giovedì 25 novembre 2010

A Via Ramazzini fanno il tifo per noi

E' tifo da stadio per il nostro blog o più verosimilmente l'estremo sunto di una convinzione popolare?
Qualunque cosa sia è certo che al Portuense hanno le idee chiare...



12 commenti:

  1. Un raggio di sole che scalda il cuore
    in una città violata e calpestata da ignoranti, violenti, incapaci,corrotti..ma il grido cresce sempre più forte:
    BASTA CARTELLONI, BASTA DEGRADO, BASTA BRUTTEZZA!!

    Che bel modo di cominciare questa ennesima giornata piovosa...GRAZIE!!!

    RispondiElimina
  2. 1 commento solamente in un'intera giornata...
    Vi invito serenamente a riflettere.
    Non è che la scelta dell'armistizio con Bordoni e Paciello ha tolto vitalità al movimento?
    Non sarà proprio per questo che da 1 mese il problema è sparito dalle cronache dei quotidiani?
    Spero proprio di sbagliarmi..ma i fatti parlano chiaramente, purtroppo.
    Nel frattempo oggi un altro orologio farlocco è stato installato a Piazza del Popolo..
    Ripristino della legalità..MADDECHE'!!!!!

    RispondiElimina
  3. Ieri Cartellopoli, blog sicuramente più seguito di questo, ha pubblicato 2 post ed ha ricevuto 6 commenti, di cui almeno 3 tipo "botta e risposta".
    Il momento è di stasi, non credo per le scelte politiche che si sono susseguite, bensì per un fisiologico senso di "esaurimento d'interesse" da parte dei cittadini che vedono sempre le stesse cose pubblicate sui blog. Di nuovo c'è solo il passaggio nei municipi della delibera, il resto è sempre la stessa minestra riscaldata, magari con la scritta verticale anzichè orizzontale, ma sempre la stessa roba, che fa la differenza solo per chi compie il gesto. Bisogna aumentare la visibilità del dissenso, senza cadere però nel pericolo di essere accomunati ai vandali che stanno saccheggiando la nostra città. Da quì la necessità di trovare nuove strategie, sempre più ramificate nel tessuto socio -economico -politico, per un pressing sempre più "alto". Un anno fa il movimento anticartellonaro era costretto a giocare in difesa, oggi abbiamo portato il nostro pressing oltre il centrocampo e ci stiamo preparando a costringere in difesa chi oltraggia Roma. Sicuramente il gol prima o poi arriverà, visto che delibera e piano regolatore sono già 2 calci di rigore.
    Se poi l'arbitro tirasse fuori qualche cartellino rosso verso le società pluri recidive, il gioco sarebbe più facile.

    RispondiElimina
  4. Che la Delibera abbia ottenuto "semaforo verde" in vari municipi lo sappiamo noi e altri 4 gatti visto il black-out della stampa romana.
    Non bisogna sottovalutare quello che definisci "esaurimento d'interesse" considerando che lo scempio disgustoso dei 150.000 cartelloni è stato solamente scalfito dalle rimozioni -spot del Comune e da qualche coraggiosa iniziativa a livello di Municipi.
    Chiediti PERCHE' c'è stata questa caduta di interesse..come se la stampa e l'opinione pubblica fossero ormai rassegnati a subire anche questo enorme sfregio alla città.
    Forse l'emergenza politica ed economica fa passare tutto il resto in secondo piano ma sono convinto che bisognerebbe riflettere attentamente e senza inutili polemiche sulle vicende di questo ultimo mese.
    Chiunque si sia impegnato in questa battaglia REALMENTE considererà una vittoria importante l'approvazione della Delibera ma è un dato di fatto inconfutabile che la mossa della presentazione del futuro Piano regolatore degli impianti ha scavalcato l'urgenza del "ripristino della legalità" e i risultati si vedono.
    Di fatto la riapertura delle "trattative" tra Comitato e Assessorato ha avuto come effetto quello di far riacquistare autorevolezza a coloro che hanno permesso e tollerato il Grande Scempio.
    In tutta onestà come pensi possibile attualmente rilanciare parole d'ordine come "Bordoni dimissioni" e "Class Action subito"?
    Mi risponderai che non è più il momento..lo so.
    Ognuno fa le sue scelte strategiche assumendosi le responsabilità dei risultati raggiunti o non raggiunti, ma forse nel nostro caso dovremmo considerare il rapporto tra energie profuse e risultati ottenuti.
    Da Luglio a Dicembre cosa ha REALMENTE fatto l'Assessorato, a parte le rimozioni stop e l'ipotesi teorica di PRIP?
    Quindi è possibile sperare da questo arbitro che abbia il coraggio di tirare fuori il cartellino rosso?

    RispondiElimina
  5. Concordo con Francesco.

    Credo sia fuori luogo parlare di armistizio con l'assessorato, così come non mi risulta ci sia mai stata una guerra contro di loro.
    La guerra è contro lo scempio dei cartelloni ed aver convinto l'assessorato a mettere mano concretamente alla questione è forse il primo passo avanti che siamo, o meglio che la città è riuscita a fare sul tema.
    Ad oggi abbiamo l'iter della nostra delibera che procede e un'ipotesi di piano regolatore su cui ci è stata assicurata una partecipazione vera, nel senso che avremo la possibilità di controllare ed incidere sulla sua redazione.
    Purtroppo i tempi della burocrazia contrastano con le legittime ed immediate aspettative dei cittadini.

    Sul piano degli interventi per l'immediato non si sono fatti in effetti molti passi avanti. Ed indubbiamente anche l'attenzione dei media è andata scemando. Su questo c'è bisogno di un nuovo slancio e probabilmente di nuove idee, come propone Francesco.
    E' però importante tenere separati i due piani. C'è un processo di medio periodo che si è messo in moto e che contiamo produrrà i suoi effetti. C'è un presente che deve essere affrontato con maggior decisione approfittando anche di qualche apertura fattaci dall'assessorato.

    RispondiElimina
  6. Non starei troppo a disquisire sui termini..parliamo di una battaglia politica, nessuno vuole guerre.
    Ti e vi invito a riflettere sul fatto che i tempi tecnici, burocratici e "politici" per l'effettiva attuazione del PRIP saranno molto lunghi..(secondo me ANNI), nel frattempo come si ripristina la legalità? E soprattutto CHI può ripristinarla in queste condizioni di totale anarchia del settore? CE LO VOGLIAMO VERAMENTE CHIEDERE CON QUALI STRUMENTI REALMENTE EFFICACI?

    RispondiElimina
  7. Fitz ha ragione che la situazione rimozioni è disastrosa.
    E soprattutto continuano a metterli.
    -
    A dicembre 2010 continuano a mettere i cartelloni, di ogni misura, in ogni parte di Roma.
    -
    Se ho capito bene, entro la fine dell'anno è approvata la delibera popolare e là diremo la nostra ad alta voce.
    Nel frattempo, vanno fermate le installazioni.
    Come?
    Si bloccano le procedure di autorizzazione o ricollocazione.
    Si apre una pagina per le segnalazioni dei cittadini sul sito del Comune.
    Si chiede l'aiuto dei cittadini sui giornali e nei tg regionali.
    Le segnalazioni di cartelloni nuovi o ricollocati vanno controllate dall'Ufficio Affissioni entro 2 settimane.
    Alla terza settimana, in caso di accertata violazione del blocco delle installazioni e ricollocazioni, il Comune procede all'oscuramento o rimozione dei cartelloni in questione.
    -
    Il Comitato che ne pensa?

    RispondiElimina
  8. Caro Les..non illuderti
    anche se il Comitato fosse d'accordo in pieno con la tua proposta dall'altra parte obietterebbero subito che esiste il principio della gradualità delle sanzioni..per questo i cartelloni della Nuovi Spazi continuano ad essere piantati come una foresta di ghiaccioli al limone in tutta la città, dotati di targhette di plastica o scritte a pennarello..a decine e decine, come ampiamente documentato sull'altro blog.
    Qualche centinaio di euro di multa e il problema è risolto..Siamo il paese della libertà..di fare come c. ci pare!
    Nessun giornalista romano ha avuto la voglia, quando il movimento era "di moda", o il coraggio di fare la domanda o vivaddio, una seria inchiesta: perchè Media 2000 è stata cancellata e Nuovi Spazi no?
    C'è una bella differenza tra cronaca e inchiesta..

    RispondiElimina
  9. BOICOTTARE NUOVI SPAZI

    RispondiElimina
  10. Non so quanti di voi hanno notato la sempre più presente accoppiata Nuovi Spazi-Università Cusano.
    Si potrebbe magari scrivere in massa a questa Università chiedendogli se non sia il caso, se ci tengono ad un minimo di decoro, di controllare meglio dove venga installata la propria pubblicità.
    Personalmente non mi rivolgerei mai ad un'università che spiattella la propria immagine sul solito invadente sfondo giallo della Nuovi Spazi.

    RispondiElimina
  11. PIù Corrotti o più Ignavi?28 novembre 2010 13:06

    Ma secondo te chi si "laurea" da quel figuro?
    E poi non mi sembra così difficile immaginare lo scopo... la triangolazione dell'italietta furbetta e corrotta berlusconiana è' lampante.

    Peccato che siano il 70%, e il resto quasi tutti IGNAVI....

    RispondiElimina
  12. A dimostrazione del fatto che GLI ABUSIVI leggono anche loro questo ed altri blog, segnalo che il lenzuolo di via ramazzini è sparito dal catafalco giallo già il giorno successivo.

    RispondiElimina