mercoledì 31 agosto 2011

Semplicemente il posto sbagliato



Non è da noi entrare nel merito dei messaggi delle affissioni di natura politica, e non lo faremo neanche in questa occasione. Questo è un impianto che è definito "di pubblica utilità", che normalmente riporta la cartina topografica della zona e altre informazioni di tipo turistico. E' regolarmente censito in Banca dati.
Come vedete si trova nel posto più bello (almeno per noi romani) del mondo.
Tra l'Arco di Costantino, il Colosseo ed il Foro Romano. Millenni di storia sono passati di lì; rappresentanze di Legioni Romane hanno sfilato lungo quella direttrice per ricevere la giusta gloria al rientro dalle campagne contro i nemici di Roma o contro chi non  voleva riconoscerne la supremazia.
Senza andare troppo lontano, 51 anni fa un corridore dai piedi scalzi, Abebe Bikila, scrisse un'altro pezzo di storia sullo sfondo di quello che è uno scenario  da brivido, completando da vincitore la maratona olimpica di Roma proprio sotto quell'arco.


Bei tempi...  pochissimi cartelloni....
Ora la domanda che ci sorge spontanea:
Era proprio necessario appiccicarci sopra un manifesto politico abusivo?
e soprattutto, era proprio necessario mettere quel cartello proprio lì?

P.S. Questo post è dedicato ad un amico romano e maratoneta.

20 commenti:

  1. Che dolore per noi romani: la Roma dell'impero, la Roma che accoglieva Bikila, la Roma caput mundi, oggi trasformata in capitale dei cartelloni! Bel post, ma che amarezza che lascia addosso...!

    Filippo

    RispondiElimina
  2. Non serve andare all'impero ma a quattro anni fa per ricordarsi di una città con un numero di cartelloni sempre eccessivo, ma non offensivo come ora.

    RispondiElimina
  3. BENE, ABBIAMO LA PRIMA "CARTOLINA" DEL DEGRADO CARTELLONARO DA INVIARE A TUTTO IL MONDO!

    RispondiElimina
  4. Gutta cavat lapidem.

    Ogni pietra dell'area dei Fori e del Colosseo dovrebbe essere considerata PATRIMONIO inviolabile di Roma e dell'umanità tutta.
    Invece un degrado folle e inarrestabile è consentito da questa pseudo-ammnistrazione.
    I cartelloni si aggiungono al quotidiano assalto di centinaia di venditori ambulanti, mendicanti, false guide, invadenti camion bar, pseudo-artisti e guitti di vario genere.
    Non smetteremo mai di lottare per evitare che tutto ciò venga considerato normale ed accettabile.

    RispondiElimina
  5. Il bello che nel 2020 questi le vogliono rifare le olimpiadi, ma mi facessero il piacere.
    Meglio conservare lo stupendo ricordo, per chi le ha vissute, e i racconti per chi come me purtroppo ancora non c'era di quelle del 1960 che andare incontro ad una ennesima figura di merda planetaria.
    A roma solo le olimpiadi del degrado possono fare.

    RispondiElimina
  6. L'assurdo è che proprio lo schieramento sedicente di destra, a cui tanti romani si erano affidati stufi dell'inconsistente Veltroni (aridatece er Nutella, chi l'avrebbe mai detto!), è quello che sta facendo scempio della legalità e del decoro.

    In tutto il mondo legge e ordine sono le parole d'ordine degli schieramenti conservatori. Proprio a Roma doveva toccare un sindaco-burrata ostaggio dei peggiori appetiti commerciali.

    RispondiElimina
  7. Anonimo delle 12.01
    faremmo tutti bene a studiare un pò di storia contemporanea locale.
    L'alleanza tra certi settori della destra romana e la criminalità organizzata è cosa nota e non è certo una novità degli ultimi anni.
    Tanto per essere più chiaro vai a ripassare la storia delle alleanze della Banda della Magliana.
    Sono proprio questi settori che hanno trovato un terreno fertilissimo nel berlusconismo per dilagare e stringere quel patto di ferro che portò all'elezione di Alemanno che, poveretto, deve onorare le cambiali.
    Il loro motto è stato "valorizzazione commerciale" che significa esattamente lo sfascio e il dilagare dell'abusivismo che ognuno può vedere.
    Non dimenticate le macchinette presentate all'Ara pacis, la discoteca a Villa Borghese, Piazza di Siena massacrata, Piazza del Popolo invasa da fiere pecorecce, il beach volley al Circo Massimo con tanto di venditori di salsicce e patatine.
    La loro oscena volgarità e feroce rapacità si esprime in tutti i modi immaginabili e possibili.
    Guardateli bene in faccia, guardate i loro ghigni sinistri.
    Credete che questa gente mollerà l'osso facilmente?

    RispondiElimina
  8. Legio XI Claudia Pia Fidelis31 agosto 2011 12:20

    Intanto un segnalazioncina ai PICS la si potrebbe fare...
    Anche se non ci dobbiamo dimenticare l'ultima recente sanatoria sui manifesti politici abusivi. Ma chi li mette lì merita di fare la fine nel mio idolo Muzio Scevola.

    RispondiElimina
  9. Con Alemanno si è raggiunto l'apice, ma pure prima non è che si stava tanto meglio.
    A proposito di storia, bisogna risalire all'unità di Italia, come si è formata e cosa ha comportato per capire qcosa, e vedere che i problemi di oggi, locali e nazionali, hanno origini ben più lontane di Alemanno, che rimane un coglione !

    RispondiElimina
  10. http://www.youtube.com/watch?v=Cj7YsuT_LMg

    RispondiElimina
  11. Senti, anche a Bari hanno risolto coi cartelloni abusivi. Non ci sono più.

    Altro che problemi risalenti a prima dell'Unità d'Italia, qui siamo di fronte a un'amministrazione totalmente incompetente che si basa su un partito, il PDL, del tutto inconsistente a livello politico e strapieno di affaristi, maneggioni e piccoli e grandi mafiosi.

    È questo il problema, senza risalire al 1861.

    RispondiElimina
  12. E comunque street view fa vincere il povero veltroni 10 a zero... ;-)

    RispondiElimina
  13. Nutella Veltroni ha l'enorme responsabilità di non aver predisposto il PRIP, e l'attuale maggioranza ha buon gioco a rinfacciarglielo.

    Ma che dalla padella Veltroni dovessimo passare alla brace Alemanno non se lo sarebbe mai aspettato nessuno.

    Quella attuale è un'amministrazione totalmente incapace dei compiti assegnatigli: anche volendo non ci arriverebbero.
    Poi c'è il discorso del malaffare, ma quella dovrebbe essere materia per la magistratura, quando mai si risveglierà dal suo torpore (e dall'esclusivo interesse a proteggere i propri privilegi).

    RispondiElimina
  14. @ Filippo
    Se questo post ti ha lasciato addosso amarezza ha raggiunto il suo scopo. E' da quell'amarezza che deve far nascere dentro lo spirito di rivalsa per trovare la forza di moltiplicare i nostri sforzi per questa dura ed impari battaglia. Davide sconfisse Golia, non dimentichiamolo.

    RispondiElimina
  15. Se siete convinti che i danni di Roma provengono solo da quello sfigato di Alemanno, siete degli illusi: decenni di malaffare, criminalità, quartieri che sono cattedrali nel deserto, investimenti in mezzi pubblici inesistenti.
    Il Pdl è l'apice, ma non venite a dire che è l'unico responsabile, abbiate almeno questa coerenza.
    Di tifosi della politica non c'è bisogno, già sono troppi, e i danni che hanno fatto, nei decenni, sono sotto gli occhi di tutti: i vari Tredicine, castagnari, camion bar, parentopoli, affittopoli, etc..ci sono sempre stati a Roma.

    RispondiElimina
  16. Ho riletto tutti i commenti al post e non ho trovato alcuna traccia di tifosi della politica. Così come non ho trovato nessuno che abbia scritto che tutti i mali di Roma dipendono dall'attuale amministrazione.

    E' un fatto innegabile però che le porcherie attribuibili alle precedenti amministrazioni sono state continuate dall'attuale, con le aggravanti dell'incapacità e pressappochismo (per tacere delle collusioni) e soprattutto del provenire da chi dovrebbe avere il rispetto della legge come stella polare.

    I romani pensavano di votare una specie di Giuliani-zero-tollerance amatriciano ed invece si sono ritrovati un Alemanno ai tarallucci che manco il rispetto dalla Lega è riuscito a guadagnarsi (imperdonabile lo spettacolo della magnata dei barbari leghisti davanti a Montecitorio).

    E' vero, Tredicine c'è sempre stato, ma guarda caso ora siede su uno scranno comunale. E la cosa deve avere una qualche relazione con la recente invasione di camion bar e bancarelle (vedasi Via Nazionale su tutte).

    RispondiElimina
  17. Ridurre il malaffare romano e l'abusivismo come fa l'anonimo delle 12.16 alla destra mi sembra riduttivo, o meglio parziale, troppo. Il sistema di malaffare non si è mai fermato in Italia, la P2 risale agli anni 70, e dentro ci sono tutti i poteri, compreso il Vaticano, con i quali tutti gli schieramenti politici hanno fatto patti.
    Quello che contesto è che tutta la politica è espressione di poteri forti, che non sono certo l'espressione e la volontà dei cittadini, e che troppo spesso sconfinano in accordi o patti con la mala.
    Nel 2008 la mafia ha fatturato 125 mld di Euro: veramente qcuno può pensare che una buona parte dell'amministrazione sia esente ? E non intervenire significa essere colpevoli.

    RispondiElimina
  18. l'amministrazione Veltroni ha peccato per omissione, quella attuale al contrario si e` prodigata solo a favore di chi ben sappiamo (inclusi i cartellonari), non a caso il soprannome del sindaco e` Aledanno......

    RispondiElimina
  19. Il cartellone che avevo segnalato alla Municipale (posto DAVANTI al semaforo) è stato rimosso!

    http://riprendiamociroma.blogspot.com/2011/09/una-piccola-grande-vittoria.html

    Ci è voluto un anno, ma è una vittoria. Quell'accrocco era di una pericolosità estrema!!

    RispondiElimina
  20. Un anno per un cartellone.. andiamo bene !

    Politico attento, a furia di blaterare finisci dentro

    RispondiElimina