mercoledì 30 maggio 2012

Nel post precedente la morte....ecco ora la nascita di un cartellone

Le installazioni sono riprese senza sosta. Da ogni parte di Roma ci giungono segnalazioni di nuovi impianti pubblicitari montati alla luce del sole, senza ritegno, in una città già sfigurata. E' come se dopo l'assedio di Sarajevo, un altro esercito fosse tornato a bombardare la popolazione ormai sfinita. Non sappiamo se una Roma ridotta allo stremo riuscirà a sopportare altra violenza.

L'ottimo Manusardi, uno dei lettori più attenti, ci manda questo reportage: fotografie scattate alle 14.30 due giorni fa, in via Duccio di Buoninsegna, angolo via Paolo di Dono. Guardatele in sequenza.

Il marciapiede è ancora privo di cartelloni. Ma quel buco fa sospettare.....
Poco dopo, infatti, un 1x1 viene adagiato al suolo

Il cartellone viene issato. Gli operai sono al lavoro armati di cemento

Il mostro è quasi terminato: ancora pende per il peso imponente
Lavoro finito. Il milionesimo cartellone sui marciapiedi di Roma
Il furgone straboccante di cartelloni riprende il suo viaggio: andrà ad installare altri impianti

Il lettore prova a chiamare i Vigili Urbani ma al centralino nessuno risponde!!
Il neonato cartellone si trova in piena curva, a pochi metri dallo scivolo per disabili (ma che ce frega de li disabbili) ed a un metro dalle strisce pedonali (de li pedoni ce ne sbattemo li cogl.....ni).

Non è un film dell'orrore che si conclude con l'avviso: ogni riferimento alla realtà è frutto della fantasia degli autori........

8 commenti:

  1. dovremmo girare queste immagini a Cassone, poi fargli alcune domande e vedere se ha ancora il coraggio di rispondere.

    RispondiElimina
  2. I Vigili, hanno tante colpe, ma in questo caso poco o nulla possono fare.
    La RESPONSABILITA' di questo sfascio va cercata altrove, a livelli più alti, per esempio nei confronti dell'Assessore al Commercio DAVIDE BORDONI, che ha fatto sistematicamente massacrare il lavoro fatto dalla precedente amministrazione, che aveva quasi risolto il bandolo della matassa dell'abusivismo.
    Bordoni e il suo "fiero" esecutore Paciello, hanno, tramite la delibera 37, massacrato Roma. Ora stiamo cercando un PM con le palle che, senza farsi influenzare dalla politica, abbia voglia di entrare nel merito della situazione e finalmente FAR PAGARE IL CONTO AI COLPEVOLI.

    Ci sono talmente tante irregolarità nel sistema crato:, asseverazioni false, banca dati illegittima, illegitime installazioni, sovra fatturazioni delle ditte, abuso di ufficio e falso ideologico.

    Insomma una vera truffa, che ha permesso il riciclaggio e l'evasione fiscale di milioni di euro, con amministratori e politici compiacenti e corrotti: numerose sono infatti le ditte che hanno legami con i consiglieri e anche politici a Montecitorio !!

    MAFIE E CORRUZIONI DIETRO I CARTELLONI

    RispondiElimina
  3. mi dite il disabile con la carrozzella come cazzo fa a passare su quel marciapiede per raggiungere lo scivolo??? FIGLI DI PUTTANA CARTELLONARI???? ME LO DITE BASTARDI??????

    RispondiElimina
  4. Legio Aurelia Invicta30 maggio 2012 18:01

    La Resistenza sta per tornare.
    Sarà un'estate molto calda.
    PROMESSO

    RispondiElimina
  5. E stamani, come per miracolo, i CARTELLONI DELLA S.C.I.-SPQR A VIA MARMORATA DI FRONTE ALLE POSTE SONO RADDOPPIATI!

    EVVIVA BORDONI, ALEMANNO E CASSONE!!!!!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  6. Basta Cartelloni31 maggio 2012 10:50

    Caro Md Daemon, la redazione di Basta Cartelloni aveva già notato l'orrendo raddoppio purtroppo. A fine mattinata vedrai tutto pubblicato su questo blog.

    RispondiElimina
  7. bastardi. dobbiamo agire.

    RispondiElimina
  8. Grazie del riscontro.

    Mc Daemon

    Pare che pero' almeno due maxicartelloni posti a suo tempo in posizione assurda sotto cavalcavia di V.le del Pattinaggio (fronte Sheraton) siano oggi stati rimossi. Erano stati segnalati un anno fa...

    La vicenda è documentata su cartellopoli.net

    Mc Daemon

    RispondiElimina