giovedì 8 agosto 2013

Cavalcavia Portuense, rimossi centinaia di manifesti abusivi. Ma quanto durerà?

L'operazione si è svolta ieri pomeriggio, alla presenza del presidente di municipio Veloccia e del capitano del XV gruppo di Polizia Locale, Lorenzo Botta. Coinvolti nella defissione mezzi e personale dell'AMA di zona.




Gli operatori staccano il primo strato di lasagna abusiva...



Camionetta imbrattata, non il massimo...

Guardate lo striscione: "le promesse vanno mantenute". E infatti...









Il muro alla fine della pulizia. Vedremo quanto rimarrà in questo stato (con le scritte del movimento "Noi Oltre")...

Scritte anche sul mezzo "Dulevo" con spazzatrice ad acqua...

I lavori sono proseguiti nell'altro lato della carreggiata in direzione Marconi.

La parete in questione, come si presentava il 3 aprile di quest'anno


Ieri finalmente la pulizia




Gramazio, Tredicine, Sassoli, Storace, PDL...






Sotto i manifesti, la targhetta che indica il divieto di affissione, art. 663 del Codice Penale



A fine lavori, abbiamo suggerito al municipio d'installare dei pannelli decorativi, sul modello di Barcellona, per evitare l'ipotesi più che probabile che, tra qualche giorno, il ponte ridiventi una gigantesca bacheca per affissioni abusive di partiti, consiglieri e chi più ne ha ne metta.

7 commenti:

  1. Fino a quando durerà? Se si applicheranno le leggi esistenti, durerà pulito in eterno....come nelle altre città normali!

    RispondiElimina
  2. come gli sgomberi delle baraccopoli abusive..come la pulizia delle strade..come la pulizia nei parchi..come le deiezioni canine, SE NON ci sarà ANCHE REPRESSIONE E MULTE tra poche settimane sarà tutto come prima.E il contribuente PAGA,inutilmente. Comunque GRAZIE A VELOCCIA!

    RispondiElimina
  3. Ci passo spesso9 agosto 2013 08:17

    Bravo Veloccia. E' un ottimo segnale.
    Chissà se ha notato che proprio alle spalle di quel punto c'è un piccolo accampamento di due persone che vivono in una roulotte. Si intravede nella vostra ultima foto.
    Si potrà dare a quella persona una sistemazione più dignitosa e rendere più civile quel tratto della Portuense?

    RispondiElimina
  4. Alzetta, cassone, tredicine, romeo , gramazio, sassoli, alemanno, gli zozzoni che compaiono nelle affissioni tolte, ecco chi dovrebbe pagare il conto di questa operazione. No i cittadini ma questi schifosi dovrebbero cacciare fino all'ultimo centesimo sia per la pulizia sia per i danni arrecati alla città. Sparite e possibilmente per sempre.

    RispondiElimina
  5. Dovrebbe? Ancora siamo al condizionale?
    DEVONO PAGARE! Perchè (aberrante norma) non di pubblicità elettorale si tratta, ma di baggianate quotiane di cortile, indegne in qualsiasi contesto, e dunque di pubblicità abusiva e basta.
    Tra parentesim ma chi xxo l'ha detto che quella elettorale abusiva deve essere pubblicità impunita? Deficienti che siamo a tollerare tutto questo. Un calcio in culo a lor signori!

    RispondiElimina
  6. Nessuno parla che il sottoponte è parte di un grosso incrocio regolto in parte anche da un semaforo.....peccato che questa enorme area di incrocio è "abbellita" 10-15 impianti pubblicitari, in gra parte 6x3, del tutto illegali in quanto in palese violazione delle norme del codice della strada...ma hanno OVVIAMENTE tutti la targhetta della NBD che ILLECITAMENTE li pseudo-autorizza a stare lì da anni (i primi impianti sono "figli" dell'"ambientalista" sindaco Rutelli, difesi da Veltroni e ampiamente incrementati da AleDanno-Bprdoni....Sig. Presidente di Municipio, quando toglierà TUTTI gli impianti pubblicitari su quell'area di incrocio? Forse ci deve scappare un morto perchè qualcuno faccia il suo dovere e li rimuova (Comune, assessorato, municipio, polizia municipale,...)?
    Sempre buoni cartelloni a tutti da Manusardi!

    RispondiElimina
  7. Io faccio affissioni di manifesti da 15 anni e quelli non son affissioni abusive, ma affissioni regolarmente pagate o al comune che ha in gestione le affissioni o ad una ditta subappaltata che prende piu' manifest possibili per poterci guadagnare e che quando non ha piu' posti sui propri impianti li mette su ponti cabine enel ecc.........voi ke crititcate questo modus operandi se andaste voi ad attacare i manifesti e vi pagassero il 50 % x ogni manifesto non parlereste di certo cosi.....

    RispondiElimina