giovedì 19 luglio 2012

Via Titina de Filippo: la gente urla NO alla violenza cartellonara!

le voci dello sdegno popolare
Possiamo dirlo con sicurezza: ieri pomeriggio il movimento anti-cartellonaro ha fatto un importante salto di qualità. L'assurda e cieca violenza dei cartellonari che la notte del 9 luglio hanno tagliato 8 alberi di alto fusto in Via Titina de Filippo ha provocato un'ondata di sdegno fortissima nel quartiere Serpentara e l'intensità con cui gli abitanti hanno partecipato alla manifestazione ci spinge ad un impegno ancora più determinato in questa battaglia di civiltà.
gli abitanti di Via Titina de Filippo parlano chiaro!
La manifestazione organizzata a tamburo battente da Bastacartelloni e Comitato di Quartiere Serpentara ha visto la partecipazione dell'on. Athos de Luca da sempre in prima linea insieme ai comitati e ai blog anti-degrado nella battaglia contro l'Economia del degrado. Ha aderito anche Cittadinanzattiva Lazio, il cui segretario, Roberto Crea, era presente alla manifestazione


l'on. Athos de Luca con alcuni manifestanti

Abbiamo raccolto testimonianze sullo scempio ambientale commesso da "ignoti" ma soprattutto abbiamo potuto toccare con mano la ferma determinazione dei cittadini a sbarrare il passo a chi pensa di poter calpestare le leggi impunemente sfregiando anche il patrimonio naturale in nome del profitto personale

consapevolezza ed esasperazione per lo scempio dei cartelloni
Abbiamo pensato tutti insieme di dare una prima risposta a questi inqualificabili personaggi mettendo a dimora un magnifico leccio, donato generosamente dal Vivaio Talenti di Viale Jonio 89, e la piantumazione ha richiesto buone braccia...
Si inizia lo scavo...

Si bagna il terreno per facilitare lo scavo..
tra gli applausi dei presenti si mette a dimora il leccio

l'albero della legalità
applausi e soddisfazione di grandi e piccini

i numerosi cittadini presenti ascoltano le brevi dichiarazioni di Athos de Luca e dei rappresentanti di Bastacartelloni
Tra sorrisi e strette di mano la manifestazione si è conclusa alle 19 con l'impegno di organizzarne un'altra in autunno per piantare altri alberi e sanare lo scempio commesso.
Vogliamo sperare che la prossima volta il presidente del IV° municipio e i consiglieri di maggioranza e opposizione vogliano essere presenti per esprimere la partecipazione convinta delle Istituzioni locali a questa battaglia di civiltà, continuando nel frattempo ad impegnarsi per risalire ai responsabili del gesto criminale.

Foreste di cartelloni? No grazie!

Nella sua rubrica "VOCI ROMANE", il Corriere della Sera parla della vicenda di via Titina de Filippo. Ci spiace notare che pur avendo correttamente citato il nostro blog quale fonte delle fotografie, il giornalista abbia fatto un pò di confusione sugli organizzatori della manifestazione. Legambiente, che viene citata nell'articolo, non ha partecipato all'evento che invece è stato organizzato solo dal CdQ Serpentara e Basta Cartelloni

27 commenti:

  1. bravi ragazzi, complimenti e complimenti ad Athos De Luca. Sarebbe stata sicuramente importante, visto il caso in questione, la presenza dell'Ass.Visconti, ma al momento sembra essere occupato con ben altri problemi, lo capiamo, cosa vuoi che siano 9 (NOVE!!) alberi tagliati per far posto ai cartelloni abusivi, quando devi difenderti per le accuse su parentopoli? anche con lui faremo i conti alle prossime elezioni

    RispondiElimina
  2. Ben fatto! Viva la legalità! Via la marmaglia che è connivente con lo schifo della devastazione dei cartelloni pubblicitari e della malavita che c'è dietro, con tutti i suoi lacchè che siedono su su...

    RispondiElimina
  3. Determinazione, sorrisi e strette di mano!
    Il movimento sta davvero crescendo e l'insofferenza verso i banditi cartellonari AUMENTA.

    Stupisce ma non più di tanto l'assenza totale delle Istituzioni locali che erano state avvisate della manifestazione.

    L'ennesima conferma dello scollamento forse irreparabile tra politici e cittadini.

    I cartellonari sappiano che adesso c'è una rete di sentinelle del decoro anche in 4° municipio e che faremo di tutto per individuare gli autori dello scempio.

    Non dimenticheremo.

    A ottobre grande manifestazione per ripiantare tutti gli alberi..anzi pure qualcuno di più.

    ALEA IACTA EST

    RispondiElimina
  4. Immagini magnifiche, dobbiamo raccogliere e canalizzare il malcontento della gente ed educare coloro che non percepiscono il degrado in cui vivono al vivere civile. Spero di esserci alla prossima, scusate ma è un periodaccio.. grande Fitz, Les, Stefano, grandi tutti!

    RispondiElimina
  5. Bellissime immagini, fanno tornare la speranza di riportare Roma alla civiltà. Vedere tanta gente in piazza dovrebbe far riflettere le ditte cartellonare: NON TUTTO VI E' PERMESSO! Se le istituzioni latitano o sono complici, ci sono i cittadini che controllano. E fino a che questo resterà uno stato di diritto, i vostri abusi non passeranno.

    RispondiElimina
  6. 10, 100, 1000 alberi... tolleranza "zero" con i cartelloni. Avanti così che alla fine vinceremo noi!

    RispondiElimina
  7. basta ai banditi cartellonari e basta ai loro complici politici

    per ogni cartello da abbattere 10 alberi da piantare sempre a carico delle ditte criminali !

    RispondiElimina
  8. Complimenti davvero !

    Questa è la "Buona Strada" per "Riprenderci Roma".

    Cresce la Coscienza Civica e l'odio per i Malavitosi!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  9. Fantastici! Siete sempre i miei eroi!

    Questa volta accompagnati da tanti ottimi cittadini che evidentemente hanno capito che o si danno una svegliata o i cartellonari ed i loro bastardi sicari faranno carne di porco di tutto.
    Ne hanno da imparare da costoro gli abitanti di quartieri ben piu' blasonati, che pero' assistono inermi da mesi (anni a volte) alla schifosa invasione degli impianti pubblicitari.

    Queste sono le notizie che dovrebbero occupare le prime pagine dei giornali: il risveglio dei cittadini dal torpore ... no quei morti viventi dei politici che continuano imperterriti a ballare sul ponte del Titanic.

    A proposito, ma il IV Municipio non ce l'ha uno straccio di presidente? No perche' se non si e' presentato in questa occasione, che sia stato invitato o meno (se neanche l'ha saputo e' doppiamente inetto), con che razza di faccia pensa di presentarsi alle prossime elezioni?

    C'e' una parte da salvare della disgraziata citta' di Roma, ed e' rappresentata nelle foto del post.
    Giunga a tutti il mio piu' caloroso abbraccio.
    Whish I were there.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il presidente Bonelli sapeva perfettamente dell'evento, era stato anche invitato ma ha avuto anche lui un legittimo impedimento

      Elimina
  10. Alla prepotenza cartellonara, e alle sue coperture politiche, la cittadinanza si ribella: la presenza e l'attivismo dei cittidini si sta risvegliando, quì come in altre parti di Roma. Il vuoto abissale delle Istituzioni, a parte ovviamente Athos De Luca e qualche coraggioso Presidente di Municipio, crea invece un rumore sordo quasi un boato, dove dietro slogan che ci hanno proponato per anni, false polemiche e beceri confronti, i contenuti stanno a ZERO !!
    Non lasceremo il territorio nele mani della mafia cartellonara, non lasceremo che l'Assessore DAVIDE BORDONI la passi liscia, dopo aver dato il nulla osta a saccheggiare e distruggere la città di Roma.

    MAFIE E CORRUZIONI DIETRO I CARTELLONI

    RispondiElimina
  11. Come diceva Gianmaria Volontè (indio) al Monco ed al Colonnello:
    "Non avreste mai dovuto sparare a quelle mele"
    noi diciamo ai cartellonari:
    "non avreste mai dovuto tagliare quegli alberi"
    E' stata la peggiore mossa che potessero fare
    Stefano

    RispondiElimina
  12. quoto Stefano al 100%!
    eppure non ci vorrebbe molto a buttarli giù quei catafalchi ... una buchetta da una parte e verrebbero giù tutti come tanti birilli ... sai che godimento!

    RispondiElimina
  13. roberto borgheresi si chiama il genio che presiede il Iv municipio, uno che gli entrano in casa, gliela devastano e fa pippa!
    VERGOGNA!!!

    RispondiElimina
  14. Dai Dai Buttiamoli giu. mi sono rotto di usare la penna contro gente che capisce solo il piccone

    RispondiElimina
  15. Come sempre GRAZIE per l'impegno e il coraggio civile. Ma la città è ormai landa degradata di conquista di laidi delinquenti senza più scrupoli nè ovviamente remore. E a proposito di alberi tagliati per far posto a cartelloni abusivi...qualcuno ricorda ancora le DICHIARAZIONI ROBOANTI per il neanche troppo lontano tristissimo episodio DAVANTI AL TRIBUNALE CIVILE(sic!) di via LEPANTO ??? Malgrado le promesse delle MASSIME AUTORITA' CITTADINE il cartellone opprime ancora la piazza mentre un piccolo moncone di leccio stà a ricordare quello che una volta era ancora una città.

    RispondiElimina
  16. Via Lina Cavalieri19 luglio 2012 15:23

    Piccola nota di colore: tra poco il Devoto-Oli riporterà il neologismo "Cartellonaro", vedi il titolo dell'articoletto pubblicato oggi in cronaca di Roma da Repubblica a firma la.ser.
    Anche questo sarà un vostro merito.

    Certo se fossero un pò più precisi i giornalisti non guasterebbe: li ringrazio per aver dato spazio alla bellissima vostra manifestazione ma..è stato piantato un leccio e non un tiglio (si vede benissimo dalle foto anche) e poi la manifestazione l'avete organizzata voi con il Comitato Serpentara e non altre associazioni.
    Ma come raccolgono le notizie costoro?

    COMUNQUE GRAZIE, C'E' ANCORA SPERANZA IN QUESTA CITTA'.

    Ho letto che in autunno pianterete altri alberi.

    Parteciperò sicuramente!

    RispondiElimina
  17. Queste immagini mi fanno ancora sperare che la nostra città possa tornare ad essere più civile.
    Dai ragazzi, formiamo squadre di quartiere per staccare tutti gli adesivi dei traslocatori, per staccare i manifesti affissi su luoghi non adibiti, creiamo questo circolo virtuoso.
    Grazie a tutti.

    RispondiElimina
  18. Più alberi e NIENTE cartelloni! Ridiamo la città ai cittadini.

    RispondiElimina
  19. Bene, così si fa! Un bellissimo e simbolico gesto per affermare il diritto di vivere della natura e dei cittadini per bene! Più verde e zero cartelloni, oggi c'é internet, i cartelloni non servono più, questo scempio é da debellare!

    RispondiElimina
  20. L'associazione Basta Cartelloni non è contro la pubblicità in generale, vorremo però che fosse all'altezza degli altri paesi europei, dove ce ne sono di meno, hanno aspetto identico e gradevole, sono posizionati rispettando la legge e il territorio, vengono gestiti da pochissime ditte che ne vincono l'appalto con bandi di gara internazionali per ognuno dei macrolotti nei quali viene divisa la città.

    RispondiElimina
  21. Mettete un link da qualche parte per associarsi!

    RispondiElimina
  22. BRAVI!
    in questa città ci sono ancora un pò di persone col senso civico.
    speriamo di contagiare parecchie altre persone.

    RispondiElimina
  23. http://www.youtube.com/watch?v=rjbtfpCIeoQ&feature=player_embedded


    UN BEL VIDEO SULLA MANIFESTAZIONE..

    RispondiElimina
  24. ieri c'erano molti cittadini di buona volontà, bene.
    A corollario di quanto avvenuto nei giorni scorsi con il criminale taglio degli alberi, vorrei sottolineare un paio di cose che mi hanno colpito ieri:
    1) poche centinaia di metri più avanti, altri due alberi erano stati tagliati con lo stesso scopo nei mesi scorsi: rendere un cartellone sul marciapiede più visibile. Ci sono ancora i tronchi mozzati, non sono mai stati sostituiti
    2) l'assessorato al Verde pubblico non può solo dire che non è sua competenza la rimozione dei cartelloni nelle aree verdi curate dal Servizio Giardini. Deve esercitare tutte le pressioni, anche pubbliche, del caso per obbligare l'assessorato del Sig Bordoni ad intervenire e a far rispettare la delibera 37/2009 che, per quanto orrenda, stabilisce dei paletti almeno su questo
    3) il presidente Cristiano Bonelli è stato invitato, anche da noi di Cittadinanzattiva, e abbiamo chiesto che mandasse qualcuno in rappresentanza del governo municipale in caso di impossibilità sua personale. Io non ho visto nessuno nè ricevuto alcuna risposta
    4) infine una cosa interessante, per quanto testimonianza ulteriore di degrado anche amministrativo: nel IV municipio e non solo, recentemente sono comparse sui marciapiedi e sugli spartitraffico colonnine arancioni che vengono presentate come rilevatori di velocità e che avrebbero la funzione. Non ci crederete, ma sono cilindri vuoti. Non c'è alcuna apparecchiatura elettronica al loro interno. Alcune sono state incendiate (anche vicino a piazza Tina Pica, dove eravamo ieri), altre divelte e gettate nelle aiuole.
    Insomma, l'ennesima presa per il naso: anzichè installare vere apparecchiature che possano rilevare la velocità e tutelare la sicurezza di passanti e automobilisti corretti, installano colonnine finte!
    A quando pupazzetti gonfiabili con le sembianze di un vigile urbano?
    Questi sono i mezzucci con i quali qualcuno pensa di far credere ai cittadini che si sta combattendo il degrado e i comportamenti illeciti.
    Che vergogna
    Roberto Crea

    RispondiElimina
  25. Ridicolo! Infantile. Si vuole risolvere il problema da perdone adulte? Bene allora si lotti politicamente per avere un regolamento serio che determini numero, forma, posizione etc dei cartelloni, in modo da dare anche a chi di dovere gl strumenti per sanzionare. Se si lascia l'orribile e lacunare regolamento e ci si limita a fare queste cose ridicole non cambierà mai nulla.

    RispondiElimina
  26. Scrotino è un coglione2 agosto 2012 10:00

    e certo..i bambini anti-degrado non lottano politicamente da 3 anni, non raccolgono 10.000 firme per sostenere la delibera di iniziativa popolare, non contattano presidenti e consiglieri municipali per discutere di PRIP e convincere della bontà delle proprie proposte di riforma, non continuano un lavoro estenuante per aprire gli occhi sulla portata criminale del fenomeno della cartellopoli romana..no..si divertono, si baloccano col secchiello e la paletta a piantare gli alberelli.
    L'unico RIDICOLO sei tu (e pure ignorante: lacunare???)
    E lo sanno tutti.

    RispondiElimina