sabato 8 settembre 2012

"Questo impianto è pericoloso e va rimosso": la denuncia dei disabili visivi

E' una delle centomila plance della Sci apparse in tutta Roma in questi mesi. Ma questa - secondo l'associazione Disabili Visivi - è una delle peggiori e più pericolose.

Via Portuense, altezza ospedale Spallanzani-Forlanini

Ecco cosa ci scrive Roberto C., dopo un sopralluogo sul posto:

"Via portuense, davanti all'entrata del Forlanini. Sistemazione perfetta perchè un non vedente o semplicemente una persona un po' distratta possa spaccarsi la testa. Ma questa gentaglia vigliacca che installa gli impianti in questo modo non si vergogna nemmeno un po'? Non ha una coscienza? Non ce l'ha un parente malato, un amico in carrozzina, dei figli che corrono sui marciapiedi, magari in bicicletta.
non ho parole. Ma molto sdegno. Speriamo lo rimuovano immediatamente".



La posizione del cartellone è criminale: non solo non è parallela all'asse stradale come previsto dal Codice della Strada, non solo non rispetta le distanze minime dal ciglio della strada, ma immaginatevi cosa può succedere ad un non vedente che - guidato solo dal suo bastone - dovesse passarci sotto. Si spaccherebbe la testa.

Non bastava il chiosco del fioraio: ora la gimkana anche col cartellone



Questo cartellone va rimosso. Lo abbiamo già segnalato agli uffici competenti. Se non interverranno in pochi giorni, i cittadini troveranno comunque una soluzione.

11 commenti:

  1. Criminali, delinquenti, farabutti (gli installatori di quest'impianto, ovviamente).
    Se ne approfittano perche' sanno che c'e' (anzi non c'e', praticamente) una magistratura che continua a farsi sonni profondi ignorando una questione che ormai sta li' squadernata da anni.

    Consiglio per i cittadini di buona volonta': le immagini mostrano che la plancia dell'impianto e' legata ai due pali con semplici bulloni; e' sufficiente munirsi di una chiave inglese (a bussola sarebbe ancora meglio), svitare i bulloni e portare la plancia al primo cassonetto dell'AMA. Se qualcuno chiede qualcosa dite pure che c'avete sbattuto la testa contro l'impianto e che volete evitare che qualcuno faccia la stessa fine. A occhio e croce dovrebbe andare bene una chiave del 15 o del 17.
    Lo farei io con molto piacere se solo potessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande appena posso ci passo a farlo !!!!

      Elimina
  2. che squallore !!!

    Procura della Repubblica indaghi immediatamente !!

    RispondiElimina
  3. Oh, ma mica è l'unico cartello del genere in quel tratto. I serissimi pubblicitari della SCI, nel giro di 5-600 m la' attorno ne hanno messi altri 5 identici! Ma si, che ce frega, melium abundare quam deficere....

    RispondiElimina
  4. 'sti bastardi!!! che je cascassero le mani!

    RispondiElimina
  5. @Anonimo delle 12.55. E' vero che ci sono altre decine di cartelloni come questo nella zona. Ma qui è una cosa diversa: qui si tratta di un impianto posto di traverso sul marciapiede, di fronte l'ospedale!
    Dario

    RispondiElimina
  6. Quel tipo d'installazione dei cartelloni SCI, perpendicolare alla strada, è molto diffusa in tutta la città e quindi l'emergenza che segnala l'associazione Disabili Visivi è moltiplicata per centinaia di strade in tutta la città.

    RispondiElimina
  7. LA TRAGI-COMMEDIA ROMANA DEI CARTELLONI CHE VEDE I CITTADINI COME UNICHE VITTIME CERTE CONTINUA.....

    BUFFONI
    HANNO PURE IL CORAGGIO DI SCRIVERE NEI REGOLAMENTI DI UN CERTO LIMITE DI AFFOLLAMENTO MASSIMO PUBBLICITARIO

    ALEMANNO SPARISCI, HAI FATTO DANNI PER DECENNI

    RispondiElimina
  8. Devo farmi forza per ripetere ancora una volta che i fatti avvenuti questa estate dimostrano che i cartellonari fanno ormai quello che vogliono fregandosene di tutto e di tutti.
    Hanno messo nel conto altri morti e feriti tanto nessuno li tocca, l'importante è continuare a lucrare PIZZO.
    Le rimozioni farsa non ingannano più nessuno ma purtroppo NESSUNO nonostante dettagliatissime denunce penali vuole andare fino in fondo a questo immenso marciume.
    E pensare che il nuovo direttore Saccotelli ha categoricamente affermato più volte di non aver rilasciato alcuna autorizzazione per spostamenti e ricollocazioni.
    Si..proprio così: LA SCI HA INSTALLATO MIGLIAIA DI IMPIANTI NUOVI DI ZECCA IN TUTTA LA CITTA'.
    Addirittura in Piazzale della Radio troneggiano cartelloni ABUSIVI, senza neanche l'iscrizione nella vergognosa NBD di Bordoni, della Romantech. Sanzionati da quasi un anno, totalmente abusivi, continuano a lucrare illecitamente. Roma è terra di nessuno e la criminalità spadroneggia.
    FORSE CI VORRREBBE BATMAN

    RispondiElimina
  9. O almeno il commissario Gordon...

    RispondiElimina
  10. Legio Aurelia invicta12 settembre 2012 22:26

    vEDRETE CHE SOLUZIONE..

    RispondiElimina