martedì 19 luglio 2011

Riceviamo e pubblichiamo - L'arroganza continua!

Abbiamo appena ricevuto la seguente segnalazione.


Eccoli, che installano un cartellone alle 10 di martedì mattina su Via Pinciana. Potremmo osservare il camioncino parcheggiato sul marciapiede, potremmo fare notare tutte le violazioni  del codice della strada che questo impianto infrange, potremmo dire che a pochi metri comincia il Villa Borghese e dunque ci troviamo in zona paesaggisticamente vincolata, potremmo ricordare quando Alemanno prometteva tolleranza zero e spingeva l'assessore competente a fare ordine in questo settore, potremmo anche ricordare la delibera 37/2009 dove, a quanto pare, il 31 dicembre 2009 si sarebbe dovuto installare l'ultimo impianto di questa città. Ma sappiamo che non esiste legge, delibera, decoro o promessa del sindaco di fronte a questo tsunami che sta annichilendo Roma.

Lettera firmata.

p.s. la foto è priva di operai perché, quando mi hanno visto che fotografavo, mi hanno bloccato in maniera non proprio civile - ne è seguito un battibecco dove hanno preteso che cancellassi le foto con loro dentro. Per quieto vivere, e dato che il soggetto non erano loro ma il cartellone, le ho cancellate. 



Come possiamo leggere il nostro lettore riferisce che gli operai addetti all'installazione hanno assunto atteggiamenti minacciosi ed inurbani quando si sono accorti di essere fotografati. A nostro avviso ciò costituisce un'implicita ammissione della non proprio limpida (per non dire altro) attività che costoro stavano eseguendo.
Povera gente, costretta a vergognarsi del proprio lavoro.

Sul cofano del furgone leggiamo un nome che ci ricorda una storia abbastanza recente, quando una certa ditta pensava di poter fare il proprio comodo ed invece fu costretta a darsela a gambe, con conseguenze ulteriori che stiamo seguendo con la pazienza che queste cose richiedono.

Già che continuano a vandalizzare Roma è una cosa che grida vendetta; ma che poi lo facciano aggiungendoci l'arroganza e la prepotenza dei propri addetti non è proprio tollerabile.

Lo seguiremo da presso questo nuovo impianto e faremo del nostro meglio perché tutti gli uffici responsabili facciano lo stesso.

28 commenti:

  1. Legio Aurelia Invicta19 luglio 2011 13:06

    Lo "seguiremo" subito..come a S.Martino ai Monti!!
    Legionari all'armi!!

    RispondiElimina
  2. FACCIAMOGLELO RIMUOVERE SUBITO!!

    NON E' TOLLERABILE.

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  3. è il caso di sperimentare subito le nuove tariffe delle multe

    RispondiElimina
  4. TRA L'ALTRO CE N'E' UN ALTRO SEMPRE DELL'APA POCO PIU' AVANTI...e vari altri., ovviamente, di fronte alla più importante delle ville storiche della Capitale di Italia.

    VERGOGNA!!

    RispondiElimina
  5. La prepotenza e l'arroganza dell'APA non hanno limiti. Si sentono i padroni della città.
    Dopo la vergogna di S.Martino ai Monti ecco il nuovo sfregio alla storia e alla bellezza di Roma.
    Organizziamo da subito la protesta per far rimuovere questo obbrobrio.
    La realtà ormai supera la fantasia.
    Questa gente controlla il territorio a suo piacimento, hanno sventrato Roma e non hanno ancora finito.
    Impossibile il dialogo.
    Che sia guerra totale!

    RispondiElimina
  6. Questi dell'APA ancora credono di essere i padroni della città. E questa amministrazione comunale è complice recidiva degli sfregi che continuano ad essere inferti a Roma.

    Vediamo di fargliela passare tutta questa tracotanza, a forza di segnalazioni alla Polizia Municipale, al Comune, alle soprintendenze, al Ministero dei Trasporti ed al diavolo che se li porti.
    E' giunto il momento che questa ditta venga radiata dall'elenco di quelle autorizzate, come da prescrizione normativa.

    RispondiElimina
  7. Ma bravi! Ci mettete anche la prepotenza degli operai ... poi dice che non se le vanno a cercare.

    RispondiElimina
  8. Non vi curate del solito scrotino delle 13.27..è lui che se le cerca da tempo.
    Pensiamo alla mobilitazione immediata.
    Prepariamo un esposto alla Procura della Repubblica: chi non applica il comma 14 dell'art. 31 del regolamento sulle affissioni e pubblicità di fatto consente la reiterazione di violazioni e abusi vergognosi da parte di questa società che ne ha collezionate decine.
    Ne basterebbero 4 per essere radiati.
    APA un pò di coraggio..diamine!
    Avanti con un bel 4x3 davanti alla Fontana dei Fiumi!

    RispondiElimina
  9. Fitz, aspetta e vedrai che a momenti lo faranno...

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  10. Io li ho fotografati da lontano la settimana scorsa (guardate post di oggi su cartellopoli), ci vuole un po' di furbizia, ragazzi !
    Marco1963

    RispondiElimina
  11. Altro che furbizia. La prossima volta che succede un fatto del genere accorriamo in massa e vediamo se gli operai scendono a più miti consigli.

    Possibile che un'intera città debba essere ostaggio di quattro peracottari prepotenti?

    Sindaco, quando hai finito con le figurine della Giunta potresti buttare un occhio a come hai ridotto questa città?

    RispondiElimina
  12. Cohors praetoria19 luglio 2011 15:21

    Marco1963 invece di dare lezioncine di furbizia forse sarebbe il caso di tirarsi su le maniche e venire a fare qualcosa di più concreto che qualche fotografia.
    Se vuoi l'occasione è prossima..

    RispondiElimina
  13. L'Apa e la sua arroganza sono disgustose. Continuano a devastare la città e si permettono anche di alzare la voce e le mani con chi cerca di difendere legalità e decoro. Ma non finirà così. Sono mer...de e come tali devono essere trattati!
    Purtroppo quello che fa rabbrividire è la totale complicità del Campidoglio e di Alemanno.

    RispondiElimina
  14. Non è questione di "furbizia" ma di incolumità fisica
    Ma quanto siete bravi, a pontificare, dietro uno schermo
    Comunque uno di questi giorni vi porto qualche kg di adesivi dei traslocatori (annunci immobiliari, ecc.), che rimuovo quotidianamente dovunque capita, visto che siete gli unici "voi" (a parole) a fare qualcosa
    Salutoni, eh
    Marco1963

    RispondiElimina
  15. Resistenza Attiva19 luglio 2011 18:17

    Credo che di tutto abbiamo bisogno tranne che di stupide classiffiche di "bravoni".
    Ognuno da al movimento quello che può e che si sente di dare. Abbiamo a che fare con delle vere organizzazioni del malaffare e nulla si può escludere, quindi è meglio essere cauti.
    Quindi invito tutti ad una costante testimonianza ma sempre con la massima prudenza e senza eccessi.

    RispondiElimina
  16. Sig. Marco 1963
    come si dice a Roma..ma ce sei venuto o te cianno mannato?
    Ognuno fa quello che può.
    Il tono del professorino era proprio quello del tuo post, comunque mi fa piacere che tu rimuova un pò della monnezza che soffoca Roma ma sinceramente non capisco questa vis polemica nei confronti di gente che da un anno e mezzo dedica varie ore della propria giornata, ogni giorno, a questa guerra.
    "visto che siete gli unici"voi" (a parole) a fare qualcosa"...mmmah!!!!

    RispondiElimina
  17. E dai..in tutto questo schifo..almeno siamo scampati da Bordoni vice-sindaco.
    E vai con altri 10.000 cartelloni e 5.000 bancarelle..va!

    RispondiElimina
  18. Alemanno: "stiamo salvando la Capitale"

    no comment!

    RispondiElimina
  19. Caro Fitzcarraldo, è cosi che si perdono le battaglie, sentendosi gli unici/belli/intelligenti/giusti, malinterpretando i commenti altrui (il mio non era un tono da professorino, semmai, ribadisco, lo è il vostro)
    Infatti s'è visto che fine ha fatto la "vostra" delibera
    Questo è il mio ultimo commento qui sopra, ho già capito tutto di come funziona qui, e di quanto inutili siano le vostre iniziative
    Salutoni
    Marco1963

    RispondiElimina
  20. e certo..se la delibera non passa è colpa nostra..
    Solo chi non sta davvero dentro alle cose può uscirsene con un commento del genere.
    Le battaglie si perdono (ma questa stai sicuro che non la consideriamo persa..)quando si è minoranza, quando non si è sostenuti da apparati di partito e dalla stampa che conta, quando si è in pochi e perdippiù bersagliati continuamente da critiche velenose, preconcette ed ingiuste quasi sempre provenienti da gente che non sa come stanno le cose PERCHE' NON VI HA PARTECIPATO MA LO STESSO DEVE SALIRE IN CATTEDRA E PUNTARE IL DITINO..
    Comunque visto che siamo così incapaci e presuntuosi, caro Marco1963, presentala tu un'altra delibera, raccogli 10.000 firme e dacci una lezione su come si vincono le battaglie.
    Contraccambio i saluti.

    RispondiElimina
  21. Questo viene, insulta, e saluta... Sembra quasi che abbia trovato quì il suo nemico e non che il nemico comune sia la casta e i cartellonari. Ne abbiamo abbastanza di gente che ci dice come si fa. Vorremmo gente che ci facesse vedere in prima persona come si fa, che non usasse il plurale (vostra delibera, vostro tono, vostre iniziative..., come se dietro ogni persona che scrive quì ci fosse un'organizzazione a delinquere), e che sia in grado di individuare un interlocutore senza generalizzare e la smettesse di dividere il mondo fra i buoni e i cattivi (per mettersi chiaramente dalla parte dei buoni).
    Ripeto che i cattivi non siamo noi che scriviamo sui blog, ma qualcun altro.

    RispondiElimina
  22. Marco1963 intanto attendiamo con impazienza la foto dei chili di adesivi traslocatori promessa per poterti fare i complimenti...

    RispondiElimina
  23. bastalocandineabusive20 luglio 2011 00:29

    Ma chi è il fratello gemello di Scrotino?

    RispondiElimina
  24. Legio XI Pia Fidelis20 luglio 2011 00:38

    A proposito di adesivi staccati, si da notizia che stasera gruppi di volontari antidegrado si sono divisi alcune zone di Roma e hanno ripulito dalle odiose locandine dei teatri e discoteche (anche stavolta ha vinto quello di Ostia Antica, ma non era da solo), le seguenti zone:
    Circonvallazione Gianicolense (tutta), Viale Trastevere (tutta) Piazza G. Belli, Testaccio, Piazzale Porta S. Paolo, Piazzale Ostiense, Piazzale della Radio, Via Portuense (ex porfina), Largo Perassi (Via Aurelia).
    Al termine della gita, che in alcuni momenti è stata bagnata dalla tanto attesa pioggia, i volontari si sono riuniti e si sono potuti contare diversi sacchi neri giganti pieni di locandine che attenderanno il loro destino in un posto sicuro in attesa di venire riconsegnate ai mittenti.
    P.S. se la prossima volta Marco 1963 volesse partecipare sarà il benvenuto.

    RispondiElimina
  25. "pontificare dietro uno schermo"?!? Ma 'sto Marco 1963 c'è o ci fa?
    Se stavamo solo dietro uno schermo col cazzo che raccoglievamo le migliaia di firme della delibera (mentre magari lui se ne stava in spiaggia), oppure combattevamo vis-à-vis con quei diavoli di Bordoni e dell'VIII dipartimento (noi ci siamo cimentati, fallendo, ma almeno possiamo dire di averci provato), oppure ancora riuscivamo ad ottenere diverse rimozioni simboliche.

    Vuoi continuare a staccare gli adesivi in solitaria? Padronissimo, ben fatto e buona fortuna. Ma non è corretto da parte tua usare toni spocchiosi con chi, che tu ci creda o meno, si fa il mazzo da oltre un anno sulla questione dei cartelloni. E ti assicuro che la parte di mazzo "dietro lo schermo" è infinitesimale rispetto al resto.

    RispondiElimina
  26. Legio XI Pia Fidelis20 luglio 2011 07:52

    AGGIORNAMENTO LOCANDINE:

    Stamattina sono già riapparse quelle del teatro di ostia antica (spettacolo sirenetta) su Circonvallaz. Gianicolense tra piazza S. giovanni di Dio e l'ospedale S. Camillo.

    Naturalmente avranno vita breve, meno di quella delle cicale.
    La guerra continua e durerà tutta l'estate.

    RispondiElimina
  27. Anche Piazza dei Giureconsulti è di nuovo invasa dalle locandine per il concerto dei Jamiroquai del 22 luglio.
    Chi viene a strapparle con me oggi pomeriggio?

    RispondiElimina
  28. MAFIA E CORRUZIONE DIETRO IL COMPARTO DEI CARTELLONI PUBBLICITARI.

    INTERVENGA LA DIA !!!!

    RispondiElimina