giovedì 4 dicembre 2014

Avanti con l'accertamento delle responsabilità politiche! Ma ce ne sono anche altre ...

 "Azzerare la giunta? Molto meglio azzerare il Pd Roma. Vecchia politica e giornali alleati per buttare giù il "Sindaco marziano". Per loro era meglio Alemanno"


Risulta quasi profetico il titolo del nostro post del 16 novembre scorso, dopo che Renzi ha deciso di commissariare il PD romano a seguito del terremoto dei giorni scorsi.

Del malaffare che sta emergendo dall'inchiesta in corso ne abbiamo avuto personalmente prove in tutti questi anni di impegno civico, confrontandoci spesso con veri e propri furfanti mascherati da amministratori o funzionari dello Stato.

Ma se la "vecchia politica" citata nel titolo del post appare essere ora alla sbarra, e speriamo che la magistratura vada fino in fondo a fare pulizia, quand'è che potremo aspettarci qualche novità anche dal lato dei "giornali alleati"?
Non è infatti paradossale che gli stessi organi di stampa che questi giorni non parlano d'altro che di "mafia romana" siano gli stessi che per anni hanno fatto gli struzzi ignorando il malaffare che permeava sempre di più la realtà cittadina? Non sono forse gli organi di stampa responsabili di aver abbindolato i propri lettori per anni con le solite ritrite storie riproposte sempre allo stesso modo allo scopo di narcotizzare l'opinione pubblica?

E possiamo ben dirlo noi, che per anni ci siamo battuti contro la cancrena dei cartelloni abusivi nel silenzio più totale della stampa cittadina, con pochissime lodevoli eccezioni, quando perfino il predecessore del Sindaco Marino riconosceva l'esistenza di una "mafia dei cartelloni".

Vorremmo tanto chiederglielo ai direttori dei grandi quotidiani dove sono le loro testate mentre bande di furfanti spolpano la città da anni. Perché invece che ogni volta incensare il politico di turno non guardano meglio ai tanti cittadini che da anni impiegano tempo e risorse per restituire dignità a Roma? Gliene avrebbero da raccontare di storie questi cittadini, senza che i giornalisti debbano aspettare che la Procura gliele serva bell'e pronte. 

Chissà se i vari De Bortoli (Corriere), Mauro (Repubblica), Cusenza (Messaggero) avranno il coraggio di fare un mea culpa, magari facendo riferimento all'ultima baggianata che hanno servito ai loro lettori, quella storia della panda rossa del Sindaco che pare confezionata apposta per distrarre dalle cose enormi che si stavano preparando.

Così come il PD ha capito che a Roma c'è da ripartire in altro modo, sarebbe davvero utile che le grandi testate giornalistiche azzerassero le loro redazioni, prendendo atto delle enormi responsabilità che evidentemente hanno avuto nella storiaccia in corso, e ricominciassero a fare giornalismo vero, quello senza il quale questa città, ma anche il paese, ha ben poche speranze di riprendersi.

Peccato non ci sia nessun Pignatone che possa costringere i giornali a fare questo.

7 commenti:

  1. fosse la volta buona che la banda di furfanti del pd romano venisse fatta fuori. e non dimentichiamoci di quelli che con gli intrallazzi ci hanno fatto carriera, come l'allora capogruppo pd in campidoglio che per l'ottima (non)opposizione al governo alemanno ci ha rimediato uno scranno in parlamento.
    quanto alle possibilità che i giornali cambino registro, è ormai troppo tardi, destinati come sono a sparire dalla scena. c'è solo da sperare che quelli che li sostituiranno, organi di stampa basati essenzialmente su internet, facciano miglior servizio alla collettività.

    RispondiElimina
  2. A ROMA L'UNICA FONTE ATTENDIBILE DI INFORMAZIONE SERIA SONO I BLOG ANTIDEGRADO!

    Bastacartelloni, Cartellopoli, Romafaschifo hanno da insegnare tutto alla stampa locale!!!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  3. Parole giuste quelle di mc Demon. Ho visto che bastacartelloni sta facendo meno articoli? Come mai? Quello di oggi è bellissimo.

    RispondiElimina
  4. BELLO! complimenti.

    RispondiElimina
  5. Speranze utopiche, purtroppo
    Aspettando che la mannaia di Pignatone cali anche su cartellopoli, al cui confronto mondo di mezzo (per il volume di affari) sembrerà uno scherzo
    C'mon Pignatone, ti aspettiamo !

    Marco1963

    RispondiElimina
  6. Dalle ore 19 alle ore 22 di oggi è stata fissata la seduta dell'Assemblea Capitolina per l'elezione del nuovo Presidente in sostituzione del dimissionario Mirko Coratti, dei due nuovi Vice Presidenti e dei due nuovi Consiglieri Segretari della stessa Assemblea Capitolina. Per la carica della Presidenza la maggioranza sembra essere concordemente orientata verso il nome di Valeria Baglio (PD), ex Presidente dell'ex XI Municipio ed attualmente Presidente della Commissione Scuola.

    RispondiElimina