martedì 5 giugno 2012

Con la scusa degli Spqr invadono Roma ad ondate

Lo ha ben documentato il blog Cartellopoli negli scorsi giorni. Roma è stata disseminata in poche settimane di decine di nuovi impianti Spqr che in realtà sono cartelloni come tutti gli altri e costituiscono una fonte di guadagno solo per la ditta che li ha installati. Altro che pubblica utilità!

Uno dei più disgustosi ve lo abbiamo mostrato in questo post: piantato di fronte un monumento dell'architettura come l'Ufficio Postale di via Marmorata.

Oggi però vogliamo raccontarvi delle ondate che caratterizzano questo tipo di cartelli. L'invasione di questi giorni è solo l'ultima di una serie. Nel dicembre scorso, infatti, soprattutto nel II° e XVII° Municipio ne erano stati montati a dozzine. La nostra redazione li aveva fotografati ma non c'era stata l'occasione di farne un post. Adesso ci sembra il momento di mostrarveli. Alcuni sono davvero gravi

Via Aldrovandi, contro il muro che circonda il Bioparco e attaccato ad un semaforo
Sempre sulla stessa via, a pochi centimetri dal ciglio stradale

Qui addirittura il cartello è addossato alla storica Villa Sacchetti, uno scempio senza precedenti

Viale delle Belle Arti, già devastato da decine di cartelloni, di fronte il Ninfeo di Valle Giulia

Stesso tipo di impianto, dall'altra parte della strada, sempre Belle Arti
piazza Mazzini, all'inizio di via Settembrini, in uno spazio verde

E potremmo proseguire ancora a lungo, ma ci fermiamo per mancanza di spazio. La stessa tipologia era comparsa in diverse zone della città anche nel corso del 2011. Vi mostreremo anche quelle foto. Vogliamo  concludere prevenendo la scusa che già sappiamo verrà avanzata dall'Ufficio Affissioni o dall'Assessorato: "Sono sostituzioni di vecchi impianti Spqr", balbetteranno. NO, NON E' VERO! NON SOSTITUISCONO UN BEL NIENTE. IN QUEI LUOGHI NON C'ERANO CARTELLONI SPQR E POSSIAMO DIMOSTRARLO. Queste schifezze sono tutti impianti aggiuntivi!

13 commenti:

  1. Non capisco perchè parliate di impianti SPQR. Tutto quello che vedo è la solita, tristemente arcinota, deprimente insegna SCI.

    RispondiElimina
  2. ...come non detto. Tutti tranne l'ultimo sono spqr....

    RispondiElimina
  3. La gloriosa sigla SPQR su questi immondi bacarozzi è veramente offensiva.
    Solo a Roma nel 2012 si fa pubblicità su impianti tanto brutti ed invadenti.

    RispondiElimina
  4. comunuque non è solo la SCI a fregiarsi del titolo SPQR, anche tutti gli altri piantati negli ultimi mesi sono SPQR (vedasi quelli nuovi di zecca a via ocnca d'oro sul perimetro del parco delle valli che non sono sci, ma un'altra ditta).
    secondo me BORDONIha dato ordine di piantare a più non posso per recuperare qualche altro milioncino di euro, però avrà detto ai suoi sodali, mi raccomando, sulla plancia ci deve essre la scritta spqr, così sembra che sono di pubblica utilità... quello ancora pensa ancora di avere a che fare con degli ingenui

    RispondiElimina
  5. Guarda caso tutti i nuovi impianti nelle foto ospitano la stessa campagna pubblicitaria (un nuovo SUV Volvo). Ma gli impianti SPQR non dovrebbero ospitare solo comunicazioni di pubblica utilità?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, in realtà possono esporre anche pubblicità commerciale, in minima parte.

      Secondo un'indagine dell'Agenzia Controllo Servizi del Comune di Roma, città come Genova, Bologna, Torino e Milano hanno tre-quattro volte il numero d'impianti comunali che ha Roma (e per me, sono comunque troppi), con introiti che arrivano fino al quadruplo in più!

      Elimina
  6. E questo sindachetto vorrebbe essere rieletto con il mio voto?? Ma se ne andasse, e di corsa pure!

    RispondiElimina
  7. ATTENZIONE, A PARTE IL FATTO CHE SONO TUTTI IMPIANTI ILLEGALMENTE E ABUSIVAMENTE "AUTORIZZATI" DA ALEMANNO-BORDONI-SOSTITUTO DI PACIELLO (NON MI RICORDO IL NOME DEL NUOVO "ATTILA" DELLA PUBBLICITà ROMANA), TUTTI QUESTI NUOVI IMPIANTI SONO PERICOLOSI PER LA PUBBLICA INCOLUMITà...L'ALTEZZA DA TERRA è INFERIORE DI MOLTISSIMO AI 2,50 METRI PREVISTI DALLE NORME VIGENTI....SONO SICURAMENTE UN POCO PIù ALTI DEI FAMOSI "PES", MA PERICOLOSI ALLO STESSO MODO.....ALMENO SU QUESTO PUNTO BISOGNEREBBE CHIEDERE UN INTERVENTO URGENTISSIMO AL COMANDANTE DI MAGGIO......OVVIO CHE SE LUI NE TOGLIERà PER ES. 1.000, BORDONI NE AUTORIZZERà 1.000 NUOVI PER NON FAR "FALLIRE" IL BUDGET DI INCASSI DELLA S.C.I. .........manusardi

    RispondiElimina
  8. Di Maggio? Ma figuriamoci...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Marzo, da allora è sparito e nun se sa più niente...

      Elimina
  9. Legio Aurelia invicta5 giugno 2012 20:49

    IL TEMPO DELL'ARROGANZA MAFIOSA STA PER FINIRE..
    VI PROMETTIAMO UN'ESTATE VERAMENTE DI FUOCO.
    NESSUNA MEDIAZIONE CON QUESTI INFAMI E I LORO AMICI IN CAMPIDOGLIO.

    ALEA IACTA EST

    RispondiElimina
  10. Guardate che esiste anche un altra realtà! Non vediamo solo l'aspetto esterno, ma anche quello che gira all'interno. Ci sono ditte pubblicitarie che stanno soffrendo proprio per questo motivo degli Spqr. Se andate sul sito comunale noterete che i canoni di questi impianti è quasi il triplo rispetto agli impianti privati. Ci sono ditte che stanno chiudendo a causa di questa incongruenza. Ma guarda caso però tengono duro sempre i soliti noti, aumentando pian pianino il loro parco impianti. Non facciamo l'errore di prendere tutta l'erba un fascio. In questo "Marasma" ci sono ancora ditte serie, ma se si continua così avranno poca vita.
    http://www.lanotiziagiornale.it/cartelli-pubblicitari-regalo-del-campidoglio-ai-privati/

    RispondiElimina