venerdì 10 gennaio 2014

La vicenda infinita della ciclabile di Monte Mario. Iniziata 11 anni fa non è ancora terminata

Mentre in Spagna costruiscono una nuova linea di metropolitana in 3 anni, in Cina inaugurano una sterminata città olimpica dopo solo 4 anni, a Roma non siamo in grado di aprire una pista ciclabile, il cui progetto è partito ormai 11 anni fa.

Le foto che abbiamo scattato in questi giorni, mostrano il cosiddetto Parco Lineare di Monte Mario, ancora ben lontano dall'inaugurazione, senza neanche un operaio al lavoro e senza alcuna idea di quando l'opera sarà terminata.

Il tratto parallelo a via Ferrante Aporti: il cantiere è fermo
Per diversi km la pista è già percorribile
In una città che si pone all'ultimo posto tra le capitali europee per piste ciclabili, il percorso tra Monte Mario e San Pietro sarebbe stato una boccata d'ossigeno per i ciclisti romani. Avrebbe dovuto collegare il Gemelli, la Columbus, il Santa Maria della Pietà, San Filippo Neri, la Balduina con Valle Aurelia. Sei chilometri che corrono sopra la vecchia ferrovia della Roma-Viterbo ormai interrata.

L'idea nacque nel 2003 quando Ferrovie dello Stato, tramite la controllata Italfer, stanziò 5 milioni di euro per la prima tratta e la giunta Veltroni si impegnò a completare la seconda tratta entro il 2007 finanziandola. I lavori iniziarono con ritardo, ma in qualche modo procedevano. Nel 2006, però tutto si ferma.

Nel 2009 si insedia la Giunta Alemanno. Il presidente del Municipio ex 19 Alfredo Milioni (quello che uscì a mangiare il panino il giorno della presentazione delle liste alla regione Lazio) promise la fine dei lavori entro il 2011!!

Nel 2012, Federico Guidi del Pdl non solo assicurò che la pista sarebbe stata percorribile in pochi mesi, ma annunciò il suo prolungamento fino al Gianicolo!!

Naturalmente nulla fu realizzato.

La nuova amministrazione di centro-sinistra è più prudente e ora parla di "opera in fase di definizione".

Fatto sta che fino ad oggi sono stati spesi quasi 8 milioni, ma nessuno può ancora percorrerla.

Il tratto parallelo a via Alsietina, in direzione Pineta Sacchetti

Gli abitanti affermano di vedere un paio di operai massimo due volte al mese
Questo percorso permetterebbe di raggiungere a piedi il Gemelli dalla Balduina in 10 minuti e di percorrerlo in bicicletta, in meno di 5. Molte auto e motorini resterebbero parcheggiati ogni giorno, un bel miglioramento delle condizioni di vita per tanti romani. Ma chissà quale peccato abbiamo commesso noi che viviamo in questa città, per non riuscire mai ad essere come nel resto del mondo.

24 commenti:

  1. Io ci ho fatto una passeggiata qualche settimana fa, ci sono già le rastrelliere e le fontanelle funzionanti. E' certo che se rimane così chiusa ancora per molto ci penseranno i vandali a distruggere tutto. Senza contare che costeggia discariche a go go in quell'immensa terra dei fuochi che è l'asse pineto-gemelli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aspettano il momento buono per inaugurarla sotto campagna elettorale? o credono che tanto in bici si va solo d'estate e quindi aspettiamo maggio?

      Elimina
    2. Hanno rotto il cazzo, buttiamo giù le staccionate e andiamoci comunque. Tanto l'opera è praticamente finita. PEZZI DI IMBECILLI del CAZZO!

      Elimina
  2. A Valencia piste ciclabili ovunque anche nel fiume deviato trasformato in parco che finisce nella meravigliosa città della scienza di Calatrava. Ovviamente senza un solo cartellone pubblicitario né un graffito di qualche idiota annoiato. Ovviamente con 6 linee metro per 800.000 abitanti e autobus efficienti con display di arrivo funzionanti e soprattutto affidabili.
    In effetti anche a Cracovia non ricordo cartelloni, ma proprio nessuno e in compenso tram veloci e i soliti display funzionanti....

    RispondiElimina
  3. Come dice l'anonimo delle 16.35 il pericolo è proprio questo. Il tratto già terminato se non venisse aperto in tempi brevi verrà distrutto dai soliti vandali che già scorrazzano di notte indisturbati. Li vedo spesso perché abito proprio sopra la pista e secondo me si stanno organizzando con bombolette e vernice per dare il benvenuto a Roma alla pista ciclabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e se ci organizzassimo noi per dar loro il "benvenuto"?
      Non sto scherzando.

      Elimina
  4. Certo è davvero difficile riuscire a capire come si faccia a spendere OTTO MILIONI DI EURO per non realizzare nulla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qui ti sbagli , è facilissimo basta metterseli in saccoccia e buonanotte. E poi hanno un sacco di esperienza su questo tipo di attività

      Elimina
  5. Io spero solo che il progetto sia completato (ma mi pare di capire che i lavori sono finiti in pratica) al piu' presto! Ci vediamo sulla pista ;-)

    RispondiElimina
  6. Che ne dite di contattare Striscia ?
    http://www.striscialanotizia.mediaset.it/gabibbo/sosgabibbo.shtml

    RispondiElimina
  7. al 13 marzo ancora tutto chiuso...

    RispondiElimina
  8. segnalo l'interrogazione di Enrico Stefano:
    http://enricostefano.files.wordpress.com/2013/12/12_2014_interrog-ater.pdf
    potrebbe darci una mano con Striscia nel documentare il problema al Paese...

    RispondiElimina
  9. Ottimo reportage sullo stato dei lavori...ormai ultimati. Speriamo pero' che non finisca come le rampe del ponte della musica o del ponte della scienza, ancora non agibili anche se ultimati.

    http://associazioneh2.wordpress.com/2014/03/25/nuovo-reportage-sul-parco-lineare/

    RispondiElimina
  10. grande reportage! speriamo solo che MARINO faccia il suo!

    RispondiElimina
  11. non l'apriranno maiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ultima speranza per una imminente apertura solo le elezioni a fine maggio. Se entro giugno non viene aperto non lo apriranno piu'.

      Elimina
  12. sul ponte del gemelli quando passo col treno vedo spesso gente seduta sulle panchine e con i cani... quindi da qualche parte un varco aperto c'è.

    RispondiElimina
  13. sono arrivati anche i lampioni!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  14. Ecco la prova che il tracciato ciclopedonale è pronto. Speriamo che si sbrighino a consegnarlo ai cittadini che ne potrebbero godere dell'uitilità. Arrivare in bici o a piedi a via cipro partendo da Monte Mario sarà una vera passeggiata con un finale panoramico.
    http://montemario.romatoday.it/monte-mario/dentro-un-videogioco-il-parco-lineare-come-non-lo-avete-mai-visto-e-finito.html

    RispondiElimina
  15. apre il 14 giugno!!!!

    RispondiElimina
  16. ABEMUS CICLABILE

    http://montemario.romatoday.it/monte-mario/parco-lineare-il-14-giugno-l-inaugurazione-della-nuova-pista-ciclabile-di-roma.html

    RispondiElimina
  17. Ass. Bastacartelloni15 maggio 2014 21:45

    Siamo contenti che la ciclabile sia stata sbloccata. Il nostro articolo ha certamente smosso le acque dato che è stato uno dei più letti di sempre nella storia del nostro blog con diverse migliaia di accessi. Potremo festeggiare assieme la nuova pista di Monte Mario e vigilare che i vandali non la riducano un letamaio entro poche settimane.

    RispondiElimina
  18. Scusate, io ci sono stato stamattina, ma quelle catene ogni 100 metri che ti obbligano a scendere dalla bici per scavalcarle a che diavolo servono ? Spero non le lascino li in eterno.

    RispondiElimina
  19. Le catene sono state tolte. Servivano per evitare che i soliti imbecilli incivili ci transitassero con moto e scooter.

    RispondiElimina