sabato 1 settembre 2012

Quando Alemanno trasgredisce le ordinanze di Alemanno

La segnalazione del lettore Bruno C., è il segno evidente di quanto il Campidoglio sia gestito da un gruppo di dilettanti e improvvisati.

L'8 febbraio 2010 entra in vigore l'ordinanza del sindaco sul volantinaggio: giustamente si vieta una forma di pubblicità schifosa che sporca la città e non viene letta da nessuno.

Ed ecco le foto inviate da Bruno C. al nostro blog, in questi giorni: la zona di San Giovanni invasa da volantini non del pizzicagnolo dietro l'angolo, non del solito compro oro, non della poco seria agenzia immobliare, MA DI ROMA CAPITALE!

Davvero il Campidoglio non ha altro modo per comunicare con i cittadini?
Immaginiamo dove sia finito questo pezzo di carta: in terra a insozzare la città
Immaginatevi a Berlino una roba del genere?

Insomma Alemanno ora dovrebbe multare Alemanno. E magari lo farà davvero, così sul suo sito potrà scrivere: noi siamo inflessibili con chiunque!! Chiama esercito...!

Leggete una parte del comunicato del Comune, riportato dal Tempo, il 4 febbraio 2010, quando fu approvata l'ordinanza con rullo di tamburi:
"è fatto divieto di distribuire, affiggere, esporre in ogni forma manifestini e simili. Il divieto si estende a parabrezza e lunotti di autovetture e di tutti gli altri veicoli".

Ecco appunto!

4 commenti:

  1. Dipartimento Mobilità e Trasporti ... quindi la responsabilità di una tale idiota e illecita iniziativa è di Aurigemma, un altro genio dell'ormai mitica giunta alemanno.
    Se ancora ce ne sono di questi volantini in giro bisognerebbe fare denunce multiple ai vigili perché li sanzionino.
    Roma Capitale che sanziona Roma Capitale. E poi ci chiediamo il perché dei 400/500 punti di spread. So' pure pochi co' sti campioni al Campidoglio!

    RispondiElimina
  2. Roba che manco li cani

    RispondiElimina
  3. Roma è in mano a una banda di ladri: tagliamogli le mani !

    RispondiElimina
  4. bordoni e alemanno hanno fatto devastare ogni angolo di Roma ai cartellonari. I danni sono incalcolabili ed irrimediabili. I responsabili paghino di tasca propria il disastro piombato su Roma, oggi deturpata ed irriconoscibile!

    RispondiElimina