sabato 28 dicembre 2013

Giovanissimi volontari ripuliscono Villa Chigi est e danno l'esempio agli adulti sempre troppo distratti

Siamo rimasti davvero sorpresi quando, alcuni giorni fa, ci siamo imbattuti in un gruppo numeroso di ragazzi che stava ripulendo un tratto di Villa Chigi, al quartiere Salario.

Si tratta della parte est del Parco, intitolata a Don Enzo Baldoni, riaperta al pubblico da meno di un anno dopo essere stata destinata a deposito per i lavori della metro B1.

Il giardino, dopo pochi mesi, era preda di incuria e così alcuni giovani dell'associazione SO.R.TE (solidarietà romana sul territorio), hanno deciso di armarsi di ramazza, guanti e sacchi di plastica. E in una mattinata gli hanno ridato decoro e cura.

Bastacartelloni ha scattato alcune fotografie di questi ragazzi. Ma soprattutto quello che vogliamo sottolineare è il risveglio di tanti rispetto al degrado. Non siamo più pochi e disorganizzati, come alcuni anni fa, quando la nostra associazione e i primi blog antidegrado scendevano in strada. Ci sono sempre più persone che vogliono fare qualcosa per Roma, per renderla meno inospitale, per riportarla alla civiltà che merita. L'avevamo chiesto nel Programma presentato alle ultime elezioni comunali e lo ripetiamo ancora oggi: istituire un albo del volontariato, oltre ad un responsabile municipale per il decoro. Non è un sogno, può diventare la chiave di volta per la nostra devastata città.

Il gruppo al lavoro
L'area viene ripulita
Decine i sacchi di immondizia riempiti
Raccolte siringhe, coltelli, bottiglie rotte
Alcuni preferiscono non mostrarsi in viso per dare maggiore valore al proprio impegno

Sulla pagina facebook dell'associazione Sorte, abbiamo trovato questo breve video sulla giornata di pulizia del Parco. Un bel segnale di speranza per l'anno che sta per cominciare

7 commenti:

  1. IL Volontariato e' una risorsa fondamentale per la martoriata Roma. Puo' davvero diventare la chiave di volta, occorre pero' che sia coordinato, valorizzato, e deve avere almeno una sede a dipsosizione. Speraimo che la nuova Amministrazione lo comprenda. E' meraviglioso vedere gente comune che si da' da fare per Roma!

    RispondiElimina
  2. ...IL MONDO AGLI ANTIPODI DEI CARTELONARI...

    RispondiElimina
  3. e poi sono tutti giovani!! Che bello

    RispondiElimina
  4. Perché Bastacartelloni, Cartellopoli e Romafaschifo non promuovono una raccolta firme e una class action per far pagare i danni enormi di cui sono responsabili le ditte cartellonaalemanno, alemanno e bordoni per aver distrutto ogni angolo di Roma, deturpando il paesaggio e rendendo insicura la circolazione stradale - e anche solo impossibile camminare sui marciapiedi-ledendo diritti fondamentali della persona e consegnando Roma ad un irreparabile degrado ? Per favore pensateci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Raccogliemmo 10.000 firme per sostenere la Delibera di Iniziativa Popolare, dovresti ricordarlo. La mia risposta è: PERCHE' INVECE DI DARE BUONI CONSIGLI NON DIVENTATE PARTE ATTIVA DEL MOVIMENTO E COMINCIATE A RACCOGLIERE VOI, CENTO ANONIMI, le firme e organizzare la class action. Sono ANNI che rubiamo tempo al lavoro, alla famiglia, agli affetti per DONARLO a questa battaglia e siamo leggermente stanchi di sentire : fate, andate, organizzate... Sarebbe veramente ora che alzaste le natiche dal PC e organizzaste VOI un pò di iniziative. Pensaci e buon 2014

      Elimina
  5. Questi ragazzi sono tra i pochissimi barlumi di speranza per la citta' di Roma. Il loro impegno andrebbe premiato, coltivato, incentivato ma le istituzioni sono ancora troppo miopi (per non dire stupide) per cogliere questi preziosi segnali.

    Forse sarebbe il caso di cominciare a pensare ad un coordinamento cittadino di movimenti di volontariato, con i vari blog a fare da organi di stampa. E' chiaramente un po' utopistico ma coniugando le forze si riuscirebbe a dare un'efficacia straordinaria e queste belle iniziative.

    RispondiElimina
  6. Bravi ragazzi, ottimo lavoro!

    RispondiElimina