mercoledì 23 febbraio 2011

A che punto siamo con la delibera - L'ultimo passaggio in Commissione Commercio

Dopo i pareri forniti dai Municipi sulla nostra proposta di Delibera d'iniziativa popolare, il passaggio successivo è in Commissione Commercio del Comune.

Da tempo aspettavamo la calendarizzazione del provvedimento per la discussione in Commissione ma ora un nuovo imprevisto porterà ad un ulteriore slittamento. E' venuto infatti a mancare il Presidente della Commissione Commercio, l'On. Massimiliano Parsi, deceduto dopo una lunga malattia.

Sarà quindi necessario che la Commissione elegga un nuovo Presidente e ricominci a riunirsi calendarizzando i provvedimenti in attesa.

La previsione è che la nostra delibera venga presentata in Commissione dopo la metà di marzo e probabilmente la cosa avverrà contemporaneamente alla discussione nella stessa Commissione del Piano regolatore sugli impianti pubblicitari approvato dalla Giunta Comunale.

12 commenti:

  1. Anni per sanare lo scempio provocato dalla delibera 37. Altre città si sono dotate di piani regolatori, eppure la devastazione che c'è stata a Roma non ha eguali. Quì siamo nella capitale, di cosa però non si sa.

    Mafie e corruzioni dietro i cartelloni

    RispondiElimina
  2. Quand'è che 'sta disgrazia di alemanno e la cricca degli accoliti se ne vanno (BENEDETTO QUEL GIORNO!!) dopo aver massacrato ed umiliato questa povera sfortunatissima città ?

    stati generali = una buffonata vuota e confusa, c.v.d., ma non vi erano dubbi in proposito

    RispondiElimina
  3. tenete duro, non passa giorno che vedo spuntare nuovi cartelloni OVUNQUE!! BASTAAA!!!

    RispondiElimina
  4. Legione Monteverde24 febbraio 2011 10:28

    Segnalo puntata delle Iene su lo scandalo decreto milleproroghe e affissioni politiche ABUSIVE.

    http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/211743/calabresi-condono-manifesti-elettorali.html

    RispondiElimina
  5. Ancora una volta le Iene hanno dimostrato la piena democrazia nel nostro paese: destra e sinistra sono uguali ! Le sanatorie, i condoni, i favori e le collusioni hanno fatto, e ancora continuano a far parte del nostro parlamento.
    Chi rappresenta la classe politica ? I cittadini no di certo.

    Mafie e corruzioni dietro i cartelloni

    RispondiElimina
  6. Resistenza Attiva24 febbraio 2011 15:09

    Fino a ieri su Repubblica.it cronaca di Roma era presente un articolo ripetuto per più giorni sulla pubblicità dell'evento del Congresso del PDL sui valori della Cristianità, che su questo blog sono più volte apparsi collegati agli impianti 8 x 3;
    Oggi su Corriere.it si parla sempre di cartelloni enormi che pubblicizzano un'altra cosa, in questo caso un bel fondo schiena,vedi articolo al link:
    http://www.corriere.it/cronache/11_febbraio_22/vestito-troppo-corto-fantasia-bosi-fedrigotti_27691acc-3e5e-11e0-a025-
    f4888ad76c86.shtml?fr=

    Si guarda sempre al messaggio pubblicitario, dando la pastura così ai pubblicitari, che godono di altra pubblicità gratuita, e non al vettore di tale pubblicità: gli impianti pubblicitari sempre più invadenti e prepotenti, e le ditte di affissione sempre più aggressive e tracotanti.
    Sarebbe ora che questi due importanti e autorevoli quotidiani si occupassero seriamente del VERO PROBLEMA: i troppi cartelloni, localizzati spesso contro ogni regola civile, in barba ai cittadini che tutto questo devono subire.

    RispondiElimina
  7. Perfino il Sindaco ha parlato di RACKET dei cartelloni. Ma evidentemente l'argomento non fa più tendenza se tutti i nostri sforzi di dare risalto alla battaglia contro il Grande Scempio pertoriscono, nel migliore dei casi, insignificanti topolini di articoli spesso superficiali o fuorvianti. L'opinione pubblica ancora CONFONDE manifesti e cartelloni..la sensazione è quella di una snervante fatica di sisifo.
    Ma in un paese in cui l'illegalità è ormai diffusa e impunita..in cui un ministro dichiara pubblicamente di non pagare il canone rai..in cui un altro mini-ministro aizza la canea becera e ignorante contro i dipendenti pubblici..in cui non passa giorno che non si abbiano notizie di scandali, furti e ruberie commesse dalla "CASTA" (vedi notizie odierne dalla Puglia..), in cui ditte senza scrupoli ALLA LUCE del sole rubano soldi pubblici effettuando lavori di asfaltatura e copertura di buche che durano al massimo 1 mese..COME FARE A SOSTENERE LA SPERANZA DI UNA NUOVA STAGIONE DI ONESTA', TRASPARENZA E COMPETENZA?

    RispondiElimina
  8. NEL FRATTEMPO SU VIA CRISTOFORO COLOMBO-DALL'EUR-ALLE MURA AURELIANE CONTINUANO A SPUNTARE COME FUNGHI CARTELLONI DI OGNI RISMA E FATTURA (l'ultimo notato anche stavolta davanti al bello spazio verde recintato con una bella cancellata qualche tempo fa e fino a stamane ancora godibile...diamo l'addio anche a questa veduta)...LA VIA E' ORMAI COMPLETAMENTE DEVASTATA E TRASFIGURATA... ECCO GLI STATI GENERALI: UN GENERALE SENSO DI SCHIFO!
    bordoni a casa, alemanno a casa!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  9. Resistenza attiva ha fatto un bel ragionamento . Lo condivido in pieno.
    X Il messaggio delle 15:57, l'opinione pubblica confonde manifesto e cartellone perchè qualcuno vuole questo. Non credi ?
    Sulla battuta del mini-ministro in fondo non è quello che si fà qui con i cartellonari e i bancarellari/camion bar ? Tra l'altro il mini-ministro era un bancarellaro (vendeva souvenir a venezia , se non erro).

    Condivido la poca speranza, visto che bene o male i nomi dei politici sono sempre quelli. Soprattutto in chiave di Roma capitale con un aumento dei poteri (il problema è il contesto, non uno o due nomi).

    RispondiElimina
  10. S.Maria della Pietà24 febbraio 2011 21:38

    Dottore!!! presto...rinnoviamo il TSO!
    Largactil e Serenase...va sedato, poveraccio

    RispondiElimina
  11. ok io mi "sedo" tu segnati questa :

    Ci sono scemenze ben presentate come ci sono scemi ben vestiti !

    RispondiElimina
  12. CLASS ACTION contro Cartelloni pubblicitari.

    RispondiElimina