lunedì 17 marzo 2014

Graffiti ultrà, lo scempio di Monteverde

Seconda parte del viaggio nel degrado di Monteverde. Questa volta ci soffermiamo sulle scritte sui muri, una piaga che distrugge l'aspetto di Roma e che a Monteverde ha di nuovo raggiunto livelli critici. Non c'è parete libera dai graffiti, dalle tags e dalle scritte ultrà.

Circ.ne Gianicolense angolo Piazza S. Giovanni di Dio
Queste ultime, in particolar modo quelle della Lazio, sono comparse a decine, dalla vittoria di Coppa Italia del maggio 2013: è quasi un anno che i muri sono imbrattati!

Via Ozanam: scritta commemorativa e cartelli vendesi abusivi
In verità, qualche scritta l'avevano cancellata, ma poi è ricomparsa e, nello stile romano, è stata lasciata. Come dire: tanto vincono loro e poi, alla fine, che ce frega?

Solito mosaico di adesivi dei traslocatori sugli stipiti

A Parigi quelle scritte le cancellavano il giorno dopo a Roma....no.

Cartoline da "La Grande Bellezza" di Monteverde


Scritte sui muri, adesivi abusivi e....



...foreste di antenne televisive con annessi cavi a penzolone.



Via Fabiola: scritte ultrà e cartellone in divieto.


Tutto normale? Mica tanto. Ci troviamo a qualche metro dalla sede del XII° municipio.

E cosa dicono i consiglieri, gli assessori, il presidente Maltese, di questo scempio, di questo degrado, di questo abbandono? Noi li stiamo provando a sensibilizzare, sollecitandoli a intervenire.

Fine prima parte - continua...

1 commento:

  1. E PURE OGGI MERCATO EL RUBATO IN MEZZO A PIAZZALE OSTIENSE!

    RispondiElimina