sabato 7 luglio 2012

La battaglia di Piazza Irnerio

La guerra dei movimenti anti-degrado contro la lobby cartellonara si fa sempre più aspra.
Vi abbiamo informato più volte sulle iniziative di lotta al degrado che gli infaticabili cittadini del 18° municipio in collaborazione con  le istituzioni locali portano avanti con tenacia encomiabile (vedi qui.e qui)

Il 5 maggio scorso in occasione del 6° decoro day il Presidente del 18° municipio Giannini aveva fatto rimuovere un cartellone piantato sul minuscolo spartitraffico di Piazza Irnerio e al suo posto i cittadini del quartiere, tra cui alcuni militanti dei movimenti anti-degrado, avevano piantato due giovani lecci e un cespuglio di rose (vedi anche il filmato della giornata di Bastacartelloni tv)      

un giovane leccio al posto del cartellone: la piazza respira!
Con questo gesto si sollecitavano le istituzioni preposte e il GSSU a bonificare completamente lo spartitraffico nel rispetto del 4° comma dell'art.4 del vigente regolamento così come accaduto per Via Cristoforo Colombo, Via Tiburtina,Via Leone XIII° e Piazza Maresciallo Giardino.

Questa era la situazione dello spartitraffico all'indomani della manifestazione:


i 3 orfanelli sullo spartitraffico
Guardate ora la targhetta del primo impianto, quello col palo verde:


vedrete che sorpresa..tra poco!
La mobilitazione dei cittadini e la determinazione del presidente Giannini venivano premiate finalmente la mattina dello scorso 26 giugno: lo spartitraffico veniva bonificato totalmente e la piazza poteva tirare..un sospiro di sollievo! Nel frattempo veniva assicurato da alcuni volontari del quartiere l'innaffiamento delle piante messe precedentemente a dimora e già si progetta la piantumazione di rose e altri cespugli da fiore per il prossimo autunno per iniziare a  trasformare l'immagine della Piazza...


Lo spartitraffico finalmente liberato
Ma il sollievo dei cittadini che si ostinano a credere nella legalità è durato ben poco.
Ancora una volta la prepotenza insopportabile dei cartellonari ha mostrato il suo vero volto: quello di chi pensa di essere al di sopra di qualsiasi legge e regola, quello di chi calpesta violentemente il diritto alla bellezza e alla sicurezza dei cittadini, quello di chi lancia UNA SFIDA ALLE ISTITUZIONI E AI MOVIMENTI ANTI-DEGRADO: la notte tra il 5 e il 6 luglio è stato ripiantato nello spartitraffico un impianto della S.E.P srl con LA STESSA TARGHETTA DI QUELLO RIMOSSO 10 GIORNI PRIMA
La stessa targhetta dell'impianto rimosso!!

il disprezzo della legge
Queste immagini forse non avrebbero bisogno di commenti ma ci rivolgiamo al presidente Giannini, al GSSU e al dott. Saccotelli affinchè si dimostri a questa gente senza scrupoli che il tempo dell'arroganza è finito.
SI APPLICHI IMMEDIATAMENTE IL COMMA 14 DELL'ART.31 DEL REGOLAMENTO revocando una parte delle eventuali concessioni ancora in vigore per questa ditta!
Che venga cancellato il numero di iscrizione nella NBD di questo impianto!
I CITTADINI NON NE POSSONO PIU' E SI MOLTIPLICANO I SEGNALI DI INSOFFERENZA E DI RABBIA PER L'INSOPPORTABILE TRACOTANZA DEI CARTELLONARI.

Prima che la situazione degeneri ulteriormente TUTTE le istituzioni facciano la loro parte.

 

16 commenti:

  1. Terrore Giacobino7 luglio 2012 13:55

    abbiamo esaurito tutte le parole per esprimere il nostro sdegno.
    C'è qualcuno che ancora difende i "diritti acquisiti" di questi BANDITI?
    Credo proprio che i cittadini dell'Aurelio non tollereranno questo affronto.
    Se lo Stato è assente saranno i cittadini a farsi Stato.

    RispondiElimina
  2. Ma chi tutela più i cittadini? Le istituzioni dove sono????
    Questi neanche provano un minimo disagio nella loro infinita tracotanza.
    Che schifo di paese siamo!

    RispondiElimina
  3. V'HANNO PISCIATO IN CULO!

    RispondiElimina
  4. caro anonimo volgare e cafone, casomai CI hanno pisciato in culo, tu dove vivi? a Zurigo? i tuoi figli dove vivono? sentirsi orgoglioso di essere un maiale in un porcile non significa essere pulito e profumato.

    RispondiElimina
  5. Legio Aurelia invicta7 luglio 2012 15:01

    Anonimo delle 14.39
    fossi in te aspetterei ad esultare.
    Sappiamo che ci sono personaggi come te che sguazzano nel fango merdoso che soffoca la città, ma abbi pazienza per qualche tempo e ti faremo ricredere sul culo in cui si sarà pisciato..mi raccomando : chiappe strette, idiota!

    RispondiElimina
  6. SPERIAMO DAVVERO MA DAVVERO CHE NESSUN CITTADINO/RESISTENTE/LEGIONE PENSI DI SRADICARE IL CARTELLO DALLO SPARTITRAFFICO E DI UNIRSI AL CRESCENTE MOVIMENTO DI RESISTENZA POPOLARE CHE- TEMIAMO FORTEMENTE- POSSA ESTENDERSI A MACCHIA D'OLIO IN TUTTA LA CITTA'. SPERIAMO DAVVERO CHE NESSUNO PENSI DI RENDERE INSERVIBILE IL MERAVIGLIOSO CARTELLO!

    SAREBBE UN PECCATO ENORME CHE I MERAVIGLIOSI CARTELLI E CARTELLONI DI CUI E' STATA ORGOGLIOSAMENTE IMPREZIOSITA TUTTA ROMA FOSSERO RESI INSERVIBILI! SAI CHE PECCATO!!!

    RispondiElimina
  7. Ma chi si permette, ANCORA, a concedere concessioni per installare questi veri e propri catafalchi pericolosissimi per la sicurezza stradale e in completa violazione delle norme di cui al Codice della Strada?

    CHI si permette di avallare, concedere, autorizzare che questa ditta impianti questi immondi catafalchi in posizioni non consentite??

    Perché nessuno tutela? Cosa fanno i "vigili"? Perché Roma è nella più completa ANARCHIA? A chi giova questo stato di cose, perché non si indaga sul marcio e il giro di soldi che c'è dietro?

    Perché noi cittadini che PAGHIAMO LE TASSE, questo schifo, questa insicurezza, questa pochezza, questo degrado, questa pericolosità stradale ABBIAMO????????????????

    RispondiElimina
  8. Economia del Degrado7 luglio 2012 17:31

    Perchè le "Istituzioni" locali hanno stretto un patto d'acciaio con le criminalità organizzate.
    A Roma prosperano le mafie di tutto il mondo e l'Economia del Degrado fa accumulare enormi profitti sfruttando gli immigrati schiavi, profitti che poi vengono reinvestiti in attività legali, vedi ristoranti ed edilizia, per dirne due.
    Vi siete mai chiesti come mai si continua a edificare a Roma? Come mai la giunta sfascista vuole concedere altri 20 milioni di metri cubi di cemento? Non è difficile rispondere, su!
    Basta osservare l'organizzazione militare efficentissima dei venditori di ombrelli (tutti bengalesi), dei venditori di borse contraffatte (quasi tutti senegalesi), degli sgombracantine (tutti dell'europa dell'est), dei lavavetri e mendicanti ai semafori (c'è gente che da 15 anni lava i vetri nello stesso punto..un caso? sussuvvia!!!).
    Peccato che se tocchi quest'ultimo tasto le "oche del campidoglio" della cosiddetta sinistra comincino a starnazzare come invasate le loro penose litanie "fascisti!!" "razzisti!".
    Per questo motivo Roma ormai è il Far West.

    RispondiElimina
  9. E' molto giusto quello che si legge nell'ultimo commento. Cartellonari, bancarellari, parcheggiatori abusivi etc hanno paura che l'economia del degrado, nella quale prosperano, possa essere stroncata dall'indignazione dei cittadini. E' per questo che compiono atti di prepotenza e di arroganza come questo: ripiantare un cartellone dopo pochi giorni dalla sua rimozione è una sfida che lanciano. E noi la raccogliamo volentieri. Vedremo chi vincerà: se l'arroganza, il disprezzo della legge e della sicurezza o chi vuole decoro, bellezza e legalità!

    RispondiElimina
  10. proprio stamattina ho visto il nuovo insulto del cartello riposizionato e ho scattato una bella foto, e volevo ora postarla qui, ma vedo che mi avete anticipato.....criminali senza scrupolo protetti da alemanno-bordoni-saccone-saccottelli........Manusardi

    RispondiElimina
  11. SE NON SBAGLIO E' LA STESSA "SERISSIMA" DITTA CHE POCHI GIORNI FA HA INSTALLATO ALTRO SUO CARTELLO (DI BELLEZZA PARI A QUESTO DI PIAZZA IRNERIO MA CON DUE STAFFE) SULLO SPARTITRAFFICO DI VIALE MARCONI APPENA BONIFICATO.

    SI VEDE CHE A QUESTI GLI PIACE PROPRIO ANDARE A REINSOZZARE LADDOVE APPENA SI E' RIPORTATO UN MINIMO DI CIVILTA'.

    COMUNQUE SONO GIA' DUE INFRAZIONI GRAVISSIME, BASTA AGGIUNGERNE UN'ALTRA E SI PUO' CHIEDERE LA REVOCA DELLA LICENZA, SE NON ERRO...

    SUGGERIREI DI PROCEDERE IN TAL SENSO ( alcuni post fa su cartellopoli è stato pubblicata tale richiesta ad opera dell'Arch. Bosi a proposito di altra "serissima ditta" ).

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  12. ...si tratta del Post "i giochini della "Nuovi Spazi" a Piazza Maresciallo Giardino".
    E, vi assicuro, vi sono dei commenti di Bosi al Post che vanno assolutamente letti (specialmenet l'ultimo), per capire la situazione successiva alla famosa "inchiesta" penale .

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  13. Cartello piantato nel terreno ... dura poco all'attacco di un piccone ben maneggiato.
    Suggerirei di procedere con una rimozione forzosa ... Se solo fossi li' ci sarebbe da divertirsi durante le sicuramente calde nottate romane.

    RispondiElimina
  14. beata ingenuità..caro Mc Daemon
    secondo te basta chiedere l'applicazione della normativa affinchè qui nel Far West qualcuno ti prenda sul serio?
    Ma sussuvvia.
    Fatti 2 conti: considera il numero di rimozioni effettuate nel 2012, sono state molte..quante serissime ditte avranno collezionato più di tre gravi violazioni?
    Che tu sappia ne hanno radiata qualcuna?
    E poi la vicenda Studio Zeta & GIP non ti ha insegnato nulla?
    Siamo nel Far West e lo sceriffo è colluso coi banditi, per questo continuano a farsi beffe di tutto e di tutti.
    Comunque stai sereno: quel cartellone ha le ore contate perchè in 18° municipio non ci facciamo sfottere da questi "serissimi imbrenditori con guarandanni d'esberienza".
    Purtroppo per il movimento solo in pochi hanno capito che contro questi banditi ci vogliono anche le maniere forti e bisogna smetterla di piagnucolare chiamando papà GSSU.
    Ma molti, quasi tutti, continuano a gnaulare le solite giaculatorie senza costrutto.
    Questa è la realtà attuale.

    RispondiElimina
  15. Caro Pasquino,
    condivido la fotografia della realtà scattata.
    Come condivido che si tratti solo di banditi e ci vogliano le "maniere forti".
    Ma si spera -CON UNA NUOVA AMMINISTRAZIONE SPERIAMO DI GENTE SERIA-il fatto di avere nel cassetto già bell'e pronte diverse istruttorie volte a far decadere definitivamente diverse ORGANIZZAZIONI CRIMINALI CARTELLONARE dovrebbe aiutare a fare "piazza pulita"... oltre a considerare che a questi banditi deve essere tolta in maniera netta ogni parvenza di "titolo giuridico" ( o pittosto parodia della steso, come la storiella del CIP, inventata da bordoni,alemanno e compagnucci) in base a cui fingono di poter operare per pterne un giorno fare TABULA RASA.
    Mc Daemon

    RispondiElimina
  16. Legio Aurelia invicta11 luglio 2012 12:39

    All'anonimo del 7 Luglio ore 14.39

    vai a vedere adesso lo spartitraffico di Piazza Irnerio e mi raccomando..sempre chiappe strette,idiota!

    Consigliamo vivamente ai cartellonari di non insistere.

    Gli spartitraffici liberati dai vostri catafalchi assassini lo saranno per sempre.

    Rassegnatevi e chinate la testa al genius loci che ci affianca nella battaglia!

    RispondiElimina