sabato 29 dicembre 2012

Promesse da marinaio

AGGIORNAMENTO DEL 30/12/12
Abbiamo capito male?
Ci è stato fatto notare - sia attraverso i commenti al post sia a seguito di una verifica del blog Romafaschifo - il fatto che queste affissioni sono probabilmente regolari perchè provviste di timbro e apposte in spazi concessi nel comune di Fiumicino. Ci scusiamo per le informazioni errate non indirizzate, com'è nostra consuetudine, né a delegittimare una parte politica, né a gridare allo scandalo. Continuiamo a sostenere invece, senza indugi e senza favoritismi, l'assoluta contrarietà all'utilizzo di tali mezzi di comunicazione.

Forse abbiamo interpretato male le parole del Pres. Zingaretti che annunciava di non avvalersi per la campagna elettorale di manifesti abusivi, sperando che volesse intendere finalmente e una volta per tutte l'assoluta messa al bando di cartelloni e manifesti più o meno regolari a favore dei media più moderni (internet, social media, radio, stampa). Forse abbiamo capito male, ma siamo tutti coscienti e lo abbiamo sempre sostenuto sul nostro blog che il confine tra legale e illegale, quando si parla del settore affissioni a Roma, è molto sottile e quindi diventa anche molto facile giocare con i termini e i regolamenti per poi uscire di fatto con campagne affissioni invasive e devastanti per il decoro della città, anche se "regolari".

Abbiamo fatto le pulci (a blog unificati) alla campagna CAMBIARE DAVVERO trovando esempi di impianti non regolari e lo stesso potremmo fare per la campagna IMMAGINA. Ma non è questo che ci interessa. Per noi uscire sugli impianti della cartellopoli romana, anche se tutti formalmente regolari, è comunque uno scandalo!
---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Anche Zingaretti ci è caduto. Aveva promesso che non avrebbe usato manifesti e che la sua campagna elettorale sarebbe stata all'insegna della legalità. Gli avevamo creduto e avevamo tollerato (turandoci il naso) le sue inserzioni sui cartelloni di Roma.

Ma così, il limite è stato superato davvero. "Immagina"...........di dire la verità e di mantenere la parola!





foto Stefano B.

24 commenti:

  1. Ho sentito a Roma Uno, durante la trasmissione Metropolis, Massimiliano Smeriglio vantarsi della scelta di Zingaretti di non utilizzare manifesti per imbrattare la città,. Smeriglio è il coordinatore della campagna elettorale di Zingaretti, per cui una voce che dovrebbe essere attendibile. Infatti.....molto attendibile!
    Dario

    RispondiElimina
  2. In alcuni comuni del Lazio, ad esempio Fiumicino dove forse sono state fatte queste foto, pagando la tassa si può affiggere su recinzioni di cantiere come quelle in foto.
    Ingrandendo le foto e guardandole con attenzione si vede bene infatti che sulla M di IMMAGINA è presente il timbro dell'ufficio affissioni. Quindi i manifesti sembrano proprio legali e autorizzati.
    Ho visto altri manifesti di Zingaretti in giro per Fiumicino e tutti con il timbro. Questo solo per la precisione e per non fare disinformazione.
    Dove è stata scattata la foto?
    Grazie

    RispondiElimina
  3. Bello fare propaganda in questo modo, pagare non vuol dire nulla è la testa che deve cambiare. Io mi vergognerei a fare certe cose, insudiciare le città con affissioni politiche mio da il volta stomaco, i politici la pensano diversmente ma noi cittadini non dovremmo accertarlo altrimenti non cambierà mai nulla.

    RispondiElimina
  4. Fino a quando l'affissione verrà percepita dai candidati come uno strumento efficace per raggiungere ipotetici elettori questa verrà praticata.
    Pace
    A presto,
    Bruno

    RispondiElimina
  5. ma figurati che Comune è quello che autorizza l'affissione sui bandoni dei cantieri. Siamo alla frutta, e Zingaretti meno parla e meglio è. d'altronde è stata la sua tattica nei 5 anni anonimi in provincia. Poveri noi

    RispondiElimina
  6. Non c'è uno straccio di timbro su questi manifesti con la relativa data di scadenza. Pertanto sono sicuramente abusivi.

    RispondiElimina
  7. Anonimo 29 dicembre 2012 21:26 ingrandisci le foto che il timbro si vede bene. E' sopra la M di IMMAGINA, non si riesce certo a leggere la scadenza ma il timbro è chiaramente presente. Chi ha fatto la foto doveva leggere appunto cosa c'era scritto sul timbro.
    Che questi manifesti facciano schifo non c'è alcun dubbio ma dire che sono illegali è una falsità.

    RispondiElimina
  8. Illegale no ma immorale e indecente si.

    RispondiElimina
  9. da quello che aveva lasciato intendere il Pres. Zingaretti sembrava voler mettere al bando le affissioni tout court in quanto sinonimo di degrado. Ora il fatto di ritrovarsi le città invase di manifesti, anche se con il timbro, è un modo per aggirare la legge del buon senso prima che quella formale. insomma siamo sempre alla solita vecchia politica che non ce la fa a cambiare se stessa

    RispondiElimina
  10. E dire che siamo stati buoni fino adesso e non abbiamo fatto neanche un post sui cartelloni occupati dalla campagna Zingaretti, molti dei quali situati in palese violazione di norme del Regolamento Comunale Affissioni. Bene, adesso ci sentiremo in dovere di fare le pulci al prosieguo della campagna Zingaretti (beninteso, lo avremmo fatto lo stesso e faremo altrettanto coi suoi competitor di centrodestra e qualsiasi altro partito e/o movimento in lizza per le regionali)...peraltro, Zingaretti si è comportato in modo "insufficiente", per non dire pietoso, nella questione cartelloni sulle strade provinciali.

    http://www.rassegnastampa.comune.roma.it/PDF/2010/2010-02-24/2010022415045137.pdf



    http://www.rassegnastampa.comune.roma.it/PDF/2011/2011-05-04/2011050418566207.pdf



    http://www.rassegnastampa.comune.roma.it/PDF/2011/2011-05-05/2011050518576654.pdf



    Speravamo tutti che si riscattasse una volta eletto in Comune, ma le circostanze lo hanno spinto a candidarsi in Regione. Dove sui cartelloni, non potrà fare molto, ma sui camion bar e le bancarelle in centro storico, potrà dare un segnale, impegnando la sua giunta a modificare la legge regionale 33/1999, che prevede l'obbligo di ricollocare gli ambulanti in posizione di "equivalenza economica". Praticamente, se tolgo un banchetto di souvenirs dal Colosseo, io Comune di Roma sarei obbigato a ricollocarlo in un posto di eguale prestigio economico e visto che non esiste, il banchetto rimane là. Spero che Zingaretti o chi per lui, si ricorderanno di cambiare quell'articolo suggerito dalla lobby dei bancarellari e che impedisce alle autorità locali e statali di trovare una soluzione al dilagare del commercio ambulante in centro storico e a Roma in generale.

    RispondiElimina
  11. Pare che i manifesti nelle foto non siano abusivi, perché attaccati a Fiumicino, dov'è possibile - secondo alcune fonti da verificare - affiggere i manifesti sul recinto dei cantieri, come diceva l'utente "Io".

    Prendiamo per buona questa ipotesi: ciò non toglie che Zingaretti, tramite il suo comitato elettorale, ha fatto un uso spregiudicato della cartellonistica romana in questi giorni. Non si è limitato a comprare spazi eleganti e decorosi, come quelli delle pensiline Atac o delle plance IGP nelle metropolitane. Ha messo pubblicità in moltissimi cartelloni 4x3, non solo quelli "a regime speciale" della CBS intorno alle stazioni ferroviarie, ma pure in altri che violano il Regolamento Comunale. Non sono molti, ma sono indicativi sia della disattenzione su questo tema dei cosiddetti "centri media" (quelli che gestiscono le affissioni per i partiti), sia dello stato di grave compromissione dell'intero settore dell'outdoor advertising a Roma.

    RispondiElimina
  12. quest'affissione di Zingaretti è uno schiaffo al decoro e non ci si nasconda verso un regolamento del comune di Fiumicino. se seguiamo questa logica anche i cartelloni di Bordoni sono da LUI autorizzati. nun giocamo regà

    RispondiElimina
  13. Secondo me il decoro non si interpreta, ne tantomeno ci si adegua in peggio a seconda di dove uno si trova( vedi fiumicino). Il decoro è il rispetto e la cura degli spazi pubblici e le affissioni viste in quelle foto non hanno giustificazioni.
    Daniele Giannini

    RispondiElimina
  14. Magari a Fiumicino questa schifezza e' consentita, e male fa Zingaretti ad approfittarne. Ma pare che manifesti simili siano presenti in gran numero anche dalle parti di Montesacro. Qualcuno puo' fare una verifica?

    RispondiElimina
  15. Avete postato due foto della stessa recinzione. In giro per Roma non se ne vede uno fuori posto. Ne avete trovati 10 e vi ci siete attaccati come le cozze. E dato che una sola foto era troppo poco ne avete messe due dello stesso posto con due angolazioni diverse. Ridicoli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ass.Bastacartelloni31 dicembre 2012 09:04

      gentile anonimo, è del tutto evidente che si tratta della stessa recinzione e qui nessuno ha mai sostenuto o voluto far credere il contrario, se l'avessimo fatto allora si saremmo stati veramente ridicoli come lo è chi ci accusa di cose che non abbiamo detto.

      Elimina
  16. Anonimo bello, il ridicolo qui sei solo tu.
    Dimmi un po':
    - ti piacciono questi manifesti?
    - ti sembra un modo normale di comunicare quello di mettere una serie di manifesti uguali uno attaccato all'altro? (capisco che ci avrai fatto il callo ma se ti astrai un attimo dalla realta' romana capisci anche tu che e' roba da trogloditi),
    - ti sembra che 'sta schifezza possa rappresentare il " ... Nuovo Inizio" citato sui manifesti?

    Tutto questo e' legale? Bene, pace, capito; ma io sono d'accordo sul fatto che questa rimane pur sempre una schifezza di cui non se ne puo' piu'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roberto continua a non capire che "i probblemi so artri" ;-)

      Auguri a chi non si rassegna all'impero del degrado, della violenza al paesaggio, della sciatteria e dell'indifferenza

      Elimina
  17. una bella foto de Zingaretti che se magna soddisfatto un panino davanti un camion bar e abbiamo chiuso il cerchio.

    RispondiElimina
  18. Auguri a tutti coloro che combatono contro il degrado imperante di Roma, Auguri!
    Speriamo che il 2013 ci porti qualcosa di Buono...ne avremmo tanto bisogno.
    Mc Daemon

    RispondiElimina
  19. Appena fatto sopralluogo su impianto gia' rimosso (in proprio) e re-installato in spazio per albero.
    Mi sa che l'anno nuovo comincia con una bella re-rimozione (sempre in proprio) in ricordo di un amico.
    Auguri a tutti.

    RispondiElimina
  20. L'autore di queste foto potrebbe per favore dirci dove sono state scattate?
    Fiumicino è stata solo una supposizione.

    RispondiElimina
  21. Per la precisione Zingaretti ha detto non ci sarà nessun manifesto abusivo e non nessun manifesto.
    Per ora la promessa è mantenuta.

    https://twitter.com/nzingaretti/status/280666156082266113

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo tu fai finta di non capire.
      Te lo ripeto, forse sarà la volta buona che capisci: a noi non piace proprio il modo antidiluviano con cui i politici romani continuano a fare propaganda seppellendo la città sotto immonde lasagne di carta e colla. Quindi ammesso che questi manifesti siano "legali" fa schifo lo stesso quella distesa di manifesti sui bandoni di lamiera stile favelas.La nostra linea è coerente da sempre e non facciamo sconti a nessuno. Se il tema del decoro sarà uno dei più importanti della prossima tornata elettorale bisogna avere da subito le idee chiare sulle proposte da fare.
      Le potrai leggere nel nostro programma sul decoro che sarà consegnato ai candidati a Sindaco.
      Nello specifico sarebbe il caso di imitare le altre capitali europee in cui vengono concessi spazi ai candidati su pannelli mobili non impattanti sull'ambiente che vengono prontamente rimossi subito doppo le elezioni. Se ti interessa davvero mandaci la tua mail e ti invieremo alcune foto di pannelli elettorali a Parigi scattate nello scorso mese di Aprile.

      Elimina