domenica 31 agosto 2014

Ambulanti: Confcommercio e Confesercenti se la prendono (giustamente) contro gli abusivi ma dimenticano la piaga dei banchi regolari. E se i negozi chiudono.....

Viale Parioli in un giorno qualunque: i banchi autorizzati

Sembra quasi che Confcommercio e Confesercenti abbiano un occhio solo. Come un medico che - di fronte ad un paziente con due gambe malate - decidesse di curarne una sola lasciando che l'altra finisca in cancrena.

E' il paradosso della denuncia che le due associazioni hanno presentato nei giorni scorsi sulla crisi del commercio a Roma. Hanno redatto una mappa delle 10 zone dove si concentra il maggior numero di ambulanti abusivi e la tipologia dei prodotti venduti: occhiali a via Ottaviano, maglioni a viale Parioli etc. Ma non una parola, un dato, un segnale di sdegno nei confronti della piaga dei banchi autorizzati che sono ormai il vero cancro del commercio cittadino. Come da nessun'altra parte del mondo, solo a Roma invadono tutti i marciapiedi frequentati dallo shopping, le stazioni dei treni, i parcheggi, costringendo i pedoni a pericolosi passaggi in strada e dando della capitale un'immagine da luogo sottosviluppato.

Il marciapiede non più pedonabile di viale Somalia


Ed è grave che proprio Confcommercio e Confesercenti dimentichino questo aspetto quando Roma è la città dove si registra il maggior numero di negozi chiusi e posti di lavoro persi nel settore. Una vera ecatombe con 1.390 attività commerciali decedute in soli 4 mesi. Di queste, ben 790 erano cosiddette “botteghe di vicinato”. E i posti di lavoro perduti lo scorso anno sono 16.680. Frutto non solo della crisi economica, ma della concorrenza sleale che le bancarelle fanno ai negozi regolari. Tanto più grave perché lo studio che stiamo citando fu pubblicato proprio da Confesercenti nel 2013.

E' il solito vizio di chi pensa che i problemi si risolvano affrontando solo un aspetto e ignorando l'altro perché magari fa comodo non disturbare qualche potente famiglia che ha il monopolio di tutto ciò che è ambulantato.

Nei giorni scorsi abbiamo avanzato una proposta:
  • una banca dati che regolamenti la sosta delle bancarelle dopo avere verificato gli spazi autorizzati;
  • un segno distintivo in terra oltre il quale i banchi non devono esporre la merce;
  • il rispetto delle regole di sicurezza per le vie di fuga e antincendio.

Il tutto in attesa di assegnare tramite un bando di gara le nuove autorizzazioni (in numero infinitamente minore).

Forse non è la soluzione perfetta. Alcuni lettori hanno commentato il nostro precedente articolo con delle riflessioni interessanti di cui tenere conto. Ma almeno è un'idea.

E allora, da parte delle grandi associazioni del commercio ci saremmo aspettati un'idea concreta e un'analisi più obiettiva della situazione romana.

Anche perché, pure con un occhio solo, la vergogna mostrata nella foto qui sotto non si può ignorare!

Boccea: banchi "regolari"!

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Sullo stesso tema

Bancarelle: in attesa dei bandi di gara, una banca dati pubblica indichi dove possono sostare. Prima che ci scappi il morto si cominci da Termini

Appunti per Ignazio Marino: a Roma il record di chiusure dei negozi. Ecco come salvare e creare posti di lavoro

Lettera aperta a Stefano Dominella: bene la lotta al commercio abusivo ma non dimentichi i banchi "regolari"

I due problemi del commercio ambulante: abusivismo e gigantismo di quello regolare. Solo che di quest'ultimo si parla molto poco

Bancarelle e mercatini da terzo mondo. Il primo Municipio dà il via alla stagione delle regole. Fosse la volta buona?

5 commenti:

  1. Ragazzi ma guardate! Nemmeno è visibile la scritta del negozio dietro! Uguale a via Cola, pure lì impossibile notare negozi (anche di pregio) dietro quel lerciume quartomondistico.

    RispondiElimina
  2. E i commercianti che pagano care le loro insegne non hanno motivo di lamentarsi?

    RispondiElimina
  3. no, i commercianti pensano che le bancarelle fanno traffico di clienti. Provate a chiedere e non crederete alle vostre orecchie, quei commercianti non protestano perché gli va bene così. rendiamoci conto.

    RispondiElimina
  4. DEGRADO FOLLE ED INCIVILE AL PARCO DELLA RESISTENZA (PORTA SAN PAOLO).

    C'E' DA PRENDERSI UN'INFEZIONE E DA AVERE PAURA!!!

    MAI VISTO-IN NESSUNA PARTE DEL MONDO- UN PARCO (CENTRALISSIMO, OLTRETUTTO) IN CONDIZIONI COSI' SPAVENTOSE!


    Mc Daemon

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ass. Bastacartelloni - Francesco Fiori1 settembre 2014 00:06

      Mc Daemon tutta la zona tra Ostiense e San Paolo è ormai allo sbando (non che il resto di Roma si salvi intediamoci). A marzo del 2014 dedicammo al mercatino del rubato di fronte l'ingresso della Roma-Lido questo articolo. L'Italia aveva vinto da poco l'oscar con la grande bellezza eppure....

      http://www.bastacartelloni.it/2014/03/la-grande-bruttezza-e-la-piccola.html

      Riguardo il Parco della Resistenza ti consigliamo questo reportage fotografico dei residenti del quartiere, pubblicato da Romafaschifo lo scorso giugno

      http://www.romafaschifo.com/2014/06/le-condizioni-raccapriccianti-del-parco.html

      Elimina