giovedì 10 marzo 2011

Quando si parla di "basi solide"

Le foto che seguono sono a dir poco raccapriccianti. Premettiamo che la location è già nota ai frequentatori di questo e di altri blog perchè è stata più volte fotografata per le bancarelle o per gli impianti pubblicitari. Si tratta del parcheggio taxi di Piazzale degli Eroi.
Quello che vi proponiamo oggi è un cartellone spuntato dalle ceneri di un altro impianto segnalato e rimosso a suo tempo. Ma stavolta qualcosa è andato storto e l'impianto, fin da giovane, ha avuto bisogno di solide fondamenta. E che genere di fondamenta!
Sembra si tratti di un cartellone per il circuito eventi e spettacoli, la cui pubblicità sarebbe commissionata da istituzioni pubbliche, nella fattispecie dal Comune di Roma, su impianti privati (APA).
Posizionato su spartitraffico, a pochi centimetri dalla carreggiata, con in più il difetto di essere orfano di targhetta. Sissignore, l'impianto è privo di targhetta della Nuova Banca Dati.
L'impianto è stato prontamente segnalato al Sindaco, al Direttore dell'Ufficio Affissioni, alla Polizia Municipale
Francesco

14 commenti:

  1. La serissima APA...
    Comunque state tranquilli che nel giro di due giorni la targhetta apparirà e sarà tutto regolare.
    Fateci sapere cosa dicono i vigili del XVII municipio.
    Grazie.

    RispondiElimina
  2. Ma che è, un 3x2 del Comune dato in gestione all'APA? oppure un cartello per pubbliche affissioni di tipo istituzionale? Non lo so, di sicuro è posto su di uno spartitraffico inferiore ai 4 metri e quindi, secondo il codice della strada, è illegittimo.

    RispondiElimina
  3. Che schifo !!
    Ma che ci vuole per fermare questi banditi: tocca chiamare i libici o gli egiziani ?
    Quì non si muove nessuno, tutti troppo impegnati a pensare come svaligiare i contribuenti...

    Mafie e corruzioni dietro i cartelloni

    RispondiElimina
  4. La serissima società APA...quella con guarandanni di esberienza, "danneggiata da concorrenti poco professionali" (ancora ho la comicissima lettera inviata al Corriere della Sera qualche mese fa dall'amministratrice..)MA LI AVETE VISTI I SECCHI DI PLASTICA CHE FUORIESCONO SUL MARCIAPIEDE???.
    Questi SQUALI stanno spolpando la nostra città pezzo a pezzo, questo schifo osceno, questo INSULTO al decoro, QUESTO pericolosissimo impianto a 10 centimetri dalla sede stradale!!!
    Nel DISPREZZO ASSOLUTO di ogni norma, buongusto, sicurezza degli automobilisti e motociclisti
    DOTT. PACIELLO??? PRONTO???? che ne dice??
    Neanche questo orrore può essere rimosso a spese della serissima società?

    RispondiElimina
  5. ci dovrà scappare il morto, fino a quando qualche motociclista non si taglia in due su uno di questi cosi illegali, l'amministrazione se ne fregherà, a tragedia avvenuta li vedremo con le loro facce contrite in tv e al funerale a fare promesse, poi ricomincerà tutto da capo fino alla prossima vittima e così via..

    RispondiElimina
  6. A proposito di morto, vi ricordate il povero motociclista che ci rimase in Via Veneto per aver colpito uno degli innumerevoli impianti sulla strada? Che fine ha fatto quella storia? Ci sarà qualcuno che sta indagando?

    RispondiElimina
  7. Arrestato per camorra
    consulente di Alemanno
    Giorgio Magliocca, ex An e oggi Pdl, sindaco di Pignataro Maggiore, secondo l'accusa sarebbe legato al clan Ligato-Lubrano. Dal dicembre 2010 è capi di gabinetto della segreteria del sindaco. Ha lavorato anche per il ministero delle telecomunicazioni ai tempi di Landolfi

    RispondiElimina
  8. L'immagine di questo cartellone spuntato dal nulla è desolante. Presto invierò al blog le foto di qualcosa di simile, innalzato in una notte a viale Somalia. La devastazione continua senza sosta, senza vergogna e quello che è più grave continua grazie all'impunità e alla complicità delle istituzioni

    RispondiElimina
  9. A tutti gli anonimi:
    OLTRE CHE AIUTARCI NELLE VARIE INIZIATIVE CHE CONTINUEREMO A ORGANIZZARE..
    nel frattempo scrivete esprimendo la vostra indignazione a:
    gianni.alemanno@libero.it
    polmunicipaleseggssu@comune.roma.it
    francesco.paciello@comune.roma.it
    davide.bordoni@comune.roma.it

    ALMENO QUESTO FATELO!!!!

    RispondiElimina
  10. Stiamo tutti tranqillissimi. Al Comune di Roma, ed in particolare all'VIII dipartimento stanno tutti lavorando serissimamentissimamente con la fermissima intenzione di fermare definitivamentissimamente questo stupro continuato e totalitario che assolutamentisimamente bordoni, alemanno e paciello con tutte le energie che hanno in corpo stanno intensamentissimanete e credibilissimamente combattendo. I risultati sono sotto gli occhi di tutti.

    RispondiElimina
  11. Il marcio è nelle Istituzioni.

    Mafie e corruzioni dietro i cartelloni

    RispondiElimina
  12. Domanda da perfetto ignorante: chi e con quali modalità può presentare denuncia penale contro apa & co. per danneggiamento di proprietà pubblica, imbrattamento e violazione del codice della strada, come nel caso eclatante della foto?
    Tx

    RispondiElimina
  13. E in tutto questo la magistratura DORME. Nulla si fa, tutto tace, tutto messo a silenzio, solo inziative di propaganda per "pararsi" da eventuali accuse di connivenza, quando invece SI CONTINUA A LUCRARE IN DANNO DI TUTTI NOI. VERGOGNA!!!

    RispondiElimina
  14. Resistenza Attiva11 marzo 2011 18:11

    Il singolo cittadino può fare certamente denunce ed esposti, ma consiglio vivamente di rivolgersi a comitati ed associazioni esperti in questioni legali, come CITTADINANZA ATTIVA, CODACONS, ecc.ecc., sempre se vuole restare nella legalità della reazione a questi soprusi.

    RispondiElimina