mercoledì 20 luglio 2011

L'ultimo nato pare proprio abusivo

Da un sopralluogo effettuato presso l'ultimo impianto installato ieri, martedì 19 luglio, in Via Pinciana, è emerso che il manufatto non mostra alcuna targhetta identificativa. A parte la pubblicità esposta l'unica scritta rilevata è "apa" sulla cimasa.
Questa circostanza, unita alla pericolosa posizione a pochi centimetri dalla carreggiata ed alla vicinanza alla vincolata paesisticamente Villa Borghese lo rende oggetto di giusta segnalazione alla Polizia Municipale (GSSU e Secondo Gruppo), all'VIII dipartimento, al competente Dipartimento del Ministero dei Trasporti, alle diverse soprintendenze/sovrintendenze. Provvederemo quanto prima.

Durante il sopralluogo l'impianto si mostrava così ...





... segno che l'indignazione che noi sfoghiamo con segnalazioni e denunce e altri con commenti al vetriolo sul blog, qualcun altro ancora la affida alle proprie mani.
Difficile dargli torto di fronte a tanta impunita arroganza.

15 commenti:

  1. 75.000 leggi ....e non si riesce a far pagare una multa a questi banditi!
    L'Italia tutta dovrebbe essere commissariata e ridata in mano per 30 anni agli austro- tedeschi.
    Facciamo schifo e abbiamo la classe politica più infima d'Europa.
    Un grazie commosso a chi come voi non si arrende all'impero della criminalità organizzata.

    RispondiElimina
  2. Roma, come l'Italia intera, in mano a collusi e camorristi: BASTA MAFIE BASTA CORRUZIONI !!

    RispondiElimina
  3. Basta!
    Alemanno e Bordoni: avete consegnato Roma a questa gente. FATE SCHIFO!

    Gli impianti dell'Apa si distinguono per il cattivo disegno e l'invasività, dato che sono stati istallati nelle zone più pregiate di Roma. Basti pensare a quello di Corso Vittorio Emanuele, in piena zona Unesco, a 500m da San Pietro e Castel Sant'Angelo, che rovina la prospettiva di una delle strade più belle di Roma.

    Ma quale sindaco può permettere questo scempio della città che amministra??
    Incapaci e collusi del Campidoglio, ANDATEVENE!

    RispondiElimina
  4. se fossi il sindaco di questa città la mattina guardandomi allo specchio mi sputerei in faccia

    RispondiElimina
  5. Legio Aurelia Invicta20 luglio 2011 12:41

    Noi non ci arrendiamo!
    Lo sentite il suono delle buccine?
    Lo spirito antico di Roma è vivo e chiama alla battaglia!

    POSSIS NIHIL URBE ROMA VISERE MAIUS

    RispondiElimina
  6. APA = Azienda Papponi Autorizzati

    RispondiElimina
  7. Leggo dal post che ora il Comitato Promotore intende "provvedere" segnalando la cosa al "competente Dipartimento del Ministero dei Trasporti", come avevo proposto esattamente io in un mio commento delle ore 16,33 del 17/7/2001, chiedendo "all’On. Ministro Altero Matteoli di voler disporre che il Responsabile della Divisione 4 della Direzione Generale per la Sicurezza Stradale del Dipartimento del Ministero dei Trasporti, ing. Sergio Dondolini, nonché il Funzionario della Sicurezza e protezione degli utenti della strada, uso e tutela delle strade della stessa Divisione 4, ing. Luciano Marasco, il controllo della piena osservanza delle norme preposte alla sicurezza stradale attraverso la Polizia Stradale della Polizia di Stato da un lato e dall’altro lato tutti gli uffici competenti del Comune di Roma".
    In un precedente commento delle ore 23,09 del giorno prima un anonimo (fino ad un certo punto) in risposta a Mc Daemon ha affermato che "ascoltare Bosi non é difficile, é inutile".
    Se il prezzo che debbo pagare per un confronto "costruttivo" ed un consiglio che poi viene comunquer seguito deve essere (come ringraziamento) la diffamazione, che i responsabili del Comitato Promotore si guardano bene dal cassare, come hanno fatto invece sempre finora, mi sta più che bene pagare per una giusta causa questo prezzo.

    RispondiElimina
  8. E fattela 'na risata.21 luglio 2011 09:08

    Suvvia Arch. Bosi... Non mi sembra che ci sia stata nessuna diffamazione. Semplicemente un lettore ha ritenuto esprimere il proprio personalissimo parere, che poi non mi sembra che l'abbia fatto in modo inurbano o scurrile.
    Poi che lei si immola per la causa da oltre 10 anni, questo lo sanno tutti. Ma anche chi decide di leggere le sue particolareggiatissime denunce non è che scherza....

    RispondiElimina
  9. All'anonimo delle ore 9,08 che si copre dietro l'altrettanta ridicola (per non dire comoda, se non vigliacca) copertura di "E fattela 'na risata ha detto" mi limito a far sapere che il Comitato Promotore ha rifiutato di sottoscrivere un programma comune che gli avevo proposto per tutelermi proprio dai suoi precedenti voltafaccia e che prevedeva peraltro anche il coinvolgimento del Ministero dei Trasporti.
    Lascio a lui ora scegliere se farsi ancora una risata o mettersi a a piangere (natuaralmente in totale anonimità).

    RispondiElimina
  10. Nun te incazzà...21 luglio 2011 15:20

    Architetto Bosi.

    Io non mi riferivo ai suoi rapporti con il Comitato bensì al fatto che lei si sia sentito offeso da chi aveva scritto che "ascoltare Bosi è inutile" e che lei ha definito "diffamatorio".

    Dei suoi rapporti con il Comitato non ho proprio parlato e non si discuteranno certo quì con me, ma mi sembra evidente che ormai lei sia talmente suscettibile sull'argomento da non riuscire più a distinguere i suoi interlocutori. Vede nemici ovunque, e questo non è bene per la sua salute. Per concludere, il mio era un consiglio rivolto a lei (quello di farsi una risata e di non stare sempre con la lancia puntata contro i mulini a vento con Don Chisciotte).
    Sul fatto del nick anonimo le dò ragione, ma sà...girano certi matti per i blog...!!!

    RispondiElimina
  11. Ma che vuol dire? che Bosi ha l'escusiva per denunciare gli impianti anche al Ministero dei Trasporti? Il Comitato non è padrone di fare denunce a chi vuole e quando vuole? O solo quello che dici tu e come lo dici tu è giusto?
    E tra l'altro mi sembra che già le abbia fatte allo stesso ministero come già riportato in vari post. E nessuno ci dice che non ne abbia continuato a fare.
    Caro Bosi, forse ha ragione chi dice che ti devi rilassare un pò.
    Scusa se anche io mi posto "anonimo" ma è per un istinto di conservazione della specie.

    RispondiElimina
  12. Non prendete in giro ... ha detto ...21 luglio 2011 20:57

    Se, da come scrive, "Nun te incazzà... ha detto..." lascia intendere di non far parte del Comitato Promotore e quindi di non conoscere il sig. Bosi, come si permette di dedurre soltanto da un suo più che giustificato commento che "vede nemici ovunque, e questo non è bene per la sua salute"?
    A casa mia, se questa non é diffamazione, é sicuramente quanto meno una presa in giro comunque finalizzata al suo discredito.
    1°domanda: anziché preoccuparsi di replicare al commento di Bosi, perché non ha espresso un giudizio sulla sua proposta di coinvolgere il Ministero dei Trasporti?
    2° domanda: é screditando Bosi o preoccupandovi soltanto di far salotto per spettegelare su di lui che pensate di vincere la battaglia?

    RispondiElimina
  13. Sempre quello di prima...21 luglio 2011 22:30

    Scusa tanto "non prendete in giro", ma perchè usi il plurale? Chi è che farebbe salotto? Chi è "pensate di vincere la battaglia"? Con chi mi accomuni? Il tuo intervento è pieno di deduzioni e ipotesi (lascia intendere di non far parte del Comitato..., fate salotto).
    I FATTI sono i seguenti:
    1) l'arch. Bosi nel suo iniziale commento si dice contento che il Comitato ha manifestato l'intenzione di segnalare al ministero dei trasporti. E fin quì va bene, anche se non sappiamo se ancora lo sta facendo, ma di sicuro lo ha già fatto in passato come apparso su segnalazioni pubblicate.
    2) a questo punto ci mette in mezzo il fatto di quel commento ritenuto diffamatorio (mi chiedo cosa c'entri), e si duole che non sia stato cassato dal Comitato. E quì intervengo io (haimè) facendo notare che forse non si trattava proprio di diffamazione, che forse nessuno ce l'ha con lui e che in pratica le ultime righe del suo primo commento denotano un tono vittimistico (mio parere personalissimo espresso con la frase "vede nemici ovunque" forse non condiviso da altri), che non ha ragione di essere.
    Comunque anche la tua difesa d'ufficio (come se l'Arch Bosi ne avesse bisogno), seppur libero di farla, non ha motivo di essere perchè non intendevo nè offendere chi si batte contro i cartelloni da molti più anni di tutti noi nè prenderlo in giro. Se ho dato questa impressione me ne scuso innanzi tutto con lui. Per concludere e dare un senso a questi lunghi scambi di opinioni vi invito a riflettere sul fatto che se anche si guardasse il cielo stellato dalla cima di una montagna e si creda di avere una visuale completa delle stelle, non potrai mai vedere l'altra metà del cielo, cioè quello agli antipodi di dove trovi. Quindi è meglio non dare troppe cose per scontate o credere di aver capito tutto dell'altro. Vi lascio a questa riflessione e vi auguro una buona serata ( uso il plurale perchè mi sto rivolgendo a te e all'Arch. Bosi).
    P.S. dimenticavo... penso che sia giusto coinvolgere tutti i ministeri possibili, Trasporti compreso.

    RispondiElimina
  14. Non prendete in giro ha detto22 luglio 2011 12:57

    La mia seconda ed ultima domanda accomunava il suo commento a quello dell'anonimo delle ore 15,39 del 21 luglio 2011, che con tono da discredito puro chiede direttamnente al sig. Bosi se sia giusto solo quello che dice lui e come lo dice lui, per poi consigliarlo di rilassarsi un pò.
    3° domanda: a chi giova tutto questo ?

    RispondiElimina
  15. 4^ domanda: alla gente interessa qualcosa di queste polemiche da cortile? Che senso hanno commenti come questo? Ogni contributo alla causa è buono e giusto ma dove sta scritto che le persone debbano andare d'accordo per forza?
    Parliamo di cose importanti per favore.

    RispondiElimina