martedì 19 aprile 2011

A pochi metri, ancora loro....

A Piazza di Porta Metronia, a metà strada tra la famosa "Navicella" e le Terme di Caracalla, Abbiamo assistito alle 12 di oggi al "restailing" di un cartello della stessa ditta di quello ormai famoso in Via di Caracalla.


Stavolta si tratta di un cartello regolarmente censito in banca dati, ma a nostro parere ugualmente posto in violazione del C.d.S. e del buon senso. Per la violazione del  C.d.S. ci appelliamo alla vicinanza dal cartello di divieto di sosta e dal margine dalla careggiata, mentre per il buon senso ci appelliamo al fatto che i pedoni che dovessero passare di lì dovrebbero essere tutti smilzi e tenersi in fila indiana per evitare di venire investiti dalle auto che passano.




E che dire del lavoretto fatto "a regola d'arte" sull'esiguo marciapiede? 


E che dire della targhetta ADESIVA come quella del vergognoso cartello di Caracalla? E' un vizietto di questa ditta?



Siamo comunque compiaciuti del fatto che il cartello si sia reso nuovamente disponibile ad accogliere nuova pubblicità. Questo vuol dire che la domanda cala, mentre il malcontento popolare cresce.
Eccome se cresce!!!
Francesco

14 commenti:

  1. Meglio che crescano i detenuti, con Paciello e Bordoni dietro le sbarre.

    Mafie e corruzioni dietro i cartelloni

    RispondiElimina
  2. tenetevi liberi per giovedi mattina..

    RispondiElimina
  3. E questo non è niente...guardate qui:

    http://www.romafaschifo.com/2011/04/installati-di-fresco-nella-zona-di.html

    Targhette senza codice.

    RispondiElimina
  4. Tranquilli non dimenticate l’impegno profuso dall’Assessore alle Attività Produttive Davide Bordoni che in questi anni ha assunto numerose iniziative volte a contrastare il fenomeno...
    BUFFONI SENZA VERGOGNA! IN GALERA!

    RispondiElimina
  5. A questi bisogna trovare il modo di fargli capire che la musica sta cambiando.
    Che le loro peggiori porcate non saranno più tollerate.
    Bisognerà proprio fare qualcosa ...

    RispondiElimina
  6. Scusate ma ai disabili non ci pensate?

    CON QUEL CARTELLONE DI FATTO QUEL MARCIAPIEDE DIVENTA PROIBITO AI DISABILI.

    grazie sindachetto.

    RispondiElimina
  7. Resistenza Attiva19 aprile 2011 19:35

    Sul lato opposto c'è un marciapiede tipo "pista ciclabile" con la linea tratteggiata al centro e il disegno di un omino e di una bicicletta. Qualcuno potrebbe dire che i disabili potrebbero passare di lì...
    Ma attenzione: all'inizio della piccola pista, alla stessa altezza del cartellone fotografato, ce n'è un altro della stessa ditta che pubblicizza abiti per persone fuori forma (PITRAN), posto sempre al centro del marciapiede, in modo da ostacolare anche l'accesso a quel marciapiede. La ditta di cui sopra sembra proprio non voler rispettare nè i pedoni, nè i disabili, nè le terme di caracalla...

    RispondiElimina
  8. continuate
    a votare!!!


    Repubblica non può continuare ad ignorare quello che sta accadendo..
    195 voti e 11 commenti..
    IL POST PIU' VOTATO E COMMENTATO DI SEMPRE NELLA STORIA TRIENNALE DELLA RUBRICA (che non a caso riporta una foto del Grande Scempio in copertina)
    GRAZIE A TUTTI..LA LOTTA CONTINUA!
    e GIOVEDI sarà un grande Natale di Roma..
    ESTOTE PARATI..

    RispondiElimina
  9. Credo che l'impedire ai disabili la possibilità di usufruire del marciapiede sia, oltre che un insulto, una mancanza di rispetto e una violazione dei diritti di cittadinanza, anche una palese violazione delle normative italiane ed europee sulla circolazione stradale.

    Chiedo al Comitato: non si potrebbe giuridicamente puntare su questa strada per ottenere l'abbattimento rapido almeno di quei cartelloni che negano ad alcuni cittadini italiani il diritto alla circolazione?

    Grazie.

    Credo che sottolineare questo tema finora trascurato sia anche una chiave per aumentare l'interesse intorno alla questione: non si tratta solo di infrazione alle regole e svendita della città al racket, ma anche di una palese negazione dei diritti dei disabili. Una cosa di cui come romano mi vergogno profondamente.

    RispondiElimina
  10. Romolo
    vieni a dare una mano occupandoti dei contatti utili, promuovendo iniziative..noi siamo letteralmente sommersi dal lavoro!
    Abbiamo bisogno di gente che lavori con noi e non di buoni consigli.
    Grazie comunque
    P.S: andate a vedere le foto sconvolgenti sul blog romafaschifo...C'E' BISOGNO DI ANDARE IN TANTI IN PIAZZA..C'E' BISOGNO DI COSTRINGERE LA STAMPA E LA TV AD OCCUPARSI SERIAMENTE DI QUESTO INCOMMENSURABILE SCEMPIO..A BREVE ALTRE MANIFESTAZIONI..E NESSUNO DOVRA' MANCARE!!!!
    BASTA CHIACCHIERE, BASTA ESTENUANTI DISCUSSIONI, AFFRONTIAMO A VISO APERTO I NEMICI DI ROMA.

    RispondiElimina
  11. La "Special Communications", già responsabile di numerose installazioni cartellonare da sbellicarsi, ha sostituito il suo pannello targato Colizzi (ringraziamo sempre i committenti) che gioiosamente riempiva la noiosa visuale di un incrocio (in Via Portuense alt. Via Majorana), con un nuovo cartello di circa 4 m d'altezza (perchè altezza è mezza bellezza), forse per evitare i continui danneggiamenti ad opera di vergognosi vandali.
    Onestamente è giunta l'ora di dare un premio a questi signori che hanno così a cuore l'altrui incolumità.

    RispondiElimina
  12. Gli consegneremo un bel tapiro.... Glielo disegneremo sul nuovo cartellone. A costo di portarci appresso la scala.

    RispondiElimina
  13. Legio Aurelia Invicta21 aprile 2011 22:06

    Special communications?
    Special blitz..molto presto..con buona pace del demente scrotino :-))

    RispondiElimina