mercoledì 13 giugno 2012

Sui pali fioriscono cartelloni. E il 'giardiniere' non potrebbe svolgere il suo mestiere....

Passateci questa metafora botanica. Magari fossero fiori, purtroppo sono e continuano ad essere cartelloni: grossi, invadenti e soprattutto doppiamente illegali. In viale Marconi su un palo rimasto vacante per mesi è spuntato un nuovo cartellone pochi giorni fa.

Il palo inutilizzato per molto tempo

Il cartellone completato alla fine di maggio (la copia del Messaggero ne certifica la data)

Sapete chi l'ha montato?? La Studio Zeta, la famigerata società radiata dall'Albo delle ditte pubblicitarie ammesse a Roma. Il 'giardiniere' che fa fiorire cartelloni non è più autorizzato a svolgere il suo mestiere. Ma lo fa ancora, impunemente.



Spostiamoci ora di qualche km, in viale Giustiniano Imperatore questo bel quadretto di degrado. Una delle migliaia di bancarelle attirate a Roma dal laissez faire bordoniano si appoggia su un cartellone pericolante. Il basamento è instabile ma l'impianto è pure illuminato e la notte splende in tutto il suo fulgore

Notate il furgone che parcheggio esemplare
Il basamento del cartellone è assai instabile. Per il resto non servono commenti
Dettaglio dell'opera

Nella sua magnificenza notturna

A proposito, anche questo impianto appartiene alla stessa ditta, radiata, che non può più svolgere la propria attività...........Ecco appunto!

6 commenti:

  1. Da Marconi ar Trionfale
    tutta Roma è messa male.
    ogni giorno er malaffare
    cià le casse da impinguare.
    Bravo er nostro Saccotelli
    che nun ferma li cartelli
    Vorà dì che con passione
    vestiremo er cartellone.
    Si nun basta manco questo
    co na mazza famo er resto!

    RispondiElimina
  2. Primavera ...cartellonara: LI MORTACCI LORO !!!

    RispondiElimina
  3. Quoto ... LI MORTACCI LORO!!!

    RispondiElimina
  4. Intanto in giunta se la ridono, che ce frega, tanto che voi che siano du cartelloni in più…

    UNA VERGOGNA DI CITTA'.

    RispondiElimina
  5. SE LA STUDIO ZETA E' STATA RADIATA E NON PUO' PIU' FARE PUBBLICITA' NON PUO' LAMENTARE ALCUN DANNO IN SEDE CIVILE SE QUALCUNO ABBATTE/DIVELLE/RENDE INSERVIBILI I SUOI CARTELLOINI E CARTELLONI.

    RispondiElimina
  6. A questo punto servono denunce più forti e personali: non serve cambiare l'imbonitore dell'uff. Affissioni, quì CONTINUANO MAFIE E CORRUZIONI !

    SEGAMOLI, ma non i cartelloni !!

    RispondiElimina