martedì 12 aprile 2011

A grande richiesta

Ed ecco a voi la meraviglia che ci è stata segnalata oggi.

Con lo sfondo della chiesa dei SS. Ireneo e Achille


Con lo sfondo delle Terme di Caracalla

Con lo sfondo dell'ingresso dell'Appia (Regina Viarum)



Questa è la targhetta attaccata al cartello. Da notare che non è indicato il numero civico; se ne deduce che esso poteva essere installato in qualsiasi punto del Viale delle Terme di Caracalla.


Noi non abbiamo trovato nessun altro cartello pubblicitario (di alcun genere) su Viale delle Terme di Caracalla). Questo qui costituisce quindi un unicum.

Delle due l'una: o questa ditta ha tentato una furbata (ma dovrebbero essere dei minus habens per sperare di farla franca in questo punto), o all'ufficio affissioni qualcuno si è preso una responsabilità grossa come una casa, anzi grossa come le monumentali costruzioni delle Terme di Caracalla.

Questa storia non finisce qui.

6 commenti:

  1. La ditta STUDIO ZETA PUBBLICITA' srl, censita presso la nuova banca dati del Comue di Roma con il n°112 è tristemente famosa in tutto il mondo per i suoi cartelli messi nei posti più belli di Roma. E' loro anche il plurifotografato da noi (e dai turisti), cartello ai piedi del Palatino in via del Circo Massimo angolo Viale Aventino.
    Comunque, se questo cartello è posizionato nel primo municipio (e fino a Porta Latina lo è)quella targhetta NON E' CENSITA NELLA SUA BANCA DATI.
    Ne deriva che le possibilità sono due: o gli stupratori cartellonari ci stanno sfacciatamente e stupidamente provando o il Servizio Affissioni ha riconcesso la possibilità di ricollocazioni nel primo municipio a suo tempo sospese proprio su richiesta del Comitato.

    RispondiElimina
  2. Legio XI Claudia Pia Fidelis12 aprile 2011 20:55

    Maledetti. Ultimi dei porci come la ZETA...

    Stupratori dei posti sacri ai destini di Roma...

    Che i soldi guadagnati con questi cartelli possano essere spesi tutti in medicine!

    RispondiElimina
  3. GRAZIE 1000 AL COMITATO PER AVER PRONTAMENTE RACCOLTO LA MIA SEGNALAZIONE!!!!!!

    QUESTO SCHIFO E' DI UNA GRAVITA' TALMENTE ASSURDA DA SFIORARE IL RIDICOLO...COME DEL RESTO E' LA LORO (se ho capito bene) ALTRA MERDA PIAZZATA SOTTO AL PALATINO. IL PROSSIMO CARTELLO DOVE LO PIAZZERANNO, DENTRO IL COLOSSEO ??!!!

    E' EVIDENTE CHE QUESTI CRIMINALI SONO ASSOLUTAMENTE CERTI DI FARLA FRANCA. DEL RESTO COME DARGLI TORTO VISTI I PRECEDENTI (per l'ppunto il cartello sotto il Palatino sta ancora li, a farli guadagnare) ?

    QUESTE MERDE SONO SOLO CRIMINALITA' E COME TALI VANNO COMBATTUTI. Le "risorse" qualcuno se le può ficcare dove dico io...

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  4. Credo che sempre gli stesi "signori" abiano piantato stanotte altra identica obbrobriosità all'uscita della metro San Giovanni direzione centro (inizio di V. Appia Nuova, quasi P.le Appio).
    ARRESTATELI.

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  5. E che c'è da stupirsi? Con questo paciello che dirige l'ufficio, sai che novità? Un controllo generale sull'operato, visti i posizionamenti, se veramente disposti, è d'obbligo. Magistratura, ci sei, sì???

    RispondiElimina
  6. Legio Aurelia Invicta13 aprile 2011 11:35

    Sono d'accordo..questa storia non finisce qui.
    QUESTI PORCI BANDITI VANNO FERMATI.
    ADESSO BASTA!! NON POSSIAMO TOLLERARE UN AFFRONTO DEL GENERE.
    ESTOTE PARATI

    RispondiElimina