venerdì 11 marzo 2011

Come ci rovinano il... PANORAMA

Troviamo improbabile che un turista che provenga dall'aeroporto di Fiumicino, mentre si reca in taxi a Roma,  faccia delle foto dal viadotto della Magliana al primo Colosseo che incontra. Ma se le facesse non è che si porterebbe via un panorama invidiabile, vista la foto che segue. Ad "impallare" il Palazzo della Civiltà Italiana, noto anche come Palazzo della Civiltà del Lavoro o semplicemente Colosseo Quadrato è un mostro di cartellone di circa 60 metri quadrati. Lungo 24 passi ben distesi ed alto almeno tre metri. Ci siamo andati sotto, e la sensazione di smarrimento (dovuta al contesto e soprattutto alle dimensioni del catafalco), è stata veramente grande. Il mostro affonda le sue radici in un area privata, dalla quale, in buona compagnia di altri cartelloni privi di targhetta, si innalza fino all'altezza della strada sopraelevata e dalla quale svetta con maestosa sinistrosità in una delle curve a gomito più pericolose di tutta Roma.
Se invece parliamo dei turisti che giungono a Roma dal porto di Civitavecchia, subito dopo l'indicazione Roma centro e Città del Vaticano si trovano un altro mostro sacro ad accoglierli. Un altro catafalco, di molto fuori misura, a rovinare il panorama della Riserva Naturale della Tenuta dell'Acquafredda, nella quale è stato piantato a dispetto delle regole e dei vincoli paesaggistici che persisterebbero sul terreno in questione.
Che schifo di PANORAMA!!! 
Francesco

9 commenti:

  1. Ma in quale altra città d'Europa un simbolo della Nazione come il Palazzo della Civiltà Italiana viene "impallato" da un cartellone di un supermercato? Solo a Roma...vergogna!

    RispondiElimina
  2. stiamo lavorandissimo perchè questo scandalissimo è intollerabilissimo. state tranquilllissimi : ora il PRIP veglia su di noi! ass.bordoni

    RispondiElimina
  3. Cosa s'inventeranno Bordoni e Paciello per non far rimuovere questi mostri?
    D'altronde per rimuovere i 6x3 della MG ci sono voluti più di 6 anni..e allora la Magistratura fece qualcosa..
    Denunciamo in massa questi cartelloni TOTALMENTE FUORILEGGE (in ogni caso il formato massimo ammesso attualmente è il 4x3).
    Gli indirizzi di posta elettronica a cui inviare le segnalazioni potrebbero essere linkati sulla home page del blog.
    Comunque li ho indicati in un mio commento al post precedente.
    ROMA CAPITALE MONDIALE DELL'ABUSO, DEL DEGRADO, DEL MALAFFARE!
    (chissà se il sindaco si ricorda cosa affermò poco tempo fa a proposito dei cartelloni e chissà che esito avranno le indagini della Guardia di Finanza..se sono state fatte)

    RispondiElimina
  4. E meno male che il sindaco ha annunciato di aver bonificato tutte le consolari che portano a Roma! "E' il primo biglietto da visita della città per chi viene da fuori", aveva detto Alemanno. Ecco appunto! Che bel biglietto da visita!

    RispondiElimina
  5. .....MA I GIORNALI, I QUOTIDIANI, I GIORNALISTI...DOVE CAZZO SONO FINITI, SE MAI VI SONO STATI ????!!!

    RispondiElimina
  6. facciamogli una valanga di denunce, a un certo punto la procura dovrà occuparsene per forza

    RispondiElimina
  7. Attenzione pericolo curva cartellonara!!!

    RispondiElimina
  8. Legione Monteverde13 marzo 2011 11:03

    QUELLA ZONA E' UN OFFESA PER OGNI CULTURA URBANISTICA E AMBIENTALE, invece di pensare alla Formula 1 e alle Olimpiadi del 2020 Alemanno dovrebbe passare le mattinate in fila sul viadotto della Magliana.

    RIOMMMA GABITALE DITALLIA GOVERNATA DA PRIMITIVI!!

    RispondiElimina
  9. Gli indirizzi e-mail per fare le denunce li ho linkati pochi giorni fa sul post precedente.
    Fate le denunce..non serviranno a niente ma fatele lo stesso!
    Hanno costruito un muro di gomma di norme folli e di deroghe vergognose al codice della strada per permettere di impiantare cartelloni dovunque.
    L'Italia è un paese allo sbando dove la certezza del diritto e delle pene è svanita da tempo.
    Il senso del bene comune è stato polverizzato dall'era berlusconiana che ben ha interpretato gli umori profondi di un popolo anarcoide, egoista, gretto, teso solo all'arricchimento e al lucro con tutti i mezzi.
    La cultura dell'imbroglio e dell'inciucio come valore.
    Se voi sapeste cosa succedeva e succede con le case popolari...non avete idee dei soprusi, delle truffe, dell'evasione dei canoni..
    Il Berlusconismo è stato solamente il trionfo di questa cultura che va ben oltre purtroppo i confini del PdL..
    MA NOI NON CI ARRENDIAMO...tenetivi pronti..tra pochi giorni ci saranno novità..e questa volta voglio proprio vedere quale scusa inventerete per non partecipare

    RispondiElimina