lunedì 6 agosto 2012

Grida laceranti squarciano la cappa di calore che avvolge la città

Ancora una volta abbiamo ricevuto alcune fotografie scattate nella zona di Piazzale Clodio - Viale Mazzini.

Via Cipro, davanti all'ospedale oftalmico.
Premesso che non condividiamo certi metodi di lotta alla prepotenza cartellonara che non si è fatta scrupolo di stravolgere l'armonia e la bellezza dei giardini e dei viali alberati della zona, una delle più eleganti della città, non possiamo però non cogliere in queste immagini un forte segnale di sdegno e di implacabile bisogno di bellezza che i cittadini reclamano a voce alta:

Piazzale Clodio...un messaggio?
Pensiamo con convinzione che non sia un caso che le scritte siano state fatte a Piazzale Clodio; da troppo tempo noi come tanti altri cittadini aspettiamo notizie circa l'esito delle numerose denunce ed esposti fatti alla Procura della Repubblica dalla nostra associazione e da altri soggetti interessati alle sorti della città.

Li hanno piazzati proprio davanti al Tribunale!
Nel silenzio dell'avanzante estate romana, torrida e gravida di pessime notizie sulle malefatte di personaggi che dovrebbero lavorare per il bene comune non ci possono certo stupire certe "grida di dolore" che suonano come un disperato appello alle Istituzioni.

In quel parcheggio lasciano la macchina molti Magistrati..leggeranno?
Da Piazzale Clodio ci spostiamo in Viale Mazzini, una delle strade più belle ed eleganti della città che non è stata risparmiata dalla furia devastatrice dei cartellonari, tutti abbiamo ben presenti i mostruosi 4x3 della SCI che troneggiano come astronavi marziane in  Piazza Mazzini (qui), un vero pugno in faccia al decoro, all'armonia degli spazi verdi e ad una bellezza che attualmente sembra irrimediabilmente perduta.
Chi ci ha inviato le foto non commenta ma crediamo non sia casuale che il cartellone della SCI (la stessa ditta delle "astronavi di Piazza Mazzini"..la stessa ditta che nonostante le rassicurazioni forniteci dal dott. Saccotelli sta impiantando CENTINAIA di nuovi impianti di medie dimensioni in tutta la città) che vedete nelle foto successive sia stato "colpito" proprio perché installato davanti alla sede della RAI, quasi un muto ma potente richiamo a uno dei più importanti organi di informazione ad occuparsi non superficialmente dell'inaudito scempio dei cartelloni a Roma.

Tutti illegali..eppure sono ancora li!

E si...a questo punto potremmo rivolgerci a Batman!!


Eloquente...



Il palazzo della RAI sullo sfondo.

Non è certo un bel segnale quello mostrato da queste foto ma chi meglio di noi, dopo quasi tre anni di battaglie, può comprendere il senso di impotenza e la rabbia di alcuni cittadini che hanno visto violentare paesaggi urbani una volta eleganti e armoniosi e hanno poi constatato increduli la sostanziale inerzia di un'amministrazione di fronte alle sdegnate proteste che hanno fatto il giro dell'Europa civile?

13 commenti:

  1. Pure in Turchia arrivano gli urli di Roma: città massacrata dalle grinfie della mala, con la complicità della politica. BASTA CARTELLONI A ROMA !

    RispondiElimina
  2. il danno fatto al paesaggio di Roma è enorme.
    I protettori dei cartellonari dovrebbero essere processati da un tribunale internazionale.
    Ma ci basta che domani mattina un magistrato con le palle legga quelle scritte e inizi a porsi seriamente qualche domanda.
    Grazie a queste persone che dicono e scrivono quello che molti non hanno il coraggio di dire e scrivere, ma lo pensano eccome se lo pensano.

    Aledanno e Bordoni VERGOGNA ETERNA!

    RispondiElimina
  3. se a Roma ci fosse un magistrato con le palle evidentemente non saremmo ridotti così, la tragedia è: visto che il controllore non controlla chi dovrebbe controllare il controllore?

    RispondiElimina
  4. Evidentemente qualcun altro è scampato alla lobotomizzazione generale. Qualche bravo ed encomiabile resistente.
    I giudici no, quelli sono senza speranza. E a differenza dei politici neanche li si potrà cambiare alle prossime elezioni. State pur certi che se qualcuno di loro avrà visto le scritte sui cartelloni si sarà chiesto chi diavolo mai sarà il teppista che li deturpa, e magari ci aprirà pure un fascicolo, in virtù dell'obbligatorietà dell'azione penale.
    Povera Roma. Povera Italia.

    RispondiElimina
  5. Complimenti a questi CITTADINI che non si rassegnano alla trasformazione di Roma in immensa favela quartomondista.
    Ma il dott. Bernabè non aveva dichiarato che non avrebbero più usato gli orribili cartelloni romani?

    RispondiElimina
  6. ottima cosa. perchè avete "censurato" la scritta sul settimo cartellone?

    RispondiElimina
  7. Vorrei parlare con questi cittadini che decidono di esprimere così il loro sdegno. Vorrei conoscerli. Molti romani se ne fregano, ma sono sempre di più quelli che dicono basta. Ognuno lo fa a modo suo. Ma possibile che al Campidoglio non arrivino queste urla di disperazione? Le orecchie di Alemanno e Bordoni sono pronte ad ascoltare solo Tredicine e soci?

    RispondiElimina
  8. Come non comprendere queste azioni?
    la dimensione ciclopica dei danni al paesaggio di Roma fa pensare che ci vorrà molto tempo per ripararli.
    I cittadini dovrebbero sapere che all'interno della maggioranza agonizzante in Campidoglio c'è chi le ha provate tutte per tentare di "sanare" il Grande Scempio, ma la caparbietà e la determinazione del movimento anti-degrado glielo ha impedito e glielo impedirà.
    A settembre ripartirà la lotta per la legalità calpestata e per il PRIP.
    Sarà interessante sentire cosa intenderanno fare i futuri candidati a Sindaco, escluso ovviamente chi non è stato capace di silurare l'assessore Bordoni,l'artefice di questo disastro.

    RispondiElimina
  9. Franco XVIII°8 agosto 2012 09:12

    http://roma.repubblica.it/cronaca/2012/08/07/news/nuovo_arresto_per_piccolo_ruba_l_elettricit_in_casa-40552981/

    Leggetevi le ultime imprese di Samuele Piccolo e famiglia.

    Considerando il profilo dei consiglieri comunali bisognerebbe dare una medaglia d'oro al valore civile ai cittadini che hanno tracciato quelle scritte!!!

    RispondiElimina
  10. Oltre che incapaci e collusi, la gran parte dei consiglieri comunali si rivelano anche dei veri e propri pezzenti: la famiglia Piccolo addirittura rubavano l'elettricita' a casa!?! La domanda vera e': come diavolo hanno fatto le migliaia di romani che hanno dato la loro preferenza a 'sto po' po' di rubagalline?
    Possibile che quando scrive per esteso un cognome su una scheda elettorale il cittadino non si e' premurato almeno di conoscere la persona a cui sta in qualche modo affidando parte consistente della propria vita?
    Come fa a prendere 12.000 preferenze uno che ruba l'elettricita' a casa???

    E questo e' solo l'ennesimo caso di rubagalline in consiglio comunale. Ce li ricordiamo i consiglieri che miracolosamente sono stati assunti con stipendi monstre appena eletti, cosi' da metterli in conto alla collettivita'?
    Gentaglia indecente!

    RispondiElimina
  11. All'anonimo del 7 agosto ore 09.48

    Nessuna censura, stai tranquillo.
    La foto ci è giunta così e non l'abbiamo ritoccata.

    RispondiElimina
  12. Sulla circonvallazione Ostiense ne hanno messo uno anche sui parcheggi per i motorini(spartitraffico appena sistemato) a pochi metri dal nuovo ponte.Seguiranno foto.

    RispondiElimina
  13. S.C.I. DEVASTAZIONE CONTINUA.

    CONTINUA PURE LA NOSTRA GUERRA, STATENE CERTI, BANDITI!

    RispondiElimina