mercoledì 13 aprile 2011

A grande richiesta - 2

Pare che questa furbata del cartello in Piazzale Numa Pompilio non vada giù a molti.
Riceviamo e pubblichiamo le due foto seguenti.




Il cartello ha una tale posizione di visibilità che qualsiasi messaggio avrà una diffusione enorme (in quel tratto transitano e sostano migliaia di veicoli al giorno). Il paradosso è quindi che quanto più l'amministrazione lo tollererà tanto più rischierà "sputtanamenti" simili a quello mostrato dalle foto.

30 commenti:

  1. Cari Amici del Comitato,
    sappiamo tutti che questo encomiabile lenzuolo di sdegno sarà , ora che scriviamo, già stato prontamente tolto.
    PIUTTOSTO, COME AVETE GIUSTAMENTE OSSERVATO NEL POST PRECEDENTE A PROPOSITO DELLA TARGHETTA CHE AUTORIZZA IL CARTELLO "OVUNQUE A V.LE DELLE TERME DI CARACALLA", AVETE TROVATO UN GANGLO NODALE E VULNERABILE (a mio avviso di grande importanza) NELLE PORCHERIE AUTORIZZATIVE (come altro definirle?)ATTUALMENTE IN VIGORE PRESSO GLI UFFICI COMPETENTI. Mi è piaciuta molto la scritta, in chiusura di Post "Questa storia non finisce qui"!! Infatti credo proprio che questa "Storia" meriti molta, ma molta attenzione.
    Tra l'altro, ripeto, L'ALTRO SCONCIO 1x1 CONFICCATO AI PIEDI DEL PALATINO E' ANCORA LI' A FAR GUADAGNARE QUESTI CRIMINALI SENZA SCRUPOLI (e i loro sodali).

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  2. l'avranno pure tolto, ma intanto sarà anche stato visto da molte persone e chissà che a qualcuno non gli si sia accesa una piccola luce nella testa facendogli capire che cartellone selvaggio è uno scempio per la città....e intanto il consenso verso la protesta si allarga....

    RispondiElimina
  3. Legio Aurelia Invicta13 aprile 2011 12:59

    Non gli daremo tregua Mc Daemon.
    Un oltraggio del genere a Roma NON SARA' TOLLERATO.
    La cosa certa è che questo schifo NON ERA PRESENTE NELLA Nuova Banca dati quindi se non è totalmente abusivo il dott. Paciello spiegasse in modo CREDIBILE com'è possibile che ancora oggi NEL CUORE DELL'AREA ARCHEOLOGICA DI ROMA sia possibile piantare cartelloni ben sapendo che nella sottozona B1 del PRIP che prima o poi sarà approvato NON SARANNO AMMESSi.
    Per l'onore di Roma, barbari maledetti NOI VI PROMETTIAMO GUERRA SENZA QUARTIERE

    RispondiElimina
  4. Come lo tolgono lo si può rimettere (il cartello di protesta).
    Ci dovrebbe essere la fila a mettere cartelli addosso a 'sta schifezza.

    RispondiElimina
  5. Legio Aurelia,
    Nessuno darà tregua a queste MERDE UMANE!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  6. Resistenza Attiva13 aprile 2011 16:01

    Chiamamo le cose con il loro nome e cognome.
    Vedendo un solo cognome sul cartello, tengo a precisare che si intendeva:
    Sindaco: Gianni Alemanno
    Dirigente Ufficio Affisioni: Francesco Paciello

    RispondiElimina
  7. beh, direi che li si può anche disturbare, questi signori per chiedere "chiarimenti":

    studiozetap@tiscali.it

    gianni.alemanno@comune.roma.it
    francesco.paciello@comune.roma.it

    voi che ne dite?

    RispondiElimina
  8. Stramaledettissimi!
    Un insulto così scandaloso alle regole e al buon senso non sarà tollerato.

    RispondiElimina
  9. risparmiatevi le mail, sono respinte in automatico

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. Non risponderanno mai, e chissà perchè...

    MAFIE E CORRUZIONI DIETRO I CARTELLONI

    RispondiElimina
  12. ALEMANNO MA CHE TI ABBIAMO FATTO DI MALE!???!

    Abbiamo capito che Roma ti fa schifo, ma un ex fascista come te sovrebbe avere almeno a cuore le testimonianze dell'impero romano come Terme di Caracalla e Circo Massimo. E invece diventano terra per cartellonacci zozzi pure quelle, che schifo!!

    A raccontarlo non ci crederebbe nessuno.

    RispondiElimina
  13. Alemanno rom, altro che fascista.
    Roba che se lo vedono i tunisini tornano indietro pensando che qui stiamo peggio.

    Mafie e corruzioni dietro i cartelloni

    RispondiElimina
  14. Ecco un buon soprannome per il nostro sindaco naziskin: SPAZIO DISPONIBILE

    non capisco l'osservazione letta poco sopra: cioè siccome il sindaco è un noto fascistone allora dovrebbe avere particolarmente a cuore Circo Massimo e Terme di Caracalla? Quindi il resto della città lo buttiamo al secchio perchè non era simbolo dell'Impero Romano?
    Quando uno è come è Alemanno, non gliene può fregare di meno di niente.
    Oltretutto non è nemmeno di Roma...

    RispondiElimina
  15. come in parte si vede anche in una di queste foto, c'è da sottolineare il fatto che la zona delle Terme è da tempo utilizzata come mega-parcheggio per file interminabili di pullman turistici.
    ehhhh... i soldi sono l'anima del commercio.
    o era la pubblicità?
    boh

    RispondiElimina
  16. dottore..non esagerate con il largactil..il poveretto ha le allucinazioni se no.

    RispondiElimina
  17. Una porcheria unica, un insulto alla cittadinanza romana, un pugno in occhio a chi ha cuore Roma, una vergogna indescrivibile. Questo comitato deve chiedersi se " questa collaborazione unica" con tale paciello e bordoni abbia (o abbia mai avuto) senso alcuno.

    CHI HA AUTORIZZATO QUESTA PORCHERIA?!?

    Una città nell'anarchia, governata da lobbies affaristiche, dove il lucro a scapito di tutti e in favore di pochissimi la fa da padrone, dove vengono calpestati diritti senza che alcuno abbia un minimo di coscienza civica.

    Una VERGOGNA SENZA FINE.

    RispondiElimina
  18. DIFFONDETE QUESTE FOTO SA TUTTA LA STAMPA ROMANA!!!!!

    RispondiElimina
  19. Seeeeeeeeeee ... la stampa romana ... bona quella!

    RispondiElimina
  20. CMQ QUESTE FOTO VANNO DIFFUSE IL PIU' POSSIBILE, AD OGNI ORGANO DI INFORMAZIONE.

    RispondiElimina
  21. Già fatto.
    Diciamo che la stampa romana continua a non essere molto sensibile al problema dell'impiantistica pubblicitaria a Roma.

    Sarà che non possono scontentare troppi gli stessi pubblicitari che gli devono assicurare le inserzioni?

    RispondiElimina
  22. Ho postato la foto sulla pagina di Roma di Repubblica.it rubrica "la città che non va".
    Se andate tutti a votarlo e soprattutto commentarlo forse avremo qualche speranza in più che la cittadinanza sensibile riceva la documentazione di questo scempio inaudito.
    Porci banditi..a quando un bel cartellone in Piazza Navona? (tanto davanti a S.Maria Maggiore già è pieno..) Non vi molliamo maledetti!!!!
    COME PUO' L'UFFICIO AFFISSIONI AVERE RILASCIATO LA TARGHETTA PER UNA ZONA ULTRA-VINCOLATA COME LE TERME DI CARACALLA?..ESISTE ANCORA UNA SOVRINTENDENZA?? COSA SI INVENTERA' STAVOLTA PACIELLO PER NON RIMUOVERE QUESTO SCHIFO??

    RispondiElimina
  23. Perchè non si inizia a vedere chi, come e quando ha autorizzato questi cartelloni in pieno centro storico vincolato ?

    COLLUSIONI DIETRO I CARTELLONI

    RispondiElimina
  24. Andate, commentate e votate!

    http://roma.repubblica.it/commenti/?idarticolo=reproma_2604127&idmessaggio=2387292

    Chi non lo fa è un cartellonaro.

    RispondiElimina
  25. votato! però ci vuole il lanternino per trovarla senza link

    RispondiElimina
  26. VOTATO A 5 STELLE!!

    ...ma quella merda sta ancora là, a profanare Caracalla ?


    Mc Daemon

    RispondiElimina
  27. Mc Daemon, mi sa che se non ti armi di una buona dose di spirito d'iniziativa quella merda rimane lì...

    RispondiElimina
  28. Legio Aurelia Invicta14 aprile 2011 19:06

    Per mc Daemon
    "aspetta sulla riva del fiume e vedrai passare il cadavere del tuo nemico"

    RispondiElimina
  29. siamo a 18 voti e 5 commenti sul post PUBBLICATO su www.repubblica.it ,pagina di roma, rubrica "la città che non va" (non è così difficile..basta un pò di attenzione..) CONTINUATE..CONTINUATE PER FAVORE!!! I GIORNALISTI "DISTRATTI" NON POTRANNO FAR FINTA DI NULLA.
    TUTTI COLORO CHE AMANO L'ARTE, LA STORIA, L'ARCHEOLOGIA DEVONO INSORGERE!!

    RispondiElimina
  30. http://roma.repubblica.it/commenti/?idarticolo=reproma_2604127&idmessaggio=2387292

    RispondiElimina