lunedì 27 agosto 2012

I furbetti del quartierino

Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione di un lettore


Non ho le foto precedenti per documentare la storia di questo cartellone, vi racconto come è andata: fino all'anno scorso prima dell'incidente che ha causato la morte dei due ragazzi sul cartellone in Via Tuscolana, questo impianto era come tutti posto a 30 cm dal bordo della strada. Dopo l'incidente (dopo qualche mese) che hanno fatto? evidentemente dietro consiglio di "qualcuno" l'hanno spostato di 2 metri all'interno, diciamo in posizione "regolare"; è stato così per alcuni mesi, in una zona dove sono stati tolti diversi impianti dallo spartitraffico centrale. 

Finito il clamore e l'attenzione che ci sono state dopo l'incidente, e dopo aver avuto forse rassicurazioni che tanto nessuno controlla, hanno incominciato, come tutti, a rispostare e riposizionare a loro piacimento e come meglio gli conviene i cartelloni. 

Guardate dove hanno posizionato questo impianto, a 50 cm dal bordo della carreggiata, quindi in posizione irregolare, ma dietro al palo della luce!! Che furbi, così se qualche motociclista prende male la curva e scivola si schianta contro il palo della luce e non contro il loro cartellone!! Capito che dritti?? Guardate il marciapiedi è tutto vuoto!! Non aggiungo altro, grazie.

Andrea C.


Caro Andrea, due parole le aggiungiamo noi, per dire che certi comportamenti rivelano quello che in realtà sono gli imprenditori, se così li vogliamo chiamare, di questo settore. Un settore completamente allo sbando che perde valore ogni giorno e lo fa perdere agli inserzionisti e a tutta la città devastandola con duecentomila impianti, che non vede più nessuno, messi ovunque.

5 commenti:

  1. La nemesi della foto è completa
    Un ottico !!!
    Quindi quelli che, purtroppo, ci vedono male, non vedranno mai quel cartello, quanto meno non vedranno le scritte (belle piccolette)
    Geniale
    Marco1963

    RispondiElimina
  2. E vogliamo parlare dell'altro cartello in pieno verde pubblico, o che quella sarebbe (il condizionale è d'obbligo) una ciclabile?!?!?!

    RispondiElimina
  3. ercartellonaro27 agosto 2012 18:28

    ao damme retta a me..mettilo dietro ar palo daaa luce...hai capito...che si quarcuno casca pia er palo mica er cartellone...che sennò poi dicheno che ammazzamo aaa ggente...hai capito... questi n'sanno guidà e saa piano co noi...troveno a scusa bbona..questi dii verdi, dii communisti... i commitati... invece de annà a lavorà!! hai capito? ahahahahahaha.....

    RispondiElimina
  4. Vorrei sapere attivamente cosa potremmo fare?

    RispondiElimina
  5. E' molto semplice: si acquista uno di quei fucili per le battaglie con le palline di vernice e lo si utilizza contro l'impianto, facendo attenzione ad oscurare per bene l'inserzionista. Un esempio qui: www.totalpaintballgear.com
    Naturalmente l'attrezzo tornerà utile in tante altre occasioni simili ... la città non ne è certo avara, purtroppo.
    Buon divertimento.

    RispondiElimina