sabato 18 gennaio 2014

...ma il Far West continua

Nonostante la volontà più volte espressa dall'Assessore Leonori e dal suo staff di iniziare il percorso che FINALMENTE porterà all'approvazione del PRIP, nonostante l'intimazione fatta alle ditte di rimuovere migliaia di impianti "senza scheda" nella procedura di riordino entro il prossimo 6 marzo, nonostante l'indignazione diffusa e la risonanza internazionale dello scandalo cartelloni.....


Giovedi 16 gennaio ore 14 Viale di Villa Pamphili 71d


Un lavoro da professionisti...dell'illegalità
...ecco le foto che ci ha inviato un cittadino dal quartiere Monteverde, dove nella notte tra mercoledi e giovedi scorso è stato compiuto questo ennesimo sfregio al decoro della città. 
La superficialità e l'indifferenza criminale con cui certe ditte continuano questo sporco gioco è testimoniata dalla pessima qualità dei materiali impiegati per ancorare l'impianto tanto è vero che già la mattina di giovedi il cartellone si era inclinato pericolosamente.
La strada è frequentata da molti studenti, anche delle scuole medie, e il rischio che l'impianto cadendo potesse colpire qualcuno di loro era elevato.
Così alcuni cittadini volenterosi hanno tolto l'impianto abusivo dal precario alloggiamento e successivamente hanno chiamato i Vigili.

"in attesa di inserimento in Banca dati"...
Dalle informazioni che abbiamo raccolto la pattuglia intervenuta ha garantito che verrà fatto il VAV e sarà sanzionata non solamente la KEY servizi s.r.l. ma anche l'inserzionista, una scuola privata in cerca di studenti dal profitto scarso (è interessante notare che sul lato opposto della via c'è un Istituto Tecnico statale).
Sindaco Marino, Assessore Leonori......QUOUSQUE TANDEM?



Venerdi mattina l'impianto era stato rimosso....fino a quando?

6 commenti:

  1. SEMPRE PIU' SOLO SCHIFO...SEMPRE PIU' SENZA ALCUN LIMITE!

    RispondiElimina
  2. quasi bocciato18 gennaio 2014 20:41

    ma come l'hanno fissato? Con la sabbia? Ma fanno pure ride sti purciari.
    A peracottari!!!! Piuttosto me faccio boccià!!

    RispondiElimina
  3. un cartelletto veramente da poco, come da poco sono le ditte pubblicitarie romane che pensano di poter governare il territorio come fosse casa loro

    RispondiElimina
  4. Questa ditta non è nuova a soluzioni estremamente fantasiose. Ricordate quest'altro caso?
    http://www.cartellopoli.net/2013/09/ci-mancava-solo-linvasione-dei.html
    E quello alla magliana nuova? Sempre loro, con etichette immacolate, com'è ovvio che sia, visto i loro cartelli-funghi

    RispondiElimina
  5. Altra porcheria pubblicitaria della suddetta ditta è in Via Celimontana angolo Via Labicana, a due passi dal Colosseo!
    Evidentemente questi sono esperti di procedure amministrative, visto che non dovrebbero nemmeno esistere!

    RispondiElimina
  6. Legio Aurelia invicta21 gennaio 2014 14:14

    Invitiamo tutti i cittadini che non ne possono più di furbi, prepotenti e mafiosetti pezzenti a seguire l'esempio degli abitanti di Viale di Villa Pamphili che resisi conto del pericolo non hanno esitato a svellere il miserrimo cartellone pencolante e a chiamare i vigili costringendoli a prendersi le proprie responsabilità. BASTA!!! NON GIRARE LA TESTA DALL'ALTRA PARTE!!! BASTA INDIFFERENZA (che è oggettivamente COMPLICITA')

    RispondiElimina