mercoledì 1 aprile 2015

Il blog Bastacartelloni è arrivato al capolinea. Ma da qui riparte un bus carico di notizie e proposte. Dopo 5 anni, quasi 1300 articoli è ora di rinnovarsi. Nasce diarioromano, cronache e idee per una Roma migliore

La vignetta che nel 2010 costituì la testata del sito bastacartelloni

Con ogni probabilità nessuno ricorderà questo sito e forse pochi ne sentiranno la mancanza. Qualcuno sarà anche contento di leggere che da oggi cessa le pubblicazioni. E noi, per prima cosa, ci rivolgiamo a costoro: non cantate vittoria perché questa piccola voce scomoda non smette di parlare. Semplicemente cambia e si trasforma. Non sarà più l'organo di un'associazione, ma un'altra cosa: un luogo di riflessione e confronto. Un blog, o meglio un webzine come si dice oggi.

Si chiama diarioromano ed è on line da poche ore, ci auguriamo meriti una visita e poi un ritorno ogni giorno, che susciti qualche interesse, magari qualche emozione negativa o positiva che sia. Proprio come è stato per bastacartelloni: nato nel 2010 per essere la voce dell'allora Comitato Promotore della Delibera Popolare, si è via via trasformato. E' stato un sito protagonista della lotta per una pubblicità esterna più civile e regolare, ma è stato anche un "quasi giornale" perché ha fatto informazione in senso stretto. Ha fatto parlare una parte di Roma che taceva. Ha raccontato le iniziative di un gruppo di cittadini che hanno dedicato parte della loro vita a Roma.

Per noi ha rappresentato molto. E' stato il nostro luogo di espressione, senza filtri né censure. Ma sempre nella massima correttezza e rispetto delle opinioni altrui. Ci sono stati momenti di tensione, ma quale battaglia non ha causato divisioni o scontri tra coloro che la combattono?
Quante volte lo sconforto è sembrato troppo grande da superare! Quante volte ci siamo detti che avremmo mollato, che tutto era inutile, che tanto Roma non cambia mai! Ma proprio i commenti che arrivavano dai lettori, il sostegno degli iscritti e - perché no - le critiche pure violente ci hanno spinto ad andare avanti. Insomma da questo sito abbiamo tratto linfa ed energia.

Anche perché i risultati non sono mancati. Senza volervi annoiare non possiamo non ricordare che spesso la pubblicazione su bastacartelloni di un fatto, di una notizia è stata lo spunto per affrontare questioni serie: dagli articoli sulla mancata discussione della delibera popolare, all'opera di ripulitura dai cartelloni di tante strade che erano diventate simbolo dell'illegalità. Via Leone XIII°; il famigerato spartitraffico della Colombo; la rimozione delle centinaia di plance killer della Pes dopo la nostra denuncia alla magistratura; il lungo marciapiedi centrale della Tiburtina; della Nomentana e potremmo continuare.

Non possiamo non ricordare che il documento per il decoro di Roma è stato protagonista del dibattito politico alle ultime elezioni comunali, tanto che molti candidati, tra cui Marino, ne presero diverse parti e le inserirono nel loro programma. Che il nostro severo endorsement anti-Alemanno registrò migliaia di contatti in pochissime ore, probabilmente spostando molti voti e non ricevendo neanche una critica dallo staff dell'ex sindaco. Che molti candidati scelsero di non affiggere manifesti dopo i nostri inviti. Che durante il dibattito sul Prip, i nostri articoli erano sul tavolo dei consiglieri comunali e della commissione commercio.

E alcune soddisfazioni le abbiamo avute da vere e proprie inchieste giornalistiche: dallo sblocco della pista ciclabile di Monte Mario provocato da un nostro articolo, ancora oggi il più letto in assoluto di questo blog. Al recente scoop sul degrado delle location del film di 007 Spectre, che ha fatto il giro del mondo, comparendo sulle più grandi testate internazionali.

Il logo ideato da C. T. nel 2011


E allora perché chiudere? Perché oggi, un sito con un nome legato solo ai cartelloni ha meno ragione di esistere. Il problema verrà seguito con grande attenzione ma assieme ai tanti altri aspetti del degrado di Roma. Perché l'associazione proseguirà nel suo ruolo ma coloro che erano componenti della redazione hanno deciso di imbarcarsi in una nuova esperienza, del tutto distaccata dagli altri amici di Bastacartelloni, sebbene nello stesso solco, fatto di idee e proposte.

Diarioromano raccoglie questa impegnativa eredità, l'insegnamento e la dedizione di semplici cittadini che la notte e i giorni di festa hanno lavorato e studiato cercando di fare qualcosa di buono. Se Francesco Fiori - che fortemente volle questo blog - fosse ancora con noi, sarebbe entusiasta del nuovo progetto. Proveremo a scrivere qualcosa anche in suo nome, chiedendogli un consiglio, magari un'ispirazione.
Caro Francesco, ancora oggi come 5 anni fa, ci serve il tuo aiuto!

FG

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

www.bastacartelloni.it resterà on line a documentazione del lavoro svolto e come archivio di foto e notizie

4 commenti:

  1. Franco Quaranta1 aprile 2015 09:20

    Ho percorso insieme a voi questa strada per 5 lunghi anni dando il mio contributo e molto del mio tempo. Un'avventura intensa, difficile ma straordinaria.
    Più passa il tempo e più mi sembra incredibile quello che la nostra passione civica e il nostro impegno spasmodico sono riusciti ad ottenere.
    Inizia una nuova avventura e non mancherò di offrire il mio contributo di tenacia, volontà e capacità organizzativa. Un abbraccio fraterno a tutti i miei compagni di strada!

    RispondiElimina
  2. Pesce d'aprile ?

    RispondiElimina
  3. Un lavoro immenso, fatto con passione e senza ritorno economico, qualcosa di raro nel panorama desolante della politica. Speriamo si chiuda al più presto il Prip approvato in Comune, ristabilendo il decoro dei cartelloni in città. Grazie ancora a chi con tenacia porta avanti semplicemente l'esigenza di vivere in un ambiente più decoroso e civile.
    Un saluto a tutti

    RispondiElimina
  4. Non so neppure da dove cominciare per ringraziarvi del vostro lavoro. Questo sito è una delle cose migliori che Roma ha avuto negli ultimi 5 anni: la prova che, nonostante tutto, può esistere ancora l'amore incondizionato per la propria città.

    RispondiElimina