giovedì 26 aprile 2012

Siamo al colmo

la foto parla da sola, in questo caso non servono i nostri commenti, aspettiamo i vostri.



23 commenti:

  1. mortacci vostri! avete distrutto una città!!!

    RispondiElimina
  2. ehm... mancherebbe il timbro comunale...

    RispondiElimina
  3. rimozioni selvagge??? ahahahahahahahahhhaa

    Questa è una perla. In ogni caso hanno forse un po' ragione. E' ora di passare da una rimozione selvaggia fatta alla cazzo di cane ad una rimozione nazista, sistematica e da soluzione finale!

    RispondiElimina
  4. sono manifesti abusivi, manca il timbro comunale, e sono stati affissi anche fuori degli SPQR, su muri ed altri posti (a Trastevere sono sul Palazzo degli Esami)

    RispondiElimina
  5. quando si dice avere la faccia come il culo...

    RispondiElimina
  6. Ma se questo assessore ai cittadini non piace, ai cartellonari nemmeno, ma perchè allora sta ancora lì?

    RispondiElimina
  7. Che gentaglia ... hanno paura anche a firmarsi.
    Manifesti abusivi per ditte abusive ... SCOPA!

    E' vero che questa amministrazione ha ucciso il mercato pubblicitario, ma lo ha fatto lasciando mano libera ad un branco di ditte incompetenti, fameliche e arruffone, che pensava di poter guadagnare all'infinito riempiendo la città di insulsi impianti.

    Se avessimo un Sindaco degno di questo nome, non aspetterebbe un minuto a dare a costoro un calcio in culo (metaforicamente, ma anche no) invitandoli a cercarsi un lavoro che causasse meno danni.
    Purtroppo temo che chi attualmente siede sulla poltrona di Sindaco di Roma andrà dietro a quest'ennesima lobby de' noantri, indecente e stracciona, concedendogli il solito brandello di città.

    RispondiElimina
  8. ormai a Roma basta mettese a piagne un po' che er sindachetto gianni te da retta

    quelli che lavoreno onestamente continuano a fa' pippa, mentre i bastardi che passano er tempo a pensà come sporpà 'n'antro po' 'sta pora città stanno a piagne tutti i giorni

    bancarellari, tavolinari, cartellonari ... a zappà la terra a carci in culo!

    RispondiElimina
  9. SINNACO DACCE NA MANO

    RispondiElimina
  10. Questi manifesti ci fanno capire quanto lunga e difficile sarà la battaglia per la legalità in questa città ostaggio della lobby dell'Economia del Degrado.
    La risposta a questi vergognosi manifesti sarebbe la foto del cartellone abusivo della PES su cui morirono due ragazzi a novembre con il sangue sull'asfalto.

    RispondiElimina
  11. Ecco le 'serissime' ditte che dopo aver spolpato l'osso fino all'ultimo brandello di carne, se la prendono con la preda, colpevole di non aver altri muscoli da farsi mangiare. Una vergogna senza precendenti, davvero il colmo come dice correttamente il titolo di questo post.
    Ma allora io chiedo alle ditte: che caz... volete? Avete devastato la città pensando che avere più cartelloni vi avrebbe portato più denaro e non è stato così. Vi siete fidati di uno come Bordoni che è un pò come chiedere a Menghele di portare democrazia e libertà. Avete causato decine di incidenti e pure morti con il vostro comportamento illecito e criminale. E ora vi lamentate???? Ma vedete di annà tutti a fare in c.....
    I cittadini sono 3 anni che gridano, anche per tutelare il vostro mercato. L'avete cannibalizzato e ora vi sta bene!

    RispondiElimina
  12. Che dire, geniale! Quel "Rimozioni selvagge" è quasi psichedelico. Di certo avranno più ascolto gli anonimi cartellonari che i cittadini che combattono contro questo scandalo da anni.

    RispondiElimina
  13. daje Alemà, datte st'ultima zappata sui piedi!!

    RispondiElimina
  14. Ma' che cazzo state a di' "...................francesi

    RispondiElimina
  15. Cioè, quando uno dice "AVERE LA FACCIA COME IL CULO", per usare un dialetto dell'alta val Savoia... Sono letteralmente senza parole, roba che queste foto devono andare in cronaca di Roma su tutti i grandi quotidiani.

    Dico, ci rendiamo conto a che punto siamo arrivati a Roma? Un assessore che ha fatto più danni di Carlo in Francia, con una città ridotta a un punta-spilli per quanta porcheria cartellonara c'è in giro e questi chiedono ancora spazio?

    Hanno ridotto il mercato delle affissioni outdoor a carta straccia, hanno reso la sicurezza stradale un optional e non aggiungo altro per carità di Patria, l'Italia, perché Roma, la città dove sono nato E' IRRICONOSCIBILE A CAUSA LORO.

    Via, spazzare via questa inqualificabile gente, elezioni, al più presto!

    RispondiElimina
  16. Umm mi sorge il sospetto: ma che non sia una macchinazione per far apparire il tipo come quello che ripulisce Roma dalle affissioni, tipo salvatore della patria? Perché in quel caso, dal comico, andiamo a finire al tragicomico, o alla burla, se volete...

    RispondiElimina
  17. E che non ci ho pensato pure io?>:D

    RispondiElimina
  18. Questi c'hanno la faccia come il culo...Roma è al paradosso, i ladri e i delinquenti si lamentano, mentre la gente combatte ogni gg contro la crisi. Amministrazione latitante, consiglieri conniventi, ditte di dubbia provenienza, regole non applicate, norme violate: questo è l'ambito del mercato pubblicitario e Roma, ed ora è il momento di dire BASTA !

    RispondiElimina
  19. L'ipotesi di una macchinazione sarebbe veramente il colmo del colmo, infatti non la sottovaluterei se non fosse che sarebbe fin troppo fine per la mente di certi personaggi

    RispondiElimina
  20. Ci vuole tabula rasa assoluta, via queste merdaccie e finalmente un bando di gara serio come in tutte le capitali europee...non ci vuole niente se non la volontà.

    RispondiElimina
  21. Salve, sono un borseggiatore del 64, vorrei lamentarmi anch'io perchè con la crisi i portafogli sono sempre più miserevoli e poi ci sono le retate selvagge dei carabinieri, tutto il settore dello scippo è in crisi, insomma siamo ridotti alla fame.
    sindaco aiutace pure a noi!!

    RispondiElimina
  22. Ne vogliamo 1 milione28 aprile 2012 12:34

    Sindaco daje na mano!
    Dieci 4x3 a Piazza Navona
    Cento 1x1 su Via dei Fori imperiali
    Altri mille cartelloni sulla Cristoforo Colmbo.
    Porelli, ne hanno messi troppo pochi, guardate Parigi, Londra e Berlino..ce ne sono almeno il triplo.
    Basta dicriminazioni contro questa imprenditoria che si sacrifica per il bene comune! Basta..

    RispondiElimina