lunedì 2 aprile 2012

"Alemanno che gaffe sui manifesti". La strana coppia Sindaco-Cassone raccontata dall'Espresso

"Povero Sindaco Alemanno non lo ascolta proprio nessuno"!
Inizia così un interessante articolo del settimanale l'Espresso che dimostra come gli appelli del primo cittadino restino sempre lettera morta. Questa volta Alemanno è stato tradito dal presidente della commissione commercio. Sì proprio da lui.....da quell'Ugo Cassone che gli anticartellonari conoscono molto bene.

Dopo aver chiesto con un video di smetterla con i manifesti abusivi, il sindaco è stato pugnalato alle spalle dal suo compagno di partito Cassone. A causa di questo manifesto.

13 commenti:

  1. Su questa vicenda vi invito a leggere le parole di Malaroma in questo ottimo post

    http://malaroma.blogspot.it/2012/04/bravo-cassone-meglio-pensare-al-tibet.html

    RispondiElimina
  2. Ma il Governo è d'accordo su questa iniziativa di Cassone?
    Dal sole 24H:
    Monti: gli investimenti cinesi sono un indicatore delle riforme, per la crescita valgono quanto lo spread
    Sullo stato di salute dell'economia italiana gli investimenti provenienti dall'estero - e la Cina è in prima linea - influiscono tanto quanto lo spread, il famigerato differenziale tra Btp italiani e bund tedeschi. E nei prossimi anni i primi potrebbero avere un ruolo più risolutivo dei secondi. È questa la sensazione che il presidente del Consiglio Mario Monti ha maturato a seguito degli incontri di questi giorni nei principali Pesi dell'Est asiatico.

    RispondiElimina
  3. Totò e Peppino....andatevene a casa incompetenti!!!

    RispondiElimina
  4. Il presidente della commissione commercio del comune che affigge propri manifesti abusivi, evadendo la tassa comunale e deturpando centro e periferia della città, è lo specchio fedele della situazione paradossale che c'è a Roma.
    Non solo abbiamo 'politici' (si fa per dire) del tutto inadeguati ai compiti assegnatigli, ma costoro si fanno anche beffe delle norme che il loro stesso ruolo dovrebbe far rispettare.

    Se Cassone avesse un po' di dignità chiederebbe scusa per l'imbarazzante incidente e toglierebbe il disturbo. Siccome oltre che di capacità questi figuri sono anche scarsi di amor proprio, farà finta di niente come i suoi simili e proseguirà l'opera di affossamento di Roma.

    RispondiElimina
  5. Una cosa che se non fosse vera sarebbe la trama di un film sull'assurdo. Ma dico, ci rendiamo conto in che razza di città viviamo e come essa e da che razza di gente sia governata?? Quando la parte sana della popolazione romana avrà un sussulto di ONESTA' e caccerà via queste inqualificabili persone?

    RispondiElimina
  6. ma come si fa..neanche le basi..

    RispondiElimina
  7. Ormai non ho più parole o aggettivi per esprimere i miei sentimenti verso questa gente che siede sui banchi nell'aula di Giulio Cesare.
    Il cavallo di Caligola sarebbe più saggio ed accorto.
    Spero solo che passi presto questo anno che ci separa dalle prossime elezioni.
    Lo tsunami di bruttezza e squallore che ha sommerso Roma da quando "governa" questa ghenga richiederà ANNI per essere CANCELLATO.
    Altro che cartelloni...è questa gentaglia che dobbiamo rimuovere al più presto. (SE PENSO CHE ABBIAMO PERSO IL NOSTRO TEMPO PER PARLARCI...).
    Ma vi rendete veramente conto di quale sia il livello culturale, politico e umano di questi personaggi? Come è potuto accadere tutto ciò?

    RispondiElimina
  8. Sull'On. Cassone c'è poco altro da dire.

    Qualcosa va detta però sull'opposizione.

    Ecco due frasi pronunciate da esponenti di spicco del PD romano.

    Paolo Masini: "E oggi lo stesso sindaco viene a farci un sermone contro i manifesti abusivi? I romani sono stanchi di essere presi in giro"

    Enzo Foschi: "Invece di fare appelli pubblici e video sul suo blog, il sindaco dovrebbe prendersela con sua moglie e dirle di non attaccare i manifesti in giro per tutta la città"

    Bene, ora cliccate sull'articolo dell'Espresso e andate a vedere di chi sono i manifesti abusivi nella terza foto. A proposito di coerenza.

    RispondiElimina
  9. Cassone dopo questa operazione non è più degno (già prima esisteva qualche dubbio) di rimanere presidente della commissione commercio. Cittadinanzattiva ne ha chiesto le dimissioni. Tra l'altro in parecchi abbiamo chiesto l'intervento dei PICS perchè venga sanzionato anche dal punto di vista amministrativo. Come farà il signor Cassone a dire cosa devono fare gli altri attraverso gli atti della commissione quando lui per primo ha violato volontariamente le norme? Si vergogni, signor Cassone. Roberto Crea

    RispondiElimina
  10. Questa la mail che abbiamo appena mandato al sindaco per chiedere le dimissioni di Cassone.

    "Egregio Sindaco Alemanno,
    l'invasione di manifesti abusivi che il consigliere Cassone ha messo in atto in tutta la città in barba alle regole, al decoro, alla dignità della propria funzione istituzionale e anche alle Sue parole del giorno prima che chiedevano proprio il rispetto della legalità e con forza invitavano civilmente di evitare le affissioni abusive, è un atto incivile, inqualificabile a illegale.

    Il fatto è stato segnalato da noi e da molti altri cittadini alle autorità competenti, in primis al PICS decoro, al quale chiediamo di intervenire nell'ambito delle proprie competenze e responsabilità con tutte le azioni del caso.

    Chiediamo con forza che sia rimosso o indotto a dimettersi dalla Presidenza della Commissione Commercio per evidente incompabilità con il ruolo istituzionale che ricopre. Rimaniamo fiduciosi in un intervento da parte Sua, in quanto temiamo che il consigliere Cassone non abbia la sensibilità di farlo da solo.

    Distinti Saluti

    Roberto Crea
    Coordinatore Assemblea "Roma Centro" - Cittadinanzattiva"

    RispondiElimina
  11. Qui non c'è solo l'affissione abusiva, ma anche il messaggio che lancia è importante.
    Per me se la notizia arriva al ministero degli esteri ed al consolato cinese, Cassone possiamo anche salutarlo.

    RispondiElimina
  12. Più che Cassone, MINCHIONE !!

    RispondiElimina