domenica 13 maggio 2012

Roma non è terra di nessuno (per una volta)


Ieri pomeriggio c'è stato il secondo round della vicenda dei tavolini abusivi in via dei Banchi Vecchi.
Incurante del fatto che la bastardata della rimozione del cartello di sosta per disabili era andata in onda a livello cittadino, il titolare del locale ha pensato bene di proseguire nella sua opera di appropriazione indebita del suolo pubblico allestendo una pedana sulla carreggiata antistante il proprio locale.

Pedana abusiva allestita in fretta e furia

Per una volta però le istituzioni, nello specifico il Municipio I, non ci sono state a chinare il capo di fronte al prepotente di turno ed hanno deciso di far valere le loro prerogative.
Durante una manifestazione che ha visto l'appoggio fattivo di Cittadinanzattiva, del Coordinamento Residenti Città Storica e di tanti residenti del luogo, il Presidente Corsetti ha fatto ripristinare l'area riservata al parcheggio per disabili che, da controlli effettuati, era tutt'altro che scaduta.  


tavoli e pedana rimossi e parcheggio ripristinato


qui l'intervista del Messaggero a Corsetti

qui invece l'intervista al direttore del locale

Capito il concetto? è una scelta imprenditoriale: pago la multa che tanto è una parte dell'incasso che realizzo grazie al fatto di operare in quel modo illegale per il quale pago la multa, è allucinante!
Affermare poi che i tavoli abusivi sono meglio delle auto parcheggiate in divieto di sosta non è accettabile, quando se ne ricava un vantaggio personale è anche poco plausibile, sarebbe come dichiarare di voler farsi passare il mal di testa facendosi venire un mal di denti, non regge.

Abbiamo notato inoltre, dalle vicende di questi ultimi giorni, quanto sia incredibile la velocità e la pretesa di diritto con la quale si smontano segnali stradali o si cancellano strisce pedonali "presumibilmente scaduti" in una città dove far rimuovere un SUV parcheggiato sul marciapiedi, un cartellone che cade a pezzi sui passanti o un camion-bar davanti al Colosseo è praticamente impossibile, impensabile, irrealizzabile.

E comunque, secondo noi, la polemica sui divieti di sosta e sullo spazio per la sosta disabili non ha senso, qui c'è un problema forse ancora più grave di occupazione abusiva di suolo pubblico



dalla foto si vede benissimo che tavolini, fioriere e stufe sono posti oltre il marciapiede direttamente nella carreggiata stradale cioè dove dovrebbero scorrere le auto, e questa è una violazione talmente palese e grave che un'amministrazione pubblica non può non sanare e che non deve neanche essere messa in discussione, e in questa vicenda di discussioni se ne sono fatte anche troppe.

48 commenti:

  1. Ma che bei "direttori commerciali" che attira la città di Roma!

    Grande, grandissimo Corsetti che dimostra che se le istituzioni tirano fuori le palle i banditi devono battere in ritirata.

    Sarà l'avvicinarsi delle elezioni? Ecchissenefrega! Qualsiasi fosse il motivo, vedere che è l'istituzione che, se vuole, ha il monopolio della forza, dimostra che il degrado si può battere e che la città può essere ripresa.
    Corsetti, nel I, e Giannini, nel XVIII, dimostrano che gli schieramenti partitici non hanno più significato. Quello che conta è la volontà di lavorare per il bene dei cittadini e della città.

    In tutta questa storia il grande assente è il Comune:
    - con il Sindaco che, complice primo dell'illegalità diffusa con le sue sciagurate ordinanze salva-abusivi, si guarda bene dal metterci la faccia,
    - gli assessori (in)competenti che o non parlano (Bordoni) o balbettano banalità di circostanza (Gasperini),
    - l'opposizione che si distingue sempre per la sua assenza più totale.

    Gridiamoglielo tutti in faccia a questi furfanti che la devono finire con le loro prepotenze.
    BASTAAAA!!!

    RispondiElimina
  2. non mi meraviglia che in una città in cui accadano certe cose, poi ne succedano anche di queste: http://www.ilmessaggero.it/roma/evasa_la_donna_pirata_di_primavalle_ha_investito_un_bimbo_sulle_strisce/notizie/195685.shtml

    solo uno scemo non capisce che è tutto collegato.

    RispondiElimina
  3. http://www.romafaschifo.com/
    un eccellente analisi su quello che è successo ! Certi comitati di quartiere che esultano per le auto in divieto di sosta sono impresentabili !
    Carlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccellente no, direi strumentale, acrimoniosa, contraddittoria nel solito utilizzo spregiudicato del paradosso, che vuole un tizio che ha messo dei tavolini abusivi e sradicato un palo della segnaletica, nella condizione del giusto, perché ci sono le macchine parcheggiate abusivamente che sono peggio.

      Questo benaltrismo in salsa anticonformista, è il grosso limite di Tonelli, insieme alla volontà di offesa verso chiunque non la pensi al suo modo.

      Un'intelligenza critica sprecata, secondo me, visto che certi ragionamenti che fa - primo fra tutti quello sulla sosta abusiva tollerata nel centro storico - sono giusti e impopolari e meriterebbero una maggiore condivisione, resa impossibile dai toni e dagli argomenti irragionevoli usati per corroborare la sua tesi.

      Elimina
    2. Eccellenti cazzate.
      Sicuramente. Lo stantio stile da guru dell'antidegrado e il voler sempre essere, a costo di assurdi paradossi, il primo della classe denigrando o peggio diffamando altre persone che da anni lottano contro il malaffare romano è un esercizio di stile che può affascinare chi non sa come stanno le cose, non avendole vissute in prima persona.
      Ci dica LEI sig. Carlo quali sarebbero i comitati di quartiere che esultano per la sosta selvaggia: FACCIA I NOMI E CITI DOCUMENTI UFFICIALI PER PROVARLO(anche se sappiamo benissimo a chi si riferisce il suo guru).
      Si renda conto che il vostro nuovo idolo Macrì ha dichiarato che rimetterà le fioriere perché DECIDE LUI chi parcheggia davanti al SUO palazzo. Manco il Marchese del Grillo.
      Non si va da nessuna parte spalleggiando gente del genere.
      COME FA A NON RENDERSENE CONTO?
      Detesto come lei la sosta selvaggia ma non penso si possa combattere spalleggiando i prepotenti che vogliono fare come cazzo gli pare.

      Elimina
    3. Contravvenendo alla regola che mi ero dato di evitare di leggere le farneticazioni del tal tonelli, ho potuto verificare che riguardo a quanto accaduto in via dei Banchi Vecchi romafaschifo sta con Roberto Macrì. Avendo avuto occasione di assistere di persona alle recenti performance del Macrì, ciò mi è sufficiente per poter trovare numerosi punti in comune tra i ragionamenti del tonelli e quelli del Macrì. E non vado oltre per carità di patria.

      Al tal Carlo che trova eccellente l'analisi di cui sopra, e che quindi così in qualche modo si associa all'apologia del 'povero' Macrì, faccio presente che sta utilizzando quello che in gergo viene chiamato 'straw man argument': si tratta di un vero e proprio imbroglio dialettico per cui si deforma il pensiero dell’interlocutore e lo si rende evidentemente sciocco o inammissibile, potendolo così smontare facilmente e mostrarsi nel giusto.
      Come ha giustamente puntualizzato Fitz, nessuno si sogna di esultare per le auto in divieto di sosta. Qui ci si sta opponendo ad una prepotenza patente e odiosa che sarebbe stato intollerabile lasciare senza una ferma risposta. E bene ha fatto Corsetti ad indignarsi, interpretando il comune sentire dei cittadini.

      Se invece si vuole affrontare il problema della sosta selvaggia, delle troppe auto che occupano e deturpano il centro di Roma, della necessità di passare decisamente al TPL, a seri programmi di car e bike sharing, allora è un discorso diverso che però non c'entra nulla con lo sposare le posizioni del borioso prepotentuccio di turno (e non smettiamo di gioire per il fatto che questa volta se l'è dovuta dare a gambe levate).
      Le associazioni dei residenti del centro si stanno cimentando da anni con problemi del genere e ne hanno di proposte per affrontare il problema. Purtroppo sono costrette a scontrarsi con un'amministrazione che tra i primi provvedimenti presi ha smontato completamente le strisce blu, rendendoli parcheggi di lunga sosta (!?!), che ha perseguito nella miope e scellerata politica dei parcheggi interrati inaugurata dall'amministrazione precedente, che, soprattutto, non ne vuole sapere di affrontare i veri problemi della mobilità, limitandosi a distribuire risorse della collettività ai soliti amici.

      Elimina
    4. Eccellente analisi un par di ciufoli!!!
      Ecco chi l'ha scritta "l'analisi": leggere l'ultimo nome della lista.......
      Il soggetto che scrive su quel blog e` un politico che ha appoggiato Rutelli e ha sostenuto Corsetti nella sua elezione a Presidente: strano che ora lo critichi tanto!!! ma guarda un po`....che strano.......

      CIVICA PER RUTELLI
      CANDIDATO PRESIDENTE ORLANDO CORSETTI
      nato a ROMA (RM) il 9 maggio 1963

      01) MARIA BERTI detta ALBERTA
      nata a LATINA (LT) il 4 agosto 1952

      02) MARCO CALORE
      nato a ROMA (RM) il 9 giugno 1969

      03) PATRIZIA CAMPAGNA
      nata a ROMA (RM) il 30 marzo 1956

      04) SALVATORE CARLUCCIO
      nato a TORRE SANTA SUSANNA (BR) il 24 ottobre 1969

      05) GIANDOMENICO CELATA
      nato a ROMA (RM) il 18 novembre 1946

      06) ANGELO DI CASTRO
      nato a ROMA (RM) il 30 aprile 1960

      07) DAVIDE FABBRESCHI
      nato a CAGLIARI (CA) il 22 febbraio 1973

      08) ANTONIO FLAMINI
      nato a ROMA (RM) il 27 febbraio 1961

      09) MICHELE GRISANTI
      nato a PALERMO (PA) il 15 giugno 1977

      10) CATERINA SACHA KRAJISNIK detto CATERINA
      nata a ROMA (RM) il 4 novembre 1981

      11) GAIA LUCARIELLO
      nata a ROMA (RM) il 26 febbraio 1981

      12) ALESSANDRA LUCIANI
      nata a ROMA (RM) il 31 marzo 1951

      13) ISABELLA MARCIANO
      nata a ROMA (RM) il 7 giugno 1981

      14) STEFANO MARIN
      nato a ROMA (RM) il 12 settembre 1971

      15) MIRIAM MARTA
      nata a ROMA (RM) il 5 novembre 1978

      16) MARCO MEDORI
      nato a ROMA (RM) il 13 marzo 1963

      17) MICHELE VINCENZO MIGLIARESE CAPUTI detto MIGLIARESE
      nato a CAMPANA (CS) il 13 maggio 1969

      18) CLAUDIA NAPOLI
      nata a ATINA (FR) il 31 dicembre 1950

      19) GIUSEPPE NICOLAI
      nato a MORICONE (RM) il 25 febbraio 1953

      20) GUALTIERO PINCI
      nato a ROMA (RM) il 13 settembre 1948

      21) LILIA PUDICO
      nata a ISOLA DEL LIRI (FR) il 15 maggio 1947

      22) ANTONIO SERRANO
      nato a MONTESANO SALENTINO (LE) il 15 dicembre 1963

      23) MASSIMILIANO TONELLI
      nato a ROMA (RM) il 22 novembre 1978

      Elimina
    5. fantastico! chissà se sa niente dei giri di soldi milionari di Lusi ...

      Elimina
  4. E' ora che a Roma si comincino a far rispettare le regole, davvero basta con questo lassismo da parte della giunta bordoni-alemanno che ha prodotto i risultati che sono sotto gli occhi di tutti.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Non mi sarei mai aspettato un atteggiamento del genere da romafaschifo, non condivido. Bravo Corsetti.

    RispondiElimina
  7. Bravo Corsetti e i cittadini che si sono attivati x far rispettare la legalità, per di più a tutela di un disabile. L'inciviltà e l'anarchia di Roma stanno annebbiando le menti ed i comportamenti della gente. E' ora di dire BASTA ! Prima che sia troppo tardi

    RispondiElimina
  8. chi appoggia comportamenti mafiosi,illegali, prepotenti, e' lui stesso -con tutta evidenza- mafioso, prepotente, e complice, anzi compare.
    Le argomentazioni del blog Romafaschifo sono da reato: si chiama appoggio esterno all'associazione a delinquere.
    Mi piacerebbe sapere quanto ha ricevuto in pagamento quel blog dal ristoratore........
    Magari potrebbe succedere che fra qualche tempo ce lo dira` un PM.....

    RispondiElimina
  9. Coloro che si fanno incantare dai giochi di parole di romafaschifo si informassero sulla società proprietaria della catena di ristoranti e sull'inchiesta della Procura della Repubblica di Milano in corso.
    Pur di dare addosso ai residenti del centro diffamandoli con accuse inconsistenti,frutto di una voglia di protagonismo incoercibile e di manipolazione della realtà, il vostro guru dichiara pubblicamente che "le persone civili stanno con Roberto Macrì".
    Che leader adamantino che vi siete scelti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. interessante, qualche link?

      Elimina
    2. cerca..cerca...e vedrai chi è stato capace di difendere il guru di romafaschifo e la spero inconsapevole Beatrice Nencha

      Elimina
    3. Beatrice Nencha, ho cercato ma non ho trovato nulla.
      Si potrebbe avere qualche riferimento a questa inchiesta?
      Grazie

      Elimina
    4. Qui non è possibile...è una cosa molto ma molto delicata.
      Abbi pazienza e vedrai che abbaglio colossale hanno preso coloro che attaccano Corsetti..il guru antidegrado e la "giornalista" antidegrado...coloro che per combattere una forma di degrado intollerabile (l'invasione in Centro di auto in sosta vietata) invocano tavolino selvaggio..perchè è una "scelta imprenditoriale" prendere multe e divellere un palo segnaletico per piantare una pedana abusiva sulla carreggiata (suolo pubblico..ma che vuoi che sia) e perchè il comune impiega anni a rilasciare le OSP.
      Questo è il concetto di legalità di questi tristi figuri incredibilmente ancora seguiti da qualcuno.
      Ma sarà un abbaglio o qualcos'altro? Presto lo sapremo.

      Elimina
  10. adesso sarebbe ora che tutta la strada venisse depurata dalla sosta selvaggia e resa veramente accessibile ai disabili!

    RispondiElimina
  11. ma ragazzi sono anni che con tutte le energie si tenta di lottare contro i cartelloni, dopo estenuanti battaglie si è raggiunto qualche risultato in un oceano di illegalità che ancora persiste sul territorio. la sosta selvaggia è uno dei grandi mali della nostra città, nessuno si è mai sognato di considerarlo un problema secondario o addirittura di non volerlo portare all'attenzione dell'amministrazione con la stessa foga con cui lo si fa per altri casi; ci vuole il tempo, la disponibilità, bisogna lavorarci seriamente, studiarsi le leggi i regolamenti le delibere. le persone che frequentano le associazioni e i comitati antidegrado sono cittadini normalissimi che hanno un lavoro, una famiglia e altri mille impegni e purtroppo le giornate sono fatte di 24H. BASTA con queste accuse deficenti! volete lottare contro la sosta selvaggia? contro i camion-bar? contro i cartelloni? beh scendete in piazza, sporcatevi le mani, studiate le leggi, venite alle manifestazioni!! non fate gli italiani del cazzo che rompono i coglioni e aspettano sempre che gli altri si mettano a fare le cose!!

    RispondiElimina
  12. questa è una cosa che mi ha sempre incuriosito, la maggioranza delle persone scrive deficenti ! in realtà è deficienti ! da deficio (l'errore è grave, quelli con la matita blu ).

    RispondiElimina
  13. Anonimo delle 16.05
    ti voglio bene. (anche se azzeccagarbugli sotto di te continua a vedere la pagliuzza..come sempre..gli regaleremo un set di matite rosso-blu, di quelle che usavano i maestri quando eravamo piccoli :-))

    RispondiElimina
  14. se non altro niente minaccie (cosi siamo contenti tutti ). Comunque la mia pagliuzza (come la chiami tu) era un modo per sdrammatizzare. Il populista qui sopra puoi anche amarlo però almeno non auto-glorificatevi ! ;-)
    ma mc daemon che fine ha fatto ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'anonimo non anonimo15 maggio 2012 09:21

      populista...questa ci mancava...

      Elimina
    2. Scrotino è un coglione15 maggio 2012 17:09

      Scrotino VAFFANCULO, idiota.

      Elimina
  15. scrotino c'ha i coglioni ! La cosa è un pò diversa !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invito tutti una volta per sempre a non raccogliere le provocazioni di questo personaggio che da sempre sono volte solo a creare confusione e non ad arricchire il dibattito.
      Per favore, ignoratelo.

      Elimina
  16. Beh, a quando un intervento di corsetti per quanto meno mettere i marciapiedi e proteggerli con paletti? Per carità giusto reprimere chi come sto tale ristoratore pensa ANCHE lui di fare il cavolo che gli pare, adesso pero' sarebbe carino che tutto lo sforzo e tutta la cercata visibilità mediatica venga usata per trasformare quelle strade in strade Europee.

    FV

    RispondiElimina
  17. Anonimo delle 15.42
    la tua è un'ottima proposta.
    Contatta Corsetti per e-mail o chiedigli un incontro e fagliela.

    RispondiElimina
  18. Lo faro' vediamo che risponde, e vi faccio sapere. Voi che fate?

    RispondiElimina
  19. Tu facci sapere.
    Poi ti contattiamo.

    RispondiElimina
  20. Ho scritto e attendo risposta, che poi vi giro.

    ecco la mail inviata a orlando.corsetti@comune.roma.it

    Buongiorno Presidente,

    Le scrivo, in qualità di semplice cittadino Italiano ed Europeo, infatti ormai da alcuni anni non vivo piu' a Roma ma per lavoro mi trovo all'estero.
    Torno comunque frequentemente a Roma dove sono nato e cresciuto e dove nutro il desiderio prima o poi di tornare.

    Durante l'ultima visita a Roma ho fatto da cicerone ad alcuni amici stranieri che per la prima volta sono venuti a visitare la città, tra le altre cose li ho condotti per una passeggiata lungo i vicoli di via dei banchi vecchi, via Giulia, via del Pellegrino fino a piazza Farnese. Tutto bello, almeno per me fino a quando il commento di questo mio amico mi ha colpito come una coltellata per la sua semplicità ma soprattutto per la sua verità.
    Il commento era più' o meno questo: "Ma perché è pieno di macchine?" ......Attenzione perchè questa domanda potrebbe sembrare stupida solo ad un romano.

    Pensi che per trovare un posto dove poter riposare e bere qualcosa all'aperto sono dovuto arrivare fino a piazza Augusto imperatore dove il meglio che ho trovato sono stati dei tavoli di fronte ad un capolinea di autobus.

    La mia domanda è, perchè non ci sono marciapiedi degni di questo nome, perchè in assenza di una pedonalizzazione completa di questi vicoli non si organizza intanto un allargamento dei marciapiedi e non si inseriscono dei robusti paletti per impedire la sosta delle auto su di essi o la sosta in assoluto come ho visto in tutte le città europee in cui ho vissuto (Vienna, Parigi, Zurigo, Madrid)? Devo dire che ho seguito con curiosità la vicenda relativa al ristoratore che in uno di questi veicoli si è illegalmente "allargato". Assolutamente sacrosanta la sanzione e l'indignazione generale. Ben fatto, sinceramente.

    (continua nel post successivo per limiti di spazio)

    RispondiElimina
  21. (segue da post precedente)

    E poi? l'indignazione generale è finita li'? Non sarebbe invece il caso, in qualità di presidente del municipio piu' importante d'ITALIA, di sollevare l'attenzione con la stessa enfasi mediatica sulla prima fonte di degrado in assoluto, cioè quella di vedere le storiche vie di Roma trasformate in un garage? quella di dovere osservare cittadini e turisti fare slalom tra autovetture in completa mancanza di sicurezza, quella di impedire di fatto a QUALSIASI portatore di handicap o persone non od ipovedenti, anziani, famiglie con carrozzine, semplicemente di vivere la città?

    Le posso portare anche un esempio personale, nella mia famiglia c'è una persona affetta da una sindrome che lo relega ad una sedia a rotelle la quale ha più' volte espresso il desiderio di visitare quelle strade di Roma che gli ho sempre descritto come belle e affascinanti. Forse ho fatto male perchè al momento della verità quando ho iniziato a pianificare la visita mi sono reso conto che questo era fisicamente impossibile e quindi ho ripiegato su Google street view (ma anche qui forse ho fatto male perché è ovviamente seguita la immancabile domanda "Ma perché è pieno di macchine?"). E' questo nel 2012 nel centro di una Capitale Europea per me è inaccettabile.

    Quale è la sua posizione in merito alla eliminazione fisica della sosta e all'allargamento e in molti casi alla creazione di marciapiedi e parapedonali e all'abbattimento di barriere architettoniche nel suo municipio e in particolare nei bei vicoli sopra citati?

    Immagino che una personalità come lei, evidentemente attenta ai soprusi e al decoro come ha dimostrato con la giustissima pressione nei confronti degli abusi da parte dei commercianti, debba andare oltre e combattere ogni genere di degrado. Pertanto le chiedo:
    - Quali azioni concrete ha intenzione di porre in atto, e quando, affinché la sua pressione, politica e mediatica spinga chi di dovere (immagino in realtà anche lei) a trasformare questo angolo di Roma in un pezzo di Europa?
    - Sostanzialmente quando pensa che io e il mio parente in carrozzina si possa passeggiare agevolmente ed in sicurezza per via dei banchi vecchi o via del pellegrino?

    La ringrazio per la cortese attenzione e apprezzerò qualsiasi risposta vorrà darmi e che conividero' con i vari blog che si occupano di queste tematiche.

    Distinti Saluti

    lettera firmata

    RispondiElimina
  22. Continuo ad attendere una risposta dal presidente Corsetti all'email che gli ho inviato il 18 Maggio.
    Nel frattempo potreste dirmi se anche voi gli avete posto le stessi quesiti che gli ho chiesto. E se si quale è stata la sua risposta?

    Saluti

    RispondiElimina
  23. Personalmente non ho scritto a Corsetti, ma condivido pienamente la bellissima lettera inviata dall'anonimo (Fabrizio Vienna?).

    In questo senso, mesi fa ho sollecitato il presidente del XV municipio, Gianni Paris, per la risoluzione di un problema di sosta selvaggia in un punto preciso del quartiere Marconi. Paris mi ha risposto, assicurando che avrebbe aumentato i controlli di Polizia Municipale, ma la situazione non è cambiata di una virgola.

    Inutile dire che farò di nuovo presente la situazione a Paris e all'assessore incaricato in municipio.

    Tornando a Corsetti, spero che risponda alla tua lettera e come Associazione Basta Cartelloni, avremo certamente occasione di sensibilizzare il Presidente su questi temi, come alcuni di noi hanno già fatto.

    RispondiElimina
  24. Esatto.

    Fabrizio Vienna

    RispondiElimina
  25. Comunque non è un (solo) un problema di polizia di Roma Capitale (dalla qual veramente non posso aspettarmi niente). E' un problema di rifare i marciapiedi e mettere 4 cavolo di paletti. Ma c'è veramente ancora qualcuno che pesa che la sosta selvaggia a Roma si possa risolvere solo con i vigili? I vigili non servono a roma. A Roma servono strade e marciapiedi fatti in modo decente (non dico bello) solo decente e con un po di sale in zucca.

    Fabrizio

    RispondiElimina
  26. Premetto di non essere "Anonimo" della lettera al Presidente Corsetti.
    Di seguito la mia segnalazione.
    Il Sig. Silvestro Romano, titolare del locale Turi & Tano in Via Lazio 17, è accusato di aver divelto un posto dei disabili e cancellato col catrame le strisce per collocare i suoi tavolini. Diversi residenti e negozianti di Via Lazio dichiarano di avero visto nel luglio 2010 porre in atto tale vandalico gesto.
    Nonostante un procedimento penale a suo carico è diventato personaggio pubblico recentemente. A quanto dicono i giornali avrebbe dichiarato di essere stato vessato da vigili ed agenti con ripetuti controlli, omettendo però di specificare che vigili ed agenti eseguissero ordini precisi dei giudici penali che hanno disposto il sequestro dei tavolini, “corpo del reato”, dopo la misteriosa sparizione del palo del posto dei disabili e delle strisce.
    Questo Sig. Silvestro Romano, sempre a quanto dicono i giornali, avrebbe anche raccontato di avere una sentenza del Consiglio di stato che lo legittimerebbe ad occupare il suolo pubblico, sentenza che non esiste!!
    Il posto per i disabili è stato latente per circa 2 anni e riposizionato, insieme alla segnaletica vigente, solo pochi giorni addietro.
    Nessun giornale ha però parlato dell’accaduto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei ricordare a questi insigni luminari, che carta canta.
      Ad oggi 3 tra vigili urbani e dipendenti comunali sono stati arrestati per corruzione e abuso… vorrei ricordare sempre agli insigni dotti che ultimamente 112 vigili urbani DEL Comune di Roma sono stati prosciolti per prescrizione da una inchiesta per corruzione ed abuso di ufficio, la cosa ripugnante e schifosa è, che alcuni di questi hanno continuato la loro carriera “onesta e illibata”, tant’è che oggi sono coinvolti in altra inchiesta per corruzione oggetto anche delle mie denunce..
      Infine vorrei ricordare sempre agli infami che si nascondono dietro alisa, nick-name e bloc, che sono dei veri bastardi e infami…
      Ritengo fino alla prova contraria (e non alle vostre bastarde calunnie e infamie) che sono semnpre stato un cittadino onesto…
      I verbali non sono stai a me contestati per ordine di nessun Magistrato ma per ordine di chi evidentemente non ha avuto da me mazzette !!!!!
      Fatti oggetto di denuncia penale…
      Continuate pure, solo questo sapete fare, nascondervi dietro gli alias e bastardate che fate!!!!!
      Infine vi ricordo che sull’asserito procedimento penale a mio carico non ci crede neanche il P.M titolare che a distanza di quasi tre anni dal fatto, non si è degnato neanche di richiedere il rinvio a giudizio. Evidentemente sicuro che le sue accuse non troverebbero alcun riscontro probatorio in sede dibattimentale o forse perchè nel corso del dibattimento salterebbe fuori che egli stesso è indagato per gli stessi fatti dalla PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI PERUGIA. E INFINE LA CIRCOSTANZA CHE A QUASI DUE ANNI DALLA CHIUSURA DEL LOCALE SI CONTINUI A PARLARE DEL SOTTOSCRITTO NON FA CHE RAFFORZARE LE MIE DICHIARAZIONI RESE AI PUBBLICI MINISTERI TITOLARI DELL’INCHIESTA VIGILOPOLI. E COME DISSE UN VERO ILLUMINISTA: CHE SE NE PARLI BENE O MALE, PURCHE’ SE NE PARLI.
      GRAZIE PER IL SUPPORTO FATTIVO CHE STATE DANDO ALLE MIE DICHIARAZIONI.
      DR. SILVESTRO ROMANO

      Elimina
  27. E' incredibile ma persiste imperterrito l'assordante silenzio dei media che prima hanno infangato i vigili e poi non hanno chiarito che Silvestro Romano di Via Lazio 17 era multato perchè ha occupato per mesi un posto disabili, 4 posti auto ed uno stallo di sosta per i ciclomotori senza uno straccio di formale autorizzazione da parte del Comune di Roma. Altro che perseguitato!

    RispondiElimina
  28. A volte penso che per questa città ci vorrebbe una pioggia di fuoco come Gomorra.

    RispondiElimina
  29. E' francamente disgustoso che Silvestro Romano sia rimasto nell'immaginario dei lettori di svariati quotidiani come una sorta di martire, oppresso dai vigili, quando in realtà occupoò per mesi un posto dei disabili, posti auto e strisce per motorini mettendoci sopra un baldacchino assurdo fatto di ombrelloni tavoli sedie e fioriere prive di qualsivoglia espressa autorizzazione comunale.

    RispondiElimina
  30. Vorrei ricordare a questi insigni luminari, che carta canta.
    Ad oggi 3 tra vigili urbani e dipendenti comunali sono stati arrestati per corruzione e abuso… vorrei ricordare sempre agli insigni dotti che ultimamente 112 vigili urbani DEL Comune di Roma sono stati prosciolti per prescrizione da una inchiesta per corruzione ed abuso di ufficio, la cosa ripugnante e schifosa è, che alcuni di questi hanno continuato la loro carriera “onesta e illibata”, tant’è che oggi sono coinvolti in altra inchiesta per corruzione oggetto anche delle mie denunce..
    Infine vorrei ricordare sempre ai bastardi calunniatori, falsi e figli di vigili urbani, che sono dei veri bastardi e infami…
    Ritengo fino alla prova contraria (e non alle vostre bastarde calunnie e infamie) che sono semnpre stato un cittadino onesto…
    I verbali non sono stai a me contestati per ordine di nessun Magistrato ma per ordine di chi evidentemente non ha avuto da me mazzette !!!!!
    Fatti oggetto di denuncia penale…
    Continuate pure, solo questo sapete fare, nascondervi dietro gli alias e bastardate che fate!!!!!
    Infine vi ricordo che sull’asserito procedimento penale a mio carico non ci crede neanche il P.M titolare che a distanza di quasi tre anni dal fatto, non si è degnato neanche di richiedere il rinvio a giudizio. Evidentemente sicuro che le sue accuse non troverebbero alcun riscontro probatorio in sede dibattimentale o forse perchè nel corso del dibattimento salterebbe fuori che egli stesso è indagato per gli stessi fatti dalla PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI PERUGIA. E INFINE LA CIRCOSTANZA CHE A QUASI DUE ANNI DALLA CHIUSURA DEL LOCALE SI CONTINUI A PARLARE DEL SOTTOSCRITTO NON FA CHE RAFFORZARE LE MIE DICHIARAZIONI RESE AI PUBBLICI MINISTERI TITOLARI DELL’INCHIESTA VIGILOPOLI. E COME DISSE UN VERO ILLUMINISTA: CHE SE NE PARLI BENE O MALE, PURCHE’ SE NE PARLI.
    GRAZIE PER IL SUPPORTO FATTIVO CHE STATE DANDO ALLE MIE DICHIARAZIONI.
    DR. SILVESTRO ROMANO

    RispondiElimina
  31. Rimango scandalizzato dal fatto che, come offesa, si usi "figli di vigili urbani"?
    Allora perchè non "nipoti di elettricisti" o "cugini di idraulici"?
    Il Sig. Silvestro Romano è diventato personaggio pubblico, celebrato come un eroe mesi addietro, quando in realtà, quale Amministratore Unico del suo locale ha posizionato, senza che gli fosse mai stata rilasciata alcuna formale ed espressa concessione, una serie di tavoli, sedie, fioriere ed ombrelloni sopra un posto dei disabili, sopra posti auto e sopra posti per i motorini. Il tutto è documentato e scatenò all'epoca le ire dei residenti e dei relativi comitati, che scrissero ai giornali, al Municipio ed alla Polizia Municipale.Da qui Romano è stato indagato con conseguente sequestro dell'area.
    E' assurdo ritenere che i vigili se indagati sono colpevoli mentre se Silvestro Romano viene indagato è innocente.
    Fino a prova contraria tutti sono innocenti.
    Resta il fatto che quanto sopra descritto è documentato e corrisponde al vero: Romano, senza avere in mano alcun titolo concessorio rilasciato dall'amministrazione, occupò per mesi un posto disabili con tavolini, sedie, fioriere ed ombrelloni.

    RispondiElimina
  32. Sono bravi tutti a fare i paladini (sotto elezioni) ma sarebbero bravi, ancora più bravi, a farlo a tempo pieno e non solo a compartimenti stagni.
    http://www.abitarearoma.net/addante/2013/05/22/lo-strano-caso-ma-non-e-lunico-i-locali-dellater-fanno-gola/

    RispondiElimina
  33. http://www.abitarearoma.net/addante/2013/05/22/lo-strano-caso-ma-non-e-lunico-i-locali-dellater-fanno-gola/
    http://www.abitarearoma.net/addante/2013/03/27/il-dott-mari-che-ne-dice-ne-sa-qualcosa-perche-non-risponde/
    http://www.abitarearoma.net/addante/2013/04/26/ma-no-non-mi-dite-succedono-pure-queste-cose/

    RispondiElimina
  34. http://www.abitarearoma.net/addante/2013/05/22/lo-strano-caso-ma-non-e-lunico-i-locali-dellater-fanno-gola/
    http://www.abitarearoma.net/addante/2013/03/27/il-dott-mari-che-ne-dice-ne-sa-qualcosa-perche-non-risponde/
    http://www.abitarearoma.net/addante/2013/04/26/ma-no-non-mi-dite-succedono-pure-queste-cose/

    RispondiElimina