giovedì 3 marzo 2011

Il club degli 8 X 3 si ingrandisce.

 Vi proponiamo nuove fotografie di impianti 4 x 3 attaccati tra loro a formare un unico 8 x 3, o anche divisi solo da meno di 10 centimetri, in aperta violazione al regolamento vigente. Ma in questi casi la violazione non riguarda solo il formato irregolare,bensì,  trovandosi i suddetti cartelloni in Via della Pisana angolo Via di Brava, ricadono in piena area denominata "Tenuta dei Massimi", riconosciuta come Riserva Naturale Regionale fin dal 1997, violando così anche il divieto di installazione di cartelloni pubblicitari all'interno di aree protette. Aggiungiamo che i suddetti cartelloni sono collocati anche in curva ed in corrispondenza di incroci pericolosi (non ripresa per ovvi motivi, a due metri dal primo cartellone della PES c'è una lapide a ricordo di una vittima di incidente).


Le foto seguenti, fatte sempre su Via di Brava ma appena fuori della Tenuta dei Massimi, testimoniano invece un'altra ditta, dopo la famosa PubbliRoma e la PES delle precedenti foto,entrata nel club degli 8 x 3: la MG.
La speranza è che oltre al nuovo PRIP, che pur prevederebbe regole rigide a tutela delle aree protette, si trovino anche strumenti più idonei e credibili degli attuali per combattere i furbetti del settore.



Francesco

13 commenti:

  1. C'è già un regolamento che impedisce delle istallazioni come queste, che quindi sono apertamente illegali.

    RispondiElimina
  2. fitzcarraldo4 marzo 2011 09:17

    Quoto il messaggio di Romolo!
    L'ADOZIONE DEL PRIP non avrà tempi brevi, conoscendo la "politica de noantri".
    ALLORA PERCHE' NON CHIEDERE A GRAN VOCE ALMENO LA RIMOZIONE DI VERGOGNE DEL GENERE?
    Appena posso vi invierò foto di un pazzesco 4x12 sulla Via Tuscolana vicino la stazione ferroviaria.
    La verità semplicissima è che i cartellonari SONO I PADRONI DI ROMA..
    Sono proprio curioso di sapere, una volta approvato il Piano regolatore, chi toglierà decine di migliaia di cartelloni..chi avrà il coraggio e la volontà politica di farlo..considerando i voti che perderà.

    RispondiElimina
  3. Scusa Francesco, sono stati denunciati alle autorità competeneti questi cartelloni?
    Grazie.

    RispondiElimina
  4. Io ancora trasecolo vedendo questi scempii: nessuno che venga punito, sanzioni eventuali senza seguito, impunità assoluta, connivenze, menefreghismo delle "competenti" autorità e via discorrendo. La gente di ROMA non è più disposta a tollerare questo degrado e lucro alle sue spalle, senza ritegno alcuno.

    RispondiElimina
  5. fitzcarraldo4 marzo 2011 19:14

    Aggiungo che ci sono CENTINAIA di cartelloni sanzionati da VV.UU e segnalati all'8° dipartimento CHE DOVREBBERO ESSERE RIMOSSI MA NON VENGONO RIMOSSI.
    ALLORA IL "COMITATO" CHIEDA CHE VENGANO ALMENO OSCURATI PER EVITARE CHE CONTINUINO A INCASSARE PALATE DI SOLDI PUR ESSENDO TOTALMENTE ILLEGALI!!
    Non si può accettare il discorso..."adesso ci pensera' il Piano Regolatore"...prima che diventi operativo veramente quanto tempo passerà?
    NEL FRATTEMPO CI TENIAMO 200.000 CATAFALCHI IMMONDI? Il Comune DEVE RISPETTARE LA LEGGE,come tutti!!!
    SVEGLIA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Il Comune DEVE FAR RISPETTARE LA LEGGE, e DEVE RISPETTARLA A SUA VOLTA.

    La lotta è difficile perchè ci muoviamo contro interessi milionari. Abbiamo dalla nostra "solo" i cittadini più attenti e sensibili. Come ho già detto su questo blog, a Roma non ci sono le folle magrebine che rovesciano i governi totalitari, quindi ci dobbiamo rimboccare le maniche e cercare contatti "buoni e collaboranti" in quegli stessi settori che hanno portato alla situazione attuale: politica, amministrazione, controllo del territorio.
    E partecipare attivamente laddove la legge ce lo consente: sui tavoli di consultazione e partecipazione popolare.

    RispondiElimina
  7. fitzcarraldo5 marzo 2011 10:41

    Per chiedere il rispetto della legge non c'è bisogno di folle maghrebine, a volte basta una persona sola.
    E' vero che siamo in un paese in cui la certezza del diritto è quasi scomparsa..MA INSOMMA, SE I VIGILI ELEVANO UN vav E SEGNALANO ALL'8° DIPARTIMENTO CARTELLONI ABUSIVI O ILLEGALI (so da fonti certe che sono centinaia)E L'8° DIPARTIMENTO NON PROVVEDE A FARLI RIMUOVERE AI BANDITI CARTELLONARI (entro 48 ore..hehehehehehee) o ad OSCURARLI COME PREVEDE IL VIGENTE REGOLAMENTO (DEL. 37/2009) NON SI CONFIGURA UN EVIDENTISSIMA OMISSIONE DI ATTI D'UFFICIO?
    Qui si viola in modo abnorme la legge, in modo massiccio e continuativo..e non parlo solamente dei cartellonari..E NESSUNO FA NIENTE?
    Ma ti sembra normale?
    Altro che Repubblica delle Banane.

    RispondiElimina
  8. Ripeto la mia domanda.
    Scusa Francesco, sono stati denunciati alle autorità competeneti questi cartelloni?
    Grazie.

    RispondiElimina
  9. fitzcarraldo7 marzo 2011 19:54

    All'anonimo delle 9.46

    Amico caro amico bello
    le DENUNCE (????) LE POSSONO FARE TUTTI, COMPRESO TE.
    da più di un anno CHIEDIAMO AIUTO, COLLABORAZIONE,METTERCI LA FACCIA, REGALARE UN PO' DEL PROPRIO TEMPO...
    molto facile venire qui come succedeva su Cartellopoli e dire : denunciate, fate, andate...ABBAIARE SENZA COSTRUTTO E NON DONARE NEANCHE 1 ORA DEL PROPRIO TEMPO.
    Ci siamo un pò rotti i coglioni..e scusa il francesismo!

    RispondiElimina
  10. fitz stavo solo facendo una domanda a Francesco (da cui ancora aspetto una risposta).
    Io regalo molto più tempo a questa causa di quanto tu immagini da molto ma molto tempo.
    Ripeto volevo solo sapere se oltre ad abbaiare come dici tu e pubblicare foto sul blog degli impianti sopra descritti poi segue una sacrosanta denuncia alle autorità competenti.
    Altrimenti è o non è una operazione SENZA COSTRUTTO per usare le tue stesse parole?

    RispondiElimina
  11. E' ora di raccogliere la documentazione delle denunce fatte e dimostrare che l'VIII omette di applicare la legge nonostante le sanzioni dei vigili.

    Mafie e corruzioni dietro i cartelloni

    RispondiElimina
  12. fitzcarraldo8 marzo 2011 18:30

    Anonimo
    che io sappia solamente una persona a Roma ha fatto più di 170 denunce, anche alla Procura.
    Se tu 6 quella persona ti chiedo scusa e mi levo il cappello.

    @ nokia1: per essere ancora più precisi sappi che ogni volta che la polizia municipale rileva un abuso o una violazione commessa dai cartellonari compila un VAV (verbale accertata violazione) e lo invia al GSSU, il quale a sua volta lo notifica alla ditta e in copia lo invia all'ex 8° dipartimento che E' L'UNICO SOGGETTO CHE DISPONE LE RIMOZIONI O IN ALTERNATIVA GLI OSCURAMENTI e inoltre, applicando il regolamento vigente, DOVREBBE REVOCARE PERCENTUALMENTE LE CONCESSIONI ALLE DITTE FINO AD ARRIVARE ALLA LORO CANCELLAZIONE UNA VOLTA SUPERATE LE 3 VIOLAZIONI.
    e' accaduto qualcosa.. oltre ad un pò di rimozioni (tra l'altro spesso durate pochi giorni..)? Hai per caso visto revocare concessioni o radiare società (ci siamo capiti..)
    Nei mesi passati sono stati elevati centinaia di VAV...la REITERATA omissione di atti d'ufficio mi sembra LAMPANTE ed e' stata denunciata,come ho scritto, più volte.
    NON E' SUCCESSO NULLA.
    Evidentemente a Piazzale Clodio, per carenze di organico, sono impegnati a combattere reati più gravi dell'abuso d'ufficio e dell'omissione di atti d'ufficio.
    E magari la cosa è risaputa da chi li commette.

    RispondiElimina
  13. fitz non sono io che fatto 170 denunce ma il mio tempo alla causa stai tranquillo che lo dedico.
    Un saluto.

    RispondiElimina