martedì 9 agosto 2011

COMUNICATO STAMPA DEL
COMITATO PROMOTORE DELIBERA INIZIATIVA POPOLARE SULLE AFFISSIONI

Campagna del Comune contro l’abbandono degli animali sui impianti abusivi o irregolari: sulla vicenda il Sindaco e gli Assessori Visconti e Bordoni debbono fare chiarezza.

L’Assessore Visconti con una dichiarazione resa nei giorni scorsi alla stampa ha affermato che: "Abbiamo fatto un bando regolare; qualora accertassimo la presenza di cartelloni con pubblicità comunale non in regola chiederemo i danni".
Non dubitiamo degli intenti dell’Assessore ma ci domandiamo:
1-      come sia stato possibile che un’azienda che ha in essere un vasto contenzioso con il Comune di Roma per la collocazione di impianti abusivi e/o irregolari, possa aver partecipato e vinto un bando di gara che riguardava proprio l’affissione di manifesti di una campagna per giunta istituzionale, e che questi manifesti siano stati collocati su impianti già segnalati e sanzionati dallo stesso Comune ma, dopo ben 18 mesi, nè oscurati nè rimossi.
2-      il Comune di Roma possiede numerosissimi impianti –oltre 2000 e spesso inutilizzati- in tutta la città dove collocare i suoi manifesti senza alcuna spesa e senza pagare alcun servizio; in un periodo di grave crisi e ristrettezza per le casse comunali ci chiediamo su quanti impianti privati sia stata affissa questa campagna e quanto sia stato opportuno affidare ad un privato dette affissioni, ed aver impegnato in questo modo le già esigue risorse, anzichè utilizzarle per combattere il fenomeno dell’abusivismo;
3-      come sia possibile che l’Ufficio Affissioni, il Dipartimento relativo e l’Assessorato al Commercio non abbiano alcun controllo sulla situazione e non comunichino con gli altri assessorati e uffici comunali in merito al controverso tema degli impianti abusivi e irregolari;
4-      chi pagherà le sanzioni previste dall’attuale normativa; infatti, in caso di pubblicità su impianti abusi o irregolari deve essere sanzionato anche il committente che per questa vicenda è lo stesso Comune di Roma; non vorremo che oltre al danno si aggiungesse la beffa per il fatto che le sanzioni elevate finiscano a carico delle casse comunali e quindi di tutti i cittadini romani.
Richiediamo quindi al Sindaco Alemanno ed agli Assessori Visconti e Bordoni, di fare subito chiarezza su quanto avvenuto e di intervenire immediatamente per la eventuale revoca del bando e per l’accertamento delle responsabilità, oltre ad esperire tutte le azioni necessarie per rimediare agli abusi ed illegittimità perpetrate, informando compiutamente i cittadini: il rispetto dei principi di trasparenza della P.A. non può essere disatteso.
Alla vigilia di importanti decisioni sul riordino del settore (approvazione del PRIP e delibera di iniziativa popolare) non depone a favore dell’operato dell’amministrazione un Comune che viola le regole che lo stesso si è dato. E’ la prova conclamata della grande confusione e illegittimità nelle quali versa il settore delle affissioni pubblicitarie.
In ogni caso il Comitato, all’esito delle informazioni che sta acquisendo, è determinato ad inoltrare un esposto alla Corte dei Conti per il danno erariale, nonchè all’Autorità Garante dei Contratti Pubblici (AGCP) con la richiesta di verificare la regolarità e la legittimità della procedura di affidamento e del bando e l’eventuale revoca dello stesso.

                                                                                  IL COMITATO
9.8.2011

8 commenti:

  1. La revoca avrebbe dovuto essere immediata se è vero che la Special Communication avrebbe firmato il contratto con la clausola di servirsi di soli impianti autorizzati dal Comune, quali quelli della Nevada poi Nuovi Spazi poi Nevada poi Nuovi Spazi in massima parte non sono.

    RispondiElimina
  2. Avete provato ad inviare il comunicato alle associazioni dei consumatori? Le anomalie della vicenda sono plateali e potrebbero interessare anche loro
    stefano

    RispondiElimina
  3. Guarda caso da qualche giorno c'è una nuova ondata di installazioni di cartelloni Nevada no Nuovi spazi..anzi no Nevada..accidenti noooo Nuovi Spazi.
    Seguiranno foto.

    RispondiElimina
  4. si, ho notato una serie di nuovi impianti di questi signori anche nel mio quartiere, tutti (ovviamente) palesemente in contrasto con una serie di norme

    RispondiElimina
  5. Bene, sembra che tutto il fronte anticartellonaro si sia mobilitato per questa faccenda della pubblicità del Comune su impianti Nevada (o Nuovi Spazi?). Anche Vas, tramite Bosi, e Comitato Cartellopoli hanno detto la loro. Si potrà leggere il documento sul sito

    http://www.cartellopoli.net/2011/08/marco-visconti-ci-deve-spiegare-sia-il.html.

    RispondiElimina
  6. SI CONFERMA PIOGGIA DI NUOVE ISTALLAZIONI NEVADA-NUOVI SPAZI-NEVADA IN TUTTA ROMA. In particolare oggi monitorata Via Portuense altezza Villa Sandrta (almeno 5 nuovi!!!).

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  7. Resistenza Attiva10 agosto 2011 19:18

    Ecco il prezzo che dobbiamo pagare per il pasticcio della 37/2009 e per quello ancora più scandaloso della campagna antiabbandono animali.

    Ma ribalteremo questi costi su chi si è venduto Roma con tutti i romani ai cartellonari

    RispondiElimina
  8. Io direi grazie al quotidiano La Repubblica che ha pubblicato due mezze pagine su questo argomento. L'ultimo del 9 agosto, lo trovate qui accanto nell'elenco degli articoli di stampa.
    Se i giornali tornano ad occuparsi della vicenda (anche grazie al lavoro del Comitato), il Campidoglio non potrà continuare a fare finta di niente.

    Filippo

    RispondiElimina