (36 metri quadrati)
7) Via Laurentina (32 metri quadrati)
8) Via C. Colombo (32 metri quadrati).

E meno male che la misura massima consentita a Roma è di 12 metri quadrati!

6 commenti:

  1. Sinceramente non mi pare quell'impianto l'emergenza a Roma.
    Mi pare ben più grave ed insopprtabile, per esempio, aver distrutto un quartiere come era prati-umbertino, bombardandolo di sgangherati cartelli di ogni dimensione e foggia. Fatevi un giro ad es. nelle vie limitrofe a P.zza Cavour e guardate cosa sono diventate ad es. Via Vittoria Colonna, Piazza Cola di Rienzo, la stessa Piaza Cavour, ecc.
    Ogni tanto Legambiente si sveglia e cerca visibilità...
    Il Comitato lotta per davvero!
    Mc Daemon

    RispondiElimina
  2. Avete visto Cinque gioni di oggi ?

    Guardate su www. cartellopoli.net...!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  3. L' emergenza a Roma nn sarà quel cartellone, ma se nn si risolvono neanche quelli meno gravi, figuriamoci il resto.

    http://noiroma.blogspot.com/

    RispondiElimina
  4. Sì, cmq partirei da "quelli più gravi". Sono ani che la situazione a Roma è di una gravità assurda, dove era Legambiente ?

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  5. ehm, pardon, ho perso una "n"...eccola
    Mc Daemon

    RispondiElimina
  6. Bè si con due "n" è meglio...

    RispondiElimina