martedì 7 dicembre 2010

Indovina l'abuso

Questa foto è stata scattata a Piazza Meucci. Se guardate bene si vedono 12 cartelloni (di cui 7 sullo spartitraffico) e 9 parapedonali. Vorremmo che i nostri lettori mostrassero la loro competenza in materia, segnalando secondo loro  perchè e quanti dei cartelloni nella foto sarebbero irregolari.

14 commenti:

  1. Apro volentieri la gara: considerate le distanze minime dalla carreggiata, salverei solo quello "emmepiù" e forse i parapedonali.

    Certo che immagini simili fanno davvero prudere le mani ...
    Ci sarà mai un giorno in cui potremo disfarci personalmente di scempi simili?

    RispondiElimina
  2. Scusate.. ma che ci stanno a fare i parapedonali su uno spartitraffico? I pedoni non ci devono stare sullo spartitraffico.

    RispondiElimina
  3. Ottima osservazione. Parapedonali su uno spartitraffico: l'ennesima furbata pur di spiaccicare pubblicità da qualche parte.

    RispondiElimina
  4. Legio XI Claudia Pia Fidelis8 dicembre 2010 10:05

    Ci sono innumerevoli violazioni al codice della strada, art 23:
    TUTTI i cartelloni che si trovano sullo spartitraffico di un incrocio sono illegali in quanto è vietata l'installazione " 50 mt. prima delle intersezioni dentro i centri urbani nelle strade di quartiere, derogati dal Comune di Roma e ridotti a 25 mt. prima e 15 mt. dopo, ma solo per cartelli di dimensione non superiore a mt. 1,20 x 1,80";
    Inoltre i cartelloni che si vedono dietro lo spartitraffico, oltre a violare la stessa norma in quanto in tratto di intersezione, violano anche quella delle distanze minime di sicurezza di distanza dai semafori (dentro Roma 25 mt. prima e 15 mt. dopo) e il divieto di installazione in curva. Credo inoltre ci sia violazione anche della distanza minima tra un impianto e l'altro (che se non sbaglio dovrebbe essere di 15 metri) e quindi dell'indice di affollamento.
    In pratica TUTTI i 21 cartelloni violano almeno una norma, alcuni due e altri tre norme. Tutto da verificare se poi hanno o meno la targhetta identificativa.
    Buon lavoro al servizio rimozioni.

    RispondiElimina
  5. Come mai non divulgate la raccolta fondi per sbloccare cartellopoli? io ho gia' donato ma un botto di gente che passa di qui sicuramente vuole donare e non lo sa.

    RispondiElimina
  6. E' cosa nota a tutti coloro che seguono questa vicenda che attualmente almeno il 75% dei cartelloni viola qualche norma..pensate solamente a tutti quelli presenti nel Centro Storico..non ce ne dovrebbe stare neanche uno..
    Non resta che sperare che una volta approvata la Delibera si possano redigere piani particolareggiati affinchè il PRIP fissi l'esposizione complessiva (i metri quadrati..) per settore e per tutta la città) e i vincoli inderogabili (Codice della strada, codice dei beni culturali e del paesaggio..).
    Ma secondo me non è solo questione di norme ma di VOLONTA' POLITICA di applicarle, una volontà che dovrà essere trasversale,alimentata dalla percezione che è arrivato il tempo di fare una scelta: Roma Capitale Europea o immensa favela, terreno fertile per ogni abuso e illegalità.

    RispondiElimina
  7. Proprio perchè illegali ed inutili GIUSTO IERI NELLO SPARTITRAFFICO CHE DAL LUNGOTEVERE MARZIO(PRIMA DELL'ARA PACIS) IMMETTE SU VIA DI RIPETTA/VIA TOMACELLI E' STATA ISTALLATA UNA BARRIERA DI PUBBLICITA'-PARAPEDONALI DA TERZO MONDO!!!!!!

    Però non protestate...se no vi rinchiudono...Grazie bordoni, Grazie alemanno

    RispondiElimina
  8. Grazie dell'informazione.
    Non è che se protestiamo poi lo tolgono. Trattandosi di zona mia gli vado a dare un'occhiata quanto prima e vedo cosa ci si può fare con le (scarse) possibilità attuali.
    Conto i giorni per poter avere un meccanismo di rimozione finalmente efficace.

    RispondiElimina
  9. va considerato anche l'aspetto della comunicazione visiva, se io passo da quella parte, le informazioni che ottengo sono pura confusione, non sense.
    L'agenzia pubblicitaria che vende lo spazio di piccole dimensioni, non si cura dell'aspetto della comunicazione incassa soldi e basta.
    ecco perchè si parla di scempio. ognuno fa come cavolo gli pare

    RispondiElimina
  10. @ Robetto delle 12:43

    Da quanto ho capito in realtà le possibilità attuali sarebbero pure efficaci, una volta rilevata la totale abusività della barriera pubblicità-pseudoparapedonale su spartitraffico in piena Zona Vincolata. L'unico minuscolo problemino è la effettiva volontà di applicare le dette posibilità attuali da parte di chi dovrebbe applicarle.
    Cmq In bocca al Lupo ed attenzione a non farci notare mentre osserviamo la struttura...potremmo incorrere in arresto in flagranza per reato di lesa maestà!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  11. Ovviamente volevo scrivere Roberto.
    Mc Daemon

    RispondiElimina
  12. Ieri qualcuno ha imbrattato due cartelloni (di quelli gialli) da poco installati sugli spartitraffico centrali della via Olimpica, all'altezza del ponte sul Tevere.

    Condanno fermamente l'azione di questi vandali. Spero che possano essere arrestati quanto prima.

    RispondiElimina
  13. Regà, tocca fermà i vigili, in 10, 100, mille, ogni giorno e chiedere SPIEGAZIONI sul perché loro non fanno un cazzo per toglierli! Ogni giorno ce dev'esse qualcuno che glie rompe li coioni finché non li LEVANO TUTTI!

    RispondiElimina
  14. @Anonimo delle 12:20
    Sono andato a visionare l'incrocio Via di Ripetta - Via Tomacelli ed in effetti c'è la barriera di parapedonali, ma è lì da tempo immemore. Ho infatti controllato sullo street view di Google e lì risulta. Direi che la differenza attuale consiste nel fatto che hanno tolto i pannelli pubblicitari (forse per sostituirli).
    Non che voglia sminuire l'assalto tuttora in corso dei cartellonari ma davvero non c'è bisogno di inventarsi nuove installazioni: ce ne sono abbastanza di quelle reali, purtroppo.

    Comincerà dal primo municipio il repulisti generale? Vedremo ... speriamo a breve.

    RispondiElimina