domenica 20 maggio 2012

Per una volta, spezziamo una lancia a favore dei vigili


Questo è forse il peggior momento nella storia del corpo di Polizia Locale Roma Capitale.
Sarà un caso ma da quando gli è stato cambiato il nome (Polizia Municipale era troppo semplice eh?) sono emerse una serie di storie che ne hanno definitivamente minato la credibilità, peraltro già in declino da anni.

Molti di noi devono rifarsi ai vecchi film per vedere dei vigili urbani rispettati e dotati dell'autorevolezza necessaria ad assicurare il rispetto della legge ricorrendo solo eccezionalmente alle sanzioni.

Purtroppo l'attuale amministrazione comunale appare incapace di prendere provvedimenti che riportino la necessaria tranquillità in un corpo tenuto a svolgere compiti delicati ed importanti. Un tale atteggiamento appare suicida ed irresponsabile, privando di fatto il Comune del suo indispensabile braccio armato. E a conferma di ciò c'è la recente lettera del Sindaco al Prefetto, dove Alemanno si vede costretto a ricorrere a forze altrui, come se non avesse già a sua disposizione i circa 7000 vigili urbani.
Insomma ancora una volta sembra essere un problema non di mezzi ma di "manico".

In coda a queste considerazioni vogliamo qui segnalare un esempio dei compiti svolti dai vigili urbani, uno di quelli di cui si ha raramente notizia e che spesso hanno una scarsa efficacia non per causa loro.
Quello che segue è un messaggio, riferitoci da un nostro amico, inviato dal gruppo dei P.I.C.S., quello che fa riferimento all'assessorato all'Ambiente del Comune e si occupa di decoro.

"In data odierna la squadra speciale di Polizia Giudiziaria dei P.I.C.S., ha nuovamente sorpreso un cittadino di nazionalità ***, intento ad affiggere gli adesivi di tale *** già noto e denunciato dai P.I.C.S.
Nell'occasione sono stati sequestrati circa 3000 adesivi ed e' stata operata una nuova denuncia a carico del committente ***.
Si attende ancora che la magistratura emetta il sequestro dell'utenza in base alla prima denuncia."


Come può avere efficacia l'azione dei PICS se poi la magistratura non prende con la dovuta celerità i provvedimenti necessari ad interrompere gli illeciti?
Discorso simile si può fare sui cartelloni abusivi, laddove si ha notizia di un gran numero di verbali redatti dai gruppi della Polizia Municipale che però non sono adeguatamente lavorati dall'ufficio affissioni.
Idem dicasi per i tavolini abusivi, con centinaia di verbali elevati dal Primo Gruppo che poi si arenano all'ufficio commercio del Municipio, forse non a caso da sempre sottodimensionato.

Insomma, quando leggiamo di qualcosa che in città non va, molto probabilmente sarà anche responsabilità dei vigili, disorganizzati e poco motivati, per usare eufemismi; ma forse è anche il caso di tener presente la situazione generale della città e del paese.

7 commenti:

  1. sante parole, ragazzi

    RispondiElimina
  2. purtroppo il corpo è da rifondare ma finché non toglie il disturbo il comandante giuliani non c'è possibilità di nulla. e fa male, molto male il sindaco a continuare a lasciarlo lì.

    RispondiElimina
  3. i PICS hanno sempre dimostrato attenzione alle segnalazioni dei cittadini, e per questo li ringrazio pubblicamente.
    L'assurdo fenomeno degli adesivi che a MILIONI infestano ogni spazio e palo nella città è un'altra delle piaghe che l'Economia del Degrado ha "generosamente" regalato a Roma.
    Ultimamente, forse anche grazie alle denunce alla magistratura, l'opera davastatrice sembra rallentata, ma qualcuno insiste: pochi giorni dopo il 6° decoro-day all'Aurelio, il traslocatore "Davide" ha fatto incollare MIGLIAIA DI ADESIVI in tutta la zona. I volontari del decoro del 18° municipio ne hanno rimossi centinaia ma è una battaglia impari.
    Se non c'è la ferrea volontà di tutte le istituzioni di stroncare l'assalto di migliaia di cavallette impazzite alla nostra città non ce la faremo a restituire Roma alla sua bellezza e alla sua luce.
    BASTA ADESIVI, BASTA TAGS, BASTA LOCANDINE VENDESI! PICS fateli piagne!! (non ci crederete ma adesso anche Greenpeace attacca adesivi..mah!!)

    RispondiElimina
  4. ma com'è che sempre tutto si arena alla Procura di Roma? inizio a pensare che il vero marcio stia proprio li dentro

    RispondiElimina
  5. GRANDI PICS ma purtroppo, gli adesivari sono tornati alla carica, l'intensità di affissione sta tornando ai livelli drammatici di un anno fa.

    Ho assistito nel mio quartiere a diverse ondate di stickers targati Pietro, Vittorio, Valentino e recentemente Nicola, soprattutto sui cestini e gli stipiti dei negozi. Io ne stacco il più possibile, ma finché non si dice chiaramente ai negozianti di rimuoverli, è una lotta impari.

    RispondiElimina
  6. grande movimento 5 stelle ! Grandissimi !!! Finalmente i politichetti cominceranno a capire ...

    RispondiElimina