lunedì 16 luglio 2012

IL BLITZ DEGLI ALBERI NON RESTA SENZA RISPOSTA. MERCOLEDI' IN PIAZZA PER GRIDARE BASTA ABUSI

All'illegalità mafiosa, all'arroganza delle seghe elettriche, alla codardia di chi opera vigliaccamente di notte, rispondiamo con una manifestazione pacifica. Dalla nostra abbiamo solo le idee, la voglia di vivere in una città migliore, con più alberi e meno cartelloni. In una Roma dove vige la legge e chi viene colto a tagliare rami e piante solo perchè oscurano pubblicità illegali non la passa liscia.

E' per questo che invitiamo tutti

MERCOLEDI' 18 ALLE 17.30 A MANIFESTARE CON NOI IN VIA TITINA DE FILIPPO CONTRO LA VIOLENZA MAFIOSA

L'evento, organizzato assieme al Comitato di Quartiere Serpentara - al quale aderiscono anche Cittadinanzattiva e altre associazioni e blog romani -  dovrà essere la migliore risposta alla strage di alberi compiuta da una ditta pubblicitaria in via Titina de Filippo.

Un'immagine dello scempio

Perchè diventi così grande, un albero ha bisogno di almeno 20 anni

Come ha ben documentato Cartellopoli in questo reportage, gli otto alberi erano tutti posizionati di fronte o accanto a cartelloni pubblicitari: impianti, si badi bene, irregolari e sanzionati.
In spregio ad ogni legge e al vivere civile, invece di rimuovere i cartelloni, hanno deciso di mozzare gli alberi di notte, senza alcuno scrupolo. Un abuso che non può restare impunito.

La scena dell'assassinio (foto cartellopoli.net)
Da brivido (foto cartellopoli.net)

Il consigliere comunale Athos De Luca ha già presentato una denuncia penale contro ignoti e un'interrogazione urgente al Sindaco.
Il Comitato di Quartiere Serpentara ha presentato un esposto al IV° Gruppo della Polizia Municipale.

Ci sono forti indizi per individuare il mandante di un reato ambientale gravissimo. Nell'attesa che la giustizia faccia il suo corso (sperando che lo faccia davvero), non restiamo a guardare.

APPUNTAMENTO MERCOLEDI' ALLE ORE 17.30 IN VIA TITINA DE FILIPPO. PER GRIDARE 'BASTA VIOLENZA, ILLEGALITA' E ABUSI'.

8 commenti:

  1. Questo incredibile scempio mostra il salto di qualità criminale compiuto dai cartellonari che ormai sfidano apertamente i cittadini e le istituzioni, all'interno delle quali, purtroppo, per troppo tempo hanno trovato coperture e connivenze.
    Come affermato durante l'incontro di qualche sera fa a Castel S.Angelo si tratta di scegliere tra la LEGALITA' e L'ILLEGALITA'.
    Coloro che pensano di assolversi con una rassegnata alzata di spalle SONO COMPLICI DELLA MAFIA.
    NOI ANDREMO FINO IN FONDO sperando che gesti criminali come questo possano essere la campana a martello che svegli dal torpore mortale una cittadinanza avvilita e soprattutto una Magistratura ancora non pienamente consapevole della portata CRIMINALE dell'Economia del Degrado.
    La campana sta suonando per tutti voi, cittadini romani.
    Volete continuare a subire LA PREPOTENZA chi vuole rubarvi tutto?

    RispondiElimina
  2. Parole sante Fitz.

    Mi permetto pero' di ribadire che la migliore risposta a 'sti cartellonari di guano e' cercare di far rimuovere tutti quegli impianti che risultano irregolari (mi sembra di aver capito che lo sono tutti li'). Cosi' la prossima volta ci pensano dieci volte prima di prendersela con gli alberi indifesi, 'sti bastardi.
    Chiamate Di Maggio e ditegli che se non ci pensa lui ad abbattere gli impianti c'e' il rischio che lo faccia qualche cittadino seriamente imbufalito.

    Per quello che conta, sono con voi.

    RispondiElimina
  3. Credo che l'Ass. Basta Cartelloni, in quanto portatrice di interessi diffusi, possa sporgere denuncia formale.

    RispondiElimina
  4. in quanto portatori di interessi diffusi forse è giunto il momento di agire in difesa anche con le cattive.

    RispondiElimina
  5. è giunto anche il momento di NON DELEGARE e di prendersi LE PROPRIE RESPONSABILITA' in difesa della legalità e di una città ormai senza più controllo con cartellonari che tagliano alberi, mutandari sotto la colonna dell'Immacolata in Piazza Mignanelli, bus turistici in tripla fila col motore acceso, muri ricoperti di tags, venditori ambulanti che picchiano onesti commercianti, sosta selvaggia che genera incidenti e morti, semafori occupati militarmente dal racket dei mendicanti e lavavetri..etc.
    BASTA DELEGARE
    BASTA LIMITARSI A FARE COMMENTI SUI BLOG
    NON ABBIAMO LA BACCHETTA MAGICA,sarebbe davvero ora che tutti lo capissero.

    RispondiElimina
  6. ...Poveri alberi tagliati da degli emeriti imbecilli!!!!.....Tanti anni in cella tanti quanti ne servono ad un albero per crescere!!!!!!

    RispondiElimina
  7. MA LE DITTE SERIE, PERCHE' NON PRENDONO LE DISTANZE DAI COLLEGHI "SCORRETTI"?

    PERCHE' NON CHIEDONO, COME FACCIAMO NOI, LA RIFORMA DEL SETTORE?

    NON CAPITE CHE LA GENTE VI ASSOCIA CON GLI ABUSIVI?

    SAREBBE UN SEGNALE DI DISCONTINUITA' E RISPETTO DEI CITTADINI SE DOMANI PARTECIPASTE ANCHE VOI ALLA MANIFESTAZIONE.

    RispondiElimina
  8. Legio Aurelia invicta17 luglio 2012 15:01

    Le ditte serie?
    quelle con "guarandanni d'esberienza nel zettore"?
    Sono tutti BANDITI E LO HANNO DIMOSTRATO PIU' VOLTE.
    Certo che qualcuno è più bandito di altri ma invece di dissociarsi li imitano.
    Qual'era la società che per farsi bella promise di rimuovere 300 impianti?
    La Clear Channel, mi sembra.
    Ne hanno rimossi alcuni..gli operai incaricati dal Comune.
    ACHTUNG BANDITEN! I CARTELLONARI..TUTTI!

    RispondiElimina